Economia

Il trattato intrattabile

28 Gennaio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

TTIPDopo lunghe e segrete trattative, l'accordo transatlantico tra Usa e Ue per la liberalizzazione di commercio e investimenti è in dirittura di arrivo. È stato chiamato la Nato del commercio, spalanca le porte alla deregulation e lascia mani libere alle multinazionali.
A Marzo a Bruxelles, poco prima delle elezioni europee di maggio dove c'è il rischio di un'impennata dei partiti euro-scettici, si aprirà il quarto round del mega-negoziato Usa-Ue per arrivare già entro il 2015 a concludere il Ttip (Transatlantic Trade and Investment Partnership), battezzato la Nato del commercio dai suoi numerosi detrattori.

Il trattato intrattabile - 3.8 out of 5 based on 4 votes

Il nuovo crollo dei consumi elettrici

20 Gennaio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Centrale Elettrica2Recentemente, il quotidiano «Il Sole 24 Ore» ha pubblicato un articolo (qui leggibile in versione integrale) in cui si piange per il calo dei consumi elettrici lamentando "[...] il dramma del termoelettrico". Ovvia questa posizione di Confindustria, preoccupata per gli industriali delle centrali termoelettriche, per contro non condivisibile da tutti gli italiani.

Il nuovo crollo dei consumi elettrici - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Porto Tolle: Bene che si paghino i danni, ma...

13 Gennaio 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Porto TolleL'ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) ha quantificato il danno provocato allo stato dalla centrale ad olio dell' Enel a Porto Tolle: 3,6 miliardi di Euro dal 1998 al 2009. La perizia è stata commissionata dall'Avvocatura di Stato per conto dei ministeri dell'ambiente e della salute, parti civili nel processo "Enel-bis".Che lo stato esiga compensazione per procurati dani ambientali, è sacrosanto. Però in questa vicenda ci sono cose che non quadrano. Fondamentalmente, due. 

Porto Tolle: Bene che si paghino i danni, ma... - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Social street Bologna, in via Fondazza l’economia solidale tra vicini di casa

08 Gennaio 2014 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

social-street-BolognaL'esperienza unisce i residenti del centro storico e nasce da un'idea di Federico Bastiani, giornalista e papà. Nata da un gruppo Facebook, ora è una realtà concreta dove cittadini offrono servizi in cambio di aiuto e condivisione

Social street Bologna, in via Fondazza l’economia solidale tra vicini di casa - 3.7 out of 5 based on 3 votes

Il centenario della nascita di Federico Caffè, e i suoi dubbi sull'Europa

07 Gennaio 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

federico-caffeCento anni fa nasceva, e venticinque anni fa spariva Federico Caffè, uno dei più illustri economisti italiani, tra i primi a sviluppare il pensiero di Keynes in Italia. Con lui, spariva l'ultimo uomo con abbastanza autorevolezza e statura morale da poter mettere i bastoni tra le ruote alla formazione di questo tipo di Europa che ci troviamo ora. Venute a mancare le voci autorevoli ed influenti di di Moro e Baffi, Caffè era forse l'ultimo ostacolo all'Euro, per via della sua autorità in materia e della leggendaria rettitudine. Per intenderci, nessun Prodi avrebbe potuto presentarsi alla nazione dicendo che con l'Euro si guadagnava di più e si faticava di meno, se Caffè fosse ancora stato in grado di dire la sua. (E.C.)

Il centenario della nascita di Federico Caffè, e i suoi dubbi sull'Europa - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Ecco come è divisa la ricchezza nel mondo

03 Gennaio 2014 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

CIR ricchi poveriLe cifre riportate in questo video sono sconvolgenti. Perchè non sono inventate. Infatti concordano sostanzialmente con i dati divulgati dall'ONU riportati persino su wikipedia.

Dati che dovrebbero essere ripetuti costantemente dai telegiornali, insegnati nelle scuole, perchè mettono in evidenza tante cose. Per esempio, che la fame nel mondo non dipende dalla scarsezza delle risorse, ma dalla distribuzione e dall'utilizzo.

Il problema non è il pianeta, ma l'uomo e la sua psiche.

Il problema non sono i sistemi economici, ma le coscienze individuali che stanno alla base di qualsiasi relazione tra gli uomini, incluse quelle economiche.

Buona visione

Ecco come è divisa la ricchezza nel mondo - 3.0 out of 5 based on 2 votes

NON SOLO I GIOVANI, SCAPPANO DALL’ITALIA ANCHE I NOSTRI PENSIONATI! NELL’EST EUROPA POSSONO VIVERE MOLTO MEGLIO CHE IN PATRIA

30 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

BulgariaPensioneA rischio povertà in Italia, benestante in Bulgaria. E' il classico pensionato in fuga per la vita, che non cerca i Tropici, ma un rifugio dove invecchiare con serenità. Lo abbiamo scovato in un bar di Sofia. Franco Tenca ha 65 anni, lecchese di Abbadia Lariana, si sente bergamasco visto che 40 anni li ha trascorsi sui camion della Marioboselli Jersey di Sant'Omobono Imagna.

Bankitalia: assemblea a porte chiuse per spartirsi il bottino

28 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

BankitaliaA Palazzo Koch regalo di Natale da 7,5 miliardi alle banche. Soprusi e conflitti di interesse. E l'Italia annaspa.

L'assemblea dei partecipanti di Bankitalia, convocata pochi giorni fa (durante il fine settimana) con metodi carbonari ed al riparo della stampa, forse per potersi spartire meglio il bottino di 7,5 miliardi di euro del Babbo Natale Letta, ricorda la "storia segreta, dove si trovano le vere cause degli avvenimenti, una storia vergognosa" descritta nel 1843 da Honoré de Balzac, un vero intenditore iscritto all'ordine dei Martinisti, una società iniziatica di tipo mistico-esoterico.

Unione Bancaria: è fatta. Ufficializzato il bail-in e il ruolo dell’ESM

20 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

SRMStabilito il meccanismo per il funzionamento del fondo salva banche, che funzionerà col principio del Bail-in, ovvero i primi soldi ad essere utilizzati saranno quelli dei correntisti e degli obbligazionisti della banca, se però non bastasse (i 55 miliardi di Euro in dieci anni non sembrano sufficienti in caso di grandi crolli, specialmente perchè potrebbero avvenire domani, non fra 10 anni), ecco che i soldi arriveranno dall'ESM. Et voilà, il fondo "salva stati" si rivela per quello che è in realtà: un fondo salva banche pagato con le tasse dei cittadini (o con un aumento del debito pubblico).

Morale della favola? Vista l'impossibilità di assicurarsi della stabilità della propria banca, forse sarà meglio depositare i propri risparmi nel caro vecchio materasso, o in una buca in giardino. (E.C.)

Unione Bancaria: è fatta. Ufficializzato il bail-in e il ruolo dell’ESM - 1.0 out of 5 based on 1 vote

Votato trasversalmente in Senato l'emendamento che si fa beffe del referendum sull'acqua pubblica.

19 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Continuano le prese in giro dei vari governi, alla faccia della volontà popolare.
Nel decreto "Salva Roma", approvato al Senato lo scorso martedì, insime a varie misure di dismissione e privatizzazione di servizi, è prevista la vendita di quote dell'ACEA, la società di gestione dell'acqua pubblica romana.
romanonsivende-2

Lidia Undiemi a confronto con il ministro del lavoro Giovannini

18 Dicembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Bellissimo intervento di Lidia Undiemi a Omnibus, in cui spiega il meccanismo con cui ci stanno impoverendo e privando della rappresentatività, dal punto di vista squisitamente economico.

Bellissima la sua risposta alla domanda "Europa si, o Europa no?". Una Risposta molto vicina al sentire di Coscienze In Rete.

Guardate questo video, e notate la differenza tra la preparazione della Undiemi, e le supercazzole del ministro del lavoro, che riesce addirittua a dire che i soldi che vanno al MES non potrebbero essere spesi in altro modo (una balla epica!). Prova che quando viene concesso il giusto spazio a chi ha argomenti, cervello, e cuore, chi non ne ha è costretto al silenzio, o alla caciara becera.

Undiemi Omnibus

Lidia Undiemi a confronto con il ministro del lavoro Giovannini - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Le cose sono due: O Draghi ci prende in giro, o è incompetente.

17 Dicembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

TAMBURRO CONTRO DRAGHIChi segue la situazione con attenzione sa bene che Mario Draghi ci fa. Ovvero assume un'aria di incontestabile autorevolezza per sparare balle catastrofiche e deleterie, per giustificare manovre economiche utili solo ai suoi padroni. Però in questa letterina, Salvatore Tamburro, economista, rende chiaro anche ai più scettici che il presidente della BCE, Mario Draghi, o ci fa, o ci è. Tertium non datur.

DESTINATARIO:
Egr. Presidente Mario Draghi,
presso Eurotower,
Kaiserstraße 29
DE-60311 – Frankfurt am Main,
Deutschland
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le cose sono due: O Draghi ci prende in giro, o è incompetente. - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Una giornata per cambiare

29 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

UnagiornatapercambiareSabato 30 novembre a partire dalle 11.30 presso la Città dell'Altra Economia di Testaccio, a Roma, Daniel Tarozzi e Andrea Degl'Innocenti presentano i loro rispettivi libri "Io faccio così" e "Islanda chiama Italia".

Autori, tematiche e scenari differenti ma legati insieme da un comune messaggio di cambiamento; quel cambiamento messo in atto da chi, dinanzi alla attuale crisi economica, ha deciso di reagire e di riappropriarsi del diritto di decidere sul modo (e sul mondo) in cui vivere.

L'orto sociale che da lavoro ai senzatetto

23 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

orto socialeNel Parco delle Groane (Bollate, Mi) c'è un orto sociale che mette insieme il lavoro retribuito di persone senza dimora. Sarà possibile acquistare gli ortaggi bio coltvati dai senzatetto attraverso la vendita diretta, i Gas e alcuni mercati locali.

L'orto sociale che da lavoro ai senzatetto - 4.8 out of 5 based on 4 votes

Chi deve emettere moneta? Una critica alla MMT

16 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Critica MMTCome ogni teoria che pretenda di fornire soluzioni definitive alla crisi sistemica che viviamo, anche la Mmt (Teoria monetaria moderna) ha le sue criticità. Tra queste una riguarda il perno stesso attorno a cui ruota ogni teoria sulla moneta: a chi deve spettare la titolarità di emetterla? La Mmt, pur condannando i principi monetaristi adottati dall'Unione europea —per cui la Bce deve anzitutto seguire il dogma dell'inflazione zero— difende infatti il modello anglosassone, nelle sue due principali varianti, quella inglese e quella americana — BoE e Fed sono pur sempre espressione di banchieri e azionisti privati.
Da questo primo punto ne deriva evidentemente un secondo —che solleva la questione del debito pubblico e della sua origine. Se l'emissione monetaria spetta ad una banca centrale privata, ne consegue che lo Stato è obbligato a farsi prestare da quest'ultima, al prezzo di un qualche interesse, la moneta necessaria al suo fabbisogno.
Trinca, nel contributo che qui pubblichiamo, contesta alla radice questa tesi e avanza quella che la creazione della moneta debba essere esclusivo monopolio dello Stato.

Chi deve emettere moneta? Una critica alla MMT - 3.8 out of 5 based on 6 votes

Nestlè alla ricerca globale dell'oro liquido

12 Novembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

nestle9 

Al Forum mondiale dell'acqua, tenutosi nei Paesi Bassi nel marzo 2000, il principale argomento all'ordine del giorno fu se l'acqua andasse considerata un 'bisogno' o un 'diritto'. La discussione non fu diretta da funzionari delle Nazioni Unite o di governo, come ci si potrebbe aspettare (e anche se fosse stato così, avremmo molto da ridire, NDR), ma piuttosto da alcune delle più grandi società del mondo.

Una delle più grandi era la Nestlé, che insisteva sulla definizione di acqua come 'necessità'. Nella dichiarazione finale del forum, firmata anche da funzionari governativi si è andato contro l'interesse pubblico, in quanto i governi si sono schierati con le corporazioni (che strano, eh? NDR). Quindi l'acqua è stata etichettata come 'necessità' piuttosto che come 'diritto universale'. Con questo esito, i conglomerati sono stati in grado di trattare la fonte di vita come una merce, sottoponendola esclusivamente alle regole del mercato.

Nestlè alla ricerca globale dell'oro liquido - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Ecco i link per le donazioni a favore dei colpiti dal disastro nelle Filippine

11 Novembre 2013 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

HaiyanMettiamo qui alcuni link per chi vorrà fare delle donazioni a favore delle popolazioni colpite dal disastroso tifone Haiyan.

Al momento in italia, si sono attivate Caritas e CEI. Altrimenti si possono fare donazioni attraverso altre grandi "charities" internazionali. Purtroppo questi soldi vengono sempre maneggiati da circuiti e strutture appartenenti a piramidi oscure, e quindi non esiste garanzia sull'utilizzo dei fondi. Ecco comunque i link, sperando che i soldi raccolti vadano davvero a chi ne ha bisogno.

 

Ancora privatizzazioni?

11 Novembre 2013 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Duccio Valori1L'Italia pare incapace di imparare dagli errori del passato. Oggi -con un'analisi di medio-lungo periodo- è possibile apprezzare i limiti dello smantellamento del sistema delle partecipazioni statali, che garantiva occupazione, crescita. Eppure il governo intende continuare lungo la stessa china.
L'analisi di Duccio Valori, già Direttore centrale dell'Iri.

Ancora privatizzazioni? - 5.0 out of 5 based on 1 vote