Spiritualità http://www.coscienzeinrete.net Sun, 22 Jan 2017 18:01:04 +0000 Joomla! - Open Source Content Management it-it Perchè le persone gridano quando si arrabbiano? http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2855-perche-le-persone-gridano-quando-si-arrabbiano http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2855-perche-le-persone-gridano-quando-si-arrabbiano

Grida arrabbiateUn giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli:
"Perché le persone gridano quando sono arrabbiate?" "Gridano perché perdono la calma" disse uno di loro. "Ma perché gridare se la persona sta al suo lato?" disse nuovamente il pensatore. "Bene, gridiamo perché desideriamo che l'altra persona ci ascolti" replicò un altro discepolo. E il maestro tornò a domandare: "allora non è possibile parlargli a voce bassa?" Varie altre risposte furono date ma nessuna convinse il pensatore. Allora egli esclamò:

"Voi sapete perché si grida contro un'altra persona quando si è arrabbiati? Il fatto è che quando due persone sono arrabbiate i loro cuori si allontanano molto. Per coprire questa distanza bisogna gridare per potersi ascoltare. Quanto più arrabbiati sono tanto più forte dovranno gridare per sentirsi l'uno con l'altro. D'altra parte, che succede quando due persone sono innamorate? Loro non gridano, parlano soavemente. E perché? Perché i loro cuori sono molto vicini. La distanza tra loro è piccola. A volte sono talmente vicini i loro cuori che neanche parlano solamente sussurrano. E quando l'amore è più intenso non è necessario nemmeno sussurrare, basta guardarsi. I loro cuori si intendono. E questo che accade quando due persone che si amano si avvicinano." Infine il pensatore concluse dicendo: "Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare."

Insegnamento di un ignoto diffusa da Malladi Venkata Krishna Murthy

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Sat, 07 Jan 2017 12:17:14 +0000
Come sarà il 2017? Le Previsioni di Coscienze in Rete per l’Italia, il Mondo e per Ognuno di Noi. http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2848-come-sara-il-2017-le-previsioni-di-coscienze-in-rete-per-l-italia-il-mondo-e-per-ognuno-di-noi http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2848-come-sara-il-2017-le-previsioni-di-coscienze-in-rete-per-l-italia-il-mondo-e-per-ognuno-di-noi

PREVISIONI 2017

Una cosa si può dire con certezza: il 2017 sarà un anno di grandi prove, come è stato il 2016… e il 2015… e così via…

E potremmo anche dire : "Meno male! Le prove servono a crescere."

In effetti veniamo sulla Terra solamente per affrontare certe prove non casuali, e proprio sperimentandole con il cuore caldo e la mente sveglia crescono le nostre forze creative. Quelle forze che ci fanno evolvere rendendoci più capaci di fare il Bene.

Un anno senza prove sarebbe un anno inutile, un anno buttato… un anno che non valeva la pena di passare sulla Terra.

Quanto è stato utile il 2016 ?

Molto per ognuno di noi, se ci pensiamo bene - ma proprio bene - con un pensiero profondo, libero e lucido. Così funziona, e bene, l’evoluzione. E noi possiamo adoperare quasi le stesse parole scritte lo scorso anno. Tutto procede…    

Nelle previsioni di un anno fa siamo stati abbastanza precisi, nei vari settori, nell'individuare i principali sviluppi. ed anche quest'anno vogliamo proporre le nostre idee sul prossimo futuro. 

 

(continua a leggere in basso)

 

Quali prove ci attendono come Umanità per il 2017?

  • Certamente le forze anticoscienza continueranno a creare crisi, guerre, emergenze, aggressioni chimiche, fisiche, farmacologiche, alimentari, psichiche, culturali….
  • Continueranno a sforzarsi di devastare la Natura, l’Arte, la Scienza, la Cultura, l’Economia, la Politica, il Diritto, la Terra, le corporeità e le relazioni umane… E nel farlo continueranno a presentarci con grande enfasi mediatica dei cattivi da odiare, ma anche dei falsi profeti da amare e da seguire: lupi travestiti da agnelli nelle religioni, in politica, nella finanza, nella cultura, nell’arte…
  • Cercheranno da una parte di sedurci nelle direzioni sbagliate e dall’altra di incuterci terrore, ansia, paura, rabbia, odio, depressione, indifferenza…
  • Lo scorso anno dicevamo per il 2016: “alcune crisi mondiali come quella Islam-Occidente o quella Occidente-Russia - create per condizionarci - assumeranno forme e sviluppi ancora più inquietanti. L’aumento dell’emergenza migratoria e del terrorismo islamista in Europa, l’estendersi della crisi ad altri paesi. L’estensione di un ruolo inquietante e destabilizzante della Turchia di Erdogan.” Queste stesse tendenze si manifesteranno anche nel 2017.
  • E sempre lo scorso anno scrivevamo: “La guida occulta mondiale rimarrà saldamente nelle mani della piramide gesuita-massonica, anche se il superiore gioco del divide et impera comincerà a creare fratture competitive anche in questo fronte.” Questo è con grande precisione quello che è poi avvenuto e che avrà forti sviluppi nel 2017. La Brexit, la Presidenza Trump, il No al Referendum costituzionale italiano, le forti voci di dissenso a Papa Francesco nelle gerarchie cattoliche e numerosi altri segnali mostrano con evidenza che il blocco granitico di potere gesuita massonico ha ormai delle forti incrinature. Foriere di forti tempeste, di feroci scontri, ma anche di maggiori spazi per la libertà delle coscienze.
  • La presidenza Trump appare come un elemento di forte rottura degli equilibri precedenti, ed avrà certamente un ruolo fortemente destabilizzante. Da una parte sarà il più forte ostacolo ai disegni di dominazione del gruppo gesuita-massonico, ma dall’altra anche un elemento amplificatore di forme pensiero degradanti, aggressive, violente, antiumane. Una modalità molto diversa da quella “gesuitica” fredda e apparentemente “buona”, ma sempre per fini manipolatori. Che tuttavia non stava dando i risultati sperati di “seduzione” ampia ed efficace dell’opinione pubblica.
  • Di fronte alle varie risposte positive delle coscienze in risveglio, che non si sono fatte sedurre più di tanto dai disegni di centralizzazione e verticalizzazione, i gruppi di manipolazione mondialisti potrebbero aver deciso di puntare su un periodo di emergenze e di spaccature, che prepari il terreno in modo forzoso ad una nuova spinta alla centralizzazione ed alla perdita di libertà e sovranità locali. Visto che non ci convinciamo con le “buone”, loro liberano nuovamente i “cattivi” evidenti e riaprono il ring degli scontri e della devastazione. Ma speriamo bene, soprattutto nelle risposte delle Coscienze.
  • Il crescente ruolo di Putin va interpretato nella stessa direzione. Non si tratta di un “salvatore” come molti in modo miope interpretano il ruolo di questo sanguinario feudatario del potere. Ma di una delle pedine fondamentali del “divide et impera” che si affaccia come nuova stagione della manipolazione. E che vedremo svilupparsi nel 2017.
  • Anche in Italia il patto d’acciaio gesuita-massonico, che ha prodotto papato e renzismo, e che ha falcidiato le fila dei vecchi avversari politici ed economici, sia ai livelli locali che nazionali, comincia a mostrare pesanti crepe. Il gioco politico, con la forte vittoria del NO al referendum e la evidente crisi del PD, si riapre. L’influenza della Presidenza Trump si farà sentire negli equilibri politici italiani. Vedremo ancora meglio quale è il vero ruolo delle finte opposizioni di destra, di sinistra e “populiste”. Se svolgeranno il ruolo svolto fino ad ora, quello di stabilizzare e compattare i poteri cui in apparenza si oppongono, o quello di partecipare alla gestione del potere. Ogni volta che parteciperanno al potere – se lo faranno – sveleranno il loro vero volto di strumenti del potere. Di nuovi camuffamenti manipolatori delle solite vecchie congreghe.
  • Il progetto di Unione Europea è ormai entrato in una fase di crisi: il vento del divide et impera, sulla spinta della BREXIT, soffia forte sulle strutture europee, accompagnato dalle spaccature create dall’emergenza immigratoria. Le forze mondialiste cercheranno in ogni modo di sfruttare anche questa crisi per creare ulteriori emergenze e ricompattarci sotto ulteriori perdite di sovranità. Ma non è detto riescano. Dipenderà molto dal grado di risveglio dell’opinione pubblica.
  • I governi delle grandi potenze occidentali continueranno a perseguire i disegni dei loro padroni oscuri, ammantandosi di perbenismo e dell'immagine ipocrita di finte democrazie.
  • Mentre il volto anti-umano della emergente potenza cinese sarà ancora più evidente e la grande civiltà indiana continuerà a sprofondare in un gretto e volgare materialismo. E l'Africa, apparentemente abbandonata e lasciata al proprio destino, sarà sempre più da una parte terreno del conflitto di religioni e culture e dall'altro territorio di conquista delle armate economiche straniere. Ed alcuni stati “particolari” come la Corea del Nord, l’Iran, il Qatar, l’Arabia Saudita, l’Afghanistan, il Kazakistan, ecc.. continueranno a svolgere il loro ruolo di fomentatori, spalleggiatori o finanziatori dei disegni di destabilizzazione.
  • La finanza internazionale continuerà a manovrare la crisi economica mondiale nel tentativo di impoverirci, di condizionarci, di farci accettare i suoi servi come governanti… di spingerci a cedere sovranità e libertà.
  • Le grandi forze industriali continueranno a inquinare e devastare l’ambiente, ed i loro padroni oscuri useranno in modo crescente il disastro creato dai loro stessi strumenti per evidenziare l’emergenza climatica per spingere il mondo a creare nuove forme di governance mondiale e le nazioni a cedere sovranità. Anche in questo caso la Presidenza Trump potrebbe ostacolare temporaneamente questi progetti. Ma forse favorirli a più lunga scadenza inducendo un ulteriore grave peggioramento dell’emergenza ambientale.

Anche nel 2017 ogni crisi verrà fomentata o usata per controllarci meglio, per spingerci verso formazioni centralizzate mondialiste o premondialiste, come l’Europa, per toglierci sovranità, democrazia e libertà esteriori.

Faranno tutto questo, come nel 2016 e negli anni precedenti, solamente per bloccare il più grande fenomeno dei nostri tempi: il risveglio delle coscienze. Quel risveglio che per la prima volta nella storia umana sta producendo masse importanti - anche se non ancora maggioritarie - capaci di una epocale rivoluzione interiore: quella di mettere gli esseri della Natura, gli animali e gli altri esseri umani quanto meno sullo stesso piano di se stessi. Quella rivoluzione interiore che per la prima volta fa in modo che tanta gente – almeno un terzo dell’umanità – cominci pensare che non siamo venuti qui per predare tutto quello che incontriamo, ma per vivere in armonia con la Natura e volendo l’uno il bene dell’altro. Cominciando finalmente ad amare il nostro prossimo come noi stessi…

Ecco, anche nel 2017 grandi e oscuri poteri di manipolazione cercheranno di bloccare o rallentare questa rivoluzione delle coscienze, il cui effetto sarà un giorno la liberazione dell’umanità proprio da quei poteri.

Ma proprio per reazione alle nefandezze compiute contro di noi, anche nel 2017 altri cuori ed altre menti si apriranno alla voglia di bene. Come è avvenuto fino ad ora: i tentativi di bloccare i risvegli si sono spesso risolti per reazione in ulteriori ondate di prese di coscienza!


Svelando la vera funzione dei poteri oscuri sulla Terra... analoga alla funzione del nostro lato oscuro interiore: spingerci a migliorarci portando a coscienza le loro nefandezze e superandoli con le nostre azioni d'amore.

E cosa succederà ad ognuno di noi individualmente, nel 2017?

Ogni giorno, già dal 1 Gennaio, ci verrà incontro un meraviglioso flusso di avvenimenti.

Fatto di incontri con gli altri, con Madre Terra e i suoi meravigliosi esseri, con le svolte, le gioie, i dolori, la salute, le malattie, l’adrenalina o anche le noie della vita…

Ma comunque fatto di situazioni accuratamente studiate proprio per noi, per stimolare un fiume di sensazioni e di emozioni di tutti i tipi, e quindi di pensieri e di azioni…

Tantissime situazioni, persone ed esseri che si presenteranno a noi piacevoli o spiacevoli, per indurci a pensare, a capire, ad afferrare col cuore e con la mente come amare in modo più saggio, creativo, costruttivo, disinteressato, benefico per noi e per gli altri.

A conoscere meglio l’arte di migliorare con l’Amore la sfera degli affetti, del lavoro, della società, dell’economia, dell’agricoltura, dell’arte, della scuola, della medicina, della politica…

E a sapere come sviluppare noi stessi proprio facendo questo bel lavoro di dare una mano a rendere migliore tutto quello che ci circonda…

Così sarà il 2017: una grande, unica, irripetibile possibilità di crescita per il nostro Spirito.

Per condurci ad amare di più e meglio di quanto abbiamo fatto nel 2016… Avremo stimoli forti, di tutti i tipi, in questo nuovo anno della meravigliosa età  micheliana della Coscienza.

Ma il nostro Cuore non tremerà, perché nessun male vero potrà venire da un flusso di eventi non casuali preparati dal Cielo… ma solo ed esclusivamente quello che serve come stimolo al nostro Bene. A noi il faticoso ma bellissimo compito di attivare le nostre libere forze di coscienza.

E allora… fiducia nelle nostre guide e nella forza delle nostre azioni d’Amore quotidiane!

A tutti noi l’augurio di trasformare il più possibile il magico flusso del 2017 nell’oro di tante coscienze libere, sveglie e ricolme d’Amore.

 

sanmichele

]]>
carotenutoteam@iol.it (Fausto Carotenuto) Spiritualità Sat, 31 Dec 2016 06:40:12 +0000
Buon Natale da Coscienze in Rete http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2609-buon-natale-da-coscienze-in-rete http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2609-buon-natale-da-coscienze-in-rete

nativity story ver10 xlgEra proprio buio a Betlemme quella notte… Come bui appaiono questi giorni di violenza e oscuramento delle coscienze.

 Era una delle notti più lunghe: le tenebre non erano mai state così forti…

 Erano i giorni del solstizio d’inverno, e il buio di un’epoca dominata dai sensi e da un egoismo sfrenato rendeva le tenebre ancora più oscure.

 Ma si sapeva che il Sole sarebbe rinato…

 E una giovanissima donna con un gran pancione,

 accompagnata da un signore di nobile aspetto,

bussa alle porte delle locande, perché serve un luogo adatto per partorire...

Ma non c’è posto a Betlemme… non è il momento…

La politica ha fatto affluire tante gente per i propri riti, per il censimento...

e gli alberghi sono pieni di persone che parlano e perfino litigano di politica e di economia…

O che vogliono solamente divertirsi e bere per dimenticare un’esistenza priva di senso…

 

Là in mezzo alla gente, nella vita superficialmente mondana, non è mai il momento giusto,

non c’è mai né il tempo né lo spazio giusto perché quella donna, la coscienza,

ed il suo compagno, l’intelletto, possano partorire il frutto del loro amore:

lo spirito d’amore creativo… La capacità di fare una cosa nuova e veramente buona.

Per questo serve quiete, calore, amore…

Per dare vita a una coscienza nuova occorre il silenzio,

nel quale l’anima libera dal turbinio dei sensi e delle passioni

possa finalmente congiungere il cuore ai pensieri…

E allora la ragazza col pancione e il suo compagno trovano una Grotta

appena fuori dal villaggio, dove nel silenzio dell’interiorità tutto si possa ricomporre...

E Maria - l’anima femminile dal cuore ricolmo d’amore - si trova unita a Giuseppe,

quel pensiero esperto, giusto, retto come il bastone cui si appoggia,

la cui barba parla della saggezza antica della stirpe di Davide...

E in quella Grotta anche le forze dell’Asinello, del corpo fisico, e quelle vitali metaboliche del Bue

sono amorevolmente a disposizione dell'Anima, a fornire energie e calore…

Tutto è allineato, tutto è ricomposto nella tensione verso la nuova missione d’Amore…

Sopra la Grotta dell’Interiorità riscaldata dall’Amore brilla nel buio la Stella del Mondo Spirituale,

che veglia e protegge il grande evento…

Ed ecco: il piccolo Essere dell’Amore nasce dalla semplice e miracolosa unione interiore

di un cuore amoroso e di un pensiero illuminato,

che vogliono introdurre nel Mondo qualcosa di meglio, di buono, di nuovo.

E la luce del Cielo è ora venuta sulla Terra in un Bambino a illuminare le tenebre

con la forza del proprio rivoluzionario Amore.

“Svegliatevi uomini pastori che ancora dormite” - dicono gli Angeli –

“ è ora di darsi da fare, di capire che tutto sta cambiando…"

"Che una forza nuova porta la Pace agli uomini che con buona volontà

vogliono agire nel mondo aggiungendo l’Amore ai loro pensieri…"

"Sveglia uomini pastori che ancora dormite il sonno della materia…"

La Buona Novella è che ora ce la potete fare a portare la Pace in voi e nel Mondo…

E al mattino dopo la notte del Solstizio d’Inverno il Sole dell'Amore comincia a crescere nel cielo…

e le tenebre lasciano il posto alla Luce…

I Magi sapienti arrivano dall'Oriente alla Grotta dell’interiorità e portano al Bambino dell’Amore che è in noi tre doni per arricchire e sostenere il cammino:

l’Oro delle antiche e nuove conoscenze spirituali,

la Mirra dell’indispensabile connessione ai nostri cari defunti che ci fanno da guida,

e l’Incenso della vitale comunicazione con il grande Mondo Spirituale che organizza la nostra crescita.

Lo fanno di nascosto da Erode – che pure cercava di manipolarli

come sempre con lui hanno fatto i poteri da cui dipendeva -

perché il Potere cerca l’Amore per ucciderlo prima che cresca…

Perché il punto di vista e la forza dell’Amore sciolgono alle fondamenta

qualsiasi potere dell’uomo sull’uomo…

Ed ora in quella Grotta è nato nell’interiorità il seme del grande nemico di ogni potere…

Il miracolo è compiuto: a ognuno d’ora in poi basterà unire Amore puro e Consapevolezza nella Santa Grotta della propria Coscienza per liberarsi da qualsiasi catena, interiore e esteriore…

E portare azioni di trasformazione positiva nel Mondo.

Il Risveglio di Coscienza è il Natale della nostra epoca… e sta cominciando a sciogliere catene, a cominciare da quelle interiori.

Che nei giorni di questo Natale, mentre le tenebre della nostra cultura senza Amore ancora avvolgono il mondo, possiamo ritrovare quella Meraviglia di quando eravamo bambini…

Solo guardando attraverso le Porte Magiche della nostra Meraviglia potremo vedere la Buona Novella dei nostri tempi: nell’Epoca dei Risvegli di Coscienza le tenebre, che si mostrano ancora fortissime, stanno finalmente lasciando il posto alla Luce e all’Amore…

Allora il miracolo di Betlemme avvenne per Uno solo, ma ora per tanti nella Grotta dell’interiorità è nato e sta nascendo qualcosa di nuovo, frutto del "nostro" amore e della "nostra" consapevolezza.

E tremano i nuovi Erode del potere oscuro, politico, finanziario e religioso…

Ci vorrà ancora tempo perché questa nuova coscienza sia così forte e diffusa da governare anche il mondo della materia, ma il Bambino della Coscienza è ormai nato nei cuori di tanta gente… E da lì partirà la trasformazione vera della società umana.

Auguri al Bambino Divino che sta crescendo in noi!  Buona Meraviglia a tutti!

 

natalebambinabella 800x532

]]>
carotenutoteam@iol.it (Fausto Carotenuto) Spiritualità Tue, 20 Dec 2016 07:01:00 +0000
Intervista a Fausto Carotenuto: la politica italiana e mondiale, il medio oriente, il terrorismo. In gioco la nostra anima http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2802-intervista-a-fausto-carotenuto-la-politica-italiana-e-mondiale-il-medio-oriente-il-terrorismo-in-gioco-la-nostra-anima http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2802-intervista-a-fausto-carotenuto-la-politica-italiana-e-mondiale-il-medio-oriente-il-terrorismo-in-gioco-la-nostra-anima

FaustoIn questa intervista, Fausto Carotenuto, fondatore di Coscienzeinrete, parla di molte cose. Dalle elezioni americane alle difficoltà dei 5 stelle, dallo scenario mediorientale al brexit, del ruolo e del funzionamento dei servizi d'intelligence, del terrorismo mediatico, delle informazioni deviate sul web, e di molto altro ancora, mettendo tutto in relazione al nostro ruolo nell'evoluzione individuale e sociale dell'umanità.

Imperdibile.

Buon ascolto!

{youtube}bHBbL7RgrEQ{/youtube}

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Wed, 26 Oct 2016 12:23:33 +0000
Il dio e il cane - la storia di Yudhistira http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2746-il-dio-e-il-cane-la-storia-di-yudhistira http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2746-il-dio-e-il-cane-la-storia-di-yudhistira

BhagavadCi sono storie che invecchiano nello spazio di un mattino e storie vecchie di millenni che sembrano scritte ieri.

di Piero Cammerinesi

È il caso della storia di Yudhistira e del suo cane, narrata migliaia di anni fa nel Mahabharata.

Una storia antichissima con un messaggio quanto mai attuale.
In particolare in quest'epoca in cui finalmente il rispetto per Madreterra e le sue creature inizia ad essere condiviso da fasce sempre più larghe di persone.
La storia è ben nota a chi conosce quello straordinario tesoro di saggezza e di poesia che è la Bhagavad Gita - l'equivalente della Bibbia nel mondo indiano - al cui interno, come un gioiello, è incastonano il Mahabharata.

Bhagavad1Yudhistira, re di Indraprashta e di Hastinapur e fedele seguace del Dharma, vale a dire della Legge Cosmica che regola l'evoluzione universale, si avvicina alla fine della sua esistenza terrestre.

Insieme ai fratelli Bhima, Arjuna, Nakula, Sahadeva e Draupadi, inizia il suo pellegrinaggio verso il monte Kailash sull'Himalaya, dove abbandonare la propria corporeità terrestre.
Già all'inizio del percorso si unisce a loro un cane randagio che li segue in ogni loro spostamento.
Il viaggio - un vero e proprio incontro di ciascuno con il proprio Guardiano della Soglia - mette ognuno dei fratelli Pandava di fronte alle proprie debolezze, cui soccombono, uno dopo l'altro.
La prima a cadere è Draupadi, a causa del suo eccessivo attaccamento ad Arjuna, seguita da Shadeva, il cui errore è l'orgoglio per la propria intelligenza. Poi è il turno di Nakula, il cui torto è di ammirare la propria bellezza; cade poi il grande Arjuna, guerriero intrepido e vittorioso, a causa della presunzione ed eccessiva sicurezza, seguito da Bhima che, come gli altri, chiede a suo fratello Yudhistira il motivo della propria morte. Yudhistira gli risponde che la causa del suo morire è il suo eccessivo legame con il cibo, incurante di coloro che soffrono la fame.

Ormai solo, Yudhistira prosegue il suo viaggio iniziatico verso il Cielo; solo il cane lo accompagna.
Ormai ad un passo dalla vetta del Kailash, la soglia del Cielo da cui entrano solo gli eroi, il dio Indra si manifesta sul suo cocchio e invita Yudhistira a salire a bordo per raggiungere insieme a lui il Paradiso.
Bhagavad2Ma Yudhistira risponde al dio che non può salire in Cielo senza i suoi fratelli caduti sul cammino. Indra lo rassicura: "Stai tranquillo, tutti loro sono saliti in paradiso dopo la loro morte".

Yudhistira fa allora per salire sul cocchio con il piccolo cane ma Indra lo ferma "un cane non può salire su questo cocchio, Yudhistira".
Ora, come poteva l'uomo del Dharma, la cui esistenza era stata dedicata al rispetto delle leggi spirituali del cosmo, abbandonare quello che era ormai diventato un amico fedele?
Così, a Indra che lo esorta a mettere in primo piano la sua serenità e ad abbandonare il cane "Lascia quel cane Yudhistira - gli dice il dio - non può entrare con te. Lascialo qui, non vi è nulla di crudele in questo"
"Nulla? - risponde il vecchio re - Dovrei abbandonare qui solo e sperduto questo essere che si è affidato a me?"
"E' solo un cane", replica il dio, sempre sorridente, "lascialo alla sua vita, quale che sia. Tu sei già al di là di tutto questo".
Ma Yudhistira è irremovibile e la sua risposta a Indra è folgorante: "Ma non sono al di là della mia coscienza, il suo abbandono offuscherebbe la serenità che tu mi prometti".

E questa meravigliosa storia di amore e di fedeltà al proprio ideale si conclude in modo altamente simbolico.

Mentre l'anziano re si volta, rifiutando l'invito di Indra, e se ne va seguito dal cane, l'animale si manifesta per quello che realmente è: il dio del Dharma che, immerso in una luce sfolgorante, dice a Yudisthira: "Nessuno potrà mai eguagliarti dopo questa prova, figlio mio. Oggi hai dimostrato agli uomini e agli dei che ogni vita, in quanto tale, è sacra e sacri e indissolubili sono i legami fra tutte le creature viventi, legami di compassione e di aiuto che nessuno deve ignorare o dimenticare mai".

Una storia straordinaria che cela al suo interno più di un insegnamento profondo.
Vediamone alcuni.

Bhagavad3Innanzitutto il percorso dei fratelli Pandava verso il mondo spirituale.
Ritiratisi dagli impegni esteriori ognuno rivolge la propria attenzione al mondo interiore e inizia la propria esperienza di purificazione attraverso il simbolico percorso verso il monte Kailash.
Ognuno di loro incontra sul cammino il Guardiano della Soglia che lo mette di fronte ai propri limiti ed in particolare a quello che ciascuno non è stato in grado di superare nel corso dell'esistenza terrestre. Il limite che rappresenta, dunque, la causa della morte prima del raggiungimento della porta degli eroi.

Poi la 'tentazione' del cane.
Anche se fedele seguace del Dharma, Yudhistira viene messo alla prova. Nel percorso spirituale non v'è mai nulla di garantito, nulla dato per scontato; più si sale, più c'è possibilità di fallire.

Il volto sorridente e la calma di Indra.
La serena calma con cui Indra, sul cocchio celeste, lo invita a lasciare il cane rappresenta il volto più pericoloso della tentazione, quella che si manifesta come autorevolezza spirituale, verità apparentemente inoppugnabile, promessa di beatitudine.

Il cane che si tramuta nel dio del Dharma.
Il cane nella sua fedele umiltà rappresenta la sterminata schiera delle creature affidate all'uomo su questo pianeta. Creature verso le quali egli ha un debito di gratitudine e di responsabilità che non gli è permesso di ignorare se vuole passare ad uno stato superiore di esistenza (la Soglia del monte Kailash).

Infine la Legge cosmica.
Il cane rappresenta il Dharma, la Legge universale che indica all'uomo il suo percorso evolutivo e che, se non viene rispettata, non permette quel conseguimento cui l'uomo anela.
Al Dharma, alla Legge cosmica, si devono piegare dunque anche gli dei, anche loro esseri in evoluzione.

]]>
pierocammerinesi@hotmail.com (Piero Cammerinesi) Spiritualità Tue, 05 Jul 2016 10:23:44 +0000
Steiner chi, il complottista? http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2735-steiner-chi-il-complottista http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2735-steiner-chi-il-complottista

Steiner ComplottistaAllora il diavolo gli disse: "Se tu sei Figlio di Dio, dì a questa pietra che diventi pane". Gesù gli rispose: "Sta scritto: Non di solo pane vivrà l'uomo".

di Piero Cammerinesi

Gesù nel deserto supera le due tentazioni, quella di Lucifero e quella di Lucifero e Ahriman insieme.

Ma quella di Ahriman (Satana) - secondo Rudolf Steiner - non viene pienamente respinta e da lì iniziano un bel po' di guai.

Steiner Complottista1Egli, infatti, dice a chiare lettere che a causa di quel 'residuo' irrisolto nella tentazione delle pietre in pane, l'umanità, da allora in poi, è soggetta all''artiglio' del denaro, quantomeno per tutta l'incarnazione planetaria terrestre.

Infatti, nel Quinto Vangelo, all'affermazione del Cristo secondo la quale l'uomo non vivrebbe di solo pane, Steiner mette in bocca ad Ahriman questa risposta: "Puoi anche aver ragione, ma per quanto tu l'abbia ciò non mi può impedire che io ti fronteggi in un certo modo. Tu sai solo quello che fa lo spirito che scende dalle altezze, ma non fosti mai finora nel mondo umano; quaggiù vi sono anche tutt'altri uomini che hanno veramente bisogno di trasformare pietre in pane, perché non possono nutrirsi di solo spirito".

Ciò fa si che la necessità di trasformare le pietre in pane, cioè il metallo (un tempo oro oggi banconote) in beni per vivere ci accompagnerà fintanto che avremo un corpo fisico, dunque fino all'incarnazione di Giove.

E dall'oro (l'elemento minerale, le pietre) che ci consente di comprare ciò che ci serve per vivere (il pane) deriva l'avidità, la sopraffazione, il potere.

Fu proprio tale 'residuo' la leva che portò al tradimento di Giuda e alla successiva condanna e morte di Gesù.

Siamo con ciò di fronte ad un mistero – rivelato da un Iniziato moderno - che getta luce su gran parte della storia dell'umanità.

Come scrive Giacinto Auriti: "Ciò che sorprende in questa frase di Gesù è la novità della proposta, mai considerata dai teorici dell'interpretazione, di dedurre il significato delle parole non dalla loro espressione letterale, ma dalla bocca che le pronuncia. Quelle parole erano uscite dalla bocca di Satana; sicché per interpretarle esattamente va considerata l'ipotesi, peraltro assurda, che Cristo avesse accettato l'invito di Satana e trasformato le pietre in pane. In tal caso questi avrebbe potuto ben dire a Cristo: "Tu puoi mangiare pane per mio merito perché io Ti ho dato il consiglio di trasformare le pietre in pane." Quindi Cristo sarebbe stato trasformato da "padrone" a "debitore" del Suo pane.
A ben guardare questa ipotesi si verifica puntualmente nell'emissione della moneta nominale. Quando la banca centrale emette moneta prestandola, induce la collettività a crearne il valore accettandola, ma contestualmente la espropria e indebita di altrettanto, esattamente come Satana avrebbe fatto se Cristo avesse accettato l'invito di trasformare la pietra in pane".

Dalle pietre in pane al denaro creato dal nulla

Steiner Complottista2Come sappiamo le valute di tutto il mondo fino al secolo scorso – per la precisione fino al 1971 - erano garantite dall'oro, ma da quell'anno, avendo gli americani sganciato il dollaro dall'oro, quasi tutte le valute non furono più garantite dalle riserve auree.

Si realizzò allora pienamente la creazione del denaro 'out of thin air', dal nulla.

Secondo Renzo Rosti la creazione del denaro dal nulla fu "una vera rivoluzione copernicana (...) che è passata purtroppo inosservata perché vi sarebbe stata la possibilità di iniziare un processo di liberazione dalla schiavitù del denaro. Ne ha invece approfittato il sistema bancario; ormai associazione di banche private; per consolidare la gestione monetaria creando denaro dal nulla".

È ora sotto gli occhi di tutti come il denaro 'a debito' creato dal nulla - con un semplice click su un terminale bancario - abbia completamente asservito l'uomo al dominio delle Entità ostacolatrici.

Da qui l'accrescimento – in proporzione geometrica – della brama di denaro e conseguentemente di potere che attanaglia il mondo attuale, dove la forbice tra ricchi e poveri tende ad allargarsi sempre di più.

"Su queste premessecontinua Giacinto Auriti - ci si spiega anche la tentazione di Satana quando esorta Cristo a gettarsi dalla cima del tempio della Città Santa. Chi è padrone di tutto il mondo e di tutto il denaro del mondo, o perché lo possiede o perché ne è creditore, non desidera sovranità e ricchezza perché già le possiede, ma ha sete di vanagloria. Si giustifica così anche questa tentazione".

Con la creazione del denaro dal nulla il potere delle banche centrali e degli istituti finanziari sovranazionali è divenuto, come sappiamo, pressoché assoluto e inattaccabile, tanto che ha preso il controllo dell'economia e della politica.

Steiner Complottista3Ci troviamo di fronte oggi a un totale ribaltamento dei valori cristiani, ribaltamento esercitato e sfruttato paradossalmente da entità politico-istituzionali che vantano radici cristiane.

Il capovolgimento dei valori, l''Umwertung aller Werte' nietzscheano è divenuto realtà.
L'unico contravveleno a questo stato di cose sarebbe l'applicazione della Triarticolazione sociale, cosa che, purtroppo, appare al momento abissalmente remota.

Ahriman, o Satana che dir si voglia, è pertanto signore incontrastato del mondo esteriore proprio grazie a quella questione insoluta, al potere del denaro, che il Cristo, venendo dai mondi spirituali, non poteva conoscere.

Nella storia umana l'oro - il denaro - ha sempre alimentato il potere dei pochi che, a loro volta, hanno operato lo sfruttamento e la manipolazione delle masse.

Tale trend è divenuto via via più pervasivo ma anche più manifesto – direi più sfacciato - in particolare con la straordinaria crescita dei sistemi di manipolazione delle coscienze cui abbiamo assistito nell'ultimo secolo.

Per l'oro, per il potere collegato al denaro, si sono combattute tutte le guerre, in particolare quelle catastrofiche del secolo scorso ma anche le attuali invasioni di stati sovrani, le primavere colorate, le aggressioni camuffate da interventi umanitari e le cosiddette esportazioni di democrazia.

Dove è finito l'oro di Ucraina e Libia, asportato dalle banche centrali di quei Paesi, per citare solo i casi più recenti?

Chiunque abbia cercato di mettere un freno allo strapotere dell'attuale sistema predatorio del cosiddetto Military-industrial complex è stato eliminato senza pietà, così come (basti pensare ad Abraham Lincoln e John F. Kennedy) chi ha cercato di mettere in pratica la teoria di Thomas Jefferson, secondo la quale "il potere di emissione della valuta vada tolto alle banche e restituito al popolo, al quale appartiene".

Che fare?

Ciò detto, dobbiamo domandarci quale sia il compito del ricercatore spirituale di fronte alla hybris dei potenti ed alla menzogna che domina incontrastata i mezzi di informazione, ormai per la maggior parte a libro paga dei poteri forti?

Ebbene, qui ci troviamo di fronte a due posizioni contrapposte.

Steiner Complottista4C'è chi sostiene che nessun impegno sul piano esteriore possa cambiare le cose, visto che esse sono il risultato di condizioni morali deficitarie dell'umanità e che quindi l'unico intervento fattivo sia quello di lavorare spiritualmente in modo energico per innalzare tali condizioni.

C'è, invece, chi ritiene che sia comunque necessario – a fianco dell'indiscutibile necessità di un impegno interiore – anche approfondire gli eventi esteriori, scoprendone il reale significato e prendere parte a ogni iniziativa intesa a correggerne le storture.

Tali posizioni evidentemente rispecchiano le forze fondamentali cui Rudolf Steiner fece riferimento come le due correnti – neoplatonica e neoaristotelica – cui appartengono coloro che, in questa incarnazione, si sono collegati alla scienza dello spirito.

Ma quale di queste due posizioni possiamo considerare, nella fattispecie, più corretta?

Ebbene, se siamo dei cultori di scienza dello spirito e seguiamo le indicazioni che un secolo fa ci vennero fornite da Rudolf Steiner, intanto cerchiamo di capire quale sia la posizione del fondatore dell'Antroposofia di fronte al quadro che abbiamo tratteggiato.

Una impostura in grande stile

Iniziamo con il dire che per Steiner non v'era dubbio alcuno che noi "viviamo in un mondo che non considera ciò che è giusto o ciò che è ingiusto, ma che decide in base al potere".

Il potere, naturalmente, agisce sui popoli mediante la propaganda; esso utilizza gli enormi mezzi a sua disposizione per corrompere, guidare, comprare coloro che devono raccontare gli eventi al pubblico.

Di conseguenza impariamo a nostre spese che ogni notizia che ci viene presentata come verità, tale non può essere qualora collida con gli interessi del potere.

Vale a dire nella maggior parte dei casi.

Anche a tal proposito, parlando della propaganda, Steiner è adamantino: "Vedete, nel mondo ci sono mezzi con cui si possono generare suggestioni di massa. Quando si vogliono creare suggestioni su larga scala bisogna immettere nel mondo qualcosa di sensazionalistico. Alla stessa maniera in cui si può suggestionare una singola persona (...) si possono condizionare interi gruppi, basta impiegare i mezzi adatti, e soprattutto conoscere quello che lega concretamente le persone di questi gruppi le une alle altre. Esiste un modo con cui si può pilotare la forza che risiede in un singolo uomo verso una precisa direzione. Questi può essere convinto del proprio profondo amore per la pace, ma compie le sue azioni sotto effetto della suggestione. Egli è tutt'altro da quello che fa. Si può fare la stessa cosa anche con i sentimenti d'interi gruppi, se si hanno le conoscenze adatte. Bisogna solo scegliere i mezzi appropriati. Serve solo spingere in una determinata direzione, attraverso una specie d'impostura in grande stile, una forza che è sì vitale, ma non ha una particolare direzione (...). Una tale suggestione collettiva esiste, essa ha agito, agisce e agirà in modo estremamente efficace".

Steiner Complottista5Ora questa 'impostura in grande stile' è la cifra segreta delle nostre moderne democrazie che di democratico hanno ormai solo il nome.

Attraverso le congreghe occulte, le logge e le super-logge (Ur-Lodges sovranazionali) massoniche, che a loro volta controllano le logge nazionali e, a cascata, le organizzazioni para-massoniche come la Trilateral Commission, il Bilderberg Group, il Council on Foreign Relations, l'Aspen Institute e altre, i poteri forti oggi determinano senza mezzi termini le politiche e le economie di tutto il globo.

Questi poteri hanno evoluto in modo superlativo – in particolare dopo il secondo conflitto mondiale – la capacità di controllare le popolazioni.

I loro mezzi principali sono la creazione di stati di insicurezza, di angoscia e di paura.

Chi non sa se arriverà alla fine del mese perché ha un lavoro sottopagato, chi teme di perderlo o chi ha paura di attentati e di stragi non avrà certo tempo e voglia di occuparsi delle politiche e delle strategie internazionali.

Paura e angoscia producono un abbassamento del livello di coscienza delle persone facendo leva sul naturale istinto di conservazione e sull'aspettativa di sopravvivenza.

Quello che è avvenuto negli USA dopo l'11 settembre e che sta avvenendo oggi in Europa è emblematico; la gente rinuncia spontaneamente a porzioni sempre maggiori di libertà a favore della sicurezza.

Ancora Steiner esattamente cento anni fa: "per chi abbia seguito gli ultimi decenni consapevolmente a livello spirituale, uno dei motivi principali dei dolorosi avvenimenti attuali (Prima Guerra Mondiale) è la paura di cui è imbevuto il mondo intero; la paura che hanno avuto singoli uomini l'uno dell'altro, ma che prima d'ogni altra cosa hanno avuto le nazioni una dell'altra, anche se non ne erano consapevoli. E se si fosse potuta seguire questa fonte di paura con attenzione, non si direbbero tante insensatezze sulla causa della guerra, come invece si fa oggi".

Ecco, seguire con attenzione la fonte della paura è un'indicazione impagabile che dobbiamo imparare.

Un altro indizio su come comportarci di fronte agli eventi del presente Steiner ce lo fornisce indicandoci come sia – ieri come oggi - una politica precisa dei poteri forti quella di offrire 'mezze verità'.

"L'insieme delle conoscenze serve sempre all'umanità intera. Elementi isolati dall'insieme servono sempre all'egoismo di gruppi singoli. Questa è la cosa significativa e importante che si deve aver presente, perché moltissime idee che diventano di dominio pubblico per mano occulta non sono false, ma sono mezze verità o anche un quarto o un ottavo di verità. Proprio perché recano in sé una parte di vero possono essere strumentalizzate per questo o quello scopo in modo unilaterale".

Dunque, risalire alla fonte della paura e smascherare le mezze verità.

Ora, i cosiddetti 'poteri forti' cui si riferisce Steiner contano sul fatto che gli uomini, presi dalla loro vita e soprattutto dalle difficoltà e dai pericoli che vengono loro messi sul cammino, tendono a non aver l'energia o la voglia di occuparsi di questioni come quelle che abbiamo accennato.

Steiner Complottista6E questo è il gioco del controllo delle masse che agisce in modo che molte cose debbano "svolgersi in modo da non essere notate dalle altre persone. Abbiamo già avuto modo di osservare come gli uomini siano in una certa misura disattenti, distratti, non guardino volentieri a ciò che accade. Questo però viene strumentalizzato dai molti che si servono di determinate connessioni occulte per agire nel mondo. Chi osserva il mondo, non nel modo in cui la gente lo guarda abitualmente, bensì con uno sguardo spregiudicato, saprà che ci sono uomini che si lasciano influenzare da quanti vogliono servirsi di simili mezzi. E se qualche occultista non particolarmente coscienzioso si prefigge di influenzare altri uomini, riuscirà a esercitare un influsso ben determinato".

Vi sono dunque entità che si prefissano di influenzare e controllare le masse.

Entità umane (gruppi di potere) eterodirette da Entità dell'ostacolo.

Un altro sistema con cui si controlla la gente è l'alterazione della storia.

Attraverso la storia che impariamo a scuola o che leggiamo sui libri o vediamo in televisione viene coscientemente alterata la realtà dei fatti ad esclusivo consumo delle élite al potere.

Ancora Steiner: "...nel modo in cui si scrive solitamente la storia, la gente viene completamente ingannata, fuorviata. Invece anche nella storiografia bisogna andare più a fondo".

Ecco un'altra idicazione preziosa: andare a fondo nello studio della storia.

Steiner Complottista7Un ulteriore metodo di controllo e manipolazione è la gestione del linguaggio, ben caratterizzato dalla neo-lingua di orwelliana memoria.

Se chiamo la guerra guerra umanitaria e il nemico belva non umana ho già di fatto condizionato la mente di chi mi ascolta.

Per questo motivo i conflitti oggi si vincono con le parole prima ancora che con le armi. I media, da quando sono divenuti di fatto megafono del potere e strumento di propaganda, sono maestri nel 'sintetizzare' in poche parole-chiave quei concetti in grado di innescare automaticamente nella gente reazioni programmate.

La sintesi di concetti complessi in slogan è il segreto per il controllo delle masse.

Grazie ad essi si manipolano le coscienze e si snatura il rapporto concetto-parola che è alla base del nostro pensiero.

E qualora i media o i governanti giurino che quanto sostengono sia la verità, beh, in tal caso si può essere davvero certi che hanno già ribaltato anche il senso del termine verità.

Anche su questo aspetto Rudolf Steiner è chiarissimo: "Quando si vuole ottenere un determinato risultato nel mondo, risultato che deve rappresentare l'opposto della regolare direzione dell'evoluzione dell'umanità, ebbene, allora gli si dà, per così dire, un nome che significa il contrario. L'umanità deve imparare a non credere ciecamente ai nomi". (Rudolf Steiner, Stoccarda 21 settembre 1920)

Attenzione entusiastica

Dunque sembrerebbe che la prima posizione da cui siamo partiti - vale a dire di rinuncia all'attività esteriore ad esclusivo vantaggio di quella interiore - venga del tutto esclusa nel ragionamento di Steiner, che afferma, infatti: "solo la sete di conoscere e la volontà di apprendere rendono un uomo capace di vedere chiaro negli eventi del mondo".

In altri termini, "È necessario farsi compenetrare almeno una volta dall'esigenza – questa esigenza deve essere portata almeno una volta nella vita dei giorni nostri – di non sviluppare l'entusiasmo della distrazione, ma l'entusiasmo dell'attenzione".

Dunque non semplice attenzione agli avvenimenti del mondo ma attenzione entusiastica.

E, come se non bastasse, con queste parole lo scenario si fa ancora più chiaro: "Chi si limita a pensare che il saggio ordinamento del mondo provvederà a tutto, se la prende troppo comoda. Se fosse così, non esisterebbe in nessun luogo dell'intero mondo fisico quello che invece esiste: la libertà umana".

Ecco che la tentazione di voltarsi dall'altra parte pensando "a me queste cose non interessano, leggo le conferenze, i libri, medito nella comodità della mia stanzetta e non mi sporco le mani con gli avvenimenti di cronaca perché tanto non posso farci nulla" si dimostra allora per quello che è, appunto una tentazione.

Infatti, prosegue Steiner "Se si volge lo sguardo solo sullo spirito – l'ho già detto più volte – che pervade ciò che ci circonda, non si hanno i presupposti necessari per porre le domande giuste. Non si sa come si rifletta giù nel mondo fisico quello che accade spiritualmente".

Che il ricercatore dello spirito non si nasconda dunque dietro al facile pretesto di seguire l'Occultismo perché "occulto, miei cari amici, non è solo ciò che riguarda i mondi superiori – inizialmente questi sono certo nascosti, occulti per tutti gli uomini. Ma per molti uomini è già occulto anche quello che avviene nel mondo fisico! E vogliamo augurarci che molto di ciò che è nascosto qui da noi diventi visibile! Che così tanti fatti rimangano nascosti a così tanta gente, costituisce una delle fonti della miseria in cui viviamo".

Non ci sono giustificazioni, dunque, per chi, estraniandosi dal mondo esteriore, diviene in qualche modo corresponsabile degli eventi tragici che vi accadono.

"Gli uominiafferma Steiner - in un certo senso, hanno perso la buona volontà di guardare se ciò che esiste nella realtà affonda le sue radici nel vero. Ma ci si deve appropriare di questo sentimento per la verità nella vita quotidiana, altrimenti non lo si potrà portare con sé nella comprensione dei mondi spirituali.

In modo che vediate cosa intendo, vorrei farvi un esempio: sulle onde della civiltà presente galleggia non solo la mistificazione delle frasi fatte, ma la menzogna vera e propria. Si riversa nella vita – e, come menzogna, intacca la vita".

Abbiamo dunque a che fare con gruppi di potere – a partire dalle congreghe occulte - che contano sulla menzogna, sulle 'mezze verità', sulla manipolazione della storia e sulla propaganda per irretire e soggiogare l'umanità, intaccando la stessa esistenza umana.

Ma questi disegni criminali devono essere smascherati dagli uomini se essi non vogliono essere corresponsabili delle loro stesse sciagura.

Tanto è deleterio l'atteggiamento di mettere la testa sotto la sabbia – evidentemente comune anche tra le persone che lo circondavano – che egli, riferendosi alle cause dello scoppio della Prima Guerra Mondiale disse: "Sono convinto che uno dei motivi principali per cui una tragedia come quella che accade oggi può abbattersi sul mondo, sta nel chiudere gli occhi davanti a queste realtà e nel parlare di quello che accade su basi del tutto inadeguate. Infatti anche di fronte ad eventi così grandi ognuno dovrebbe iniziare dalla conoscenza di sé".

La nostra responsabilità

Ora se può essere drammaticamente comprensibile che certe verità non vengano cercate o approfondite da parte della massa - troppo impegnata a tirare avanti faticosamente la vita di tutti i giorni o troppo condizionata dai media - non lo è certamente, o meglio non dovrebbe esserlo, per il ricercatore spirituale che, per definizione, dovrebbe possedere le capacità e, con esse, la responsabilità di usare un pensiero libero per indagare gli eventi del mondo.

Steiner Complottista8Ai ricercatori spirituali dunque si rivolge Steiner con queste parole: "E un frammento di conoscenza di sé è anche sapere che, nel momento in cui si dice: 'Cose simili non ci riguardano, vogliamo solo sentir parlare di fenomeni occulti', in questo momento si rafforzano, anche se in piccolo, quelle forze che, articolandosi in tutte le loro diramazioni e assommandosi, portano a catastrofi come quella che viviamo oggi".

Abbiamo visto che le indicazioni del fondatore della scienza dello spirito sono difficilmente fraintendibili e vanno dalla denuncia della paura e dell'angoscia come mezzi per controllare le masse alla dichiarazione di una 'impostura in grande stile' tramite la propaganda; dalla messa in guardia dall'uso di 'mezze verità' da parte delle élite per manipolare le coscienze alla denuncia dell'alterazione della storia, fino al consiglio di non credere ciecamente ai nomi.

Sembrerebbe quasi di avere a che fare con il ragionamento di qualcuno che oggi definiremmo, con un termine che sovente viene usato con una connotazione dispregiativa, un complottista, non è vero?

Di qualcuno, dunque, che, senza mezzi termini, denuncia apertamente la presenza massiccia di cospirazioni a tutti i livelli finalizzate all'asservimento totale dell'intera umanità al suo attuale indiscusso dominatore, Ahriman.

Ma questo disegno globale mostruoso può e deve – esorta Steiner - venir contrastato innanzitutto da coloro che possono smascherarlo, dunque, in primo luogo, dalle comunità spirituali mediante l'approfondimento entusiastico degli eventi del mondo esteriore, non rifugiandosi nell'alibi della sola azione interiore, poiché una delle cause dei disastri che ci vengono incontro deriva proprio dal fatto che il senso degli eventi del mondo rimangano nascosti ai più.

Bene, ora sta a noi svegliarci o continuare a dormire.

Concludo queste riflessioni con uno dei rari passi in cui Rudolf Steiner parla di se stesso e del suo atteggiamento verso la vita.

Lo fa in forma poetica in un suo taccuino del 1925:

Vorrei che ogni uomo
S'infiammasse dello Spirito del cosmo
Fiamma divenisse
E con ardore l'essenza dell'essere suo
Dispiegasse.
Altri vorrebbe
Prendere dall'acqua del cosmo
Ciò che le fiamme estingue,
E che, annacquato ogni essere,
Intimamente lo paralizzi.

Oh gioia, quando la fiamma dell'uomo
Arde anche là dove riposa.
Oh amarezza, quando l'umana cosa
È legata là dove muoversi vorrebbe.

]]>
pierocammerinesi@hotmail.com (Piero Cammerinesi) Spiritualità Wed, 15 Jun 2016 09:05:19 +0000
IL TUNNEL DEL GOTTARDO: UN SABBA PUBBLICO PER CELEBRARE UN BRUTALE ATTACCO AL CUORE DELLA GEOGRAFIA SACRA EUROPEA. La visione spirituale positiva. http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2730-il-tunnel-del-gottardo-un-sabba-pubblico-per-celebrare-un-brutale-attacco-al-cuore-della-geografia-sacra-europea-la-visione-spirituale-positiva http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2730-il-tunnel-del-gottardo-un-sabba-pubblico-per-celebrare-un-brutale-attacco-al-cuore-della-geografia-sacra-europea-la-visione-spirituale-positiva

ANGELOCADUTOALISPORCHEMolte persone sono in questi giorni rimaste sorprese, scioccate, disgustate, dalla cerimonia di inaugurazione del nuovo tunnel del San Gottardo. Presentato come un’opera eccezionale, salvifica dei destini tecno-economici d’Europa: la galleria ferroviaria più lunga del mondo, con 57,1 km di gallerie, 17 anni di lavoro, 11 miliardi di euro di spesa. Che accorcerà di molto i tempi di comunicazione delle città del centro-Europa.

Eppure molti media non hanno potuto fare a meno di notare le “stranezze” della cerimonia di inaugCROWLEYGOTTARDurazione del 1 giugno, alla quale erano presenti Merkel, Renzi, Hollande e numerosi importanti personaggi europei.

Molti hanno notato che dietro ad una pretesa artisticità dello spettacolo di inaugurazione – costato ben 9 milioni di franchi svizzeri – si celavano messaggi di tipo “occultistico”. Ma nulla di più è apparso sui grandi media. Che in fondo dipendono dagli stessi poteri che sono dietro il tunnel e dietro lo spettacolo di inaugurazione.

Ma cosa c’era di tanto conturbante in questo spettacolo?

EVIDENTE: una sorta di Messa Nera, di rito satanico pubblico, un vero e proprio sabba in onore di un capro cornuto.

Sì proprio quel capro cornuto con il quale il più grande satanista del secolo scorso – e ispiratore della religione nera alla base degli attuali poteri mondiali – Aleister Crowley, designava il suo padrone: la bestia, il 666, Satana.

(continua a leggere a seguire in basso)

GOTTARDEVILUno spettacolo condito di brutture, suoni orridi, urla strazianti, movimenti meccanici, disperatamente scomposti o lascivi. E poi decine di facce catatoniche, prive di sentimento, oppure devastate dalla sensualità più animalesca. Gruppi di operai che marciano, come un esercito di zombie - seguendo un ritmo ossessivo di percussioni prefissato per loro da poteri esterni. La rievocazione di alcuni di loro che muoiono per colpa di una montagna che risponde crollando al loro approccio, di una natura nemica che li travolge.

Si muovono meccanicamente, come automi, per partecipare al meccanismo del lavoro del tunnel che porterà al meccanismo del treno che corre nel tunnel… Ingranaggi di un meccanismo totalizzante. Operai in tuta che improvvisamente si spogliano per essere rianimati dalla sensualità ispirata dal capro satanico, per vivere di accoppiamenti-scontri, di movimenti inconsulti in una vera e propria orgia di sesso e vitalità scomposta.

Esseri umani soggiogati dal Capro, che ne stupra l’anima sul palco, ne controlla il femminile interiore della consapevolezza, e ne vela le teste per dominarli nascondendo loro la verità profonda del senso della vita. Mostrandola solamente come una vicenda di lavoro meccanico, trapuntato da tragedie procurate dalla natura matrigna. Con l’unico sollievo di una sensualità predatoria e bestiale oppure dell’esaltazione finale festosa per la realizzazione di un progetto del tutto materiale, come quello di un tunnel per un treno… In un quadro assolutamente privo di Bellezza.

Il Divino Femminile – la coscienza dentro di noi – appare soggiogato e non schiaccia più il Drago sotto i suoi piedi. Non si persegue quanto nell’essere umano cresce immortale: una coscienza amorosa. Ma obiettivi e realizzazioni materiali che non portano alcuna felicità e che sono comunque destinati ad esaurirsi e morire.

Ed un angelo caduto, orribile e con le ali sporche e deformi viene a volare in mezzo a questa umanità devastata dal nonsense dei modelli di vita satanici ormai dominanti. Mentre sul grande schermo si succedono immagini di volti demoniaci, di tunnel che si aprono nella pietra portando ad abissi neri, di braccia che si muovono meccanicamente, di occhi che osservano inquietanti, di paesaggi industrializzati privi di vita, di archetipi del sole nero.

E sullo schermo l’immagine di una Terra che gira che non è più il meraviglioso pianeta azzurro e verde, ma un inquietante ammasso di roccia. Dove ormai la Natura, invece di essere riconosciuta, amata e rispettata, è stata sconfitta e devastata da uomini con i corpi che sussultano innaturalmente, adoranti il capro e i suoi prodotti: il treno velocissimo, il tunnel…

Un pianeta morto, robotizzato, abitato da automi disumanizzati: proprio quello che il grande spiritualista – filosofo – veggente Rudolf Steiner definiva cento anni fa come il progetto di Satana-Arimane per il pianeta Terra. Al quale solo una coscienza umana elevata, libera ed imbevuta di vero Amore può opporsi con successo.

NOTA. IL FILMATO ORIGINALE DELLA CERIMONIA è VISIBILE AL SEGUENTE LINK: https://www.youtube.com/watch?v=dNXNop-mcQk

A PARTIRE DA 2 RE E 9 MINUTI CIRCA.

Ma se questa è la direzione dei gruppi di satanisti che guidano ora le sorti della politica e della finanza, perché mostrare tutto ciò in pubblico? Un ampio pubblico sul posto, e poi televisivo e poi via web. Decine, forse centinaia di milioni di persone.

Gruppi alimentati dalla magia nera e dal satanismo hanno guidato imperi, religioni, grandi “democrazie” e megastrutture economiche e culturali per secoli. Ma lo hanno sempre fatto cercando di non mostrare il loro vero volto, tenendo una apparenza il più possibile “perbene”, e compiendo le loro immonde ritualità nel segreto delle notti di luna, o di stanze nascoste in ben protetti palazzi anonimi.

E allora perché mostrare qualcosa del genere davanti ad un pubblico così vasto, in una occasione così? Dove il tema dell’inaugurazione è in fondo solamente un tunnel con un treno che ci passa dentro?

Perché la lotta dei poteri oscuri contro il Bene si è fatta più dura e vengono adottate modalità diverse e maggiormente aggressive.

Come abbiamo scritto più volte, il vero fenomeno dei nostri tempi è il risveglio di massa delle coscienze. Ormai almeno il 30 % delle persone non vuole più predare e prevaricare gli altri e la natura. Ed è alla ricerca di un senso e di un bene vero nella vita, al di là degli insoddisfacenti modelli proposti dai media e dalla nostra cultura materialista. Un fenomeno enorme, prima quasi del tutto inesistente, che ha cominciato ad intaccare strutture di potere e di controllo millenarie. O almeno ha cominciato a provarci seriamente.

Il risveglio si sta ulteriormente rafforzando, e le centrali di potere oscuro sono in fortissimo allarme. I loro media hanno l’ordine di ignorarlo totalmente e di distrarci con valanghe di tragedie giornaliere – guerre, terrorismo, crisi economiche - miste a “tonnellate” di effimero sensoriale. Ma la coscienza di ognuno di noi, se si guarda intorno, può vedere come negli ultimi anni stanno risvegliandosi moltissime persone, alla ricerca di nuove forme di spiritualità più autentiche, di una vita, cibi e terapie più sane, di maggiore solidarietà con gli altri, con gli animali, con le piante e la Terra.

Ma certamente almeno il 70% delle persone ancora dorme il sonno dell’egoismo, della materia, dei sensi e della predazione.

Ed allora le grandi centrali di manipolazione hanno deciso di puntare seriamente ad aumentare il sonno di chi dorme, visto che è la grande maggioranza. E il sonno della coscienza si alimenta con il dramma, la tragedia, le paure e le ansie, la crisi, il sonnifero dei media, ed il finto sollievo portato dall’esaltazione dei piaceri sensoriali (dal sesso alla cucina, dallo sport agli spettacoli, dall’alcool al gioco, dalla musica alle vacanze). Presentati come gli unici obiettivi della vita, per i quali lavorare meccanicamente come schiavi. Inseguendo realizzazioni materiali individuali, come l’autorealizzazione economica e lavorativa, o collettive, come il grande tunnel del Gottardo. Sottacendo del tutto il fine di crescita spirituale per cui sbarchiamo sulla Terra, e che il 30 % di risveglio sta già cominciando seriamente a cercare e a sperimentare.

E allora, dal punto di vista dei manipolatori, se l’obiettivo è aumentare il sonno dei dormienti perché altri non comincino a risvegliarsi, non importa che chi è più sveglio – che ha già cominciato a capire - veda ancora meglio che il potere è sfacciatamente oscuro. I risvegliandi ormai, per i poteri di manipolazione, sono considerati quasi del tutto “persi”. E non sembrano molto pericolosi perché non hanno ancora in mano i grandi media per divulgare quello che cominciano a capire. Hanno a disposizione solo qualche associazione e un po’ di internet per diffondere i loro messaggi e le loro osservazioni. E anche quelli si possono infiltrare o deviare per renderli poco credibili. I risvegliandi vanno attaccati con sottili deviazioni del risveglio, perfino olistiche e spirituali, e poi – come tutti gli altri – con aggressioni allo strumento corporeo delle anime: prodotti alimentari devitalizzati, farmaci che indeboliscono la struttura umana, campi elettromagnetici, onde di vario tipo, veleni chimici sparsi nel cielo, in terra, nelle acque. E attacchi, ove possible, a Madre Terra, il giardino della nostra crescita, per indebolirne le forze che ci sostengono.

Ma perché il Cielo, che comunque guida le sorti umane, consente tutto questo? 

Lo consente nella misura in cui è strettamente necessario come stimolo per il risveglio delle coscienze. Che ancora, se non si trovano di fronte a dei seri problemi, al dolore psichico, a quello fisico e alla visione della devastazione dell’ambiente, tendono a non porsi nessuna domanda, e quindi a non crescere.

Quindi alle forze oscure viene lasciato fare solo ed esclusivamente quello che può tradursi in uno stimolo – a volte dolorosissimo – al risveglio di coscienza. Detto questo, le forze di manipolazione in campo marciano dritte, dove possono, avendo come loro obiettivo la rovina del genere umano. Attraverso congreghe varie, massonerie e ordini religiosi deviati, ed il controllo su tutta la finanza e la politica mondiali. Mentre la difesa da questa aggressione viene sempre più affidata dal Cielo direttamente alla responsabilità delle coscienze umane in crescita.

Tornando ora al Tunnel del San Gottardo, si tratta proprio di una tipica manovra di aggressione compiuta dalle forze di ostacolo alla crescita umana. L’indegno spettacolo dell’inaugurazione è solo la manifesta punta di un grande iceberg nero.

In realtà in progetto presenta degli aspetti non visibili di grande portata offensiva. Soprattutto alla geografia sacra europea.

GOTTARDOFIUMII lavori effettuati hanno già portato un grave colpo al cuore del continente. Hanno già alterato pesantemente la struttura di chakra e meridiani che formano il tessuto sensorialmente invisibile attraverso il quale le forze vitali eteriche si distribuiscono sulla superficie terrestre.

Se si danneggia la geografia eterica di una zona della Terra, in quell’area gli esseri umani e tutti gli esseri viventi avranno a disposizione meno correnti vitali, e quindi un minore supporto per le attività non solo materiali, ma anche di pensiero, di sentimento e di volontà. Minori forze a disposizione della libertà del proprio Spirito di sperimentare e di crescere nella direzione del Bene.

Il San Gottardo è un massiccio montuoso di importanza molto rilevante per la geografia sacra di una vasta zona. E’ uno dei chakra principali della Svizzera, il più importante: dalla sua vitalità traggono origine quattro importanti fiumi europei in direzioni vitalmente strategiche: un ramo del Reno fino al Mare del Nord, il Rodano fino al Mediterraneo, il Ticino che poi sfocia nel Po fino all’Adriatico, il fiume Reuss, che attraversando e formando importanti laghi verso Nord, alimenta ulteriormente il Reno.

GOTTARDOMERIDIANICHAKRAE poi, a livello invisibile di geografia eterica, il Gottardo è lo snodo sacro di tre fondamentali meridiani energetici: uno che arriva dalla direzione di Budapest e poi da Ginevra raggiunge il Mediterraneo attraverso il magico approdo di Sainte Marie de la Mer, luogo della Maddalena; un altro che dalla Norvegia orientale passa per Amburgo, Stoccarda e poi prosegue verso Vercelli, Asti e Algeri; ed infine un terzo che da Firenze, passando per Modena, Cremona, Como, prosegue poi verso Zurigo, Wiesbaden e la Norvegia occidentale.

Ebbene, già da una decina di anni, nel corso dei lavori per il tunnel, il chakra è stato pesantemente intaccato e semichiuso, dimezzando il suo contributo di qualità vitale in tutte queste direzioni.

Il progetto ha operato una vera e propria meccanizzazione del massiccio del San Gottardo, parzialmente devitalizzato e trasformato in un tunnel per trasportare più velocemente masse di esseri umani nella loro corsa insensata a perseguire la materia, il sensoriale e l’effimero. Mentre a livello invisibile miriadi di esseri spirituali elementari positivi sono stati convertiti in esseri negativi al servizio di predatorie forze antiumane.

Tutto questo in perfetta coerenza con il progetto arimanico-satanico di meccanizzazione e denaturalizzazione della Terra e dei suoi abitanti, del quale un secolo fa parlava Steiner.

preti

E le religioni tradizionali cosa fanno? Non si sono accorte di questo abominio ?
Le religioni tradizionali, avendo perso da tempo ogni vero contatto con il Cielo, ed essendo spesso dominate dal principio del potere, o non se ne accorgono, o partecipano ossequienti al nuovo-vecchio padrone. Esponenti delle principali religioni erano infatti tranquillamente lì a benedire il tutto. E non si ha notizia di plateali dissensi dei loro vertici con l'opera o con lo spettacolo inaugurale.

Ma perché, oltre a compiere l’azione invisibile malvagia – come tante volte hanno fatto nella Storia umana – hanno questa volta voluto portare alla luce il misfatto attraverso lo spettacolo di inaugurazione?

Perché gli archetipi adoperati nello spettacolo non hanno solo una valenza culturale o estetica, ma hanno la forza di incidere pesantemente nel tessuto della psiche umana.

Se masse di uomini addormentati non si rendono conto di quanto di negativo c’è in certe forme presentate falsamente come “artistiche”, e le accettano come qualcosa che venendo dall’alto è comunque positivo, è il modo di fare attuale, quello presentato in pompa magna dai media, quello che viene dai grandi “potenti” della Terra, finiscono per subire una serie di squilibri e di ferite al tessuto psichico delle quali non si accorgono. E che poi entrano come forme pensiero di enorme appesantimento e condizionamento nella struttura della loro aura, nel “corpo” della loro anima. Aiutando i poteri di manipolazione a trasformarli in esser privi di libertà, liberi solo di seguire i condizionamenti ad inseguire come schiavi i beni materiali o la superficiale soddisfazione sensoriale.

Archetipi che sembrano solo forme estetiche “artistiche”, ma che diventano pratici strumenti di asservimento. Archetipi neri che diventano moda e normalità infilandosi in ogni settore, dai costumi di Halloween ai prodotti cinematografici, alle serie televisive grondanti sangue, sesso e violenza, alle sculture, al design, alle architetture nelle quali viviamo, fino al tipo di divertimenti che ci vengono proposti, fino ai cartoni e ai giochi per i bambini. Infarciti di questi archetipi neri, per nulla innocui, di grande potenza condizionante sulle anime deboli, immature o dormienti.

Efficaci contro gli esseri umani a meno che le anime non si siano rese sveglie e coscienti. E solo in questo caso l’effetto che ne risulta è il contrario: il disgusto, la condanna ferma, l’indignazione, la ricerca di modelli e comportamenti migliori e sensati, dettati dalla ricerca del Bene. E per reazione il risveglio aumenta.

Tutta la serie di immagini, movimenti, suoni e voci presentati dallo spettacolo di inaugurazione del tunnel, e solo in parte citati in precedenza, hanno questa forza archetipica e questo scopo preciso: colpire soprattutto l'umanità che ancora non si sta risvegliando e tentare di affossarla definitivamente.

Ma è anche un messaggio preciso a stuoli di mercenari del mondo della politica, della finanza e della cultura, sempre in vendita al migliore offerente in cambio di carriere e denaro: “Se vuoi avere successo, devi apprezzare queste forme ed i gruppi che le promuovono. Questi archetipi sono ora il marchio della Bestia, il trade-mark del successo nel mondo della materia.”

E così si creano sempre di più occasioni e luoghi di condizionamento della psiche. Come le expo, i nuovi templi per adorare la materia, lo scientismo materialista e il suo Dio Capro… Privi di senso vero, appesantiti con particolari ritualità, per diventare trappole per la diffusione di archetipi velenosi a milioni di dormienti. Disumanizzanti come le strutture dei quartieri dirigenziali delle grandi città, come le centrali atomiche… Come le reti digitali, elettriche, radio, metropolitane, ferroviarie, stradali…: verso la meccanizzazione di un mondo abitato da automi.

Certo, tutte queste cose dal punto di vista della vita materialistica sembrano utili. Sono comode da utilizzare, perché alimentano l’economia e “facilitano” la vita. Ma occorre chiedersi: di quale vita?

Quella vita priva di senso che spinge miliardi di persone a lavorare come schiavi per godere dei beni dell’offerta materiale, sensuale, pruriginosa, effimera che ci viene lanciata addosso ovunque da migliaia di schermi. Sballottati comunque tra un bene materiale e una crisi, tra un divertimento effimero e una guerra, tra un cibo dal sapore finto e una intolleranza alimentare, tra un rapporto sessuale facile e la solitudine interiore. E comunque soggetti alla malattia, al panico, alla depressione, alla rabbia… alla morte.

Ma la buona notizia è che, come sempre, la visione spirituale di queste vicende drammatiche è comunque sostanzialmente positiva. A patto che ci diamo seriamente da fare.

Questa grande offensiva del Male dei nostri tempi deriva dal fatto che il principale fenomeno in corso è positivo: il risveglio delle Coscienze. Che comunque si alimenta ancora di più osservando e reagendo con tutte le nostre forze migliori alle perversioni del Male.

Cosa occorre fare allora?

In fondo è semplice come direzione, anche se sempre impegnativa da realizzare: occorre continuare con il risveglio. E aiutare gli altri con tatto ed amorevolezza a risvegliarsi. Non prendere mai nulla a scatola chiusa dai media o dai circuiti istituzionalizzati. Rendersi conto di tutto con la propria coscienza sveglia. Basare ogni giudizio su una considerazione di fondo basata sull’Amore: “Quello che avviene o che ci propongono è per il bene vero di tutti senza sacrificare nessuno? Di tutti gli esseri umani e di Madre Terra? O no?”

E su questa pietra angolare, su questa chiave di riferimento, basare le proprie libere scelte.

Più gente ci sarà in grado di scegliere liberamente in base alla propria coscienza piena di voglia di Bene, prima il Mondo si convertirà al Bene e smetterà di cedere alle seduzioni del capro a due corna…

Maria 06E il Divino Femminile della nostra Coscienza tornerà ad essere a livello di masse la “Donna ammantata di sole” che in ognuno di noi tiene sotto i piedi il “Drago” che vuole divorare il nostro Spirito..

 

 

 

 

 

]]>
carotenutoteam@iol.it (Fausto Carotenuto) Spiritualità Wed, 08 Jun 2016 12:38:19 +0000
Tutto o niente http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2702-tutto-o-niente http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2702-tutto-o-niente

Tutto niente10Che il potere usi la menzogna e l'inganno per conseguire i suoi scopi non è certo una novità. Ma che lo faccia premeditatamente e sistematicamente è qualcosa che la gran parte della gente si rifiuta di credere.

di Piero Cammerinesi

La propaganda è servita esattamente a questo; attraverso la scuola, la chiesa, i giornali e la televisione si è sapientemente instillato un dogma virale nei popoli: chi comanda è più capace di te e agisce per il tuo bene.

Tutto niente1Prendiamo ad esempio l'11 settembre.

Anche di fronte alle palesi incongruenze – spiegazioni scientificamente e tecnicamente insostenibili – della versione ufficiale la maggior parte dei benpensanti si rifiuta di credere che si sia trattato di un inside job.

Gran parte delle persone è convinta che il governo non sacrificherebbe mai migliaia di propri cittadini per delle finalità geopolitiche come quelle della programmata invasione di Afghanistan e Iraq e della creazione ad arte di una war on terror programmata a tavolino.

E ciò nonostante sia accaduto proprio questo innumerevoli volte nella storia mondiale in generale e americana in particolare.

Solo alcuni esempi:

Tutto niente2Nei libri di storia si parla di un attacco a sorpresa giapponese a Pearl Harbor con 2471 vittime americane.

Ma nel 2000 il lavoro di Robert B.Stinett, Il giorno dell'inganno, ha dimostrato, documenti alla mano, che il presidente Roosvelt sapeva perfettamente dell'attacco, che doveva servire a trascinare gli USA nel secondo conflitto mondiale.

Questa oggi è storia, non fantasie di complottisti.

Facciamo un passo indietro, torniamo alla prima guerra mondiale, ed esattamente al 7 Maggio 1915. Quel giorno venne affondato da un sommergibile tedesco il piroscafo americano Lusitania, evento – l'America non era ancora belligerante - che ancora una volta servì a trascinare gli USA nel conflitto. Nei libri di storia è sempre stato affermato che fu un attacco a sorpresa a una nave disarmata.

Tutto niente3Ma nel 1982, ed esattamente il 30 luglio, il governo inglese ha messo in guardia le imprese che intendevano scendere nel relitto del Lusitania, ammettendo che esso era pieno di materiale bellico inesploso.

Anche questa oggi è storia, non fantasie di complottisti.

Facciamo un salto più indietro nel tempo, esattamente nel 1898. Il 15 Febbraio di quell'anno avviene un'esplosione nella stiva del Maine, una nave da guerra USA che si trova al largo di Cuba. Gli Stati Uniti attribuiscono la responsabilità alla Spagna e gli dichiarano guerra, per poter sottrarre agli spagnoli i possedimenti d'oltremare, Portorico, Cuba e le Filippine.

Tutto niente4Ma nel 1976 una commissione d'inchiesta USA ha stabilito che la Spagna non aveva alcuna responsabilità nell'affondamento del Maine.

Anche questa oggi è storia, non fantasie di complottisti.

Parliamo di un'altra guerra in cui gli USA volevano entrare, quella del Vietnam.

Nei libri di storia leggiamo che il 2 e il 4 Agosto 1964 il cacciatorpediniere USS Maddox fu attaccato in acque internazionali da unità nordvietnamite, permettendo al presidente L.Johnson di entrare a pieno titolo in guerra.

Tutto niente5Ma nel 2010 la stessa NSA ammise che si trattò di un falso; in realtà furono le navi americane ad aprire il fuoco.

Anche questa oggi è storia, non fantasie di complottisti.

E ancora, tutti noi ricordiamo la provetta esibita da Colin Powell davanti alle telecamere come prova irrefutabile delle armi di distruzione di massa di Saddam Hussein. Fu il pretesto per aggredire l'Iraq, guerra che causò oltre un milione e mezzo di morti e l'instabilità di tutto il quadrante mediorientale.

Tutto niente6Ma oggi sappiamo per stessa ammissione di alcuni dei protagonisti che quella fu una menzogna che doveva servire a trascinare ancora una volta gli USA in una guerra di aggressione.

Anche questa oggi è storia, non fantasie di complottisti.

Potremmo tranquillamente estendere questo stesso discorso agli eventi italiani, dalla strategia della tensione ai misteri irrisolti che costellano la storia recente del nostro Paese, o a quelli di altri Paesi, ma penso che questi elementi possano bastare come prove delle menzogne e della intrinseca criminalità delle élite che hanno pianificato e realizzato tali inganni.

Pertanto se tutto questo è vero – e abbiamo visto che è vero – oggi sappiamo che il potere non solo mente sistematicamente al popolo ma, per propri fini occulti, massacra (o lascia massacrare) intenzionalmente – e impunemente - un gran numero di propri cittadini che hanno la sfortuna di trovarsi nel luogo sbagliato al momento sbagliato.

Così, tra qualche decina di anni, non prima che tutti i protagonisti della vicenda delle Twin Towers saranno usciti di scena, da qualche parte verrà l'ammissione che tutta la storia dei dirottamenti e del crollo delle Torri non era altro che una false flag, come il Lusitania, la USS Maddox, il Maine, Pearl Harbor e via dicendo.

E questa è logica, non fantasie di complottisti.

Rifiutarsi di vedere questo, rifiutarsi di ammetterlo, equivale ad essere in minima parte corresponsabili di tali crimini.

E non solo da un punto di vista politico-sociale, ma anche spirituale.

Tutto niente7"Gli uomini, in un certo senso, hanno perso la buona volontà di guardare se ciò che esiste nella realtà affonda le sue radici nel vero. Ma ci si deve appropriare di questo sentimento per la verità nella vita quotidiana, altrimenti non lo si potrà portare con sé nella comprensione dei mondi spirituali.

In modo che vediate cosa intendo, vorrei farvi un esempio: sulle onde della civiltà presente galleggia non solo la mistificazione delle frasi fatte, ma la menzogna vera e propria. Si riversa nella vita – e, come menzogna, intacca la vita". (R.Steiner, Riscatto dai poteri forti)

Non è un complottista qualunque a scrivere queste parole, ma Rudolf Steiner, che dichiara espressamente che la menzogna e l'inganno sono la regola da parte dei poteri forti.

Più volte nelle sue conferenze ha esortato i ricercatori spirituali a tenere gli occhi aperti di fonte agli inganni delle élite.

Parlando della prima guerra mondiale afferma espressamente: "Sono convinto che uno dei motivi principali per cui una tragedia come quella che accadeoggi può abbattersi sul mondo, sta nel chiudere gli occhi davanti a queste realtà e nel parlare di quello cheaccade su basi del tutto inadeguate. Infatti anche di fronte ad eventi così grandi ognuno dovrebbe iniziaredalla conoscenza di sé". (ibid.)

Spesso infatti certe verità non vengono rifiutate – o semplicemente evitate – solo da parte di persone che non hanno voglia di approfondire le cose o sono troppo condizionate dalla propaganda mediatica, ma anche da chi, come ricercatore spirituale, avrebbe le capacità ed il dovere di utilizzare un pensiero libero per indagare gli eventi del mondo che gli sta intorno.

A questi ultimi si rivolge Steiner con queste parole: "E un frammento di conoscenza di sé è anche sapere che, nel momento in cui si dice:'Cose simili non ci riguardano, vogliamo solo sentir parlare di fenomeni occulti', in questo momento si rafforzano, anche se in piccolo, quelle forze che, articolandosi in tutte le loro diramazioni e assommandosi, portano a catastrofi come quella che viviamo oggi". (ibid.)

Dunque anche il fatto di girare la testa, di guardare agli eventi del mondo esteriore con disdegno o malinteso senso di superiorità – io penso solo allo spirito, non mi interessano i fatti esteriori, la politica, la società – si rivela un atto di corresponsabilità con quanto di negativo accade intorno a noi.

Che fare dunque?

Tutto niente8Pensare a fondo la realtà che ci circonda – in modo spregiudicato e libero – è allora un dovere di ogni libero pensatore e di ogni ricercatore spirituale.

La ricerca della verità 'occulta', nascosta, non è un obiettivo da perseguire solo nei confronti del mondo spirituale, ma anche del mondo fisico in cui viviamo.

Ancora Steiner: "Occulto, miei cari amici, non è solo ciò che riguarda i mondi superiori – inizialmente questi sono certo nascosti, occulti per tutti gli uomini. Ma per molti uomini è già occulto anche quello che avviene nel mondo fisico! E vogliamo augurarci che molto di ciò che è nascosto qui da noi diventi visibile! Che così tanti fatti rimangano nascosti a così tanta gente, costituisce una delle fonti della miseria in cui viviamo". (ibid.)

Alla luce delle premesse e di queste linee-guida, è pertanto doveroso indagare con questo atteggiamento interiore anche gli eventi geopolitici più recenti.

Naturalmente il grado di disvelamento che riusciamo a realizzare è direttamente proporzionale al nostro livello evolutivo, all'impegno che profondiamo nella ricerca e alle nostre capacità di applicare il pensiero alla realtà.

Il disvelamento, poi, è per sua natura progressivo, il che significa che passare dall'essere vittime della manipolazione e della propaganda – come siamo tutti all'inizio del percorso – all'alétheia non è cosa che può avvenire d'un colpo.

Le illuminazioni sulla via di Damasco accadono, ma non sono poi così frequenti.

Ci vogliono spesso anni di studio e soprattutto una ferrea volontà d'indipendenza dalle verità dominanti, dal pensiero unico che domina incontrastato la vita della maggior parte delle persone, dalla culla alla tomba.

Tutto niente9Per questo motivo, anche se siamo giunti a livelli abbastanza avanzati di disvelamento degli eventi del mondo sensibile – tanto da farci chiamare complottisti dai nostri amici, che magari ci tolgono l'amicizia su Facebook o addirittura il saluto - abbiamo tuttavia la responsabilità di essere tolleranti nei confronti di chi ancora crede parzialmente alle verità dominanti.

Per farlo, un aiuto pratico: basta pensare a come eravamo noi stessi prima di iniziare questo percorso.

Un percorso che a volte abbiamo vissuto come una vera e propria discesa agli inferi, tanto è stato l'orrore che ci ha afferrato quando – dopo aver smantellato i dogmi del pensiero unico – abbiamo iniziato a renderci conto di "che lacrime grondi e di che sangue" il reale volto del potere.

Insomma, dobbiamo imparare a non pretendere dagli altri - come non l'abbiamo preteso da noi stessi - il 'tutto o niente'.

È vero, a livello dei poteri forti la cospirazione, il complotto, non sono l'eccezione, bensì la regola e spesso chi li ridicolizza ne è complice, ma dobbiamo anche imparare a non fare di ogni erba un fascio, tacciando di correità con il sistema tutti coloro cui ancora non si sono disvelati alcuni scenari.

Creare e alimentare opposizioni all'interno di chi si sta destando dal sopore del neo-pensiero, fa il gioco delle Entità – occulte e manifeste – che vogliono l'asservimento e la rovina dell'uomo.

Ricordiamocene sempre.

]]>
pierocammerinesi@hotmail.com (Piero Cammerinesi) Spiritualità Fri, 15 Apr 2016 08:51:10 +0000
COSCIENZE IN RETE IN PIEMONTE 6-10 MAGGIO 2016 http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2699-coscienze-in-rete-in-piemonte-6-10-maggio-2016 http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2699-coscienze-in-rete-in-piemonte-6-10-maggio-2016

TORINOMAGGIO20164 EVENTI IN PIEMONTE PER ALIMENTARE IL MESSAGGIO RIVOLUZIONARIO E POSITIVO DELLA COSCIENZA:

  • COME FUNZIONA LA TERZA GUERRA MONDIALE
  • IMPARARE A DIALOGARE CON I CARI CHE CI HANNO LASCIATO
  • SIAMO VENUTI SULLA TERRA PER CERCARE IL BENE O IL BENESSERE?
  • LA SPIRITUALITA’ APRE NUOVE FRONTIERE PER LA TERAPIA


TUTTE LE INFORMAZIONI IN BASSO A SEGUIRE:

Come Funziona Oggi la Terza Guerra Mondiale e come Uscirne Vincitori

 

6 Maggio 2016 20:30 - 22:30

via Saccarelli 18 TORINO

CONFERENZA tenuta da Fausto Carotenuto

informazioni: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/31-come-funziona-oggi-la-terza-guerra-mondiale-e-come-uscirne-vincitori-2

 

 

Imparare a dialogare con i cari che ci hanno lasciato

 

7 Maggio 2016 09:30 - 8 Maggio 2016 17:00

Moncucco T.se (Asti) – Fraz. Barbaso

SEMINARIO con Fausto Carotenuto

informazioni e iscrizioni: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/6-imparare-a-dialogare-con-i-cari-che-ci-hanno-lasciato

 

 

Siamo venuti sulla Terra per cercare il Benessere o il Bene? E come sta andando?

 

9 Maggio 2016 20:30 - 22:30

Torino Corso Palermo 83/C

CONFERENZA tenuta da Fausto Carotenuto

informazioni: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/28-siamo-venuti-sulla-terra-per-cercare-il-benessere-o-il-bene-e-come-sta-andando-2

 

 

La Spiritualità apre Nuove Frontiere per la Terapia

 

10 Maggio 2016  20:30 - 22:30

Torino Sala Infernotti c/o Ospedale San Giovanni Antica Sede Via San Massimo 24

CONFERENZA tenuta da Fausto Carotenuto

INFORMAZIONI: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/32-la-spiritualita-apre-nuove-frontiere-per-la-terapia

]]>
redazione@coscienzeinrete.net (Redazione) Spiritualità Wed, 13 Apr 2016 08:50:21 +0000
COSCIENZE IN RETE in Veneto ! 28 aprile – 2 Maggio 2016 http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2698-coscienze-in-rete-in-veneto-28-aprile-2-maggio-2016 http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita/item/2698-coscienze-in-rete-in-veneto-28-aprile-2-maggio-2016

Bassano del GrappaSCRITTEUna serie di temi di grande attualità ed importanza. Sette eventi in Veneto per alimentare il messaggio rivoluzionario e positivo della coscienza

A seguire in basso le informazioni sui singoli eventi:

 

Siamo venuti sulla Terra per cercare il Benessere o il Bene? E come sta andando?

28 Aprile 2016 20:30 - 22:30

Rovigo - Boara Pisani (Pd) Via Primo Maggio 42

CONFERENZA di Fausto Carotenuto

informazioni: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/27-siamo-venuti-sulla-terra-per-cercare-il-benessere-o-il-bene-e-come-sta-andando

 

Cosa significa Spiritualità oggi, e a cosa serve? Il compito dell'Amore

29 Aprile 2016 20:30 - 22:30

Cordignano (TV) CA' BENETTI

CONFERENZA tenuta da Fausto Carotenuto

Informazioni: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/25-cosa-significa-spiritualita-oggi-e-a-cosa-serve-il-compito-dell-amore

 

Noi e gli Altri intorno a Noi. Perchè? Dalla difficoltà alla crescita reciproca

30 Aprile 2016 09:30 - 13:30

Cordignano (TV) CA' BENETTI

SEMINARIO DI APPROFONDIMENTO tenuto da Fausto Carotenuto

informazioni: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/26-noi-e-gli-altri-intorno-a-noi-perche-dalla-difficolta-alla-crescita-reciproca

 

Mala tempora currunt. Guerre, crisi, malattie. Come uscirne meglio di prima

30 Aprile 2016 18:00 - 18:45

Montegrotto Terme, Via Diocleziana 4.

CONFERENZA di Fausto Carotenuto

informazioni: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/30-mala-tempora-currunt-guerre-crisi-malattie-come-uscirne-meglio-di-prima

 

Come Funziona Oggi la Terza Guerra Mondiale e come Uscirne Vincitori

1 Maggio 2016 / 09:30 - 16:00

Montegrotto Terme, via Gramsci 6,

SEMINARIO DI APPROFONDIMENTO con Fausto Carotenuto

informazioni: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/29-come-funziona-oggi-la-terza-guerra-mondiale-e-come-uscirne-vincitori

 

Cosa significa Spiritualità oggi, e a cosa serve? Il compito dell'Amore

1 Maggio 2016 / 17:30 - 19:30

Albignasego Via L. da Zara 42

CONFERENZA di Fausto Carotenuto

informazioni: http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/33-cosa-significa-spiritualita-oggi-e-a-cosa-serve-il-compito-dell-amore-2

 

Guerra, Paura, Odio, Malattia, Bellezza, Saggezza, Verità, Amore... CHI VINCERA'?

2 Maggio 2016 /   20:30 - 22:30

Bassano del Grappa, Ridotto Remondini, via SS.Trinità n.8.

CONFERENZA di Fausto Carotenuto

informazioni; http://accademia.coscienzeinrete.net/seminari-e-attivita/34-guerra-paura-odio-malattia-bellezza-saggezza-verita-amore-chi-vincera

]]>
carotenutoteam@iol.it (Fausto Carotenuto) Spiritualità Wed, 13 Apr 2016 06:08:22 +0000