PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

La musica che fa pensare

La musica che fa pensare1

La musica che fa pensare

di Enrico Carotenuto

La musica non è solo un veicolo per i sentimenti, lo è anche per le idee. La vera rivoluzione nella musica contemporanea, è avvenuta quando gli autori hanno cominciato ad introdurre testi che spingono l’ascoltatore a porsi delle domande.

Domande sulla vita, la giustizia, la guerra, l’amore. Fino all’inizio degli anni sessanta la quasi totalità delle canzoni aveva testi sdolcinati e blandi, in cui si parlava delle gioie dell’innamoramento.

Oppure i testi erano di natura religiosa, come nel gospel. Dalla metà degli anni sessanta gli autori cominciarono a “politicizzare” i loro testi, nel senso che questi rispecchiavano finalmente le domande e le risposte che venivano cercate e trovate dall’allora nascente movimento del risveglio.

Così pian piano si è passati dalle canzoni d’amore, alle canzoni di protesta (contro la guerra in Vietnam), fino alle canzoni di denuncia. Queste ultime si distinguono perchè possono portare l’attenzione non soltanto su aspetti esterni, quali le relazioni politiche, ma anche sulle problematiche interne dell’individuo, i processi mentali, i condizionamenti, le aspettative, le rivelazioni dell’intuizione.

A questo proposito, oggi voglio proporre due brani di due autori molto diversi tra loro. Sentirete due sonorità completamente diverse, entrambi dolci ed un poco ombrose.

Una completamente elettronica, di Peter Gabriel, la seconda con strumentazione molto più classica, di Leonard Cohen.

La prima è molto breve, con un testo sintetico, quasi criptico, reso chiaro solamente da un’attenta ricerca sul titolo della canzone: “We do what we’re told (Milgram’s 37)”, ovvero “Facciamo quello che ci ordinano (i 37 di Milgram).

Questo titolo, ed il sottotitolo messo tra parentesi, spingono l’attento ascoltatore a porsi le seguenti domande:”Facciamo quello che ci ordinano?” – “Sono d’accordo?” – “I 37 di Milgram?” – “Che significa?” – “Chi è Milgram?”

La genialità di questo titolo, e quindi del testo della canzone, è quella di forzare l’ascoltatore curioso ad indagare, scoprire chi è Milgram, ed a capire che sapere chi sono i 37 di Milgram , è fondamentale per ognuno di noi

Ed in questo senso è una canzone iniziatica, perchè è il classico sassolino che comincia a rotolare, fino a trasformarsi in una valanga di pensieri e di riflessioni sull’umanità.

Peter Gabriel

We do what we’re told (Milgram’s 37) -1980  

 

TESTO ORIGINALE

We do what we’re told
we do what we’re told
we do what we’re told
told to do

we do what we’re told
we do what we’re told
we do what we’re told
told to do

one doubt
one voice
one war
one truth
one dream

TESTO IN ITALIANO

Facciamo quello che ci ordinano
Facciamo quello che ci ordinano
Facciamo quello che ci ordinano
che ci ordinano di fare

Facciamo quello che ci ordinano
Facciamo quello che ci ordinano
Facciamo quello che ci ordinano
che ci ordinano di fare

un dubbio
una voce
una guerra
una verità
un sogno

 

La musica che fa pensare2

La seconda canzone è completamente diversa nella musica e nelle intenzioni. Leonard Cohen non ci invita a metterci in movimento, ma ci spiega come prendere alcune cose fondamentali della vita, in maniera molto esplicita. Offre spunti di di riflessione spirituale, sociale e politica prestando molta attenzione alla poetica delle parole stesse. Ma il capolavoro è nell aver messo come ritornello, il messaggio più importante che ci vuole dare: “There is a crack in everything, that’s how the light gets in” – “C’è una fessura in ogni cosa, è così che entra la luce”. Questo è un profondissimo concetto spirituale, su cui Cohen ci invita a riflettere ripetutamente. E’ in questo senso che anche questa può essere definita una canzone iniziatica.

Leonard Cohen

Anthem – 1994

 

TESTO ORIGINALE

Anthem

The birds they sang
at the break of day
Start again
I heard them say
Don’t dwell on what
has passed away
or what is yet to be.
Ah the wars they will
be fought again
The holy dove
She will be caught again
bought and sold
and bought again
the dove is never free.

Ring the bells that still can ring
Forget your perfect offering
There is a crack in everything
That’s how the light gets in.

We asked for signs
the signs were sent:
the birth betrayed
the marriage spent
Yeah the widowhood
of every government —
signs for all to see.

I can’t run no more
with that lawless crowd
while the killers in high places
say their prayers out loud.
But they’ve summoned, they’ve summoned up
a thundercloud
and they’re going to hear from me.

Ring the bells that still can ring …

You can add up the parts
but you won’t have the sum
You can strike up the march,
there is no drum
Every heart, every heart
to love will come
but like a refugee.

Ring the bells that still can ring
Forget your perfect offering
There is a crack, a crack in everything
That’s how the light gets in.

Ring the bells that still can ring
Forget your perfect offering
There is a crack, a crack in everything
That’s how the light gets in.
That’s how the light gets in.
That’s how the light gets i

TESTO IN ITALIANO

INNO

Gli uccelli cantavano
all’aprire del giorno
ricominciamo
li sentii dire,
non dimoriamo
su ciò che è stato
o che dovrà essere.

Altre guerre
saranno combattute
la sacra colomba
sarà ricatturata
comprata e venduta
e comperata ancora;
la colomba non sarà mai libera.

Suona le campane che ancora possono risuonare.
Dimentica l’offerta perfetta.
Ogni cosa ha la sua fessura
è così che entra la luce.

Domandammo segni
e segni furono inviati:
la nascita tradita,
il matrimonio consumato;
la vedovanza
di ogni governo
segni visibili a tutti.

Correre non posso più
con la gente che non ha legge
mentre gli assassini nelle alte sfere
recitano preghiere a alta voce.
Ma hanno convocato su di loro
la nube del tuono
riceveranno mie notizie.

Suona le campane che ancora possono risuonare.
Dimenticca l’offerta perfetta.
Ogni cosa ha la sua fessura
è così che entra la luce.

Puoi addizionare le parti
ma non ne avrai la somma
puoi dare il via alla marcia,
mancano i tamburi
ogni cuore
giungerà all’amore
ma come un rifugiato.

Rit.

 

 

 

Può interessarti anche: 

pensare

condividi questo articolo:

articoli correlati

Corsi Online
Una nuova sezione in costante aggiornamento dalla quale è possibile seguire alcuni dei nostri corsì online.
Maggiori informazioni
Corso Online: "I Rapporti Con Gli Altri"
Grandi sfide e grandi opportunità. Un esame approfondito del più difficile ambito della nostra vita:
la rete delle nostre
relazioni umane.
Con Fausto Carotenuto
Maggiori informazioni
Corso Online: "Angeli - La Loro Presenza
Nella Nostra Vita"
Chi sono e cosa fanno,​
come riconoscerli e comunicare con loro.​
Con Fausto Carotenuto
Maggiori informazioni
Corso di Sviluppo dei Talenti Spirituali
Un importante percorso di approfondimento e di sviluppo dei talenti speciali che ognuno di noi porta con se per contribuire al benessere ed alla crescita della rete umana.
A cura di Fausto Carotenuto
Maggiori informazioni
Seminari e Conferenze
Consulta il nostro calendario aggiornato per vedere gli eventi in programma in Italia.
Maggiori informazioni
Corsi Avanzati
A seguito del percorso biennale “Sviluppare i Propri Talenti Spirituali” è possibile accedere ad un terzo anno con due possibili specializzazioni annuali:
Master dell’Accademia dell’Arte e Master dell’Accademia della Salute.
Maggiori informazioni
Libri di Fausto Carotenuto
La nostra collana offre una serie di approfondimenti di facile accesso alle diverse tematiche spirituali affrontate nei nostri corsi e seminari.
Maggiori informazioni
Precedente
Successivo

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali
Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali
Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.