PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Musica contro l’Alzheimer!

Musica contro l’Alzheimer!

La musica ci guida, ci motiva e ci commuove.  Se sei preoccupato di perdere i ricordi della musica, in caso di Alzheimer, puoi smettere, perché la scienza dice che non accadrà.

Il motivo è l’Autonomous Sensory Meridian Response (ASMR), o la sensazione di “formicolio” che ci provoca l’ascolto della musica.

Uno studio pubblicato dal Journal of Alzheimer’s Disease nel 2018, ha mostrato le parti del cervello responsabili dell’ASMR. Questo è importante perché apparentemente queste parti del cervello non vengono affette da Alzheimer o demenza.

Hanno concluso che la parte del cervello responsabile dell’ASMR non si perde durante le varie fasi del morbo di Alzheimer o della demenza. L’Alzheimer determina stati di confusione mentale di vari tipi. Ora si pensa che la musica possa riportare alla lucidità. Con l’aiuto della musica, alcune persone sono state effettivamente in grado di tornare alla normalità, anche se solo brevemente. La musica come forma di terapia è  importante per chi ha questi problemi.

Per evitare fraintendimenti: la musica non è una cura completa per la malattia di Alzheimer, ma potrebbe rendere i sintomi più gestibili per alcune persone. Più apprendiamo sulla risposta dell’ASMR e sull’Alzheimer nel suo complesso, più sarà facile usare la musicoterapia o altre terapie simili in modo più efficace. Se conosci qualcuno che è stato colpito da una forma di demenza, allora sai quanto può essere straziante vederli perdere se stessi.

A proposito di questi risultati, la Health University Of Utah ha scritto quanto segue sul suo sito Web:

“Le persone con demenza si trovano di fronte a un mondo che non gli è familiare, che causa disorientamento e ansia”, ha dichiarato Jeff Anderson, MD, PhD, professore associato di Radiologia presso l’Universita dello Utah e co-autore dello studio. “Crediamo che la musica entri nella rete di salienza del cervello che è ancora relativamente funzionante”.

Precedenti lavori hanno dimostrato l’effetto di un programma musicale personalizzato sull’umore per i pazienti affetti da demenza. Questo studio ha iniziato a esaminare un meccanismo che attiva la rete dell’attenzione nella regione di salienza del cervello. I risultati offrono un nuovo modo di affrontare l’ansia, la depressione e l’agitazione nei pazienti con demenza. L’attivazione delle regioni cerebrali vicine può anche offrire opportunità per ritardare il continuo declino causato dalla malattia.

Per tre settimane, i ricercatori hanno aiutato i partecipanti a selezionare canzoni significative e hanno addestrato il paziente e i suoi assistenti su come utilizzare un lettore multimediale portatile caricato con la raccolta di musica auto-selezionata.

“Quando metti le cuffie ai pazienti affetti da demenza e  gli fai sentire della musica che gli è familiare, prendono vita”, ha detto Jace King, uno studente laureato nel Brain Network Lab e primo autore del documento. “La musica è come un’ancora che radica il paziente nella realtà.”

Usando la risonanza magnetica i ricercatori hanno scannerizzato i pazienti per mappare le regioni del cervello che si sono attivate ascoltando clip musicali di 20 secondi. Hanno fatto ascoltare ai pazienti otto spezzoni delle loro raccolte musicali, poi otto clip della stessa musica riprodotte al contrario e otto blocchi di silenzio. I ricercatori hanno infine confrontato le immagini di ogni scansione e hanno potuto vedere che la musica attiva il cervello, facendo comunicare intere regioni. Ascoltando la colonna sonora personale, la rete visiva, la rete di salienza, la rete esecutiva e le coppie cerebellari e corticocerebellari hanno mostrato una connettività funzionale significativamente più elevata.

“Questa è una prova oggettiva dell’imaging cerebrale che mostra che la musica è una via alternativa per comunicare con i pazienti che soffrono di Alzheimer”, ha dichiarato Norman Foster, MD, direttore del Center for Alzheimer’s Care and Imaging Research presso l’università dello Utah e autore senior dello studio. “I percorsi del linguaggio e della memoria visiva vengono danneggiati all’inizio della malattia, ma programmi musicali personalizzati possono attivare il cervello, soprattutto per i pazienti che stanno perdendo il contatto con il loro ambiente.”

Forse la musica potrebbe essere la chiave di qualcosa che non vediamo ancora.

Link:

https://healthcare.utah.edu/publicaffairs/news/2018/04/alzheimer.php

http://www.jpreventionalzheimer.com/

https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/alzheimers-disease/expert-answers/music-and-alzheimers/faq-20058173

Fonte

Potrebbe interessarti anche:

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel