PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Ambiente, salute e portafoglio – Il costo nascosto dell’insalata pronta.

  • Agricoltura
  • Ambiente, salute e portafoglio – Il costo nascosto dell’insalata pronta.

Oltre alla perdita di freschezza e il costo molto superiore al prodotto fresco, l’insalata in busta è uno dei prodotti meno sostenibili che troviamo oggi al supermercato.

Si presenta in comode confezioni dal prezzo apparentemente conveniente: 0.99 per rucola pronta all’uso, 1.49 per l’insalatina formato famiglia – già lavata, tagliata e asciugata. Ma se prestiamo attenzione al prezzo, potremo notare come si paghi almeno 10 euro al kg, ovvero 7-8 volte in più del prodotto sfuso.

Eppure le vendite di frutta e verdura di quarta gamma, sono in costante crescita. Si arriva all’arancia già sbucciata e confezionata, o le uova sode già pronte…ma come tanto cibo a basso costo, la quarta gamma nasconde un prezzo salato che noi tutti paghiamo:  non solo hanno una scarsa capacità di nutrirci veramente bene (clicca qui per approfondire),ma hanno un impatto negativo sull’ambiente.

Basta andare nella in provincia di Salerno, tra Eboli e Battipaglia per capirlo. Se si attraversano i viadotti dall’autostrada Salerno Regio Calabria quest’area sembra un’unica palude di plastica con 7000 ettari di serre, in cui vengono cresciute le nostre insalate e rucole tutto l’anno, una produzione tra l’altro fortemente sostenuta dai fondi europei che finanziano al 70% la costruzione delle serre o il 90% se sono destinate al bio.

Accanto alle serre ci sono gli stabilimenti per la lavorazione, perché, ovviamente l’insalata non cresce pulita e imbustata, ma va lavata. Quanta acqua si consuma? Tra i 5 e i 10 litri per chilo di prodotto prima del taglio, a cui va aggiunto altri tre / quattro litri dopo il taglio.

All’acqua utilizzata dobbiamo aggiungere il costo energetico dalla refrigerazione delle celle lungo la catena del freddo fino ad arrivare ai potenti frigo nei supermercati.

E poi c’è la plastica. Il consumatore spende ameno dieci euro al chilo per insalata e soprattutto per la confezione di plastica (in alcuni casi due, vaschetta con plastica più copertura). Involucri che finiscono nella spazzatura. Tra imballaggi e confezioni di vario genere i numeri sono impressionanti: in Italia ogni anno vengono prodotti 35 chili di rifiuti di plastica a persona. A livello globale – secondo lo studio della Scientific Report – se ne consumano 320 milioni di tonnellate.

Pensiamoci: lavarsi e asciugarsi l’insalata da soli non è un dispendio di tempo ed energie così grande da giustificare questi sprechi, basta lasciarla a mollo senza esagerare con la quantità d’acqua. Cerchiamo di mettere maggiore coscienza in quello che compriamo e consumiamo, per la nostra salute e per il nostro futuro. Siamo noi a decidere le regole del mercato.

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel