Ecologia

L’EMILIA ROMAGNA E’ LA PRIMA REGIONE ITALIANA A VIETARE LA DETENZIONE A CATENA PER I CANI

28 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CanecatenaIl burrascoso iter del progetto di modifica della Legge N.5 del 2005 sul benessere animale in Emilia Romagna è giunto ieri all'epilogo sperato e caldeggiato da tutti coloro che combattono per il rispetto dei diritti animali: la nuova legge regionale vieta infatti, per la prima volta in Italia, la detenzione dei cani alla catena. Questa vergognosa forma di detenzione, purtroppo molto diffusa, provoca gravi danni fisici e psichici e rappresenta a tutti gli effetti un maltrattamento.

L’EMILIA ROMAGNA E’ LA PRIMA REGIONE ITALIANA A VIETARE LA DETENZIONE A CATENA PER I CANI - 3.3 out of 5 based on 3 votes

La bici nuova è di cartone riciclato e costa 15 Euro!

25 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

L'inventore israeliano Izhar Gafni ne è convinto: la sua bici in cartone riciclato rivoluzionerà il modo di concepire questo mezzo di trasporto. L'ultimo prototipo, dopo anni di studi e progressivi miglioramenti, è finalmente pronto per la produzione di massa che inizierà nei prossimi mesi.
Bici cartone

La bici nuova è di cartone riciclato e costa 15 Euro! - 4.6 out of 5 based on 7 votes

Brasile: deforestazione diminuita del 27% nel 2012

21 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Quando si parla di Brasile e di foresta amazzonica di solito non sono buone notizie quelle in arrivo. Stavolta invece si può azzardare un sorriso: per quanto gli alberi continuino a essere ferocemente buttati giù, nell'ultimo anno la deforestazione ha toccato il minimo storico, calando del 27% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

deforestation

 

Brasile: deforestazione diminuita del 27% nel 2012 - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Una bella notizia: in Italia la maggior BIODIVERSITÀ d'Europa nei parchi

20 Marzo 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

Uno studio realizzato dal Ministero dell'Ambiente è stato condotto in materia di biodiversità animale. In particolare sono stati analizzati i parchi nazionali italiani, ed è stata fatta una scoperta molto positiva che sicuramente farà piacere agli animalisti (ma non solo), ovvero che all'interno dei parchi vi sono circa 56000 specie di animali diversi. Tale numero rappresenta un record in Europa, il piu' alto all'interno dell'Ue a livello nazionale.

Biodiversità-italia

Una bella notizia: in Italia la maggior BIODIVERSITÀ d'Europa nei parchi - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Strategia Energetica Nazionale: Il governo dimissionario fa l'ennesima porcheria.

16 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

SENSi toglie il sostegno pubblico alle rinnovabili per darlo alla costruzione dei rigassificatori e si riconferma anche l'avvio delle trivellazioni per petrolio e gas a mare e a terra, oltre ad incentivare il carbone. Greenpeace, Legambiente e WWF contestano il documento di Strategia Energetica Nazionale (SEN) deliberato ieri.

 

Strategia Energetica Nazionale: Il governo dimissionario fa l'ennesima porcheria. - 2.0 out of 5 based on 1 vote

Rese inferiori per le coltivazioni OGM. La conferma della scienza

15 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

ogm-aranciaA parere della Biotechnology Industry Organization e di numerosi sostenitori degli OGM, essi rappresenterebbero una vera e propria arma di salvezza per l'umanità, permettendo di aumentare le rese dei raccolti agricoli. Secondo un nuovo documento, finanziato da parte del US Department of Agriculture ed a cura dei ricercatori della University of Wisconsin, sostenere che le coltivazioni OGM permettano sempre e comunque una resa maggiore dei raccolti non rappresenti un'affermazione veritiera.

Rese inferiori per le coltivazioni OGM. La conferma della scienza - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Giappone: conduttore tv mangia verdure di Fukushima, malato di leucemia

12 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

fukushima cibo2Il presentatore tv giapponese che ha mangiato le verdure provenienti dalle zone della Centrale di Fukushima, si è ammalato di "leucemia acuta linfoblastica" una forma tumorale maligna che colpisce il sistema linfatico e tende a progredire rapidamente.

La star della televisione nipponica si chiama Otsuka Norikazu e conduceva quotidianamente, fino alla recente diagnosi, un programma d'informazione e proprio durante la sua trasmissione, insieme alla co-conduttrice ha mangiato un piatto abbondante di ortaggi delle aree vicine al disastro di Fukushima. Azione compiuta per inviare ai cittadini giapponesi un messaggio sulla salubrità degli alimenti e quindi un invito a consumarne senza preoccupazioni.

Giappone: conduttore tv mangia verdure di Fukushima, malato di leucemia - 3.0 out of 5 based on 1 vote

La storia di un uomo che da solo ha creato 550 ettari di foresta

09 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Molay1Il giornale "The Asian Age" riporta che più di 30 anni fa, un adolescente chiamato Jadav "Molai" Payeng cominciò piantare semi lungo un banco di sabbia sterile vicino la sua casa natale della regione Indiana dell'Assam.

Era il 1979 e inondazioni avevano portato un gran numero di serpenti sul banco di sabbia. Quando Payeng - allora solo sedicenne - li aveva trovati, erano tutti morti.

"I serpenti morirono nel calore, per via dell'assenza di copertura arborea. Mi sedetti e piansi sopra le loro forme senza vita," (Da un'intervita di Payeng al Times of India).

 

 

La storia di un uomo che da solo ha creato 550 ettari di foresta - 5.0 out of 5 based on 7 votes

In Norvegia, la spazzatura, te la pagano!

05 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

CIR SpazzaturasoldiIn questo video si vedono alcuni ragazzi italiani all'ingresso di un supermercato in Norvegia. Stanno infilando le bottiglie di plastica in una macchina che per ogni bottiglia emette un valore a credito spendibile nello stesso supermercato. Si tengono i tappi di plastica, perchè ogni 5 che ne riportano al supermercato, hanno in cambio una bottiglia piena. Se ne vanno, dopo pochi minuti, avendo guadagnato circa 6 Euro (tappi esclusi), avendo ridotto i costi pubblici di raccolta e smaltimento. Il supermercato non solo si vende la spazzatura per il riciclo, ma vede aumentare la fidelizzazione dei clienti. Tutti ci guadagnano. E se lo facessimo anche qui, invece di inventarci discariche nei parchi naturali?

In Norvegia, la spazzatura, te la pagano! - 5.0 out of 5 based on 6 votes

La Germania investe sulla rotaia fino al 2030, in attesa che le auto elettriche costino meno!

05 Marzo 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

TreniGermaniaStando a uno studio britannico commissionato dalla Low Carbon Vehicle Partnership (Lcvp), i costi legati all'acquisto e alla manutenzione di un'auto elettrica si prospettano molto più elevati rispetto a quelli per un'auto a diesel o a benzina. Arrivando a costi perfino doppi rispetto a queste ultime. Una disparità che pare si protrarrà almeno fino al 2030.

Denuncia della LAV: trovate pellicce pericolose e dannose per i bambini

04 Marzo 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CIR NOFURIl fatto che nel 2013, con l'abbondanza che c'è di materiali e tessuti caldi, il gore-tex e via dicendo, si insista con la produzione di pellicce, è di per se scandaloso. Ma la produzione c'è, perchè c'è richiesta, e la richiesta c'è perche si continua a glamourizzare le pellicce sulle passerelle, e per le vie delle città. Le signore (e signori) che vogliono mostrare la propria afluenza, e allo stesso tempo stare caldi, hanno centinaia di modi diversi per farlo, quindi l'uccisione inutile di animali, che spesso avviene anche in modo babaro, è semplice crudeltà.

Adesso si è scoperto che molte pellicce contengono materiali tossici banditi nella UE, perchè le pelli provengono dalla Cina, ed altri paesi che non hanno regolamentazioni adeguate.

 

 

Clini vuole parlare con i 5 Stelle. Ragazzi, non lo state a sentire!

01 Marzo 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

CliniCorrado Clini, l'uscente ministro dell'ambiente, ora vuole incontrare gli esponenti del M5S. Il peggior ministro dell'ambiente della storia repubblicana, evidentemente cerca di mettere al sicuro le cose che stanno a cuore al suo gruppo nero come il petrolio. 

Inquinamento domestico: 15 piante da appartamento che depurano l'aria della casa

21 Febbraio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Piante domesticheSono belle, colorate e arredano la nostra casa donandole spesso anche un tocco esotico. Ma se vi dicessimo che le piante da interni sono anche in grado di migliorare la qualità dell'aria che respiriamo e limitare l'inquinamento domestico?

Verso la fine degli anni '80 la NASA condusse uno studio approfondito sulla capacità delle piante da appartamento di purificare l'aria. Dalla ricerca emerse un risultato molto interessante: le piante non solo sono in grado attraverso la fotosintesi clorofilliana di assorbire anidride carbonica e di rilasciare ossigeno, ma molte di esse riescono a neutralizzare sostanze organiche volatili (VOC) spesso presenti nelle nostre abitazioni grazie a degli enzimi detti metilotrofi.

Ma vediamo in dettaglio quali sono le 15 piante maggiormente indicate a purificare l'aria di casa nostra.

 

Inquinamento domestico: 15 piante da appartamento che depurano l'aria della casa - 5.0 out of 5 based on 3 votes

La sfida dell’uomo che fermò il deserto

03 Febbraio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

zaiL’uomo che fermò il deserto non è né uno scienziato né un facitore di miracoli, ma un contadino del Burkina Faso che grazie al suo exploit continua a suscitare invidia e ammirazione presso i più illustri agronomi del pianeta. La sua battaglia per salvare le colture di miglio e di sorgo dall’avanzare delle sabbie, Yacouba Sawadogo l’iniziò più di un quarto di secolo fa. Negli anni Ottanta, la sua terra era già afflitta da una terribile siccità che da allora non ha fatto che peggiorare. Stiamo parlando del Sahel, sovrastato dal più grande e più vorace deserto del mondo, il Sahara, che diventa sempre più vasto, mangiando giorno dopo giorno savane e terre agricole, con un appetito aguzzato dal clima impazzito per via dell’effetto serra.

 

 

La sfida dell’uomo che fermò il deserto - 4.7 out of 5 based on 3 votes

A rotoli la nostra green economy

30 Gennaio 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Ecologia

green economyCome abbiamo affermato nel post precedente, l'energia non è un tema di questa campagna elettorale. Sarebbe comunque utile discuterne, poiché è a partire da una piattaforma energetica che un Paese costruisce la propria economia e l'Italia ha una bilancia dei pagamenti fortemente appesantita dalla bolletta energetica. Inoltre, da quanto e da cosa brucia un Paese dipende la qualità dell'aria che respirano i suoi abitanti.

Il governo uscente, purtroppo, ha lasciato i suoi segni sulle energie rinnovabili ma nessuno apre un dibattito su un bilancio negativo che andrebbe urgentemente corretto. In questi giorni l'Enea ha fornito dati molto accurati che dimostrano che dal 1990 il livello di efficienza energetica in Italia è diminuito in tutti i settori. Intanto i prospetti del Gse dicono che nel 2012 la quantità di pannelli installati è crollata rispetto al 2011 (si stimano 4 GW rispetto ai 9 allacciati alla rete nel 2011).

Mal'Aria 2013: nelle città italiane si respirano sempre piu' veleni

18 Gennaio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Quanto veleno respiriamo nelle nostre città? Sempre troppo. PM10, PM2,5 e ossidi di azoto sono i nemici numero uno della nostra salute. Lo dice l'edizione 2013 del dossier Mal'aria di Legambiente, che ha preso in esame i dati riguardanti le polveri sottili e i livelli di inquinamento delle città italiane nel 2012. Tra i peggiori centri Alessandria, Frosinone, Cremona e Torino; tra le regioni l'Emilia Romagna con 18 città tra le prime 20 posizioni.

Smog

Catrame a Favignana, c'è bisogno di volontari

16 Gennaio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Più di un chilometro di costa a nord dell'isola di Favignana, sul versante occidentale della Sicilia, è dall'11 gennaio punteggiato di catrame, pare a causa di una petroliera che nei giorni scorsi ha lavato le cisterne al largo dell'arcipelago delle Egadi.

favignana

Food-sharing: condividere il cibo per evitarne lo spreco

06 Gennaio 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

food sharing1Combattere lo spreco di cibo con il food-sharing. È stata lanciata in alcune città tedesche una piattaforma web per mettere in rete il cibo che non si riesce a consumare. Il principio è quello della condivisione degli alimenti che altrimenti finirebbero nella spazzatura.