PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

La Germania vieterà l’uso di diserbanti a base di glifosato entro la fine del 2023

  • Agricoltura
  • La Germania vieterà l’uso di diserbanti a base di glifosato entro la fine del 2023

La Germania ha affermato che entro il 2023 eliminerà il controverso glifosato diserbante. La decisione è stata presa dopo aver valutato l’impatto ambientale del pesticida sugli ecosistemi e sull’impollinazione.

La sostanza chimica, sospettata anche da alcuni esperti di provocare il cancro nell’uomo, sarà messa al bando entro la fine del 2023, quando scadrà il periodo di approvazione dell’UE per esso, hanno detto i ministri.

“Ciò che danneggia gli insetti danneggia anche le persone”, ha affermato il ministro dell’ambiente Svenja Schulze, dei socialdemocratici di centro-sinistra, che ha avvertito di un futuro in cui la frutta potrebbe diventare un lusso. “Non vale la pena vivere in un mondo senza insetti”, ha aggiunto Schulze.

Naturalmente, Bayer ha contestato il divieto unilaterale della Germania, sostenendo che la sostanza chimica potrebbe essere utilizzata in modo sicuro ed è stato “uno strumento importante per garantire sia la sostenibilità che la produttività dell’agricoltura”.
Dopo la sua acquisizione della Monsanto l’anno scorso, la Bayer è stata colpita da un’ondata di cause legali che affermano che l’erbicida di punta provoca il cancro, con giurie che hanno assegnato massicci risarcimenti.

A luglio, l’Austria è diventata il primo membro dell’UE a vietare l’uso del glifosato. Anche la Francia prevede di eliminarla gradualmente entro il 2023.

Il governo di Angela Merkel ha presentato il suo piano dopo un acceso dibattito interno tra Schulze e il ministro dell’agricoltura (più favorevole all’industria), Julia Klöckner, dei cristiani democratici di centro destra.

In una prima fase, il glifosato sarà bandito dal prossimo anno nei parchi cittadini e nei giardini privati.

L’uso di erbicidi e insetticidi sarà inoltre limitato o vietato in aree più ricche di specie come praterie o frutteti, e lungo le sponde di molti fiumi e laghi.

Gli attivisti di tutto il mondo hanno evidenziato i rischi di una diminuzione del numero di insetti, rilevando che sono vitali per le piante impollinatrici – comprese le colture alimentari – e come fonti di cibo per uccelli e altri animali.
A febbraio, un numero record di 1,75 milioni di persone nello stato della Germania meridionale della Baviera ha votato in un referendum per “salvare le api”, chiedendo meno uso di sostanze chimiche e più agricoltura biologica e spazi verdi.

La campagna è stata osteggiata dalla potente associazione agricola regionale, che ha esortato la popolazione a “smettere di colpire gli agricoltori”.

Tuttavia, il partito conservatore della CSU al potere in Baviera ha annunciato che trasformerà il referendum in politica governativa.

Fonte: The Guardian

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel