L'artista che sta sfidando i "crimini di design contro l'umanità"

designcrime1Quando l'artista inglese Stuart Semple ha condiviso una foto su Facebook di una panchina a Bournemouth, non avrebbe mai immaginato che più di un milione di persone lo avrebbero visto entro 24 ore. Né si aspettava che questi estranei condividessero il suo disgusto per la sbarra di metallo che divideva la panchina in due, rendendo impossibile per i senzatetto dormire lì. "Non mi aspettavo che tutti lo capissero, ma lo fecero", ha detto, ancora sorpreso, "Tutti ne erano appassionati".

Ispirato dalla risposta travolgente, Semple ha deciso di sfidare ciò che ha definito un "crimine progettuale contro l'umanità", chiamando altri artisti ad aiutare a decorare le panchine pubbliche della città in modo "amorevole".
L'azione è stata riportata ampiamente nei media locali e quella notte, dopo il tramonto, gli appaltatori del consiglio hanno rimosso le sbarre in silenzio. "È stato bello dimostrare che potevamo effettivamente cambiare le cose", ha detto Semple.

designcrime2Da allora ha preso la sua campagna contro il "design ostile" a livello globale, prendendo di mira mobili pubblici che sono "progettati specificamente per controllare o danneggiare un umano", che siano spuntoni nelle porte dei ristoranti o suoni ad alta frequenza riprodotti fuori dai centri commerciali per impedire alle persone di aggregarsi . "La maggior parte del mio lavoro consiste nel realizzare pezzi di arte pubblica che si occupino di felicità e connessione, di unire le persone", ha affermato. "Il design ostile è l'antitesi di tutto ciò che rappresento".

Il primo passo per porre fine a questo tipo di design, suggerisce Semple, è quello di rendere le persone consapevoli degli esempi vicino a loro. "Quando la gente lo vede, inizia a cambiare".

deisng crimeTramite il suo sito web hostiledesign.org , distribuisce pacchetti di adesivi e chiede alle persone di etichettare oggetti offensivi, prima di pubblicare foto sui social media usando l'hashtag #hostiledesign. Il team di Semple aggiunge quindi le immagini a un archivio "offensivo", creando un database di crimini progettuali e, con esso, un movimento globale.

E sembra che la cosa stia colpendo un nervo... "Sto aricevendo sempre più contatti da persone di tutto il mondo, che mi dicono cosa sta succedendo nella loro comunità", ha detto Semple. Ci stiamo avvicinando a un punto di svolta, pensa. "ci troviamo a un punto in cui il design ostile ha smesso di essere semplicemente insidioso e sta invece diventando sempre più palese. È ora che facciamo qualcosa al riguardo. "

Spera che mettendo in imbarazzo coloro che detengono il potere - "rendendolo un vero passo falso per spendere soldi pubblici su un design ostile" - possiamo incoraggiare i politici e gli urbanisti a fare scelte socialmente consapevoli. "L'arredo pubblico dovrebbe essere invitante, dovrebbe essere inclusivo", ha affermato, "I beni mobili pubblici dovrebbero in realtà riunire le persone e incoraggiare la conversazione. Dovrebbero aiutare le persone a sentirsi ben volute."

Vota questo articolo
(1 Vota)
L'artista che sta sfidando i "crimini di design contro l'umanità" - 5.0 out of 5 based on 1 vote