Ecologia

Glifosato & co, niente trasparenza: il Parlamento europeo rimanda l'obbligo e salva i pestidici

22 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

La riforma per rendere trasparente l’iter di autorizzazione dei pesticidi da parte dell’Efsa slitta alla prossima legislatura. Il Parlamento europeo decide di non prendere nessuna decisione, se non quella di rinviare la riforma della General food law, in cui tra le altre cose era incluso l’obbligo di pubblicare dati e studi su glifosato e co.

di Dominella Trunfio

Pesticidi no trasparenza

Glifosato & co, niente trasparenza: il Parlamento europeo rimanda l'obbligo e salva i pestidici - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Il governo della Danimarca potrebbe presto iniziare ad etichettare i prodotti alimentari in base al loro impatto ambientale

20 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Cibo DanimarcaL'ambiziosa iniziativa andrebbe a considerare fattori come il trasporto necessario per far sì che il prodotto raggiunga gli scaffali, oltre a quanta acqua è stata usata per produrlo, quali pesticidi sono stati usati, l'impatto ambientale dell'imballaggio e la quantità di emissioni di gas serra che sono state generate come sottoprodotto del cibo.

I legislatori ammettono che classificare i prodotti in questo modo non sarà facile.

Idealmente, le etichette incoraggerebbero i consumatori a fare acquisti più responsabili e sollecitare le aziende alimentari a utilizzare pratiche più sostenibili per i loro prodotti.

Scozia: l'innovativa turbina galleggiante a energia mareomotrice genera 3 GWh di energia nel suo primo anno di test

18 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Di Rinnovabili.it

newimg1 e1539596944585La turbina galleggiante al largo delle coste della Scozia ha dimostrato che può produrre elettricità in modo sicuro ed economico per tutto l'anno.

Ha resistito alle peggiori tempeste mentre produceva energia pulita in maniera efficiente e continuativa. Parliamo di SR2000, la più potente turbina a flusso di marea galleggiante mai realizzata al mondo. Il progetto europeo si chiama Flotec (Floating Tidal Energy Commercialization), testato dall’estate 2017 presso l'European Marine Energy Center (EMEC) della scozzese Orkney. E i primi risultati hanno colpito nel segno: in 12 mesi di collaudo, l’unità mareomotrice (2 MW di potenza) è stata in grado di produrre 3 GWh di elettricità dall’energia delle maree. Dodici mesi di funzionamento continuo e costante, che hanno fornito l’equivalente fabbisogno annuale di elettricità di circa 830 famiglie nel Regno Unito e, in diversi giorni, oltre 25% del fabbisogno di elettricità delle isole Orkney.

L'INFN sotto accusa per inquinamento ambientale e messa a rischio di 700 mila persone

09 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Un grande bacino idrico, tra i principali in tutta Europa, a grave rischio contaminazione. È questo quanto emerge dalle indagini della procura di Teramo sulle attività dell’Istituto di Fisica Nucleare del Gran Sasso.

di Gino Favola

Le acque reflue contaminate dai laboratori, non sarebbero state sufficientemente separate dall’acqua destinata al consumo umano. Mettendo a rischio la salute di 700mila cittadini.

Ecco le accuse.

INFN1

Il fiume più inquinato d'Europa

08 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Culla delle più antiche civiltà umane, il fiume Sarno rappresenta per il territorio, che attraversa il flusso vitale, un soggetto paragonabile alle vene del sistema circolatorio, che pompano sangue in ogni angolo dell’organismo. E’ termometro del suo stato di salute ecologica e ambientale, misura della qualità del benessere dei cittadini, quindi oggetto essenziale di lotta politica.

Proprio all’interno di questo contesto, si inserisce il tentativo di risanamento ambientale del Sarno, “il fiume più inquinato d’Europa“. La nascente rete organizzativa e associativa promossa dai cittadini a supporto della riqualificazione del fiume può offrire risposte preziose, non solo alla spinosa problematica locale in esame, ma anche in riferimento alla sfida geopolitica forse più cruciale e problematica dell’attualità, ossia la coniugazione armonica di sviluppo economico-sociale e tutela ambientale (Per farsi un’idea della portata della questione si legga il caso della riserva della Renca in Amazzonia).

di Luigi Iannone

Sarno

Il fiume più inquinato d'Europa - 2.0 out of 5 based on 2 votes

Alghe al posto della plastica - l'iniziativa olandese che potrebbe sostituire completamente l'uso di plastiche sintetiche

08 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

algaeplasticDue scienziati olandesi hanno sviluppato una bioplastica fatta di alghe, una tecnologia che credono possa nel tempo sostituire la plastica sintetica. Dros e Klarenbeek coltivano le alghe , che poi raccolgono, asciugano e trasformano in un materiale che può essere utilizzato nelle stampanti 3D per creare oggetti in plastica, dai bidoni della spazzatura alle bottiglie...

Alghe al posto della plastica - l'iniziativa olandese che potrebbe sostituire completamente l'uso di plastiche sintetiche - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Il sistema di giardinaggio verticale che trasforma le pareti urbane sottoutilizzate in orti

05 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

greenbelly1Dai viadotti ferroviari ai vicoli tra edifici, ci sono molti spazi sottoutilizzati nelle nostre città che potrebbero essere convertiti in zone più funzionali, come alloggi a prezzi accessibili o spazi comunitari.

Questi spazi urbani vuoti potrebbero anche essere utilizzati per la coltivazione di cibo, come propone il progetto Greenbelly - una collaborazione tra AVL Studio e l'ingegnere dell'agricoltura Camille Lassale.

Attualmente in fase di crowdfunding , Greenbelly è un sistema di giardinaggio verticale che converte gli spazi urbani residui in "centri produttivi" per i quartieri locali, con la speranza di aumentare la sicurezza alimentare, la conoscenza agricola e la creazione di legami tra i membri della comunità. Il progetto spera anche di affrontare problemi come i deserti alimentari, mentre ricollega "l'architettura esistente con la natura". L'architetto Alex Losada di AVL Studio dice:

"Con Greenbelly, proponiamo un progetto sostenibile a una scala gestibile riciclando spazi, materiali e risorse urbane. Possiamo creare una città più verde e più sana, nutrire le persone bisognose o insegnare l'origine del cibo ai bambini."

 

Fonte: https://www.treehugger.com/modular-design/greenbelly-avl-studio-camille-lassale.html

I colli del Prosecco si spopolano: “Troppi pesticidi, non si respira e ci si ammala”

28 Settembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Conegliano Pesticidi

Case in svendita tra i vigneti: l’abuso di fitofarmaci influenza il mercato immobiliare coneglianese

di Stefania De Bastiani

I colli del Prosecco si spopolano: “Troppi pesticidi, non si respira e ci si ammala” - 3.7 out of 5 based on 3 votes

Glifosato nelle urine: 60 francesi denunciano la Monsanto e l’Unione europea

25 Settembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia
CIR Glifosato Urine FraDecine di cittadini francesi hanno ritrovato nelle urine concentrazioni di glifosato ben oltre i limiti consentiti. E hanno sporto denuncia.

L’Ariège è un dipartimento francese della regione Occitania, situato al confine con la Spagna. Il capoluogo è la cittadina di Foix, meno di diecimila abitanti. E il territorio è costituito praticamente soltanto da campi coltivati, colline e da una porzione della catena dei Pirenei. Chi abita qui si può considerare in piena campagna, lontano da industrie, traffico stradale, grandi infrastrutture inquinanti. Eppure, in 60 si sono visti costretti a depositare una denuncia presso il tribunale. Per “attentato alla sicurezza altrui e all’ambiente”.

di Andrea Barolini

Glifosato nelle urine: 60 francesi denunciano la Monsanto e l’Unione europea - 3.7 out of 5 based on 3 votes

Istanbul - ricicli la plastica e viaggi gratis!

09 Settembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

istanbulmachineL'Istanbul Metropolitan Municipality (IBB) sta introducendo una soluzione innovativa al problema dei rifiuti di plastica:  per chi ricicla, ricariche gratuite sulla tessera di viaggio!

Il comune ha infatti avviato l'installazione di macchine automatizzate chiamate "Smart Mobile Waste Transfer Machines" in tutta la città: queste macchine prendono come pagamento le bottiglie di plastica usate, emettendo in cambio crediti corrispondenti al valore di ciascun articolo di plastica inserito. Crediti che possono poi essere utilizzati per più forme di trasporto pubblico...

87 elefanti massacrati, la più grande strage di sempre in Botswana

06 Settembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

È considerata la strage di elefanti più grave di sempre. In Botswana, sono state trovate 87 carcasse, uccisi dai bracconieri per le loro zanne, molto richieste dal mercato cinese.

I corpi martoriati degli elefanti sono stati trovati vicino a un famoso santuario della fauna selvatica in Botswana. Il gruppo Elephants Without Borders, che sta conducendo un'indagine aerea, ha detto che questa strage legata al bracconaggio, è la più grande mai vista in Africa.

elefanti botswana

87 elefanti massacrati, la più grande strage di sempre in Botswana - 5.0 out of 5 based on 1 vote

La Regione Toscana autorizza sostanze tossiche e nocive nelle aree di captazione delle acque sotterranee

29 Agosto 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Lago di chiusi barca 1 300x200Nonostante l’impegno preso a parole dal Presidente della Regione Toscana di Bandire il glifosate, il Consiglio Regionale ha di fatto approvato l’uso di questa e di altre sostanze ancora di più pericolose nelle zone di captazione delle acque sotterranee ignorando sia le direttive europee che il Piano Nazionale per l’Uso ecosostenibile dei fitofarmaci e il Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152
Norme in materia ambientale.

La Regione Toscana autorizza sostanze tossiche e nocive nelle aree di captazione delle acque sotterranee - 5.0 out of 5 based on 1 vote

In Piemonte nascono le "comunità energetiche"

18 Agosto 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

Autoproduzione e condivisione dell’energia prodotta da fonti rinnovabili. Sono questi i princìpi alla base della legge sulle comunità energetiche approvata all’unanimità dalla terza Commissione del Consiglio Regionale del Piemonte e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale.

Lampadina

Plogging: fitness ecologico

14 Agosto 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

ploggingIl "plogging" (fusione della parola "jogging" con il termine svedese "plocka upp" -"raccogliere") nasce in Svezia nel 2016 come attività organizzata, e sta rapidamente diventando molto popolare in Europa e nel resto del mondo. Si dice che il fondatore di questo movimento spontaneo sia lo svedese Erik Ahlström, 57 anni: tornando a Stoccolma dopo aver vissuto nel nord della Svezia, Erik notò che c'era molta più spazzatura nelle strade di quanto non ricordasse in precedenza. Così, ha dato il via a questa iniziativa per pulire la sua comunità, non immaginando la presa che essa avrebbe avuto...

Plogging: fitness ecologico - 5.0 out of 5 based on 2 votes

L'uomo che ha piantato un albero al giorno per 40 anni, trasformando 550 ettari di deserto in una foresta rigogliosa

12 Agosto 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

jadavJadav Payeng ha piantato un albero al giorno da quando aveva solo 16 anni. Ora, quasi 40 anni dopo, è cresciuta una foresta di 550 ettari (oltre 770 campi da calcio) su quello che un tempo era un paesaggio arido e devastato dall'erosione.

Padre di tre figli, Jadav vive a Majuli in India, l'isola fluviale più grande del mondo. Da adolescente, rimase profondamente dispiaciuto dopo aver visto centinaia di animali sull'isola morire di fame per via della siccità. Decise così di piantare un alberello ogni giorno.

Iniziò con le piante più facili da coltivare, come il bambù e il pioppo nero. Dopo qualche mese, il distretto della sua città creò un programma di riforestazione e Jadav iniziò a lavorare per loro. Il progetto durò 5 anni. Dopodiché Jadav tornò ad un lavoro più tradizionale: allevamento di mucche e vendita di latte. Nonostante ciò, non smise di dedicarsi alla riforestazione per conto proprio...

L'uomo che ha piantato un albero al giorno per 40 anni, trasformando 550 ettari di deserto in una foresta rigogliosa - 4.3 out of 5 based on 7 votes

Il santuario per scimpanzé creato dalla Banca Mondiale è ora minacciato dalla diga sostenuta dalla Banca Mondiale

07 Agosto 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

chimp

Meno di un anno dopo aver contribuito a creare uno dei più importanti santuari dello scimpanzé del pianeta, la Banca Mondiale è accusata di sostenere un progetto che potrebbe rovinare l'habitat appena protetto.

Il parco nazionale Moyen-Bafing di 6.426 chilometri quadrati è stato istituito dal governo della Guinea lo scorso novembre con il sostegno dell'International Finance Corporation, braccio di prestito del settore privato della Banca mondiale.

La riserva naturale era intesa come una "compensazione per gli scimpanzé" e finanziata da due compagnie minerarie - Compagnie des Bauxites de Guinée e Guinea Alumina Corporation - in cambio del permesso di aprire siti di scavo di minerali all'interno di altri territori del primate in pericolo di estinzione...

Indonesia: occhialini gratuiti per i bambini che vivono lungo la costa, per imparare ad apprezzare e proteggere la loro preziosa barriera corallina

04 Agosto 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

indonesiagoggles1Il ministro dell'Indonesia per gli Affari Marittimi ha escogitato un modo non convenzionale per contribuire a preservare le preziose barriere coralline dall'inquinamento marino: distribuire carichi di occhialini gratuiti per i bambini nelle remote regioni costiere dell'arcipelago.

Il ministro Susi Pudijastut, un appassionata snorkeling (l'osservazione del fondo marino nuotando in superficie con l'ausilio di occhialini o maschera e boccaglio), nota anche per aver fatto saltare in aria barche da pesca illegali, ha detto che voleva dare alla prossima generazione di indonesiani "gli occhi" per apprezzare appieno il loro ambiente marino.

Durante le visite nelle remote zone orientali dell'Indonesia, sede del "Triangolo Dei Coralli" e di alcune delle più diverse forme di vita marina del mondo, il ministro ha detto di aver notato bambini indonesiani che guardavano i turisti fare snorkeling per ore, non capendo completamente cosa stessero facendo.

"In un attimo ho capito: come possiamo chiedere loro, come possiamo spingerli a prendersi cura della bellezza del mondo sottomarino se non vedono nemmeno quanto è bello?"...



Il 95% dei lemuri a rischio estinzione

02 Agosto 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Ecologia

lemurs2GINEVRA: Il 95% della popolazione di lemuri del mondo è "sull'orlo dell'estinzione", diventando così i primati più a rischio di estinzione del pianeta, ha dichiarato mercoledì l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN).

I primati arboricoli, riconoscibili dal loro muso appuntito e dalle loro code tipicamente lunghe, si trovano solo in Madagascar, dove la distruzione della foresta pluviale, l'agricoltura non regolamentata, il disboscamento e l'estrazione mineraria sono stati per loro rovinosi...

l'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN)
Read more at https://www.channelnewsasia.com/news/world/lemur-madagascar-extinction-conservation-numbers-endangered-10581656