PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

L’Irlanda pianterà 440 milioni di alberi entro il 2040

  • Ecologia
  • L’Irlanda pianterà 440 milioni di alberi entro il 2040

Nel corso dei secoli, l’Irlanda è passata da una copertura forestale iniziale dell’80% al solo 1% nel 1929. Secondo la Agriculture and Food Development Authority, l’Irlanda è l’unico paese in Europa in cui è avvenuta una distruzione delle foreste così ampia.

Da allora, il paese ha lentamente aumentato la copertura forestale. Nel 2012, il National Forest Inventory (NFI) ha stimato una copertura di 731.650 ettari, pari al 10,5% della superficie nazionale.

Anche se la copertura forestale dell’Irlanda è ora al suo massimo livello (in oltre 350 anni di storia), è ancora in ritardo rispetto alla media europea (oltre il 30 percento). Dato il ruolo cruciale che gli alberi svolgono nel contribuire all’equilibrio ambientale, il Paese ha deciso di piantarne 22 milioni ogni anno per i prossimi due decenni, per un totale di 440 milioni di nuovi alberi entro il 2040. A giugno il governo ha pubblicato un piano d’azione proponendo la piantagione di 8.000 ettari ogni anno, stimando la necessità di piantare 2.500 conifere o 3.300 alberi a foglia larga per ogni ettaro piantato, con un obiettivo del 70% di conifere e del 30% di foglie larghe.

“L’obiettivo è quello di piantare circa 22 milioni di alberi all’anno. Nel corso dei prossimi 20 anni, l’obiettivo è di piantare 440 milioni “, ha detto un portavoce del Dipartimento per le comunicazioni sul clima e l’ambiente.

“Il piano d’azione per il clima si impegna a fornire un’espansione delle piantagioni forestali e della gestione del suolo per garantire che l’abbattimento del carbonio derivante dall’uso del suolo venga erogato nel periodo dal 2021 al 2030 e negli anni successivi”, ha aggiunto.

L’iniziativa di riforestazione richiederà alcuni cambiamenti nell’uso del suolo; in particolare, gli agricoltori dovranno designare parte della loro terra alla riforestazione. Mentre saranno compensati attraverso le sovvenzioni forestali, il rapporto sull’azione per il clima “riconosce una mancanza di entusiasmo nella comunità agricola per la silvicoltura”, osserva il Times.

Gli agricoltori non sono gli unici a mostrare “una mancanza di entusiasmo”: ragionevomente, l’Irish Wildlife Trust (IWT) mette in discussione la vasta gamma di abeti rossi non nativi di Sitka, sostenendo che le foreste di conifere fuori posto non forniscono gli ingredienti dell’habitat giusto per le specie autoctone. Le specie non autoctone coltivate in grandi piantagioni non vanno sempre bene.

L’agente della campagna IWT Pádraic Fogarty ha dichiarato a The Irish Independent: “Le persone non sono brave a piantare alberi e gli alberi non amano essere piantati. Preferiscono piantare se stessi”.

Fogarty suggerisce che un approccio migliore sarebbe quello di pagare gli agricoltori per non piantare nuovi alberi, permettendo alla loro terra di rigenerarsi da sola.

“Abbiamo un blocco mentale nel lasciare che la natura faccia il suo corso. Vediamo uno spazio recuperato dalla natura e pensiamo che sia macchia e terra desolata e vogliamo riprenderlo e metterlo “sotto controllo”, mentre se lo lasciassimo in pace, la foresta ritornerebbe autonomamente”, ha dichiarato.

Questo è un punto importante; la natura sa come fare al meglio il suo lavoro. Ma alcuni si pongono la domanda: possiamo permettere alla natura il lusso di fare le cose a ritmo proprio?
Queste sono sicuramente operazioni che meritano la massima attenzione e un buon grado di coscienza, per essere eseguite senza apportare altri danni allo specifico habitat di un luogo.

 

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel