PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

La guerra di Alice alle multinazionali

Alice Pasin è un architetto, una progettatrice di giardini, ed una contadina. E’ una delle organizzatrici di “Civiltà Contadina“, associazione che promuove la salvaguardia della biodiversità rurale, il diritto alla sovranità alimentare e alla libera circolazione delle sementi.

Da vari anni è diventata una guerriera, ma non brandisce armi.

Custodisce e riproduce semi.

La guerra di Alice alle multinazionali.

Perchè la definiamo guerriera?

Perchè combatte un sistema che vuole privarci di libertà, diversità ed energie vitali. E lo fa occupandosi di una cosa che è alla base della catena alimentare umana, un settore a cui pochi pensano, ma così importante da essere stato occupato “militarmente” da 4 grandi multinazionali del cibo, che sono poi anche le stesse che producono i pesticidi che tanto ci fanno bene.

I semi sono la base della catena alimentare e della biodiversità. E se negli ultimi cent’anni siamo passati dall’utilizzare diecimila tipi di semi a 120, abbiamo un problema. Un grosso problema. Alice combatte sia per la biodiversità che per la salute (e le tasche) di tutti.

L’Espresso ha fatto un bell’articolo sulla sua storia e sulla sua lotta, in cui vengono accennate le problematiche del controllo delle multinazionali sulle sementi mondiali.

Ecco la storia di Alice (clicca qui).

Non aiuta il fatto che anche l’Unione Europea faccia di tutto per compiacere queste multinazionali.

Semi non regolamentati? Non di proprietà? Senza pesticidi? Non sia mai, dice l’euroburocrate.

Dobbiamo ringraziare coscienze come quella di Alice, che non solo contribuiscono col loro lavor, ma fanno da esempio illuminante per le generazioni coorrenti e sono speranza per quelle future.

Anche noi nel notro piccolo quotidiano possiamo combattere. Attraverso le nostre scelte, informandoci di più sul cibo, su chi lo produce, su cosa contiene, su come cresce. E magari sacrificando un pezzettino del nostro tempo per fare scelte migliori per noi e per gli altri. Andando un po’ più in la del supermercato sotto casa, che sarà anche comodo, ma di una comodità che mina la nostra libertà, la nostra salute ed in ultima analisi anche le nostre tasche.

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.