Spiritualità http://www.coscienzeinrete.net Fri, 23 Aug 2019 23:11:03 +0000 Joomla! - Open Source Content Management it-it 7 amiche comprano casa per vivere (e invecchiare) insieme http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3577-7-amiche-comprano-casa-per-vivere-e-invecchiare-insieme http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3577-7-amiche-comprano-casa-per-vivere-e-invecchiare-insieme

Chi non la vorrebbe una casa dei sogni dove invecchiare con le proprie migliori amiche? Ebbene 7 ragazze, con questo sogno nel cassetto, lo hanno esaudito ristrutturando una villa di 700 metri quadrati, situata in un villaggio naturale non troppo distante da Guangzhou.

di Laura De Rosa

7amiche

Le ragazze sono amiche del cuore da una vita e colleghe di lavoro, così unite da considerarsi sorelle. L’idea di condividere tutte insieme lo stesso tetto non è di oggi, ci pensarono per la prima volta nel 2008, e ora finalmente sono riuscite a trasformarla in realtà.

A riportare la storia è stato il Daily Mail e su Youtube, in un video, una delle amiche racconta che all’inizio era solo uno scherzo, svelando che la casa in origine era una catapecchia, trasformata grazie al loro intervento, e a mezzo milione di euro, in una villa meravigliosa.

{youtube}Rqt2rZ99X4U{/youtube}

Oggi la casa, che ha pareti di vetro per ammirare il paesaggio circostante, include una stanza per il tè, una cucina rurale, un soggiorno, una piscina, una stanza per ciascuna di loro e qualunque altro comfort.

E non sono sole le 7 amiche, alcune hanno figli, e hanno deciso di portarli a vivere in questa grande famiglia allargata, che di certo non li farà sentire soli e avrà molto da insegnargli. In primis, oltre alla condivisione, il potere dell’amicizia!

Fonte: https://www.greenme.it/abitare/amiche-casa-invecchiare-insieme/

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Wed, 21 Aug 2019 09:10:59 +0000
Due pensieri di Aïvanhov sul male - viene più da noi stessi che non dagli altri http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3493-due-pensieri-di-aivanhov-sul-male-viene-piu-da-noi-stessi-che-non-dagli-altri http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3493-due-pensieri-di-aivanhov-sul-male-viene-piu-da-noi-stessi-che-non-dagli-altri

candle"Alla minima contrarietà, ecco che nella maggior parte delle persone si mette in moto tutto un meccanismo interiore: per loro qualunque occasione è valida per rimuginare pensieri e sentimenti di irritazione, di collera, di ostilità e di rivolta. Tutto ciò che gli altri fanno viene giudicato in funzione dei propri desideri e delle proprie aspettative, e allora guai a coloro che non rispondono a quelle aspettative! Non solo li si biasima, ma inoltre si attribuisce loro ogni sorta di intenzioni malevole...

Non ci si domanda se quelle persone fossero occupate o trattenute altrove, se avessero delle preoccupazioni, se fossero malate, e se la loro condotta potesse essere giustificata vista la situazione in cui si trovavano. Perché porsi simili domande? Si preferisce interpretare il loro comportamento come un affronto personale. Gli esseri umani staranno molto meglio quando si renderanno conto che il male maggiore non viene loro dagli altri, ma da essi stessi, perché non smettono mai di ascoltare la propria natura inferiore. La natura inferiore, talmente nevralgica, alla minima occasione si nutre di idee false e di credenze erronee, ed è proprio di lei che devono anzitutto diffidare."

-------------------------------

Considerando il bene e il male come avversari irriducibili, l’essere umano è perennemente combattuto fra i due, e non sa come ritrovare quell'unità che fa di lui un essere forte e padrone di tutte le situazioni. Direte: «Ma non possiamo farci niente! La realtà è questa: siamo come presi tra le forze del bene e quelle del male…» Finché sarete sulla terra avrete questo problema da risolvere e, per poterlo risolvere, eccovi un metodo fra tanti altri: imparate a rispondere alle entità tenebrose che vogliono irretirvi. Ma non rispondete mai a quelle entità con la violenza, poiché questo non farebbe che rafforzarle. Quando le sentite avvicinarsi sotto forma di tentazioni, di cattivi pensieri e cattivi sentimenti, non insorgete contro di esse! Dite invece a quelle entità che siete incantati della loro venuta e, per accoglierle, portate la luce, accendete tutte le vostre lampade interiori: quei visitatori si daranno immediatamente alla fuga perché sono brutti e mal vestiti, e non vogliono essere visti! Sì, solo la luce in voi può essere una risposta agli spiriti del male. Voi non li affrontate: portate semplicemente la luce. Ed è grazie alla luce che ogni giorno avanzerete sempre più sul cammino dell’unità interiore.

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Noi ci troviamo d'accordo con questa visione del Male, volendo solamente aggiungere una piccola nota, un'azione in più ma di grande efficacia: usiamo quella luce per metterla a disposizione di chi intorno a noi ne ha bisogno! Sarà infatti grazie a quello sforzo di amore, di condivisione della nostra luce, che terremo alla giusta distanza quelle entità oscure, così affamate della nostra psiche e delle nostre energie vitali.

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Fri, 19 Apr 2019 10:16:20 +0000
Coscienzeinrete a Torino 15-19 maggio 2019: 3 eventi per alimentare il messaggio rivoluzionario e positivo della coscienza http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3468-coscienzeinrete-a-torino-15-19-maggio-2019-3-eventi-per-alimentare-il-messaggio-rivoluzionario-e-positivo-della-coscienza http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3468-coscienzeinrete-a-torino-15-19-maggio-2019-3-eventi-per-alimentare-il-messaggio-rivoluzionario-e-positivo-della-coscienza

cirtorino

TORINO

PROGRAMMA EVENTI:



Meroledì 15 Maggio

Conferenza con Fausto Carotenuto a Torino ore 20,30:

LA GUERRA MONDIALE DELLE FORME PENSIERO

ci siamo dentro anche se non ce ne accorgiamo

Le dinamiche profonde dell’attualità sviluppate da un esperto di politica internazionale e di politica spirituale

 E’ il conflitto più importante in corso nel Mondo.

 E le principali parti in lotta non sono gli stati o gruppi terroristici,

 ma da una parte i poteri di manipolazione anticoscienza mondialistici, e dall’altra – come vittime designate – le nostre coscienze.

 E i campi di battagli non sono le città, i territori, la finanza, le risorse… Ma la nostra psiche.

 Rendersi conto dei termini di questa guerra ed agire di conseguenza significa vincere.

Luogo: Spazio Uno Uno Editori, Via Odoardo Tabacchi 33 Torino

Informazioni Segreteria Piemonte: 333 2014687 – 338 3880176   Coscienze In Rete Torino email: info.coscienzeinrete.to@gmail.com

 Per Tutte le Informazioni CLICCA QUI



Giovedì 16 maggio

Conferenza con Fausto Carotenuto a Torino ore 20,30:

“VIVERE IL QUI E ORA” VA BENE…. MA PER FARE CHE?

Grande l’importanza del momento presente. Ma da dove viene questo momento, e dove vuole andare…momento per momento per ognuno di noi?

Cosa ci chiama a fare e perché?

E’ una casualità, una maledizione, una sfida, una opportunità?

Dipende solo da noi sprecarlo o trasformarlo nell’oro della nostra crescita.

Luogo: Sala Poli c/o Centro Studi sereno Regis, via G. Garibaldi 13, Torino

Ingresso su prenotazione, contributo spese di 10 euro

Informazioni e Iscrizioni presso il CENTRO DI ARMONIA Tel. 011/9874917

e.mail:info@centroarmoniavalgomio.it



Sabato 18 e Domenica 19 maggio :

Seminario con Fausto Carotenuto a Moncucco Torinese:

PREGARE

Cosa significa per uno spirito libero

Un seminario di preghiera, sul senso del pregare e sulle preghiere

 
perché non sia solo un vago impulso, una sognante speranza,

 
ma una azione forte, matura, consapevole ed efficace della nostra coscienza

Luogo: Cascina Valgomio - Frazione Barbaso - 14024 Moncucco T.Se (Asti)

 

Contributo al Seminario € 160 - iscrizioni previo acconto di € 80
In caso di impossibilità a partecipare l’acconto non sarà rimborsato.

 

Ospitalità al Centro di Armonia:  su prenotazione il centro offre l’ospitalità vitto/alloggio,
Trattoria di Campagna con cucina naturale/vegetariana/vegana

 

Informazioni e Iscrizioni Tel. 338 3880176  e.mail: info@centroarmoniavalgomio.it

 

CENTRO DI ARMONIA - Cascina Valgomio - Frazione Barbaso - 14024 Moncucco T.Se (Asti)

 

Associazione Culturale di Promozione Sociale senza fini di lucro,
Quota associativa annuale 15 Euro (solo se sprovvisti)

 

Tutte le informazioni: https://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/42-pregare-cosa-significa-oggi-per-uno-spirito-liber

 

 

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Thu, 21 Mar 2019 12:25:48 +0000
Coscienzeinrete in Veneto 23-29 maggio 2019: 6 eventi per alimentare il messaggio rivoluzionario e positivo della coscienza http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3467-coscienzeinrete-in-veneto-24-29-maggio-2019-5-eventi-per-alimentare-il-messaggio-rivoluzionario-e-positivo-della-coscienza http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3467-coscienzeinrete-in-veneto-24-29-maggio-2019-5-eventi-per-alimentare-il-messaggio-rivoluzionario-e-positivo-della-coscienza

cirvenetosito

UDINE - ROVIGO - ALBIGNASEGO - TREVISO - BASSANO - FELTRE

PROGRAMMA EVENTI:


Giovedì 23 Maggio

Conferenza a UDINE ore 20,30:

 

LA GUERRA MONDIALE DELLE FORME PENSIERO

ci siamo dentro anche se non ce ne accorgiamo

Le dinamiche profonde dell’attualità sviluppate da un esperto di politica internazionale e di politica spirituale

 E’ il conflitto più importante in corso nel Mondo.

 E le principali parti in lotta non sono gli stati o gruppi terroristici,

 ma da una parte i poteri di manipolazione anticoscienza mondialistici, e dall’altra – come vittime designate – le nostre coscienze.

 E i campi di battagli non sono le città, i territori, la finanza, le risorse… Ma la nostra psiche.

 Rendersi conto dei termini di questa guerra ed agire di conseguenza significa vincere.

 

Presso la Libreria Perlanima, Via Tiberio Deciani 27, 33100 Udine

Info e prenotazioni: tel 0432 1482067 o http://www.libreriaperlanima.it/contatti_libreria/

 

 


Venerdì 24 Maggio

Conferenza a Rovigo ore 20,30:

 

LA GUERRA MONDIALE DELLE FORME PENSIERO

ci siamo dentro anche se non ce ne accorgiamo

Le dinamiche profonde dell’attualità sviluppate da un esperto di politica internazionale e di politica spirituale

 E’ il conflitto più importante in corso nel Mondo.

 E le principali parti in lotta non sono gli stati o gruppi terroristici,

 ma da una parte i poteri di manipolazione anticoscienza mondialistici, e dall’altra – come vittime designate – le nostre coscienze.

 E i campi di battagli non sono le città, i territori, la finanza, le risorse… Ma la nostra psiche.

 Rendersi conto dei termini di questa guerra ed agire di conseguenza significa vincere.

 

Presso il Centro Olistico Arbor Vitae, Boara Pisani (Rovigo) Via I Maggio 49, A fianco al Bar Regina di Cuori

 Informazioni: 0763 627199 o info@querciacalante.com

 Per Tutte le Informazioni CLICCA QUI



Sabato 25 maggio

Seminario a Rovigo ore 9,30 - 17,00:

PREGARE

Cosa significa per uno spirito libero

Un seminario di preghiera, sul senso del pregare e sulle preghiere

 
perché non sia solo un vago impulso, una sognante speranza,

 
ma una azione forte, matura, consapevole ed efficace della nostra coscienza

Presso il Centro Olistico Arbor Vitae, Boara Pisani (Rovigo) Via I Maggio 49, A fianco al Bar Regina di Cuori


Informazioni: 0763 627199 o
info@querciacalante.com

 
Per Tutte le Informazioni CLICCA QUI

 

 

Conferenza ad Albignasego ore 20,30:

“MI TROVO BLOCCATO, COME CHIUSO IN UNA GABBIA DI INSODDISFAZONI…”

Perché? Come uscirne?

Tutti prima o poi si trovano, più di una volta nella vita, in questa situazione opprimente.

Questo avviene per caso oppure vuole indicarci delle precise direzioni di azione, alla nostra portata,

che possiamo trasformare in crescita ed in Bene per noi e per gli altri? E come si fa?

Presso Associazione Lambarené, Via L. da Zara 42 - 35020 Albignasego (PD)

Informazioni: 340 3042410 o info@lambarene.it

Per Tutte le Informazioni CLICCA QUI

 

 



Domenica 26 maggio :

Conferenza a Treviso ore 20,30:

LA CRESCITA SPIRITUALE OGGI

le vie, le trappole e la strada maestra dello Sviluppo della Coscienza

Nell’epoca del crollo delle tradizioni, della credibilità di antiche religioni e istituzioni, si affaccia una spiritualità nuova,

che emerge liberamente dal profondo di ogni persona. Si tratta di un fenomeno casuale oppure di un passo fondamentale nella via maestra della evoluzione umana?

E in base a quali forze, e superando quali ostacoli, questa nostra rivoluzione spirituale riuscirà a realizzarsi ?

Quale il nostro bellissimo compito, quello che veramente possiamo realizzare nella nostra vita per nostro Bene e per il Bene di tutti?

Presso Associazione Libero Fluire, Via G.Garibaldi 20 - Quinto di Treviso (dietro vivai Vanin)

Informazioni: 340 3962154 o info@querciacalante.com


Per Tutte le Informazioni CLICCA QUI

 


 

Lunedì 27 maggio :

Conferenza a Bassano Del Grappa ore 20,30:

“MI TROVO BLOCCATO, COME CHIUSO IN UNA GABBIA DI INSODDISFAZONI…”

Perché? Come uscirne?

Tutti prima o poi si trovano, più di una volta nella vita, in questa situazione opprimente.

Questo avviene per caso oppure vuole indicarci delle precise direzioni di azione, alla nostra portata,

che possiamo trasformare in crescita ed in Bene per noi e per gli altri? E come si fa?

Luogo: Ridotto Remondini, via Ss. Trinità, 8

Informazioni: 340 8629813 o info@querciacalante.com

Per Tutte le Informazioni
CLICCA QUI


Martedì 28 maggio :

Conferenza a Feltre ore 20,30:

“VIVERE IL QUI E ORA” VA BENE…. MA PER FARE CHE?

Grande l’importanza del momento presente. Ma da dove viene questo momento, e dove vuole andare… momento per momento per ognuno di noi?

Cosa ci chiama a fare e perché?

E’ una casualità, una maledizione, una sfida, una opportunità?

Dipende solo da noi sprecarlo o trasformarlo nell’oro della nostra crescita.

Luogo: ll Tasso, Via Menin, Menin di Cesiomaggiore (Feltre)

per informazioni: 0763 627199, oppure info@querciacalante.com

Per Tutte le Informazioni CLICCA QUI


 

Fausto Carotenuto: Ricercatore spirituale, opinionista, scrittore e fondatore della Accademia di Studi Spirituali di Coscienze in Rete, del Magazine online www.coscienzeinrete.net e del movimento spirituale Coscienze in Rete.

Libri di Fausto Carotenuto: La Preghiera – il Ternario; Corpo Anima e Spirito – il Ternario; Cos’è il Karma – il Ternario; La vita ha un senso profondo e positivo – il Ternario; Il mistero della situazione internazionale – Uno Editori

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Thu, 21 Mar 2019 11:18:26 +0000
Coscienzeinrete a Milano 10-12 maggio 2019: 4 eventi per alimentare il messaggio rivoluzionario e positivo della coscienza http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3464-coscienzeinrete-a-milano-10-12-maggio-2019-4-eventi-per-alimentare-il-messaggio-rivoluzionario-e-positivo-della-coscienza http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3464-coscienzeinrete-a-milano-10-12-maggio-2019-4-eventi-per-alimentare-il-messaggio-rivoluzionario-e-positivo-della-coscienza

Scorri in basso per maggiori dettagli

CIR MILANO 2019

MILANO

Presso lo Spazio Tadini  

Via Niccolò Jommelli 24 - Milano

PROGRAMMA EVENTI con Fausto Carotenuto:


Venerdì 10 maggio

Conferenza: ore 20,30:

 

“VIVERE IL QUI E ORA” VA BENE…. MA PER FARE CHE?

 

Grande l’importanza del momento presente. Ma da dove viene questo momento, e dove vuole andare… momento per momento per ognuno di noi?

Cosa ci chiama a fare e perché?

E’ una casualità, una maledizione, una sfida, una opportunità?  

Dipende solo da noi sprecarlo o trasformarlo nell’oro della nostra crescita.

 


Sabato 11 maggio

Conferenza ore 20,30:

 

“MI TROVO BLOCCATO, COME CHIUSO IN UNA GABBIA DI INSODDISFAZONI…”

Perché? Come uscirne?

tutti prima o poi si trovano, più di una volta nella vita, in questa situazione opprimente.

Questo avviene per caso oppure vuole indicarci delle precise direzioni di azione, alla nostra portata,

che possiamo trasformare in crescita ed in Bene per noi e per gli altri? E come si fa?


Domenica 12 maggio :

Seminario ore 9,30-13,00:

 

AFFERRARE IL SENSO PROFONDO DELL’ESISTENZA,

 

E DELLA PROPRIA VITA IN PARTICOLARE,

 

PER DARLE UNA DIREZIONE VALIDA, FORTE, COSTRUTTIVA

La vita può apparire come una successione di eventi casuali, privi di senso,

che ci trascina attraverso ondate di eventi e di sentimenti felici, ma più spesso dolorosi…

Oppure come un sensato, fattivo, artistico laboratorio del Bene, della sicurezza, della consapevolezza, della quiete interiore.

Nel quale noi possiamo essere utilmente e serenamente attivi.

Dipende solo da noi che sia in un modo o nell’altro.

Conferenza ore 20,30:

 

LA GUERRA MONDIALE DELLE FORME PENSIERO

 

ci siamo dentro anche se non ce ne accorgiamo

 

E’ il conflitto più importante in corso nel Mondo.

E le principali parti in lotta non sono gli stati o gruppi terroristici,

ma da una parte i poteri di manipolazione anticoscienza mondialistici, e dall’altra – come vittime designate – le nostre coscienze.

E i campi di battagli non sono le città, i territori, la finanza, le risorse… Ma la nostra psiche.

Rendersi conto dei termini di questa guerra ed agire di conseguenza significa vincere.

 

 

per prenotare e per informazioni: 0763 627199, oppure info@querciacalante.com

Costi: Gli eventi non hanno un costo, ma verranno da ognuno liberamente apprezzati in modo anonimo ed in busta chiusa in base a quanto ognuno ritiene utile donare in cambio di quanto ricevuto dal relatore, e come libero contributo alle spese sostenute

Fausto Carotenuto: Ricercatore spirituale, opinionista, scrittore e fondatore della Accademia di Studi Spirituali di Coscienze in Rete, del Magazine online www.coscienzeinrete.net e del movimento spirituale Coscienze in Rete.

Libri di Fausto Carotenuto: La Preghiera – il Ternario; Corpo Anima e Spirito – il Ternario; Cos’è il Karma – il Ternario; La vita ha un senso profondo e positivo – il Ternario; Il mistero della situazione internazionale – Uno Editori

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Tue, 19 Mar 2019 17:11:50 +0000
Come sarà il 2019? Le Previsioni di Coscienze in Rete per l’Italia, il Mondo e per Ognuno di Noi. http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3384-come-sara-il-2019-le-previsioni-di-coscienze-in-rete-per-l-italia-il-mondo-e-per-ognuno-di-noi http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3384-come-sara-il-2019-le-previsioni-di-coscienze-in-rete-per-l-italia-il-mondo-e-per-ognuno-di-noi

previsioni2019

Una cosa si può dire con certezza: il 2019 sarà un anno di grandi prove, come è stato il 2018… ma anche il 2017, il 2016… il 2015… o il 1940… o il 1618… il 1307… e così via….. tutti. Certo alcuni anni sono più duri di altri... ma tutti comunque servono proprio a questo: a metterci alla prova.

E potremmo anche dire, se fossimo sempre pienamente coscienti: "Meno male! Perchè le prove servono a crescere."

In effetti veniamo sulla Terra solamente per affrontare certe prove non casuali, e proprio sperimentandole con il cuore caldo e la mente sveglia crescono le nostre forze creative. Quelle forze che ci fanno evolvere rendendoci più capaci di fare il Bene.

Quelle forze che diventano l’unica parte immortale di noi, il nostro Io spirituale.

Un anno senza prove sarebbe un anno inutile, un anno buttato… un anno che non valeva la pena di passare sulla Terra.

Quanto è stato utile il 2018 ?

Molto per ognuno di noi, se ci pensiamo bene - ma proprio bene - con un pensiero profondo, libero e lucido.

Proprio così funziona, e bene, l’evoluzione. E noi possiamo adoperare in questo articolo quasi le stesse parole scritte lo scorso anno, e anche l’anno prima…

Tutto procede… tutto procede Bene.  Anche quando non sembra proprio...

Ma come facciamo a dire una enormità del genere? Che prove abbiamo?

Nelle nostre conferenze e incontri immancabilmente, prima o poi, facciamo una domanda al pubblico:

“Pensando a come è la nostra coscienza, la nostra consapevolezza ora, e ripensando a quella di dieci anni fa… vorremmo avere oggi il nostro modo di essere di allora, o preferiamo quello di adesso?”

Ed immancabilmente quasi tutti i presenti rispondono che proprio non scambierebbero il loro modo di essere attuale con quello di dieci anni fa. E allora noi semplicemente concludiamo:

Ma allora questi dieci anni ci hanno fatto crescere in qualche modo tutti… se siamo – chi più chi meno – meglio di prima. E cosa è meglio di prima? Guarda caso non il corpo fisico, ma quella parte interiore di noi che potremmo definire il nostro Io, il nostro Spirito immortale… E cosa è successo in questi dieci anni ad ognuno di noi per farci crescere? Di tutto: tante esperienze di tutti tipi, comprese malattie anche gravi, licenziamenti, tradimenti, crisi economiche, guerre, terrorismo, immigrazione incontrollata, cibi scadenti, vaccinazioni deleterie, farmaci devastanti, cultura deteriore, governi corrotti e finanzieri ladri, lutti tra le persone care… Insomma: di tutto!”

E questo cosa vuole dire? Semplice:

“Che il meccanismo evolutivo messo in piedi da Qualcuno (il Mondo Spirituale).. funziona, e funziona bene! E nonostante tutti i problemi, anzi anche grazie ad essi, funziona in una direzione precisa, non in una direzione casuale: in direzione della crescita delle coscienze.”

E le prove?:

Dentro di noi, in quello che ognuno può liberamente constatare”.

Proprio così: il sistema evolutivo funziona, a livello individuale e sociale, e lo dimostra anche il fatto che l’umanità nel suo insieme, pur se ancora piena di immaturità, è comunque più matura e meno barbara, meno chiusa come coscienza di 50, 100, 500, 1000 o 2000 anni fa.

Siamo immersi in un sistema evolutivo non casuale che si basa soprattutto, nella fase che stiamo attraversando, sul sistema dello “sbagliando si impara”. A partire da quel Serpente che ci propose di assaggiare-sperimentare la Mela-Malum quando eravamo esseri umani dotati di un Io Adamo e di una Anima Eva ancora del tutto sprovveduti, privi di esperienze.

Ma “sbagliando” a fare cosa?

“Sbagliando a fare il Bene, quello di tutti… sbagliando ad Amare…”

E a cosa serve sbagliare ad Amare?

“A sperimentarne le conseguenze di dolore su di noi e sulla società, e a non voler sbagliare più. Ad imparare a fare il Bene, nostro e di tutti”.

E come si chiama questo modo di fare il Bene?

“Si chiama AMARE. Il meccanismo evolutivo ci sta gradualmente facendo diventare esseri che sanno pensare cosa è il Bene, che amano farlo e che lo fanno: esseri in crescita attraverso l’Amore, come potenzialmente divini creatori di Bene!”

E allora noi puntualmente, ad ogni anno che arriva, ci troviamo di fronte alla possibilità di fare errori che poi in parte facciamo, creando Male e dolore in noi e intorno a noi, sia a livello individuale che sociale. Ed il risultato di questo è che un po’ alla volta sbagliando impariamo e cambiamo in meglio.

Se ci pensiamo bene è andata così gli scorsi anni. E quindi andrà così anche nel 2019. L’importante è che ce la mettiamo tutta ad usare bene questo meccanismo:

 

cerchiamo di imparare dagli errori del passato per non farne più,

per non provocare Male e Dolore,

per diventare più capaci di produrre bene il Bene per tutti.

 

Per aiutare noi come individui e la società intorno a noi a crescere in questa precisa e amorosa direzione. E concentriamoci sul fare ciò che è bene per le coscienze di quelli che ci troveremo intorno nelle situazioni che non casualmente ci verranno incontro in questo 2019. Per le loro coscienze ovviamente, non per le loro pretese o i loro vizi...

 

Nelle previsioni di un anno fa ed in quelle precedenti siamo stati abbastanza precisi, nei vari settori, nell'individuare i principali sviluppi. Ed anche quest'anno vogliamo proporre le nostre idee sul prossimo futuro. 

 

(continua a leggere in basso)

 

 

Quali prove ci attendono come Umanità per il 2019?

  • Certamente le forze anticoscienza continueranno a creare crisi, guerre, emergenze, aggressioni chimiche, fisiche, farmacologiche, alimentari, psichiche, culturali…
  • Continueranno a sforzarsi di devastare la Natura, l’Arte, la Scienza, la Cultura, l’Economia, la Politica, il Diritto, la Terra, le corporeità e le relazioni umane… E nel farlo continueranno a presentarci con grande enfasi mediatica dei cattivi da odiare, ma anche dei falsi profeti da amare e da seguire: lupi travestiti da agnelli nelle religioni, in politica, nella finanza, nella cultura, nell’arte…
  • Cercheranno da una parte di sedurci nelle direzioni sbagliate e dall’altra di incuterci terrore, ansia, paura, rabbia, odio, depressione, indifferenza…
  • Nel 2015 dicevamo per il 2016: “alcune crisi mondiali come quella Islam-Occidente o quella Occidente-Russia - create per condizionarci - assumeranno forme e sviluppi ancora più inquietanti. L’aumento dell’emergenza migratoria e del terrorismo islamista in Europa, l’estendersi della crisi ad altri paesi. L’estensione di un ruolo inquietante e destabilizzante della Turchia di Erdogan.” Queste stesse tendenze si sono manifestate anche nel 2017 e nel 2018 E certamente continuerà in questo modo nel 2019, aggiungendo l’aggravarsi prevedibile del contrasto interislamico sciiti-sunniti, e quello inter-sunnita tra il fronte guidato dal Qatar ed il fronte guidato dall’Arabia Saudita.
  • E sempre nel 2015-2016-2017 scrivevamo: “La guida occulta mondiale rimarrà saldamente nelle mani della piramide gesuita-massonica, anche se il superiore gioco del divide et impera comincerà a creare fratture competitive anche in questo fronte.” Questo è con grande precisione quello che è poi avvenuto e che avrà ulteriori sviluppi nel 2019. La Brexit, la Presidenza Trump, il ruolo dei sovranisti solo apparentemente anti-sistema, le manifeste debolezze del quadro intereuropeo, i fallimenti e le spaccature del PD, il risorgere delle destre parafasciste, le forti voci di dissenso a Papa Francesco nelle gerarchie cattoliche… Questi e numerosi altri segnali mostrano con evidenza che il blocco granitico di potere gesuita massonico ha ormai delle forti incrinature. Foriere di forti tempeste, di feroci scontri, ma anche di maggiori spazi per la libertà delle coscienze.
  • Come già per lo scorso anno, la presidenza Trump appare come un elemento di forte rottura degli equilibri precedenti, e continuerà ad avere certamente un ruolo destabilizzante. Come dimostrano le prese di posizione filo-sioniste su Gerusalemme, l’attiva campagna industrialista e antiecologista, le guerre commerciali al resto del mondo e l’aperto sostegno ai peggiori ambienti economici americani. Da una parte sarà il più forte ostacolo ai disegni di dominazione del gruppo gesuita-massonico, ma dall’altra anche un elemento amplificatore di forme pensiero degradanti, aggressive, violente, antiumane. Una modalità molto diversa da quella “gesuitica” fredda e apparentemente “buona”, ma sempre per fini manipolatori. Che tuttavia già da qualche anno non stava dando i risultati sperati di “seduzione” ampia ed efficace dell’opinione pubblica.
  • Di fronte alle varie risposte positive delle coscienze in risveglio, che non si sono fatte sedurre più di tanto dai disegni di centralizzazione e verticalizzazione, i gruppi di manipolazione mondialisti hanno ormai chiaramente deciso di puntare su un periodo di emergenze e di spaccature, che prepari il terreno in modo forzoso ad una nuova, successiva, spinta alla centralizzazione ed ad una ulteriore perdita di libertà e sovranità locali. Visto che non ci convinciamo con le “buone”, loro stanno liberando nuovamente i “cattivi” evidenti ed hanno riaperto il ring degli scontri e della devastazione. Ma speriamo bene, soprattutto nelle risposte delle Coscienze.
  • Il ruolo di Putin va interpretato nella stessa direzione. Non si tratta di un “salvatore” come molti in modo ingenuo interpretano il ruolo di questo sanguinario feudatario del potere. Ma di una delle pedine fondamentali del “divide et impera” che si affaccia come nuova stagione della manipolazione. E che vedremo svilupparsi ancora nel 2019.
  • Anche in Italia il patto d’acciaio gesuita-massonico, che ha prodotto papato e renzismo, e che ha falcidiato le fila dei vecchi avversari politici ed economici, sia ai livelli locali che nazionali, comincia a mostrare alcune crepe. Il gioco politico - con la evidente crisi dello sfrontato e ridicolo renzismo, e del decotto PD - si è riaperto, come prevedevamo già dal 2017. L’influenza della Presidenza Trump e degli ambienti conservatori internazionali si è già fatta sentire negli equilibri politici italiani, con l’improvviso risorgere della destra leghista. Una destra che dietro la sentita esigenza di ordine e sicurezza, nasconde ed esercita una sollecitazione anti-coscienza all’odio ed all’egoismo. E avevamo scritto che avremmo probabilmente visto un cinquestelle chiaramente indirizzato a cercare di agguantare le poltrone di comando di Palazzo Chigi. E avevamo anticipato che, qualora questo fosse avvenuto, la dirigenza M5s avrebbe svelato il proprio vero volto di strumenti del potere. Di nuovi camuffamenti manipolatori delle solite vecchie congreghe. Una Presidenza del Consiglio ed altri incarichi di governo nelle mani di uomini chiaramente vicini ai gesuiti, e le stupefacenti virate in senso filo-americano, filo-NATO, filo-Euro, filo-Unione Europea, filo-finanza internazionale, filo-vaccini, filo-spese militari, filo-TAP ed altro… la dicono lunga su chi veramente si cela dietro gli impulsi sani di tanti bravi ragazzi. Bravi idealisti illusi per anni dalle seduttive parole di una maschera Grillo ormai ridotta al silenzio. E che sono e saranno i primi a soffrire per i brutali “tradimenti”, che vedremo crescere e farsi evidenti - a beneficio delle coscienze – anche nel 2019. Ora queste due appendici italiane del divide et impera mondiale, la destra parafascista della Lega e il gesuitico cinquestelle, convivono con difficoltà nel governo, pur di sostituire la classe dirigente precedente, ormai decotta e non più utile al potere vero. Preparando la stagione di un nuovo teatro di finta alternanza democratica nel quale la Lega si porrà come nuova destra egoica e  conservatrice e il M5s come nuova sinistra fintamente progressista. Un nuovo teatrino fatto per illuderci che un cambiamento della politica sia avvenuto, concedendo qualcosa alle masse e sacrificando con nostra soddisfazione vecchi gruppi politico-affaristici, pur di consentire ai soliti poteri occulti di continuare a gestire e manipolare la struttura istituzionale politica, economica, scientifica e culturale.
  • Il progetto di Unione Europea è ormai entrato in una fase di crisi: il vento del divide et impera, sulla spinta della BREXIT, delle proteste di piazza francesi, delle spinte leghiste, pentastellate, ungheresi, austriache, polacche, soffia forte sulle strutture europee, accompagnato dalle spaccature create dalla artificiosa e forzata emergenza immigratoria. Tutto ciò avrà un peso nelle elezioni per il Parlamento Europeo del 2019, e da queste potrebbe emergere un nuovo equilibrio delle strutture europee. Un cambiamento possibile perché nulla cambi in fondo nella tenuta dei grandi poteri dietro le quinte. Sul modello di quanto sta gattopardescamente avvenendo in Italia. Come già detto lo scorso anno, le forze mondialiste cercheranno in ogni modo di sfruttare anche questa crisi per creare ulteriori emergenze e ricompattarci sotto ulteriori perdite di sovranità. Ma non è detto riescano. Dipenderà molto dal grado di risveglio dell’opinione pubblica.
  • I governi delle grandi potenze occidentali continueranno a perseguire i disegni dei loro padroni oscuri, ammantandosi di perbenismo e dell'immagine ipocrita di finte democrazie.
  • Mentre il volto anti-umano della emergente potenza cinese sarà ancora più evidente e la grande civiltà indiana continuerà a sprofondare in un gretto e volgare materialismo. E l'Africa, apparentemente abbandonata e lasciata al proprio destino, sarà sempre più da una parte terreno del conflitto di religioni e culture e dall'altro territorio di conquista delle armate economiche neocolonialiste straniere. E i Paesi Islamici continueranno a svolgere il ruolo di vittime e di volano della creazione di vortici di violenza, odio e paura con effetti anti-coscienza in tutto il mondo. Mentre un Israele sempre più fanatico, duro e nazionalista continuerà a svolgere un ruolo squilibrante in tutto il Medio Oriente.
  • Le grandi forze industriali continueranno a inquinare e devastare l’ambiente, ed i loro padroni oscuri useranno in modo crescente il disastro creato dai loro stessi strumenti per evidenziare l’emergenza climatica e spingere il mondo a creare nuove forme di governance mondiale e le nazioni a cedere sovranità. Anche in questo caso la Presidenza Trump sembra ostacolare temporaneamente questi progetti. Ma forse favorirli a più lunga scadenza inducendo un ulteriore peggioramento dell’emergenza ambientale.
  • L’attacco portato alla salute dei corpi attraverso la perversa strategia mondiale di obbligo vaccinale – partita proprio dall’Italia - continuerà certamente con forza. Attraverso il malefico strumento di vaccini appositamente alterati per indurre problemi alle coscienze in risveglio. Prepariamoci ad una lotta dura e intensa, nella quale avremo l’appoggio del Cielo. Fino ad ora questa operazione ha prodotto come risultato un forte risveglio di coscienze, in numero crescente. Questo effetto continuerà anche nel 2019, soprattutto a causa dell’aumento delle reazioni “avverse” ai vaccini, alle quali l’opinione pubblica sarà sempre più attenta.

Anche nel 2019 ogni crisi verrà fomentata o usata per controllarci meglio, per spingerci infine verso formazioni centralizzate mondialiste o premondialiste, come l’Europa, per toglierci sovranità, democrazia e libertà esteriori.

Faranno tutto questo, come nel 2018 e negli anni precedenti, solamente per bloccare il più grande fenomeno dei nostri tempi: il risveglio delle coscienze. Quel risveglio che per la prima volta nella storia umana sta producendo masse importanti - anche se non ancora maggioritarie - capaci di una epocale rivoluzione interiore: quella di mettere gli esseri della Natura, gli animali e gli altri esseri umani quanto meno sullo stesso piano di se stessi. Quella rivoluzione interiore che per la prima volta fa in modo che tanta gente – almeno un terzo dell’umanità – cominci pensare che non siamo venuti qui per predare tutto quello che incontriamo, ma per vivere in armonia con la Natura e volendo l’uno il bene dell’altro. Cominciando finalmente ad amare il nostro prossimo come noi stessi…

Ecco, anche nel 2019 grandi e oscuri poteri di manipolazione cercheranno di bloccare o rallentare questa rivoluzione delle coscienze, il cui effetto sarà un giorno la liberazione dell’umanità proprio da quei poteri.

Ma proprio per reazione alle nefandezze compiute contro di noi, anche nel 2019 altri cuori ed altre menti si apriranno alla voglia di bene. Come è avvenuto fino ad ora: i tentativi di bloccare i risvegli si sono spesso risolti per reazione in ulteriori ondate di prese di coscienza!

Svelando la vera funzione dei poteri oscuri sulla Terra... analoga alla funzione del nostro lato oscuro interiore: spingerci a migliorarci portando a coscienza le loro nefandezze e superandoli con le nostre azioni d'amore.

 

E cosa succederà ad ognuno di noi individualmente, nel 2019?

Ogni giorno, già dal 1 Gennaio, ci verrà incontro un meraviglioso flusso di avvenimenti.

Fatto di incontri con gli altri, con Madre Terra e i suoi meravigliosi esseri, con le svolte, le gioie, i dolori, la salute, le malattie, l’adrenalina o anche le noie della vita…

Ma comunque fatto di situazioni accuratamente studiate proprio per noi, per stimolare un fiume di sensazioni e di emozioni di tutti i tipi, e quindi di pensieri e di azioni…

Tantissime situazioni, persone ed esseri che si presenteranno a noi piacevoli o spiacevoli, per indurci a pensare, a capire, ad afferrare col cuore e con la mente come amare in modo più saggio, creativo, costruttivo, disinteressato, benefico per noi e per gli altri.

A conoscere meglio l’arte di migliorare con l’Amore la sfera degli affetti, del lavoro, della società, dell’economia, dell’agricoltura, dell’arte, della scuola, della medicina, della politica…

E a sapere come sviluppare noi stessi proprio facendo questo bel lavoro di dare una mano a rendere migliore tutto quello che ci circonda…

 

Così sarà il 2019: una grande, unica, irripetibile possibilità di crescita per il nostro Spirito.

Per condurci ad amare di più e meglio di quanto abbiamo fatto nel 2018… Avremo stimoli forti, di tutti i tipi, in questo nuovo anno della meravigliosa età  micheliana della Coscienza.

E il nostro Cuore non tremerà, perché nessun male vero potrà venire da un flusso di eventi non casuali preparati dal Cielo… ma solo ed esclusivamente quello che serve come stimolo al nostro Bene. A noi il faticoso ma bellissimo compito di attivare le nostre libere forze di coscienza.

E allora… fiducia nelle nostre guide e nella forza delle nostre azioni d’Amore quotidiane!

A tutti noi l’augurio di trasformare il più possibile il magico flusso del 2019 nell’oro di tante coscienze libere, sveglie e ricolme d’Amore.

 

sanmichele

]]>
carotenutoteam@iol.it (Fausto Carotenuto) Spiritualità Sat, 29 Dec 2018 08:12:26 +0000
Il Natale come non te l'hanno mai raccontato http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3379-il-natale-come-non-te-l-hanno-mai-raccontato http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3379-il-natale-come-non-te-l-hanno-mai-raccontato

E' quasi Natale. Ma cosa significa realmente? Qual è il significato profondo del Natale, e cosa significano i simboli che usiamo per festeggiarlo? Perchè l'albero? E il presepe? Chi erano i Re Magi e le altre figure del presepe?
Fausto Carotenuto affronta questi argomenti e tanti altri in questa intervista tratta dalla trasmissione Forme d' Onda di Rudy Seery e Stefania Nicoletti.

Alberosole

 

{youtube}4Ee9CsLBJvw&t{/youtube}

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Wed, 19 Dec 2018 09:06:56 +0000
LA PIEVE ROMANICA DI COLOGNOLA AI COLLI – Un piccolo santuario del Divino Femminile in provincia di Verona. http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3365-la-pieve-romanica-di-colognola-ai-colli-un-piccolo-santuario-del-divino-femminile-in-provincia-di-verona http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3365-la-pieve-romanica-di-colognola-ai-colli-un-piccolo-santuario-del-divino-femminile-in-provincia-di-verona

Percorrendo quella campagna che si estende ad est della città, a circa quindici chilometri in direzione di Venezia, ci si trova nel punto in cui la valle di Illasi, una delle valli che solcano e dividono tra loro gli altopiani della Lessinia, sbocca nella piana del fiume Adige.

di Paolo Rampa

Pieve romanica1
I centri abitati più vicini, Colognola e Caldiero, occupano dei piccoli rilievi a breve distanza da qui. Poco più a sud i campi sono attraversati dall’antica strada postale che faceva da collegamento tra Verona e le regioni adriatiche, e che è stata di recente sostituita nella sua funzione dalla ferrovia e dal vicino viadotto autostradale. Ma nonostante i cambiamenti intervenuti ultimamente e l’urbanizzazione di alcune zone attigue alle nuove reti di transito, il paesaggio circostante è ancora sostanzialmente agricolo ed anche il suo carattere rimane quello che ci descrive per quei luoghi un ritmo di vita regolare, cadenzato dai tempi dilatati delle attività stagionali, che si susseguono, sempre con lo stesso ordine, nel corso dell’anno.
Ed è forse possibile che sia proprio per accordarsi con questo carattere, ereditato da una tradizione millenaria, che l’antica pieve romanica di Colognola ai Colli ha mantenuto fino ad oggi un aspetto misurato, contraddistinto dal grande tetto “a capanna” che ricopre le tre navate, e dal semplice campanile, i quali, visti assieme, ci regalano ancora una sensazione di grande equilibrio e di una certa armonia.

La storia dell’antica pieve ha origine da quanto rimaneva di un precedente insediamento romano, sorto quale conseguenza della colonizzazione del territorio veronese (da cui deriva il nome di “Colognola”) e che, a sua volta, venne a sovrapporsi ad una realtà già esistente con molta probabilità fin dall’epoca preistorica (1). Ed elemento comune ai vari insediamenti che si sono succeduti in quel luogo nel corso delle varie epoche sembra proprio essere stata la continuità con cui esso fu destinato, fin dall’inizio, alle attività di culto, aspetto che testimonierebbe, tra l’altro, di una sua particolare “rilevanza” all’interno della geografia sacra del territorio veronese.
Successivamente alla cristianizzazione, iniziata in epoca tardo-imperiale, le attività religiose furono presumibilmente svolte sul posto in edifici ora non più esistenti, soggetti nel tempo a progressive trasformazioni, per arrivare infine, agli inizi del XI secolo, all’epoca in cui iniziano ad essere prodotti documenti che testimoniano dell’esistenza, a Colognola, della pieve di S. Maria.Pieve romanica2

La costruzione di questo tipo di pievi, vere e proprie parrocchie rurali, ebbe un notevole sviluppo in età medievale, e fu supportato dalla nascita di una nuova forma di spiritualità, spesso guidata da particolari gruppi religiosi, che coinvolgeva gli strati più bassi della popolazione che viveva lontano dai principali centri abitati.
E molte di queste pievi, proprio come nel caso di quella di Colognola, venivano dedicate a Maria.

Pieve Romanica3È infatti da collegarsi ad una particolare visione spirituale quell’improvvisa fioritura del culto mariano che si ebbe in epoca medievale, e che poi proseguì, sia pure in forme diverse, fino ai giorni attuali. Anche perché, se ci si riferisce alla sola figura di Maria come questa viene rappresentata nei Vangeli, non si comprenderebbe l’importanza e la centralità che, in questo tipo di culto, le viene assegnata.
Ma se invece guardiamo al passato, adottando un punto di vista più elevato, possiamo riconoscere in altre esperienze religiose, precedenti il cristianesimo, casi in cui ad una divinità femminile possono essere associati alcuni caratteri che trovano espressione anche nella figura di Maria.

Già il culto della “Dea Madre”, praticato in epoca preistorica, faceva infatti riferimento ad un’Entità in grado di proteggere ed assistere l’umanità, allora agli inizi del proprio percorso terreno di crescita, dalle “insidie” del mondo materiale. Come pure, in epoca successiva, le immagini con cui veniva rappresentata la dea Iside, il cui culto veniva praticato dagli antichi Egizi, possono ricordare le tante Madonne “nere” che popolavano le chiese nei primi tempi del cristianesimo.

Vi è dunque una continuità in quella forma di devozione diretta al lato “femminile” della divinità, esistente fin dalle origini della spiritualità umana, che affianca alla figura del Dio creatore “maschio” quella di una divinità “femmina”, con caratteristiche sue proprie.
E l’idea fondamentale che ne sembra derivare, guardando anche agli esiti di questo lungo processo di evoluzione religiosa, è quella che, a partire da un’unità originaria, costituita da una unica forma di Coscienza Universale asessuata, si fosse proceduto con il rappresentarsi una scissione di questa in due componenti tra loro complementari, che avessero il compito di attivare un processo di creazione basato su di una speciale “dinamica degli opposti”. Una dinamica in cui, laddove la componente maschile del Dio crea il nuovo, “occupando” nuovi spazi, quella femminile si dedica a determinare il come questo nuovo debba nascere, preoccupandosi di tutto quanto riguarda il suo accoglimento.

Pieve romanica5Si può quindi riconoscere, nel corso delle epoche, come siano esistite fasi in cui ciascuna di queste due componenti divine, maschile e femminile, ebbe la prevalenza sull’altra nel trasmettere all’umanità quelle qualità che le erano maggiormente necessarie in quel momento della propria crescita. Quelle stesse qualità che, pur dovendo essere alla fine tutte quante compresenti al termine del processo evolutivo, non possono tuttavia ancora trovarsi in equilibrio proprio a causa dell’essenza “dinamica” del processo stesso.

Ecco allora come, se all’epoca degli antichi greci e romani serviva, dal punto di vista evolutivo, uno sviluppo del pensiero umano (maschile), nell’epoca successiva, che comprende la nostra, è diventata necessaria la crescita di quella particolare attenzione rivolta al “come fare le cose” che è una caratteristica prettamente femminile, che si identifica con la coscienza umana, ed a cui si è associata, in epoca cristiana, la figura di Maria.

Ed ecco quindi come può essere spiegato il motivo per cui, giunti in epoca medievale, trascorso cioè il tempo necessario a che lo sviluppo della coscienza potesse avere inizio dopo la venuta di Cristo in terra, determinati gruppi religiosi a guida iniziatica, quali i catari e successivamente i templari, incominciarono a diffondere pratiche di culto, accompagnate dal relativo repertorio iconografico, largamente rivolti alla figura di Maria, con l’intento di destare e rendere consapevole l’attenzione degli uomini verso quella particolare fase della loro crescita che avevano incominciato a percorrere.

Ma se poco ci è dato sapere oggi delle pratiche di culto che si svolgevano e che coinvolgevano la popolazione agli inizi del secondo millennio dell’era cristiana fra le mura delle antiche pievi, è tuttavia ancora possibile rintracciare i segni con cui, quella nuova ondata di spiritualità che accompagnava la crescita umana, iniziava ad essere trasmessa attraverso le immagini sacre, ed apprezzarne tutt’ora la stupefacente chiarezza e precisione.

La pieve di Colognola ai Colli, che mantiene tutt’oggi fama di importante luogo di devozione mariana, è da questo punto di vista un esempio fra i più significativi, e ci descrive il culto originariamente dedicato a Maria svelandone il senso più profondo.
In essa ci viene presentata, grazie al patrimonio iconografico ancora conservato, una raffigurazione della Madonna che appare fondamentalmente sotto una doppia luce, mettendone contemporaneamente in evidenza la natura universale-cosmica ed il suo lato più strettamente connesso al destino umano. Se infatti da una parte Maria ci viene posta di fronte quale incarnazione di quell’essere Divino-Femminile che rende possibile la discesa in terra di Cristo e che accetta di farsi carico dell’attuazione di un passaggio decisivo del Piano Divino universale, dall’altra essa rappresenta il destino stesso dell’anima umana che, accogliendo l’amore dentro di sé e mettendolo a disposizione dei nostri pensieri, consente in ciascuno di noi la crescita del Dio-spirito, quel principio divino creatore che rappresenta il vero motivo per cui tutta l’esperienza cosmica in cui siamo immersi acquisisce significato.

Seguendo con un determinato ordine il ciclo di immagini raffigurato sulle pareti si riconosce infatti, quasi come se si trattasse di un testo sacro, una sequenza di situazioni in cui la figura di Maria è rappresentata nei suoi diversi ruoli rispetto alla vita dello spirito.
Nel primo affresco la Madonna in trono tiene con la mano sinistra il giglio bianco, dono ricevuto dal Cielo, mostrando con esso la propria partecipazione al Piano Divino di cui accetta la responsabilità. Contemporaneamente essa allatta il figlio, nutrendolo con quella conoscenza propria della sua stessa essenza (la Sophia degli antichi) che gli è necessaria per la crescita del proprio spirito.

Pieve romanica6

Pieve di Colognola ai Colli – VR – Madonna col Bambino

Nel secondo affresco vi è la raffigurazione del bambino che pone le mani sul cuore di Maria, indicando in quell’organo fisico il nuovo “protagonista” delle vicende dell’anima, destinata ora a diffondere l’amore (rappresentato dal figlio) seguendone con attenzione il percorso, aspetto sottolineato dal fatto che Maria “tiene” a sua volta con la mano sinistra il piede del bambino.

Pieve romanica7

Pieve di Colognola ai Colli – VR – Madonna del Nido

Ma non basta ancora, perché in una terza rappresentazione, questa volta un rilievo dipinto, vi è il pensiero umano, rappresentato da un piccolo uccello, che adesso inizia a “nutrirsi” dell’Amore beccando la mano offerta dal bambino in braccio a Maria, che, a sua volta, “protegge” serenamente la scena reggendo il nido del volatile con la mano destra. E i pensieri pieni d’amore sono appunto quelli che sviluppano la coscienza umana, e che ci portano ad occuparci non solo del bene nostro ma anche di quello degli altri e di tutto quanto ci circonda.

Pieve romanica8

Pieve di colognola ai colli – Madonna col Bambino

Ed una volta avviatasi la crescita dello Spirito-in-noi, esso esprimerà sempre più sé stesso “facendo cose”, ed inducendo altri a farne, come rappresentato in successive immagini dove il bambino “tocca” le mani di Maria e poi quelle di un santo-vescovo che, impugnando la “pastorale”, testimonia il proprio costante contatto col Cielo.

Pieve romanica9

Pieve di Colognola ai Colli – VR – Madonna col Bambino e i santi

Arrivati quindi al termine del percorso troviamo l’immagine di Maria con il bambino che tengono tra le mani un piccolo vaso, contenente una rosa rossa. Frutto della trasformazione terrena del giglio bianco, la rosa rossa rappresenta l’azione umana piena d’amore che prende il posto del dono celeste, e che torna in cielo colorata col sangue che gli uomini hanno “impegnato”  per restituire, con le proprie forze, quanto ricevuto in origine. Un’ immagine che ci parla, in una sintesi estrema, del compimento del percorso terreno dell’anima umana, adesso in grado di creare essa stessa grazie all’Amore ed allo spirito cresciuto dentro di lei, finalmente consapevole della propria natura divina.

Pieve romanica10

Pieve di Colognola ai Colli – VR – Madonna col Bambino e la rosa

Così, con un po’ di attenzione ed i giusti riferimenti, si possono interpretare molte delle immagini conservate nella pieve di Colognola ai Colli, abituandosi a “decifrare” il linguaggio nascosto in tante rappresentazioni archetipiche che arrivano fino a noi dalle epoche passate. E così si può cercare di dare un significato nuovo, perché più profondo e ricco, alla devozione che si esprime a Maria, in quel luogo, vero santuario del Divino Femminile, ma non solo in quello.

Perché ovunque noi ci troveremo, e sempre più da adesso in poi, avremo modo di accorgerci che la vita che si svolge nella nostra anima, di cui Maria rappresenta il destino evolutivo, merita un’attenzione che da parte nostra essa non ha ancora avuto, e che soltanto imparando ad osservarla ed a conoscerla potremo proseguire davvero, con l’aiuto del Cielo, lungo il percorso in direzione del luogo cui siamo destinati.

Pieve romanica11

Pieve di Colognola ai Colli – VR – Madonna del Nido – particolare

NOTE:

1) con riferimento al testo: E. Battaglia, “Pieve di Colognola ai Colli”, Parrocchia Annunciazione di Maria Vergine, Colognola ai Colli – Verona, 2017.

Fonte: https://ilquartore.wordpress.com/2018/12/06/la-pieve-romanica-di-colognola-ai-colli-un-piccolo-santuario-del-divino-femminile-in-provincia-di-verona/?fbclid=IwAR1cv8GVT46MDqJbipwTXWlZ8Ow5A4TkIUO9Ue_XeSVKxzXjtXY4Rhti9JM

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Fri, 07 Dec 2018 10:27:09 +0000
Come affrontare (e superare) il Natale quando si hanno dei cari defunti http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3363-come-affrontare-e-superare-il-natale-quando-si-hanno-dei-cari-defunti http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3363-come-affrontare-e-superare-il-natale-quando-si-hanno-dei-cari-defunti

Poco importa che il lutto sia “fresco” o più lontano, nel tempo. Pensando a chi, di particolarmente caro, non c'è più, l'aria che prepara alle festività natalizie per molti può acquisire un retrogusto sordo, fatto di una malinconia struggente o di una ineluttabile e acuta mancanza che risuona con più forza. Che Natale felice può essere, se chi si ama non c'è più?

di Anna Maria Cebrelli

natale defunti

“Natale con i tuoi” non è un detto che nasce per caso. Per comprenderlo è necessario partire dalle origini. “Il senso del Natale è sempre stato il sorgere della Luce e dell'Amore”: precisa Fausto Carotenuto (fondatore di Coscienze in Rete, conduce seminari su “Come imparare a dialogare serenamente con i cari che ci hanno lasciato”).

 

La Natività arriva sul nostro calendario subito dopo il Solstizio d'Inverno, quando il Sole (che per gli antichi era la manifestazione più evidente dell'amore divino che illumina e scalda tutti, senza discriminazioni, donando - attraverso i suoi raggi - parti di sé) ritorna a prendere più spazio, nelle giornate che cominciano ad allungarsi. Si esce dal “buio” dell'inverno; quello che un tempo risuonava nell'animo degli uomini - ed ora si è perso - era il fatto che questo calore e luce cominciassero a vedersi e sentirsi meglio anche dentro di sé: l'esperienza esterna si rapportava a quella interiore. Il Bambinello aggiunge un ulteriore dono all'umanità:

la nascita dell'amore sulla Terra; in altri termini il sole non è più solo un evento cosmico ma anche sole interiore, che cresce dentro ognuno di noi. Questa novità, che cambia nel profondo l'attitudine dell'uomo, si traduce in un impulso ad andare incontro agli altri, a diventare più amorosi (o più buoni) e più “calorosi”, cioè con una qualità affettiva accogliente, attenta, presente. Il primo “calore” che spontaneamente si ricerca è proprio quello familiare, poi viene quello degli altri. Siamo spinti a diventare più solari”.

Il consumismo ha stravolto ogni cosa, ha perso di vista il nucleo fondante – l'amore - attorno al quale le feste, il mangiare insieme, lo spumante, i regali sì, hanno un senso. Al di là delle apparenti atmosfere calde raccontate dalle pubblicità, ha portato di nuovo il buio e freddo della materia scollegata allo Spirito, della notte senza vero calore: l'amore di cui si parla è patinato, finto, voluttuoso, superficiale. E' un “vogliamoci bene” (giusto per vendere un prodotto) che – strategicamente - si aggancia al nostro bisogno primario, originario, di Luce e Calore autentici.

Così, in un periodo in cui in un modo o nell'altro, per amore o perché così si fa, si ravvivano i rapporti e le famiglie spesso si ritrovano insieme, chi ha perso qualcuno di caro, chi vive un lutto, si può sentire particolarmente solo, forse anche come “mutilato” e dolorante: sente vivi dentro di sé e più forti - ma ritiene impossibili da realizzare – il desiderio profondo di calore nel ritrovarsi e il piacere dello scambio amorevole.

 

Eccolo qua, ci siamo: è questo il nocciolo nudo e crudo, del lutto e del Natale messi insieme. Almeno a prima vista. Sì perché che siano un desiderio e un piacere impossibili, in fondo, è solo una credenza materialista.

Solo una cosa ci può aiutare: sentire, rendersi conto che questi cari, anche se in un'altra dimensione, ci sono ancora, ci sono vicini e possono esserlo ancora di più se li pensiamo e li amiamo. Si tratta di imparare un nuovo modo di dialogare con loro. Così come il Sole e la voglia d'Amore rinascono dentro di noi, così possiamo alimentare la luce della speranza e la fiducia che siamo ancora insieme – anche se non ci vediamo – e torneremo a stare insieme. L'amore non muore mai. La fiducia nasce dall'esperienza, dalla pratica di un dialogo cosciente e quotidiano, senza necessità di alcun medium: i nostri affetti che si trovano oltre la Soglia non vedono l'ora di potersi mettere di nuovo in contatto con noi e continuare ad alimentare l'affetto, supportarci”.

Come cominciare? Fausto Carotenuto suggerisce tre modalità su cui possiamo impegnarci da subito:

  1. fare delle “buone azioni” e dedicarle ai nostri cari
  2. mandare loro dei pensieri di affetto (come se fossero messaggi inviati sul telefonino ad una persona lontana ma che è nel cuore)
  3. portarli dentro le nostre giornate di festa, nei nostri pranzi o cene, nelle tombolate o negli incontri: ricordandoli con aneddoti, parlando di loro con amore, gli consentiamo di essere con noi e partecipare a quel calore.

E' una semina che consente di aprire un nuovo dialogo e che farà felici anche i nostri cari defunti; noi avremo in dono intuizioni, ispirazioni, una nuova sensazione di calore. Aprendo il cuore nella loro direzione, condividendo i pensieri, un po' alla volta si passerà da una sensazione di mancanza o mutilazione ad una di pienezza. Così il pianto si può trasformare in commozione, in una nuova forma di condivisione - al di qua e al di là del visibile - di un bel momento”.

La bellezza dell'esistenza non può che rafforzarsi nella rinascita dell'amore dentro e oltre la vita. E allora quale occasione migliore, se non il Natale, per cominciare?

(Per chi fosse interessato al seminario “Come imparare a dialogare serenamente con i cari che ci hanno lasciato”, il prossimo appuntamento con Fausto Carotenuto è dal 4 al 6 gennaio 2019, vicino ad Orvieto).

Fonte:https://www.greenme.it/vivere/mente-emozioni/29689-come-affrontare-natale-lutto?fbclid=IwAR1kUFZgvQZ1h6O1-U-nC5A1on-QT9ZZ3m6dDQ1dz4Wdln_9wsF2E11P1cw

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Fri, 07 Dec 2018 06:42:45 +0000
La nostra strada http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3315-la-nostra-strada http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/3315-la-nostra-strada

{youtube}MpPPxDGJDds{/youtube}

CIR La Nostra StradaAllo Spirito Adamo si unisce l’Anima Eva,

mandati sulla Terra per diventare Dei imparando ad amare…

per imparare sbagliando, attraverso il dolore che proviene dall’errore…

errore nell’amare, nel fare il Bene.

E l’Anima Eva sbaglia per imparare tentata dalla Mela-Malum

offerta dal Serpente portatore dell’esperienza dell’errore..

La offre all’inconsapevole, immaturo Spirito-Adamo,

e i due la mangiano, aprendo le porte dell’interiorità

a miriadi di esseri portatori dell’Errore e del Dolore.

L’Anima ne viene soggiogata, spezzata in tre parti…

sbalzata in cento direzioni da mille spiriti larvali,

mentre lo Spirito Adamo affonda nell’esperienza dell’Ego

soggiogato dalla seduzione dell’egoismo del Serpente…

Ma l’Anima Eva costruisce in sé le forze della Coscienza

proprio attraverso l’esperienza dell’errore

e comincia affannosamente a cercare di liberarsi,

finché il suo Spirito fatto Angelo

dopo tante esperienze di errore,

salvandola grazie alle forze di Lei

non la riunisce a Sé nella Luce e nell’Amore.

Questa la nostra strada… ora.

]]>
carotenutoteam@iol.it (Fausto Carotenuto) Spiritualità Wed, 31 Oct 2018 08:31:33 +0000