PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Una nuova ricerca collega cinque semplici scelte di stile di vita a un rischio ridotto del 60% di sviluppare l’Alzheimer

  • Salute
  • Una nuova ricerca collega cinque semplici scelte di stile di vita a un rischio ridotto del 60% di sviluppare l’Alzheimer

Tutti sanno che uno stile di vita sano significa mangiare frutta e verdura e fare molta attività fisica, ma una nuova ricerca afferma che potrebbe avere un impatto molto più drammatico sulla nostra salute cognitiva di quanto pensassimo in precedenza.

Il mese scorso, alcuni ricercatori hanno presentato un nuovo studio alla Conferenza internazionale dell’Associazione Alzheimer di Los Angeles, su come cinque particolari scelte di stile di vita fossero collegate a una riduzione del 60% del rischio di sviluppare la malattia. In effetti, il rapporto compilato afferma che l’adozione di già quattro i queste cinque scelte ha mantenuto la stessa riduzione del 60%.

I fattori inclusi nello studio sono:

  • fare 150 minuti fisica di attività a settimana (da moderata a vigorosa)
  • non fumare
  • limitare il consumo di alcol
  • fare attività di stimolazione cognitiva (come puzzle o altre attività di risoluzione dei problemi)
  • attenersi a una “buona dieta” (principalmente verdure, noci, frutti di bosco, fagioli, cereali integrali, frutti di mare, pollame e olio d’oliva, evitando pasticcini, dolci, cibi fritti e troppa carne rossa o grassi saturi).

I ricercatori del Rush University Medical Center di Chicago erano fiduciosi del fatto che ci sarebbe stato un legame tra i diversi stili di vita e i risultati cognitivi, ma il co-autore e il professore Klodian Dhana hanno affermato che erano tutti scioccati dalla “grandezza dell’effetto”.

Non tutti i partecipanti allo studio sono stati rigorosi nell’adottare tutte e cinque le abitudini elencate nel corso dei 6-9 anni di ricerca – e questo ha rivelato un’altra statistica promettente: per coloro che hanno aggiunto solo una delle scelte di vita più sane alla norma, il rischio di demenza diminuito del 22%.

Anche per la maggior parte delle persone con una predisposizione genetica alla demenza, uno stile di vita sano può essere ugualmente protettivo. Questo secondo uno studio separato di oltre 200.000 persone pubblicato su JAMA nello stesso giorno.

Non dimenticare di mangiare mirtilli e funghi

Tra gli elementi di stile di vita che sono stati tracciati, probabilmente il più interessante è il cibo che scegliamo di mangiare. Nei prossimi decenni, il famoso ritornello “ricordati di mangiare più verdure” potrebbe diventare “ricordati di assumere più polifenoli e fitonutrienti”: la ricerca scientifica ha dimostrato infatti che queste componenti a base vegetale sono di enrome ausilio alle nostre funzioni cerebrali.

Ad esempio, questo studio del 2016 presentato su GNN ha scoperto che i mirtilli aiutano a respingere l’Alzheimer grazie ai loro flavonoidi fitonutrienti, chiamati antociani.

“Il gruppo dei mirtilli ha dimostrato un netto miglioramento della memoria e un migliore accesso a parole e concetti”, ha affermato Robert Krikorian, leader del gruppo di ricerca. “I nostri nuovi risultati confermano quelli dei precedenti studi sugli animali e di alcuni studi preliminari sull’uomo, aggiungendo ulteriore supporto all’idea che i mirtilli possono avere un reale beneficio nel migliorare la memoria e la funzione cognitiva in alcuni adulti più anziani.”

Un altro studio presentato su GNN nel 2018 ha scoperto che la combinazione di mirtilli e uva ha portato anche a sorprendenti miglioramenti nella memoria, nel riconoscimento spaziale e nelle capacità di apprendimento. Questo perché i due frutti, ricchi di polifenoli, combinati insieme se,brano dare una maggiore spinta rispetto all’utilizzo esclusivo dell’uno o dell’altro.

E poi c’è l’ergotioneina, o ET: un composto trovato nei funghi che è anche un protettore della funzione cognitiva. Invece di scongiurare l’Alzheimer, tuttavia, protegge contro il decadimento cognitivo lieve. Tuttavia, un team della Yong Loo Lin School of Medicine dell’Università Nazionale di Singapore  ha scoperto che gli anziani che consumano più di due porzioni di funghi ogni settimana mostravano una riduzione delle probabilità di sperimentare un declino mentale fino al 50% .

Un’altra scelta: il filo interdentale?

C’è anche un legame tra la gengivite e l’Alzheimer. Il ricercatore Piotr Mydel dell’Università di Bergen “ha scoperto la prova basata sul DNA che i batteri che causano la gengivite possono spostarsi dalla bocca al cervello.” Una volta nel cervello, i batteri espellono le tossine che uccidono le cellule nervose cerebrali.

Mentre questi batteri non causano direttamente l’Alzheimer, la loro presenza nel cervello aumenta il rischio di sviluppare la malattia e può provocare un esordio più rapido per le persone che sono già a rischio.

Un altro modo per aumentare le difese contro la demenza è l’utilizzo di cruciverba o di quiz per esercitare la materia grigia.

Quando il diciassettenne John Frates si rese conto che sua nonna stava avendo difficolta con i cruciverba che aveva sempre amato, ha creato un libro di puzzle a caratteri grandi per ammorbidire gli effetti della sua demenza. John ha quindi condotto uno studio scientifico su come le ricerche di parole potrebbero aiutare i pazienti anziani con demenza e ha presentato i suoi risultati alla Conferenza dell’American College of Lifestyle Medicine nel 2017, suggerendo che anche coloro che hanno già notato segni di declino cognitivo possono continuare a “fare questi esercizi mentali, con un piccolo aiuto.”

Sentiamo tutti questi promemoria da medici e genitori: mangia frutta e verdura … non dimenticare di usare il filo interdentale … Fai un po’ di esercizio. È bello sapere che questi sono tutti in linea con l’attuale ricerca sull’Alzheimer.

Se prestiamo attenzione anche al piano spirituale e non solo quello fisico, queste scelte possono essere ancora migliori.
In passato abbiamo spiegato quanto è importante scegliere cibi per nutrire bene non solo il nostro corpo, ma anche la nostra coscienza. Leggi l’articolo qui.

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel