Zimbabwe: un numero crescente di agricoltori sta tornando all'uso di semi indigeni

seedsafricaPersone, non catene di produzione. Fattorie, non fabbriche. Dalle distese di ghiaccio della Svezia settentrionale alle profondità della foresta pluviale amazzonica, le seguenti storie raccontano di uomini, donne e famiglie che forniscono il 70% del cibo mondiale. Sfidano il mito che abbiamo bisogno dell'agricoltura industriale per nutrire una popolazione in aumento...

(foto di Pieter Hugo)

 

Quando Benedict Muzenda ei suoi vicini erano bambini, a ottobre terminavano gli esami scolastici in modo che potessero tornare a casa per trascorrere le estati diserbando i campi e prepararli per il raccolto a gennaio.

Ora le piogge non arrivano sempre più tardi, i campi sono si fanno sempre più aridi e il raccolto si fa più tardi. La siccità annuale in questa parte del sud dello Zimbabwe significa che gli agricoltori sono alla ricerca di nuovi modi per produrre cibo, cercando soluzioni nei metodi collaudati in passato.

Il Muonde Trust, nella regione di Mazvihwa, è un crescente movimento di agricoltori africani che stanno cercando di riportare in uso i loro semi indigeni. Questi semi offrono una resilienza molto maggiore di fronte ai cambiamenti climatici. Le colture come il sorgo e il miglio a grappolo che popolavano queste valli molto prima che il mais venisse introdotto sono più adatte a resistere a lunghi periodi senza acqua. Sono anche adattati alle condizioni del suolo locale nelle valli secche dello Zimbabwe.

Come spiegano gli anziani locali, questi sono i cereali benedetti dagli "spiriti della terra" e in grado di nutrire la comunità locale molto meglio dei semi ibridi industriali che hanno dominato il paesaggio africano negli ultimi 40 anni.

Vota questo articolo
(2 Voti)
Zimbabwe: un numero crescente di agricoltori sta tornando all'uso di semi indigeni - 5.0 out of 5 based on 2 votes