Ecologia

Geotermia: guarda guarda chi c'è dietro i finti ambientalisti pro-centrale

07 Settembre 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR Tana GeotermiaUn progetto inutile, che pagheranno tutti gli italiani perchè fatto per intascare incentivi, con enormi rischi per ambiente e residenti. Ma lo spacciano come verde, buono e bello. Siamo andati a vedere chi, e come. Il risultato? Grasse risate.

E' da tempo che riportiamo sull'importante battaglia che si sta svolgendo sul territorio dell'Alfina, tra Orvieto ed il lago di Bolsena. Una battaglia importante, perchè è li che stanno tentando di fare il primo progetto pilota, che darebbe poi il via ad almeno altre decine e decine di centrali sparse per tutta Italia.

La battaglia vede i cittadini dell'area interessata, e con essi i comuni, contrari in blocco alla centrale, contrapposti ad una misteriosa società con sede nel paradiso fiscale del Liechtenstein,  che si muove attraverso una misteriosa società austriaca, che opera attraverso una società italiana, la ITW LKW, che non ha mai fatto niente del genere prima, apparentemente aiutata da una potente lobby politico-affaristica che riesce a combinare strani magheggi in parlamento, pur di mandare avanti il progetto.

 

Geotermia: guarda guarda chi c'è dietro i finti ambientalisti pro-centrale - 4.3 out of 5 based on 6 votes

La serra galleggiante Made in Italy, che produce cibo senza usare acqua dolce.

03 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Jellyfish Barge 3Jellyfish Barge, la serra modulare galleggiante progettata dallo spin off dell'Ateneo PNAT, si è classificata seconda al premio UNECE Ideas for Change Award, ideato dalla Commissione economica delle Nazioni Unite per l'Europa. La competizione, organizzata nell'ambito dell'iniziative per il 2015 Anno per lo Sviluppo Sostenibile, è rivolta alle start-up innovative con idee progettuali capaci di affrontare le attuali sfide economiche e sociali.
La votazione per stabilire i vincitori del premio, cui hanno partecipato 25 Paesi con 150 proposte, è avvenuta martedì 15 aprile a Ginevra, presso il Palais des Nations, ad opera dei delegati di 56 Paesi membri e di una giuria di esperti.
Il progetto della serra è stato sviluppato da PNAT, spin off nato all'interno dell'Incubatore Universitario Fiorentino, nell'ambito delle attività di ricerca del Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (LINV), diretto da Stefano Mancuso, associato di Arboricoltura generale e coltivazioni arboree.

La serra galleggiante Made in Italy, che produce cibo senza usare acqua dolce. - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Parigi: un giorno senza auto

02 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Il 27 di questo mese a Parigi non circoleranno auto, camion, ecc. Nessun tipo di traffico motorizzato. La città apparterrà a pedoni e ciclisti. Per lo meno nei 4 Arrondissement centrali.
Parigisenzauto

Parigi: un giorno senza auto - 3.0 out of 5 based on 1 vote

Il leone e il dentista

31 Luglio 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Ecologia

leoneLa storia è da qualche giorno sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Houston, 30 luglio 2015 - Walter Palmer, un dentista del Minnesota con il pallino per la caccia uccide, agli inizi di luglio, Cecil, un leone di 13 anni, simbolo dello Zimbabwe.

Lo attira all'esterno del Zimbabwe National Park con un'esca, e colpisce il leone con una freccia per poi finirlo con un'arma da fuoco.

 

Il leone e il dentista - 4.8 out of 5 based on 6 votes

Sardegna, terra avvelenata da salvare

28 Luglio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Sardo ContaminatoLa Sardegna, insieme alla Campania, è la regione dove si registrano le aree contaminate più vaste (in totale 445 mila ettari in Sardegna e 345 mila ettari in Campania). Un sardo su tre vive in un sito contaminato (contro una media italiana di uno su sei). Per concentrare l'attenzione su queste problematiche oggi, 28 luglio, si terrà proprio nell'Oristanese il quinto workshop nazionale sulla salute globale.

Centrali a biomasse: un altro percorso che di sostenibile non ha nulla?

20 Giugno 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

biomasseC'è una corsa allo sfruttamento delle centrali a biomassa, che sta imperversando un po' in tutta Italia; questo incremento è forte del fatto che tali impianti, adatti a produrre energia termica per il riscaldamento ed energia elettrica da immettere nella rete pubblica, gode di particolari incentivi

Ma è necessario chiarire bene il concetto di biomassa; nel nostro Paese non esiste una definizione chiara ed inequivocabile. Troppi materiali, troppe provenienze diverse e troppi i campi di utilizzo, troppe anche le fonti legislative e istituzionali che danno definizioni diverse. Siamo in Italia! Se, però, prendiamo la definizione data dall'attuale legislazione italiana nella quale si dice: «Biomassa=..la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall'agricoltura, dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese pesca e acquacoltura, gli sfalci e potature provenienti dal verde pubblico e privato, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani», possiamo dire che in questa definizione si trovano una marea di materiali che con ciò che possiamo definire 'bio', hanno davvero poco a che vedere!

Air gun: i cannoni ad aria compressa che spaventano sardi e balene. A 33 miglia da Alghero.

05 Giugno 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Air gun3Ecco cosa vogliono fare in Sardegna, nel silenzio generale dei mass media 

Tutto ha inizio il 7 maggio 2014, quando la Schlumberger Italiana Spa – filiale italica della Schlumberger Oilfield Services, colosso texano dei servizi per le società petrolifere – presenta al Ministero dell'ambiente e al Ministero dello sviluppo economico una «istanza di permesso di prospezione» per una «miglior comprensione della situazione geologica e della potenzialità geomineraria» di un'area marina localizzata nel Mar di Sardegna.

Air gun: i cannoni ad aria compressa che spaventano sardi e balene. A 33 miglia da Alghero. - 4.7 out of 5 based on 10 votes

I SUPERMERCATI IN FRANCIA DOVRANNO RICICLARE O DONARE IL CIBO SCADUTO

23 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Una nuova legge in Francia proibisce lo spreco di cibo nei grandi supermercati, che dovrà essere donato a organizzazioni no-profit oppure riciclato.
spreco

I SUPERMERCATI IN FRANCIA DOVRANNO RICICLARE O DONARE IL CIBO SCADUTO - 4.0 out of 5 based on 1 vote

UN GRUPPO DI MIGLIORI AMICI HA COSTRUITO UN VILLAGGIO PER INVECCHIARE TUTTI INSIEME

22 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

LLANO
Quattro coppie di migliori amici da oltre 20 anni hanno deciso di voler vivere più vicini gli uni agli altri e allo stesso tempo anche più vicini alla natura così hanno riunito i loro soldi e hanno costruito una piccola cittadina solo per loro! Il loro insediamento si chiama 'Llano Exit Strategy' ed è dotato di quattro piccole case che si affacciano sul fiume Llano fuori da Austin, in Texas.

UN GRUPPO DI MIGLIORI AMICI HA COSTRUITO UN VILLAGGIO PER INVECCHIARE TUTTI INSIEME - 4.3 out of 5 based on 130 votes

Gas naturale: Davide batte Golia. A Bomba (Chieti) 880 anime fermano le trivelle americane

21 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

BombaE' una storia di quelle che danno speranza e che ci fanno ancora credere che l'attivismo – intelligente, unito, informato, composto e persistente – porta a risultati meravigliosi.

Siamo a Bomba, Abruzzo, provincia di Chieti. Popolazione: 880 anime. Un paesino tranquillo, dove non succede mai niente. Ci sono gli ulivi, la Maiella, il fiume Sangro e il lago. I romani devono a Bomba parte della loro elettricità: negli anni cinquanta venne costruita una diga, le cui acque alimentano tuttora una centrale idroelettrica per gli usi della capitale d'Italia.

Vennero espropriati più di un milione e mezzo di metri quadrati. La diga venne completata nel 1962, con pure la morte di due persone a causa di incidenti. Assieme alla diga nacque il lago di Bomba, azzurro e circondato dal verde d'Abruzzo. Con il tempo, lungo il lago si sono sviluppate attività turistiche e ricreative. Un'oasi di pace.

Gas naturale: Davide batte Golia. A Bomba (Chieti) 880 anime fermano le trivelle americane - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Veneto: si va avanti con le trivellazioni (Zaia o non Zaia), e spuntano strani terremoti.

15 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

NervesaUna società petrolifera, lo scorso 10 maggio, termina la perforazione di un secondo pozzo per l'estrazione di gas in una concessione vicino Treviso. Gli ambientalisti erano preoccupati da tempo per possibili problematiche legate anche alla sismica, ma erano stati zittiti da "esimi" geofisici e da articoli sui giornali che titolavano "nessun rischio sismico" (avete notato come ci siano sempre dei "professoroni" che minimizzano i rischi ad accompagnare petrolio, gas, geotermia....) Il 12 maggio la zona è stata l'epicentro di una scossa di terremoto di 3,5 gradi che ha fatto uscire la gente in strada. Stanotte il fenomeno si è ripetuto, con la stessa intensità. Coincidenza? (E.C.)

Veneto: si va avanti con le trivellazioni (Zaia o non Zaia), e spuntano strani terremoti. - 4.5 out of 5 based on 14 votes

OGM, il prossimo 23 Maggio si terrà in tutto il mondo la marcia globale contro Monsanto, ma l'Italia non parteciperà

13 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR MAMOGM, il prossimo 23 Maggio si terrà in tutto il mondo la marcia globale contro Monsanto, ma l'Italia non parteciperà

Il prossimo 23 maggio si terrà in 50 Paesi la terza MAM – March against Monsanto e per ora sembrano assenti manifestazioni in Italia, a differenza di quanto accade in Francia, dove ne sono previste 20, in Germania, Austria e Olanda.

Alla MAM, Marcia Globale contro Monsanto, si prevede una vasta partecipazione e l'intenzione della manifestazione è di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla necessità di bandire gli OGM assieme a una crescente pressione politica in materia di agricoltura e sulle pratiche commerciali aziendali di Monsanto e per lottare per l'etichettatura degli alimenti che contengono OGM. La manifestazione globale coinvolge 38 nazioni di 6 continenti con la partecipazione di 428 città per una soluzione pacifica.

OGM, il prossimo 23 Maggio si terrà in tutto il mondo la marcia globale contro Monsanto, ma l'Italia non parteciperà - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Ispra: il cemento ha cancellato il 20% delle coste italiane

07 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

cemento07/05/2015 - Quasi il 20% della fascia costiera italiana, pari a oltre 500 Kmq, l'equivalente dell'intera costa sarda, è perso ormai irrimediabilmente. È stato impermeabilizzato il 19,4% di suolo compreso tra 0-300 metri di distanza dalla costa e quasi e il 16% compreso tra i 300-1000 metri.

Ispra: il cemento ha cancellato il 20% delle coste italiane - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Il nostro futuro nelle mani delle api

23 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR Api 40percentoUno studio dell'UE afferma che il 9,2% delle api europee è a rischio estinzione. Mentre in Italia la produzione è calata del 50% in 7 anni. Vittime di pesticidi, inquinamento e cambiamenti climatici, questi meravigliosi insetti riusciranno difficilmente a sopravvivere, mettendo a serio rischio l'intera catena alimentare. Per evitare il disastro istituzioni e associazioni corrono ai ripari.

Il nostro futuro nelle mani delle api - 5.0 out of 5 based on 2 votes

All’ombra degli ulivi è nato un movimento

20 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR SalentoÈ un fiume in piena il Salento, che i politici non sanno ascoltare, i mercanti non vogliono riconoscere, i grandi media non riescono a capire e a mostrare. Rabbia, creatività, determinazione si diffondono in molti modi. Almeno tre presidi permanenti nelle campagne, azioni di pressione al livello europeo e sotto i tribunali, campagne di informazione con centinaia di incontri nei territori (non solo in Puglia), uso costante dei social network, iniziative di artisti, ma anche pic-nic festosi e ribelli come quello di domenica a Veglie (e il 25 Aprile appuntamento a Oria). 

All’ombra degli ulivi è nato un movimento - 5.0 out of 5 based on 6 votes

Propoli e biodinamica

17 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

propoli4Il propoli e' conosciuto fin dall'antichità in quanto veniva utilizzato come sostanza con capacità conservante, disinfettante e "curativa" in genere. Il propoli o la propoli è una sostanza prodotta dalle api elaborata raccogliendo resine e oli essenziali dal mondo vegetale. In particolare contiene molte sostanze estratte dalle gemme delle piante in particolar modo dalle conifere. La Natura infatti ha fatto le gemme ricoprendole con un piccolo strato protettivo contro muffe e batteri. Inoltre le api raccolgono anche le resine dalle cortecce dove la Natura ha "costruito" i tessuti ricoprendoli di sostanze contro insetti e animaletti indesiderati.
Le api dopo aver raccolto queste sostanze riescono con le loro mandibole a crearne delle piccolissime palline che a seconda della composizione possono essere gialle, rossastre, marroni o quasi nere. L'odore è fortemente aromatico. Le api quando fanno rientro nelle loro casette non riescono immediatamente a liberarsi dalla propoli e hanno bisogno dell'aiuto delle loro sorelle.
Le api utilizzano questa sostanza appiccicosa per rendere sterile e pulito il loro ambiente di vita.

Propoli e biodinamica - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Tolleranza zero pesticidi: prima sentenza storica in Italia

13 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

pesticidi 640x150Viticultore condannato in Toscana per aver contaminato con pesticidi l'abitazione e la coltivazione biologica del vicino.

Grazie all'azione legale condotta in Toscana dal signor Michelacci e dagli Avvocati Pini e Peri, con la Consulenza Tecnica di Parte del Prof. Giuseppe Altieri, al Tribunale di Pistoia è stata vinta un'altra importante causa relativa alla tutela dei cittadini e degli agricoltori biologici, dalle contaminazioni di pesticidi derivanti da aziende agricole limitrofe, che usano prodotti chimici, pericolosi per la salute e l'ambiente.

Tolleranza zero pesticidi: prima sentenza storica in Italia - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Avorio, il massacro degli elefanti continua

10 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

vignettaelefantiNell'Africa centrale dal 2002 ad oggi il numero degli elefanti è diminuito del 76% e dal 1989, cioè dall'accordo che bandì il commercio internazionale dell'avorio, sono state fatte deroghe e ci si è accorti che i controlli non sempre sono efficienti. Non è solo colpa del bracconaggio se in Africa viene ucciso un elefante ogni 15 minuti, benchè i bracconieri abbiano le loro pesanti colpe (basti pensare che negli ultimi otto anni il commercio illegale di avorio è raddoppiato).

Avorio, il massacro degli elefanti continua - 5.0 out of 5 based on 2 votes