PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

I canadesi utilizzano il crowdfunding per acquistare terreni per un nuovo parco pubblico protetto

  • Ecologia
  • I canadesi utilizzano il crowdfunding per acquistare terreni per un nuovo parco pubblico protetto

Per la prima volta in assoluto, una campagna di crowdfunding ha raccolto fondi sufficienti per acquistare una nuova fascia di terra canadese come parco protetto.

Sono stati raccolti più di $ 3 milioni  attraverso donazioni individuali per proteggere 800 ettari di Sunshine Coast (Columbia Britannica).

La campagna di crowdfunding è stata lanciata dalla BC Parks Foundation, un’organizzazione no profit che lavora in collaborazione con BC Parks per proteggere i paesaggi incontaminati della provincia. Dopo diversi mesi di raccolta fondi, l’ultima parte delle donazioni necessarie per acquistare il terreno da un venditore privato è arrivata poco prima della scadenza della campagna, la scorsa settimana.

Una volta finalizzata la vendita, la terra sarà trasferita alla BC Parks per la conversione in un Parco Provinciale di Classe A, quindi sarà protetta per sempre dal disboscamento e dallo sviluppo.

Andrew Day, CEO di BC Parks Foundation, ha scritto una lettera ai sostenitori della campagna ringraziandoli per il loro “miracoloso” successo.

“Dobbiamo ancora finalizzare la vendita con il venditore (ora 3 settembre), e ci sono altri passi da compiere, ma donando i fondi hai scalato un picco sostanziale in questa fantastica spedizione”, ha scritto Day.

“Sappiamo che le persone vogliono mantenere B.C. bellissimo, e sappiamo che i nostri parchi sono il nucleo della nostra identità. Sono le nostre cattedrali, le nostre torri, le nostre piramidi; le meraviglie del nostro mondo. Ma non avremmo potuto prevedere un gesto così favoloso in così poco tempo da così tante persone provenienti da luoghi diversi. Siamo profondamente grati…”, ha continuato, “…vi informeremo quando il contratto sarà finalizzato. Tutti i fondi che continuano a venire verranno messi nella nostra Banca dei Parchi per proteggere più aree nella Columbia Britannica “, ha concluso.

Ci auguriamo che queste iniziative prendano sempre più piede.

 

 

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel