PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

IOR: brutale scontro in Vaticano – arrestato il capro espiatorio dei Vatileaks?

  • Politica
  • IOR: brutale scontro in Vaticano – arrestato il capro espiatorio dei Vatileaks?

Il gesuita portavoce del Vaticano, Padre Lombardi, comunica che è stato arrestato dalla gendarmeria vaticana il “corvo” che faceva uscire documenti riservati e scottanti dagli appartamenti del Papa. Sarebbe un suo cameriere personale, Paolo Gabriele, secondo Il Foglio. Che ci informa anche del fatto che pare sia persona semplice e devota, incapace di ordire trame così complesse. Probabilmente il classico “capro espiatorio”.

Ma non finisce qui: nel corso della stessa presunta operazione “pulizia”, il presidente Ettore Gotti Tedeschi è stato ieri sfiduciato dal consiglio di sovrintendeiornza dell’Istituto per le Opere di Religione, cioè lo Ior, la “banca” del Vaticano che presiedeva dal 2009. Motivazioni della sfiducia sono: ”Per non avere svolto varie funzioni di primaria importanza per il suo ufficio” come si legge nella nota diffusa dal Vaticano. Frasi che in Vaticano sono di una insolita brutalità. A dimostrazione di uno scontro feroce nelle ovattate stanze di oltretevere.

Ma cosa succede? Il passaggio di poteri da una piramide di potere all’altra, in corso in tutto il mondo, ovviamente avviene anche in Vaticano. Che è uno degli anelli più sensibili ed importanti della catena di potere mondiale. Ad un equilibrio più “opusdeista” si sostituisce un potere più “gesuitico”. Ed i precisi riflessi li abbiamo già visti anche a livello di governo in Italia. Con il passaggio da Berlusconi a Monti.

Non casuale nemmeno che anche in Vaticano sia stata praticata una specie di strategia della tensione per accelerare le decisioni, con la pubblicazione di scandali interni sui giornali. I “Vati-leaks”.

Ma dal punto di vista della spiritualità non cambia nulla purtroppo: poca ce n’era prima e poca ce n’è adesso.. se ne è rimasta. Ce n’è ancora in pochi preti coraggiosi sparsi nei territori ed immersi nel compito sacrosanto di aiutare la gente e la società. Non certo nella curia e nelle lussuosissime stanze imperiali vaticane. E ce n’è tantissima che si sta sviluppando liberamente nel movimento del risveglio… fuori da qualsiasi Chiesa di potere…

Noi con chi stiamo? Non c’è dubbio: delle fazioni curiali non ce ne importa nulla. Noi stiamo con i preti bravi e coraggiosi e con le spiritualità libere.

inquisizionePs1: Ora cosa staranno facendo i gendarmi vaticani al povero cameriere?

Una volta l’Inquisizione metteva l’interrogando sulla famigerata “ruota”, o altre delizie del genere.

Poi c’era ancora la pena di morte in Vaticano. Ma mi rassicurano: l’hanno tolta qualche anno fa (nel 2001!)

Lo licenzieranno e lo sbatteranno fuori dalle sacre porte, come minimo… Molti religiosi dissenzienti negli ultimi anni hanno subito questo trattamento caritatevole.

Ps2: Il brillante Padre Lombardi era anche quel direttore di Radio Vaticana che non sembrava granchè interessato e compassionevole per il tasso di tumori provocato dalle sue antenne alla popolazione di Cesano. Le antenne sono ancora lì, ed anche la povera popolazione… Su questo vedi l’articolo: http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_novembre_24/brogi-radio-vaticana-nuova-firme%20-1902293901756.shtml

Ma Gesù non diceva “Lasciate che i bimbi vengano a me?” Non ci pare fosse per riempirli di onde dannose…

Forse basterebbe un po’ più di amore…

cuoreali




condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel