Economia

Approvato l'accordo per la Torino Lione? Ne abbiamo viste tante e non ci demoralizziamo, tranquilli

21 Dicembre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

TAV ApprovataCon 285 voti favorevoli, 103 contrari e 3 astenuti la Camera ha ratificato l'accordo di Parigi 2015 e Venezia 2016 relativi al progetto Torino-Lione, ovvero il via libera a progettare e realizzare il tunnel trasfrontaliero di 57 km, quello che non esiste e per molto tempo, politica e informazione, hanno spacciato al posto del tunnel esplorativo esistente oggi.

Hanno votato a favore Pd, Forza Italia, Ap-Ncd, Lega Nord, Civici e Innovatori, Ala-Scelta Civica, Democrazia Solidale-Cd, Fdi-An. Contrari M5s, Sinistra Italiana-Sel, Alternativa Libera.

Ci teniamo a ribadire i voti e nei prossimi giorni non mancheremo di pubblicare i nomi dei votanti perchè, su di loro gravano enormi responsabilità del presente e del futuro del nostro Paese. Bisognerà ricordarsi di loro ogni volta che ci sarà un terremoto, un alluvione, un tetto di una scuola che crolla o semplicemente un esame all'ospedale che non si potrà prenotare prima di un anno; tutte le volte che ci chiameranno a fare dei sacrifici perchè "non ci sono i soldi".

 

Approvato l'accordo per la Torino Lione? Ne abbiamo viste tante e non ci demoralizziamo, tranquilli - 4.6 out of 5 based on 7 votes

Galloni: “L’Italia doveva morire. E’ una potenza scomoda.” Ecco perchè

10 Dicembre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Montepaschi GalloniIn queste ore si parla tanto del Caso Monte dei Paschi, solo l'ultimo in una serie di crolli bancari. Per inquadrare come mai avvengano, e cosa si può fare per rimettere seriamente a posto l'Italia dal punto di vista economico, vi proponiamo quest'intervista al prof. Antonino Galloni, in cui si parte da lontano per arrivare a capire esattamente come e perchè ci vogliono sempre più in povertà, chi sono stati i principali complici di chi ha voluto questo declino, e cosa si può fare per uscire dalla spirale.

Galloni: “L’Italia doveva morire. E’ una potenza scomoda.” Ecco perchè - 4.6 out of 5 based on 17 votes

Il "watchdog della politica economica italiana"? E' una ditta di marketing che lavora per l'establishment

07 Dicembre 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Può essere che l'esito referendario abbia messo un bel po' di paura agli eurocrati: evidentemente noi Italiani siamo meno scemi di quanto gli sembravamo.

Qualcuno magari si sarà detto: "Questi non se le bevono proprio tutte, vuoi vedere che adesso magari aumenta il numero di quelli che vogliono uscire dall'Euro?"

Chi lo sa se è andata effettivamente così. Certo che però colpisce il fatto che in cima alla colonna dei blog de ilfattoquotidiano.it oggi spicchi un titolo molto forte: questo...

1Watchdog

Caspita! Lo dice Lavoce.info "il cane da guardia della politica economica italiana", mica pizza e fichi...

Deve essere una voce imparziale, per potersi fregiare di contanto titolo.

O meglio, dovrebbe...

 

Il "watchdog della politica economica italiana"? E' una ditta di marketing che lavora per l'establishment - 5.0 out of 5 based on 8 votes

Dove vai se Goldman Sachs non ce l'hai?

01 Dicembre 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

cir 3PresidentiE' stato divertente ascoltare e leggere varie opinioni sulla vittoria di Trump e su come sarebbero cambiate le cose con il nuovo presidente eletto. Prima le bufale elettorali, tipo che Trump era il candidato contro i poteri forti, e post-elezioni addirittura c'è chi ha scritto che Trump meditava di resuscitare il gold standard.

Che teneri.

Ma andiamo al sodo, e vediamo chi ha scelto Mr. Candidatocontroipoteriforti come Treasure Secretary (ministro del tesoro): Steven Mnuchin.

Questo si che è uno schiaffo all'establishment!

Ah no, scusate. Mnuchin è un banchiere con 17 anni di Goldman Sachs alle spalle, e un bel periodo passato a lavorare per Soros. Niente schiaffo all'establishment. Mnuchin è la personificazione dell'establishment. 

E questa è la prima cosa che ha detto: "Vogliamo abolire tutte quelle regole della legge Dodd-Frank che ostacolano i prestiti delle banche soprattutto verso le piccole imprese". Che suona molto bene, peccato che sia stata proprio l'assenza di quelle regolette a creare la bolla dei sub-prime, con conseguente crisi globale. Complimenti vivissimi. 

 

 

Dove vai se Goldman Sachs non ce l'hai? - 5.0 out of 5 based on 6 votes

La contromanovra di "Sbilanciamoci!": «Aiutiamo la gente, non le banche»

12 Novembre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Ben 115 proposte economicamente sostenibili per dimostrare al governo italiano che è possibile una Legge di Bilancio diversa, che si interessa veramente dei cittadini e del paese. È la contromanovra della campagna "Sbilanciamoci!".

Sbilanciamoci

La contromanovra di "Sbilanciamoci!": «Aiutiamo la gente, non le banche» - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Le bici di bambù - Bernice, l'imprenditrice ghanese che ha avuto un'idea meravigliosa

02 Novembre 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Bambùbike1Bernice Dapaah è una giovane imprenditrice ghanese che ha creato una fabbrica di bici il cui telaio è fatto di bambù, un materiale molto economico, resistente, ma soprattutto rinnovabile.

Lo scopo originario di Bernice era di dare lavoro ai giovani della sua zona e di usare materiali locali facilmente reperibili. L'idea della bici di bambù viene da un tentativo precedentemente fatto negli anni '80, ma non andato a buon fine. 

Dopo vari tentativi è riuscita a sviluppare una tecnica di costruzione che rende il telaio molto resistente, ed ora non solo vende le sue bici in tutto il Ghana, ma anche negli USA, Europa ed Israele.

 

 

Le bici di bambù - Bernice, l'imprenditrice ghanese che ha avuto un'idea meravigliosa - 5.0 out of 5 based on 4 votes

CETA: QUANDO LA PROSPERITÀ È PER POCHI

02 Novembre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CETAfirmatoDOPO L'INCIDENTE LEGATO AL VETO DELLA VALLONIA, L'ACCORDO TRA CANADA E UE È STATO APPROVATO IL 30 OTTOBRE. UN'ANALISI DEI NODI CRITICI DI UN ACCORDO PROMETTENTE SOLO SULLA CARTA

di Clara Capelli

Raramente il Canada e il Belgio sono argomenti di appassionati dibattiti, ma gli eventi dell'ultimo mese hanno decisamente preso tutti alla sprovvista.

 

CETA: QUANDO LA PROSPERITÀ È PER POCHI - 5.0 out of 5 based on 1 vote

L'inflazione che tanto desidera la UE (giustamente), in UK la usano come arma anti-brexit

21 Ottobre 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Infla UK1I media inglesi, fin dal referendum di giugno, portano avanti una sottile campagna denigratoria nei confronti dell'esito del referendum sulla brexit. Evidentemente buona parte dell'establishment proprio non riesce a mandare giù un risultato che non si aspettava, e continua con la propaganda pro-UE, con l'obbiettivo di rimettere le cose in discussione. La campagna avviene con modalità che gli italiani un po' più attenti, ormai, riconoscono al volo: posizionamento strategico di titoli, stravolgimento della realtà, ripetizione abbondante su testate apparentemente separate e indipendenti. 

Certo, questo programma di denigrazione è un po' difficile da portare avanti, visto quello che effettivamente sta succedendo in Gran Bretagna dal punto di vista economico (al momento va alla grande), ma il provetto propagandista non si scoraggia mai, certo dell'efficacia del teorema di Goebbels.

Prendiamo ad esempio una notizia che ha occupato le prime pagine di giornali e telegiornali questa settimana in Gran Bretagna.

L'inflazione che tanto desidera la UE (giustamente), in UK la usano come arma anti-brexit - 4.0 out of 5 based on 1 vote

DB: NESSUN ACCORDO CON LA GIUSTIZIA USA. GUAI PER I PRECEDENTI AMMINISTRATORI E SORPRESE FORSE IN VISTA DAI SUOI DERIVATI

10 Ottobre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

DBJohn Cryan, Ceo di Deutsche Bank, è tornato dagli USA senza raggiungere un accordo con il Dipartimento di Giustizia (DoJ).La scorsa settimana la quotazione del titolo era stata sostenuta dalla ventilata possibilità di un accordo fra le due parti per diminuire la sanzione di 14 milairdi di dollari a carico dell'istituto tedesco. Si era parlato perfino di una telefonata della Merkel ad Obama, in persona. Tutte informazioni, ovviamente, false o esagerate, messe in atto per tranquillizzarei corsi azionari sul titolo che avevano sfiorato, e brevemente superato,al ribasso i 10 euro per azione.

DB: NESSUN ACCORDO CON LA GIUSTIZIA USA. GUAI PER I PRECEDENTI AMMINISTRATORI E SORPRESE FORSE IN VISTA DAI SUOI DERIVATI - 5.0 out of 5 based on 1 vote

India: il più grande sciopero generale del mondo

08 Ottobre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

India strike5150 Milioni di lavoratori hanno lasciato il lavoro, ma i media lo hanno largamente ignorato.

I capi sindacali sono reticenti nell'annunciare quante persone abbiano interrotto il lavoro lo scorso 2 Settembre 2016. Semplicemente non possono dare un numero preciso. Ma possono dire che lo sciopero – il 17° da quando l'India ha adottato la nuova politica economica nel 1991 [la liberalizzazione della precedente economia "mista" postcoloniale NdT] – è stato il più grande di sempre. I monopoli informativi – non amanti degli scioperi – hanno riportato che il numero di scioperanti era superiore ai 150 milioni stimati. Un certo numero di giornali ha suggerito che 180 milioni di lavoratori hanno lasciato il lavoro quel giorno, quindi questo sarebbe il più grande sciopero generale della storia.

India: il più grande sciopero generale del mondo - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Etica e sostenibilità: un'altra impresa è possibile

06 Ottobre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Ecco l'esempio di una impresa italiana che impiega energie rinnovabili al 100% e riutilizza tutti gli scarti di lavorazione.

frantoio caldana3

Etica e sostenibilità: un'altra impresa è possibile - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Riace, addio alla Sorical. L’acqua potabile non si pagherà più

05 Ottobre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Riace Acqua1RIACE (RC) – Riace potrà usufruire dell'acqua potabile gratuitamente. Il sindaco Mimmo Lucano, ormai noto alle cronache dopo essere stato inserito dalla rivista Fortune nella lista delle 50 persone più influenti del mondo, ha trovato il modo per svincolarsi dalla Sorical e risparmiare molti soldi: scavare un pozzo.

 

Riace, addio alla Sorical. L’acqua potabile non si pagherà più - 5.0 out of 5 based on 6 votes

BOCCIA (CONFINDUSTRIA) AMMETTE LA POTENZA DELLA SVALUTAZIONE DELLA MONETA

04 Ottobre 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

Boccia ConfindustriaMa come? Ma le monete non sono semplicemente delle monete?
Allora perché BOCCIA di Confindustria, nel pezzo in cui dice di essere d'accordo col Governo, sostiene di aver paura della svalutazione della sterlina inglese?

BOCCIA (CONFINDUSTRIA) AMMETTE LA POTENZA DELLA SVALUTAZIONE DELLA MONETA - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Siracusa-Trapani in 12 ore ma per il Governo è prioritario il ponte sullo Stretto

01 Ottobre 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

CIR Siracusa TrapaniQuante opere potrebbero essere realizzate con 10 miliardi di euro, cioè con le risorse necessarie a realizzare il ponte di Messina?

Perché il ponte sullo Stretto è considerata un'opera strategica e prioritaria? E' dal 1864 che si dà come imminente l'inizio dei lavori per la realizzazione del ponte, dunque pochi anni dopo l'Unità d'Italia. Era un'epoca in cui non c'erano né i traghetti a motore, né aerei. Parliamo di un periodo in cui il motore a scoppio era ancora in fase di studio ed i fratelli Wright, pionieri del volo, non erano ancora nati.

di Marcello Greco

Siracusa-Trapani in 12 ore ma per il Governo è prioritario il ponte sullo Stretto - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Gabriel “TTIP fallito”. Stop TTIP Italia: “importante risultato, ma occhi aperti”

30 Agosto 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

TTIP finito"Il TTIP è fallito": così il Ministro dell'economia tedesco Sigmar Gabriel
Stop TTIP Italia: "importante risultato, ma non abbassiamo la guardia. E prossimo Consiglio Europeo di Bratislava metta la parola fine su TTIP e CETA"


Gabriel “TTIP fallito”. Stop TTIP Italia: “importante risultato, ma occhi aperti” - 5.0 out of 5 based on 6 votes

Cosa è cambiato a due mesi dal Brexit?

20 Agosto 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Economia

CIR Brexitcazzola1Alla fine di giugno andammo a vedere gli andamenti delle borse europee e delle valute, accorgendoci che il tanto temuto (dai media) Brexit, di fatto, non aveva avuto effetti negativi sull'economia britannica. Ma come stanno le cose ora che sono passati due mesi dal fatidico voto britannico?

Le isole della regina sono affondate? E l'Europa?

Assolutamente no. Anzi...

Cosa è cambiato a due mesi dal Brexit? - 5.0 out of 5 based on 2 votes

IL VERO COSTO DELLE OLIMPIADI

18 Agosto 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Costi olimpici4Le Olimpiadi in corso di svolgimento in Brasile sono state precedute da innumerevoli polemiche.

di C.A. Mauceri

Prima a causa del fatto che migliaia di persone "indesiderate" sarebbero state cacciate dalle proprie case (ammesso che così si possa definire quelle in cui erano costrette a vivere). Poi, per i modi violenti adoperati dalla polizia per sgombrare alcune zone in cui sarebbero sorti gli impianti sportivi o per l'accoglienza. Quindi per la situazione dell'acqua potabile che in molte province del Brasile è sempre più rara. E anche quando c'è la sua qualità è discutibile al punto che, solo poche settimane prima dell'inizio dei giochi erano sorti seri dubbi sulla potabilità degli impianti. Problema risolto, si disse, ma a far scoppiare un nuovo scandalo è stata l'acqua della piscina dei tuffi riempita con un'acqua verde smeraldo niente affatto trasparente: gli atleti sono stati costretti a lanciarsi in una sorta di limo senza che nessuno sapesse spiegare il motivo o le conseguenze di tutto ciò. Anche dopo le gare gli atleti hanno trovato sorprese: pare che il villaggio per gli atleti non sia stato completato in tempo e che alcuni degli alloggi non fossero adeguati (tanto che il responsabile, Mario Cilenti, è stato licenziato). Il tutti infarcito da lotte interne e beghe tra i vari livelli di governo (nazionale, regionale e locale) per la gestione dei fondi destinati all'evento.

Proprio i fondi sono stati oggetto di dure polemiche. Che senso in un Paese dove la gente muore di fame, spendere una fortuna per gare troppo spesso ridotte a mero spettacolo (si pensi alla squadra degli atleti "rifugiati e profughi" con la maglia del CONI o alla decisione di ammettere alle gare atleti transgender senza indicare direttive ben precise)? Tanto più che, come ormai prassi usuale, le entrate derivanti dalla vendita dei biglietti e dalle sponsorizzazioni sembra proprio non riusciranno a coprire le spese sostenute.

IL VERO COSTO DELLE OLIMPIADI - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Imparare facendo: a Como nasce il primo Liceo Artigianale d’Italia

07 Luglio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Economia

Offrire agli studenti concrete opportunità occupazionali dopo il lavoro e riconquistare il grande patrimonio culturale ed intellettuale della tradizione italiana. Con questi obiettivi nasce a Como il primo Liceo Artigianale d'Italia dove i ragazzi potranno conseguire il diploma di maturità scientifica e, al tempo stesso, imparare un mestiere.

Liceo artigiani

Imparare facendo: a Como nasce il primo Liceo Artigianale d’Italia - 5.0 out of 5 based on 2 votes