PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Alcuni studenti canadesi creano una macchina che separa la microplastica dalla sabbia

  • Ecologia
  • Alcuni studenti canadesi creano una macchina che separa la microplastica dalla sabbia

Una spiaggia remota sulla punta meridionale della Big Island delle Hawaii è nota per i suoi rifiuti: in un anno tipico, i volontari raccolgono dalla zona circa 20 tonnellate di rifiuti di plastica portati dalle correnti oceaniche: vecchi spazzolini da denti, bottiglie di plastica e altri imballaggi monouso, oltre a tumuli di reti da pesca. Questa primavera, un team di studenti di ingegneria ha visitato la spiaggia per testare un nuovo strumento che consente di separare la sabbia dalla microplastica e di riavere una spiaggia di nuovo pulita.

“Abbiamo visto come questi piccoli pezzi di plastica stanno danneggiando l’ecosistema costiero e che bisognava fare qualcosa per affrontare questo problema”, afferma Jean-Félix Tremblay, uno studente del programma di ingegneria meccanica dell’Università di Sherbrooke del Quebec – uno dei membri del team di progettazione.

La macchina, chiamata Hoola One , aspira una miscela di sabbia e plastica in un serbatoio pieno d’acqua che separa le particelle in base al loro peso, in modo che la plastica possa essere filtrata. Pesando di più, sassolini e granelli di sabbia affondano immediatamente verso il fondo del serbatoio, dove possono essere poi restituiti alla spiaggia. Al momento, la macchina riesce a pulire circa tre litri di sabbia al minuto.

Sam Duval, uno dei creatori e co-fondatori, ha dichiarato: “Ci siamo informati a lungo e abbiamo visto che in tutto il mondo non esisteva alcuna macchina in grado di fare questo tipo di lavoro. Quindi abbiamo deciso di studiare per inventarla.”

Una bella iniziativa, che cerca di affrontare un problema di vaste proporzioni: in un recente studio sulle spiagge remote dell’Oceano Indiano, su una catena di isole descritta come “l’ultimo paradiso incontaminato dell’Australia”, i ricercatori hanno prelevato vari campioni di sabbia e hanno stimato che le isole contengono circa 414 milioni di pezzi di detriti. La maggior parte di quei frammenti sono sepolti nella sabbia piuttosto che trovarsi in superficie. “È abbastanza chiaro che una grande parte della plastica è in realtà sotto la superficie delle spiagge, incastonata tra i granelli”, afferma George Leonard, capo scienziato della Ocean Conservancy (che organizza immense pulizie costiere internazionali).

Macercare di ripulire la plastica dalle spiagge è un po ‘un compito sisifeo“, afferma Leonard. Anche se la macchina degli studenti potesse pulire rapidamente le spiagge di tutto il mondo, il flusso continuo di nuovi rifiuti nell’oceano significherebbe che la pulizia potrebbe non finire mai. Leonard lo confronta con il progetto Ocean Cleanup, che ha lo scopo di raccogliere la plastica dall’Oceano Pacifico.
“Se vuoi davvero risolvere questo problema, devi farlo molto più a monte, prima che questi materiali arrivino nell’oceano”, afferma, “e pulire le materie plastiche dalle spiagge potrebbe essere ancora più difficile che estrarre le materie plastiche dall’oceano aperto” . Leonard poi aggiunge una nota importante, …Entrambi questi sforzi attirano davvero l’attenzione del pubblico su questo problema e la volontà degli individui di pensare in modo creativo alle soluzioni. Ma dobbiamo davvero impedire ai materiali di raggiungere l’oceano in primo luogo”.

Intanto, per le pulizie delle spiagge, gli studenti di ingegneria stanno lavorando a una versione ridotta della loro macchina che sperano possa essere ampiamente utilizzata. “Vogliamo rendere la nostra soluzione disponibile a tutte le comunità che ne hanno bisogno”, afferma Samuel Duval, uno degli ingegneri.

 

Fonti: FastCompany, Ambiente Bio, Hoola One

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel