PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

La maggior parte dei fiumi e dei laghi europei fallisce i test di qualità dell’acqua

  • Ecologia
  • La maggior parte dei fiumi e dei laghi europei fallisce i test di qualità dell’acqua

prettylakeNonostante le leggi dell’Unione europea per proteggere l’approvvigionamento idrico, la biodiversità e la salute umana, la maggior parte dei corpi d’acqua dolce d’Europa non rispettano gli standard ecologici e di inquinamento, secondo un rapporto pubblicato dall’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) martedì.

Per il rapporto sullo stato delle nostre acque , l’agenzia ha valutato 130.000 corsi d’acqua in Europa tra il 2010 e il 2015 utilizzando i dati raccolti da oltre 160 piani di gestione dei bacini idrografici.

La valutazione ha mostrato che solo il 40% dei laghi, fiumi, estuari ed acque costiere osservate rispettavano gli standard ecologici, con solo il 38% che rispettava gli standard di inquinamento chimico. I corpi idrici sotterranei, come le falde acquifere, sono andati molto meglio nel complesso. Tra i siti inclusi, il 74% ha ricevuto un buono stato di inquinamento chimico e l’89% ha ricevuto un buono stato ecologico.

I siti di acque sotterranee spesso non sono riusciti a soddisfare i buoni standard a causa dei nitrati provenienti da scarichi agricoli, intrusione di sale e inquinamento chimico prodotto dai siti industriali, aree minerarie o depositi di rifiuti. Il mercurio era uno degli inquinanti più comuni, con fonti comuni tra cui l’estrazione mineraria, la combustione del carbone e altre attività industriali. Per l’acqua di superficie, l’arricchimento dei nutrienti da attività agricole, il trattamento delle acque reflue e il degrado dell’habitat hanno impedito a molti siti di soddisfare gli standard minimi.

In una dichiarazione , il commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella ha affermato che, sebbene la qualità dell’acqua dolce sia leggermente migliorata dall’ultima revisione del 2010, “molto altro deve essere fatto prima che tutti i laghi, i fiumi, le acque costiere e le acque sotterranee siano in buono stato”.

Vella ha aggiunto che “gli sforzi congiunti di tutti gli utenti dell’acqua in tutta Europa” saranno necessari per affrontare “l’inquinamento da agricoltura, industria e famiglie”.

Inghilterra, Ungheria, Paesi Bassi, Belgio, Lettonia, Germania sono stati alcuni dei paesi con i risultati peggiori, con una scarsa qualità dell’acqua diffusa anche in alcune parti della Francia e della Svezia meridionale. Secondo EEA, molti distretti del bacino idrografico dell’Europa centrale “mostrano la più alta percentuale di corpi idrici che non riescono a raggiungere un buono stato ecologico” a causa della “maggiore densità di popolazione e di un’agricoltura più intensiva”.

Al contrario, la Scandinavia settentrionale, la Scozia, l’Estonia, la Slovacchia, la Romania e diversi distretti idrografici della regione mediterranea hanno trovato un’alta percentuale di corsi d’acqua che hanno raggiunto uno stato ecologico buono o elevato.

Nonostante i progressi in questi settori, i funzionari dell’AEA hanno sottolineato la necessità di un miglioramento generale.

“Dobbiamo aumentare gli sforzi per garantire che le nostre acque siano pulite e resilienti come dovrebbero essere – il nostro benessere e la salute dei nostri ecosistemi vitali per l’acqua e il mare dipendono da questo”, ha dichiarato il direttore esecutivo dell’AEA Hans Bruyninckx.

tags

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel