PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

L’Aquila, città dello Spirito, vergogna della politica italiana… RISVEGLIATI!

L’Aquila, città dello Spirito, vergogna della politica italiana… RISVEGLIATI!

di Fausto Carotenuto

A 5 anni dal sisma del 3 aprile, l’Aquila è una città fantasma, con il bellissimo corpo martoriato prima dal terremoto e poi dalla gestione insulsa e truffaldina del dopo terremoto.

L’Aquila, dolce città dei bei palazzi e delle bellissime chiese, città federiciana, templare, celestiniana… costruita dai cistercensi per essere le nuova Gerusalemme al fianco del magico chakra di Santa Maria di Collemaggio. Capitale della gente “forte e gentile”… del buon vivere… col tempo un po’ troppo convertita dai beni spirituali a quelli materiali.

La dolce l’Aquila devastata dal terribile sisma, ma soprattutto dai poteri oscuri che hanno subito afferrato la gestione del dopo terremoto, come avvoltoi famelici.

Producendo un disastro morale e materiale.

Dopo 5 anni ancora 23900 le persone fuori casa, sparse tra moduli abitativi in parte inabitabili e palazzine rapidamente fatiscenti.

Palazzine presentate come miracolose da un ridicolo demagogo… e costruite in tutta fretta a costi altissimi dalla corte dei suoi sciacalli. Con il legno che marcisce, i pannelli solari subito rotti, le perdite dai tetti mal fatti, il costo altissimo, scandaloso, di 2800 euro al metro quadro… I 900 piloni antisismici non funzionanti che sarebbero costati 5000 euro l’uno. E tante altre nefandezze…

Non è più la dolce l’Aquila. Ora è una specie di bella addormentata sfregiata nel cuore e devastata nelle membra… In attesa dolorosa di un principe che faccia il miracolo.

E la ricostruzione non funziona… La Chiesa manovra per ottenere la guida dei nostri soldi per riparare l’enorme patrimonio immobiliare religioso… Poteri contrastanti si muovono per chi deve gestire l’”affare”. I governi sono del tutto insensibili, interessati solo a mantenere in piedi il teatrino nazionale della manipolazione, o i progetti inutili come la TAV, e le dispendiose imprese militari dei poteri mondialisti. O il perverso disegno di perdita di sovranità in favore di un superstato europeo di matrice orwelliana.

Ed è una vergogna che a Roma si perda il tempo in false riforme elettorali, in finti dissidi politici, quando l’Aquila è ancora in queste condizioni. Cosa blatera Renzi – e prima di lui Letta, Monti, Berlusconi… – senza prima aver risolto rapidamente una tragedia come quella aquilana? Tutta l’azione politica perde ulteriormente di credibilità di fronte alla incapacità o alla mancanza di volontà di risolvere il dramma dell’Aquila la dolce.

E gli aquilani? Purtroppo poco incisivi… bisogna ammetterlo. Ancora ingabbiati da una classe politica e da congreghe varie dalle quali non sono riusciti né interiormente né esteriormente a liberarsi.

Si sono resi conto di essere troppo facilmente vittime del malaffare? Si sono resi conto di aver votato e continuare a votare per una classe politica inaffidabile? Si sono resi conto dei danni materiali e sociali prodotti dal competere, dal voler fare carriera attraverso l’adesione a forze  di controllo sociale e delle coscienze come massonerie, opus dei , gruppi gesuiti? Si sono resi conto che il loro gioiello, l’Università… era un centro di diffusione di cultura quasi esclusivamente materialista, abbondantemente infarcita di professori – per fortuna non tutti – dipendenti da una cultura sclerotizzata e da centri di potere anticoscienza?

Come sempre i veri danni li produce il sonno della coscienza. Fortemente presente, come nella maggioranza la società italiana – anche prima del terremoto.

Alcuni aquilani erano già svegli… Ma la gran parte era intenta alla ricerca dei beni e dei piaceri materiali. Una provincia, come tante, addormentata… tranne pochi ma bei fermenti spesso radunati intorno alla celestiniana basilica di Collemaggio, al meraviglioso ricordo dei templari ed alle origini sacre della città dello Spirito… Per ritrovare il fondamento di una rinascita spirituale e morale.

Il terremoto con la sua devastazione, è venuto dolorosamente e non casualmente a stimolare un risveglio… E poi la mala gestione della ricostruzione truffaldina ad accentuare il dolore nei cuori degli aquilani. E il dolore serve a domandarsi: perché? Ad aumentare il risveglio delle coscienze.

309 martiri sacrificarono parte del loro progetto di vita per il risveglio dei loro concittadini. Che non sia stato invano.  

Aquilani, risvegliatevi dal sonno della materia: se la politica, il malaffare e i gruppi di manipolazione imperversano saccheggiando le vostre risorse e la vostra buona fede è anche perché una parte importante di voi lo ha consentito, dimenticando che la vostra città non era solo la città dello shopping, della buona cucina o della cultura materialista… ma una città con una origine ed un destino spirituali.

Già dal suo misterioso nome: Aquila, simbolo dello Spirito, simbolo di Giovanni e della Ecclesia giovannea… Quella che doveva venire a sostituire l’Ecclesia Carnalis e corrotta di Roma, secondo le profezie del grande Gioacchino da Fiore… Ma che per farlo doveva cominciare dai cuori della gente.

Gli aquilani hanno reagito al terremoto ed alla sua gestione, e questo è un bene…. Ma ancora troppo poco. I partiti e le congreghe dovevano uscire distrutti, polverizzati dal sorgere di forti movimenti dei cittadini, capaci di prendere in mano la guida delle proprie sorti. Ma i lacci dei vecchi poteri ancora legano le membra interiori delle società aquilana.

Gli avvoltoi sono dappertutto, ma occorre trovare la forza morale di scacciarli e prendere in mano il proprio destino.

Dal doloroso lamento generale questo popolo deve uscire rispolverando le proprie doti di gentilezza sì, ma ora soprattutto di forza morale. E organizzarsi di conseguenza.

Deve liberarsi prima di tutto dai lacci interiori. E ne ha le qualità.

E solo allora il Principe dello Spirito aquilano risveglierà l’Anima Bella di una città per troppo tempo addormentata.

 

Può interessarti anche: 

 

Aquila

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

Corsi Online
Una nuova sezione in costante aggiornamento dalla quale è possibile seguire alcuni dei nostri corsì online.
Maggiori informazioni
Corso Online: "I Rapporti Con Gli Altri"
Grandi sfide e grandi opportunità. Un esame approfondito del più difficile ambito della nostra vita:
la rete delle nostre
relazioni umane.
Con Fausto Carotenuto
Maggiori informazioni
Corso Online: "Angeli - La Loro Presenza
Nella Nostra Vita"
Chi sono e cosa fanno,​
come riconoscerli e comunicare con loro.​
Con Fausto Carotenuto
Maggiori informazioni
Corso di Sviluppo dei Talenti Spirituali
Un importante percorso di approfondimento e di sviluppo dei talenti speciali che ognuno di noi porta con se per contribuire al benessere ed alla crescita della rete umana.
A cura di Fausto Carotenuto
Maggiori informazioni
Seminari e Conferenze
Consulta il nostro calendario aggiornato per vedere gli eventi in programma in Italia.
Maggiori informazioni
Corsi Avanzati
A seguito del percorso biennale “Sviluppare i Propri Talenti Spirituali” è possibile accedere ad un terzo anno con due possibili specializzazioni annuali:
Master dell’Accademia dell’Arte e Master dell’Accademia della Salute.
Maggiori informazioni
Libri di Fausto Carotenuto
La nostra collana offre una serie di approfondimenti di facile accesso alle diverse tematiche spirituali affrontate nei nostri corsi e seminari.
Maggiori informazioni
Precedente
Successivo

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali
Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali
Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.