Economia

Votato trasversalmente in Senato l'emendamento che si fa beffe del referendum sull'acqua pubblica.

19 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Continuano le prese in giro dei vari governi, alla faccia della volontà popolare.
Nel decreto "Salva Roma", approvato al Senato lo scorso martedì, insime a varie misure di dismissione e privatizzazione di servizi, è prevista la vendita di quote dell'ACEA, la società di gestione dell'acqua pubblica romana.
romanonsivende-2

Lidia Undiemi a confronto con il ministro del lavoro Giovannini

18 Dicembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Bellissimo intervento di Lidia Undiemi a Omnibus, in cui spiega il meccanismo con cui ci stanno impoverendo e privando della rappresentatività, dal punto di vista squisitamente economico.

Bellissima la sua risposta alla domanda "Europa si, o Europa no?". Una Risposta molto vicina al sentire di Coscienze In Rete.

Guardate questo video, e notate la differenza tra la preparazione della Undiemi, e le supercazzole del ministro del lavoro, che riesce addirittua a dire che i soldi che vanno al MES non potrebbero essere spesi in altro modo (una balla epica!). Prova che quando viene concesso il giusto spazio a chi ha argomenti, cervello, e cuore, chi non ne ha è costretto al silenzio, o alla caciara becera.

Undiemi Omnibus

Lidia Undiemi a confronto con il ministro del lavoro Giovannini - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Le cose sono due: O Draghi ci prende in giro, o è incompetente.

17 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

TAMBURRO CONTRO DRAGHIChi segue la situazione con attenzione sa bene che Mario Draghi ci fa. Ovvero assume un'aria di incontestabile autorevolezza per sparare balle catastrofiche e deleterie, per giustificare manovre economiche utili solo ai suoi padroni. Però in questa letterina, Salvatore Tamburro, economista, rende chiaro anche ai più scettici che il presidente della BCE, Mario Draghi, o ci fa, o ci è. Tertium non datur.

DESTINATARIO:
Egr. Presidente Mario Draghi,
presso Eurotower,
Kaiserstraße 29
DE-60311 – Frankfurt am Main,
Deutschland
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le cose sono due: O Draghi ci prende in giro, o è incompetente. - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Una giornata per cambiare

29 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

UnagiornatapercambiareSabato 30 novembre a partire dalle 11.30 presso la Città dell'Altra Economia di Testaccio, a Roma, Daniel Tarozzi e Andrea Degl'Innocenti presentano i loro rispettivi libri "Io faccio così" e "Islanda chiama Italia".

Autori, tematiche e scenari differenti ma legati insieme da un comune messaggio di cambiamento; quel cambiamento messo in atto da chi, dinanzi alla attuale crisi economica, ha deciso di reagire e di riappropriarsi del diritto di decidere sul modo (e sul mondo) in cui vivere.

L'orto sociale che da lavoro ai senzatetto

23 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

orto socialeNel Parco delle Groane (Bollate, Mi) c'è un orto sociale che mette insieme il lavoro retribuito di persone senza dimora. Sarà possibile acquistare gli ortaggi bio coltvati dai senzatetto attraverso la vendita diretta, i Gas e alcuni mercati locali.

L'orto sociale che da lavoro ai senzatetto - 4.8 out of 5 based on 4 votes

Chi deve emettere moneta? Una critica alla MMT

16 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Critica MMTCome ogni teoria che pretenda di fornire soluzioni definitive alla crisi sistemica che viviamo, anche la Mmt (Teoria monetaria moderna) ha le sue criticità. Tra queste una riguarda il perno stesso attorno a cui ruota ogni teoria sulla moneta: a chi deve spettare la titolarità di emetterla? La Mmt, pur condannando i principi monetaristi adottati dall'Unione europea —per cui la Bce deve anzitutto seguire il dogma dell'inflazione zero— difende infatti il modello anglosassone, nelle sue due principali varianti, quella inglese e quella americana — BoE e Fed sono pur sempre espressione di banchieri e azionisti privati.
Da questo primo punto ne deriva evidentemente un secondo —che solleva la questione del debito pubblico e della sua origine. Se l'emissione monetaria spetta ad una banca centrale privata, ne consegue che lo Stato è obbligato a farsi prestare da quest'ultima, al prezzo di un qualche interesse, la moneta necessaria al suo fabbisogno.
Trinca, nel contributo che qui pubblichiamo, contesta alla radice questa tesi e avanza quella che la creazione della moneta debba essere esclusivo monopolio dello Stato.

Chi deve emettere moneta? Una critica alla MMT - 3.8 out of 5 based on 6 votes

Nestlè alla ricerca globale dell'oro liquido

12 Novembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

nestle9 

Al Forum mondiale dell'acqua, tenutosi nei Paesi Bassi nel marzo 2000, il principale argomento all'ordine del giorno fu se l'acqua andasse considerata un 'bisogno' o un 'diritto'. La discussione non fu diretta da funzionari delle Nazioni Unite o di governo, come ci si potrebbe aspettare (e anche se fosse stato così, avremmo molto da ridire, NDR), ma piuttosto da alcune delle più grandi società del mondo.

Una delle più grandi era la Nestlé, che insisteva sulla definizione di acqua come 'necessità'. Nella dichiarazione finale del forum, firmata anche da funzionari governativi si è andato contro l'interesse pubblico, in quanto i governi si sono schierati con le corporazioni (che strano, eh? NDR). Quindi l'acqua è stata etichettata come 'necessità' piuttosto che come 'diritto universale'. Con questo esito, i conglomerati sono stati in grado di trattare la fonte di vita come una merce, sottoponendola esclusivamente alle regole del mercato.

Nestlè alla ricerca globale dell'oro liquido - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Ecco i link per le donazioni a favore dei colpiti dal disastro nelle Filippine

11 Novembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

HaiyanMettiamo qui alcuni link per chi vorrà fare delle donazioni a favore delle popolazioni colpite dal disastroso tifone Haiyan.

Al momento in italia, si sono attivate Caritas e CEI. Altrimenti si possono fare donazioni attraverso altre grandi "charities" internazionali. Purtroppo questi soldi vengono sempre maneggiati da circuiti e strutture appartenenti a piramidi oscure, e quindi non esiste garanzia sull'utilizzo dei fondi. Ecco comunque i link, sperando che i soldi raccolti vadano davvero a chi ne ha bisogno.

 

Ancora privatizzazioni?

11 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Duccio Valori1L'Italia pare incapace di imparare dagli errori del passato. Oggi -con un'analisi di medio-lungo periodo- è possibile apprezzare i limiti dello smantellamento del sistema delle partecipazioni statali, che garantiva occupazione, crescita. Eppure il governo intende continuare lungo la stessa china.
L'analisi di Duccio Valori, già Direttore centrale dell'Iri.

Ancora privatizzazioni? - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Il ministro piazzista, compra gli f35 e gli fa pubblicità nello spot della Lockheed.

08 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Ministro PiazzistaLa notizia ha dell'inverosimile. Il ministro della difesa Mario Mauro partecipa a uno spot della Lockheed per propagandare l'acquisto dei cacciabombardieri F35. Nello spot compare la foto del ministro e la didascalia di una sua tragicomica frase che dice: «To love peace you must arm peace. F35 does that». Cioè: «Per amare la pace, devi armare la pace. L'F35 lo fa».

(Questa è una forma pensiero tremenda, e sbagliata, se vuoi sapere perchè, clicca qui, NDR)

Il ministro piazzista, compra gli f35 e gli fa pubblicità nello spot della Lockheed. - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Nicola e Noemi, dalla città alla permacultura

08 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Io faccio così permacultura1Un'esperienza profondamente diversa. Una scelta di vita un po' estrema (almeno secondo i canoni della società contemporanea).

 

Nicola e Noemi, dalla città alla permacultura - 3.3 out of 5 based on 4 votes

La mappa dei bar senza slot machines!

04 Novembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

CIR SenzaSlotBellissima iniziativa di un gruppo di cittadini di Pavia. Il loro slogan è: "per quelli che pensano che il caffè è più buono se il bar è senza slot!"

Hanno creato un sito (http://www.senzaslot.it/) con una mappa che segnala i bar senza slot machines. Basta inserire la località dove ti trovi, e la mappa segnala quelli più vicini con nome ed indirizzo. La mappa, ovviamente, non è completa, perchè il censimento di tutti questi bar è un lavoro troppo grande e dispendioso per le quattro persone che hanno dato vita al "Collettivo Senza Slot" che poi ha portato alla creazione del sito, ma ce ne sono già moltissimi.

Possiamo contribuire tutti, segnalando noi stessi i bar senza slot che troviamo, in modo che vengano aggiunti alla mappa.

Un'azione pratica che ognuno di noi può fare senza sforzo, e che può aiutare sia noi stessi, che quei proprietari di bar che non cedono alle lusinghe del facile guadagno dall'azzardo, che tanti danni sta facendo alle famiglie italiane.

La mappa dei bar senza slot machines! - 5.0 out of 5 based on 1 vote

L'ITALIA CHE FUNZIONA ESISTE E RESISTE

29 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Dentro la crisi c'è un altro Paese che non molla, ma prova a trasformare la realtà con il proprio impegno e le proprie idee. Lo racconta a Cadoinpiedi.it Daniel Tarozzi che ha girato sette mesi in camper alla ricerca di storie per il suo libro Io faccio cosi (Chiarelettere).

Tarozzi1

L'ITALIA CHE FUNZIONA ESISTE E RESISTE - 3.3 out of 5 based on 3 votes

LA CROAZIA DOPO 12 MESI DALL'INGRESSO NELL'UNIONE EUROPEA, E' TRACOLLATA. ADESSO VUOLE USCIRNE (VIVA)

19 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Croazia AffondaZagabria - A festeggiare, il primo luglio scorso, l'ingresso della Croazia nel club dell'Unione Europea in qualità di ventottesimo membro effettivo fu soprattutto l'élite politico-economica al timone di questa ex-scheggia della defunta Jugoslavia. A partire dalla coalizione di governo progressista al potere da due anni dopo il lungo dominio dei conservatori dell'HDZ per arrivare agli ambienti finanziari legati a doppio filo al mondo austro-tedesco.

L'idea del Fmi: prelievo del 10% su tutti i conti europei

15 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Cir StupidNEW YORK (WSI) – L'idea è sorprendente, ma ciononostante è passata pressoché inosservata, celata tra le righe di un lungo rapporto di economia. Per porre rimedio all'esperimento fallimentare della moneta unica, il Fondo Monetario Internazionale ha aperto alla possibilità che le autorità europee impongano un prelievo forzoso del 10% sui conti correnti di 15 paesi dell'area euro. Tanto ci vorrebbe, secondo i calcoli degli economisti, per riportare il debito sovrano del blocco ai livelli pre crisi.

Zucchero amaro: fermiamo il land grabbing di Pepsi e Coca Cola (VIDEO E PETIZIONE)

07 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

La verità sullo zucchero non è per niente dolce, anzi è molto, molto amara. Troppo spesso lo zucchero contenuto nelle bevande che consumiamo è prodotto da terre ottenute cacciando i contadini e le famiglie che su quelle terre lavoravano e coltivavano il loro cibo.

zucchero amaro1

Zucchero amaro: fermiamo il land grabbing di Pepsi e Coca Cola (VIDEO E PETIZIONE) - 5.0 out of 5 based on 2 votes

NESTLE’ – Breve storia del discutibile colosso

05 Ottobre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Nestlè1DICI NESTLE' E IL PENSIERO VA AL NESQUICK E AL KITECAT O PERCHE' NO AL NESCAFE'...DICI NESTLE' E TI VIENE IN MENTE QUEL BEL CUORICINO ROSA O LE COLOMBINE COSI' CARINE.PECCATO CHE DIETRO CI SIA MOLTO DI PIU'.LA MULTINAZIONALE DEI CEREALI,LATTE,SNACK,PASTA,COSMETICI E ACQUA VANTA PARECCHIE ACCUSE PER VENDITA DI CIBO TRANSGENICO,INQUINAMENTO DEL LATTE,ESPERIMENTI CRIMINALI SU DEI POVERI ANIMALI, NONCHE' PER SCHIAVISMO,SFRUTTAMENTO DEI LAVORATORI E MANODOPERA MINORILE..INSOMMA ALTRO CHE DOLCI, COLOMBINE O CUORICINI QUESTA E' UNA MULTINAZIONALE DA INCUBO.

NESTLE’ – Breve storia del discutibile colosso - 5.0 out of 5 based on 1 vote

L’Università di Atene chiude per i tagli

25 Settembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

ekpaLe catene dell'austerità non servono a ripagare i debiti. Servono a creare condizioni migliori per una ristretta classe dominante. Ignoranza e insicurezza sono le armi con cui gestire le pecorelle europee. Non facciamoci ingannare dai proclami degli economisti di regime. 

Ecco i risultati di ciò che è stato imposto in Grecia, dove il governo non può pagare l'istruzione, ma deve comprare navi da guerra dalla Germania.

L’Università di Atene chiude per i tagli - 5.0 out of 5 based on 1 vote