IL "GOLPE STUPIDO" DI MATTARELLA E LA DANZA MACABRA In evidenza

CIR Golpe StupidoL'uscita di Mattarella che blocca il governo di chi ha vinto le elezioni, viene motivata ufficialmente con l'intenzione di impedire i danni finanziari prodotti dai "populisti sovranisti", e di favorire gli interessi dei poteri finanziari ed europeisti dei quali lo stesso Presidente appare come un' evidente espressione.
Ma molti osservatori notano questa mattina giustamente che questa mossa ha una sola certa conseguenza: rafforza nell'opinione pubblica le posizioni proprio di quelli che sembrava voler bloccare. E potrebbe spingerli verso un successo elettorale ancora maggiore, scompigliando ed indebolendo ancora di più i partiti tradizionali filo-sistema.
È stupido il Presidente?   
Certamente no: è un uomo del sistema che fa bene gli interessi del sistema. Proprio per questo motivo lo hanno messo a fare il Presidente.
Ma allora che interesse ha il sistema trasnazionale oscuro e anticoscienza nell'ordinare una tale mossa apparentemente controproducente?
Vediamo...

Un Presidente della Repubblica nomina i Ministri su proposta del Presidente del Consiglio incaricato, ma non può alterare o condizionare la linea politica emersa dal voto. Bloccare la nascita di un governo che esprime la volontá popolare, giusta o sbagliata che sia, e farlo per di più nel nome di quello che poteri forti trasnazionali, finanziari e politici, vogliono continuare a imporre ai cittadini italiani, appare ora a tantissimi italiani come un vero e proprio tradimento del popolo che rappresenta. Un vero e proprio golpe.
La figura e le idee di Savona, proposto come ministro dell'economia e bloccato dal Quirinale,  corrispondono perfettamente a quanto Lega e 5stelle hanno messo nel loro contratto.

Corrispondono alla linea politica che questo governo era legittimato a portare avanti. Anzi, si può tranquillamente affermare che quel contratto è molto più moderato di quello che la maggioranza degli italiani aveva deciso di votare.  In effetti occorre ricordare, proprio in mezzo a questa voluta esasperazione dei toni, che la maggioranza ha votato per i giallo-verdi perché quei partiti avevano promesso azioni forti nei confronti dell'Euro e dell'Unione Europea ben più dure di quelle poi manifestate nel processo di formazione del governo.

Il "contratto" elaborato da leghisti e grillini si era in effetti ridotto ad una enorme frenata su questi temi: e questo giá era un chiarissimo e sospetto mezzo tradimento dei voti che erano stati raccolti dagli italiani promettendo loro ben altro.
 A questo si aggiunge ora, con la mossa di Mattarella, un tradimento completo e totale.

Ma in qualche modo proprio la evidente "cattiveria" del gesto di questo antipatico Presidente fa in modo che gli italiani si sentano traditi da lui, invece che da chi avevano votato e che si accingeva a fare cose ben diverse dalle aspettative. I malumori di parte del movimento grillino per il tradimento dei programmi si sciolgono come neve al sole "distratti" dal protervo attacco della finanza internazionale attraverso Mattarella.

Nello scontro verbale che sta partendo da ieri, la gente avrá difficoltá a ricordare che giá con certe proposte di ministri e con abbondanti modifiche dei programmi,  il cosiddetto "governo del cambiamento" si accingeva a cambiare nei fatti poco e niente. E certamente non avrebbe disturbato la grande finanza, la Nato, i veri poteri mondialisti, l'Euro, Big Pharma, le vaccinazioni  le multinazionali, le guerre, la chimica ed i campi elettromagnetici ovunque, la deriva culturale, ecc... Avrebbe fatto il minimo indispensabile di riforme positive per compiacere i propri elettori, ma senza certamente intaccare i grandi interessi strategici dei poteri forti dai quali lega e 5 stelle sono stati creati anni fa per cavalcare, incanalare e controllare il crescente dissenso della gente arrabbiata o in risveglio.

Ma allora quale è il fine di questa intricata manovra? Di questo complesso gioco di specchi?

Difficile dire quali saranno i prossimi passi, perché i passi fanno parte di strategie e tattiche che conoscono solo i poteri oscuri che certe manovre fanno. E quindi vedremo.
Ma giá si intravedono delle linee, delle direttrici di fondo.
La mossa presidenziale - facilitata dalla "strana" impuntatura di Salvini sul solo Savona (potevano metterci un fantoccio affiancato da Savona, se proprio volevano, ndr) - parte ovviamente da un ordine superiore, e non è detto che lo stesso Mattarella conosca tutte le implicazioni. Così come non le sanno nemmeno Di Maio o Salvini...veri e propri burattini di un gioco compiuto dietro le quinte da poteri enormemente più  forti.

Di certo il risultato è quello di rafforzare il consenso politico di Lega e Cinque Stelle tra i cittadini di fronte al manifesto abominio compiuto dai poteri forti attraverso Mattarella.
Tanto che é giá partita in tromba una facilissima campagna elettorale di fuoco organizzata per rafforzare ulteriormente la tifoseria dei partiti del dissenso, consolidandone l'immagine antisistema al di lá di quelle che poi certamente saranno le enormi frenate prosistema una volta andati al governo.


Il teatrino drammatico serve in effetti a rafforzare nella gente in risveglio la fiducia in questi partiti come "salvatori della patria,  e quindi a rafforzare la loro possibilitá successiva di prendere in giro i propri elettori, dando delle briciole alla gente per poter continuare a mantenere in piedi ed ulteriormente rafforzare il sistema vero dei poteri forti mondiali.
Avvalendosi proprio del supporto di una tifoseria ancora più addormentata  dalla rabbia prodotta dalle cattiverie di Mattarella, della Merkel, dei ministri europei, dai commenti velenosi del Financial Times e dalle solite minacce delle agenzie di rating. E dall'altra imbambolata e fanatizzata dalla chiamata alle armi, dai toni guerreschi e dalle promesse mirabolanti dei giallo-verdi.
Nel frattempo, nei prossimi mesi gente del tipo Cottarelli, uomo del criminogeno Fondo Monetario Internazionale, potrebbe guidare un governo senza maggioranza ma comunque capace  - con l'appoggio del Quirinale - di compiere ulteriori nefandezze in nome di nuove emergenze prodotte ad arte contro di noi a livello internazionale.
Mentre il consenso ai giallo-verdi, creati dagli stessi poteri per incanalare e silenziare il vero dissenso delle coscienze, crescerebbe comunque in quanto gli italiani attribuiranno tutti i problemi dei prossimi mesi, perfino il caldo, la pioggia o le macchie solari, al fatto che é stato bloccato dai cattivi il governo del cambiamento. Il governo "buono" dei miracoli che comunque non avrebbe fatto. Tranne qualche briciola da distribuire veramente agli italiani per farli stare zitti e continuare a illuderli.

Quale è allora in effetti il fine di tutta questa manovra?
Smontare una opposizione vera al sistema, che - al di lá di Lega eM5S - è comunque veramente sentita nella maggioranza degli Italiani, e legarla sempre di più a questi fidati partiti eterodiretti. Attraverso un teatrino tutto verbale fatto di posizioni di contrapposizione strumentale, capaci di assorbire e incanalare il malcontento riducendolo a tifoseria accesa. In favore di volti nuovi ma appartenenti ai soliti vecchi ambienti, e che mai nei fatti intaccheranno veramente i grandi interessi dei poteri forti anticoscienza.
Lo scontro tra sovranisti e mattarelliani europeisti non é altro che il gattopardesco gioco delle parti fatto per non cambiare le cose. Lo dimostra il fatto che quando poi questi finti sovranisti si avvicinano veramente al potere annacquano i loro programmi in modo incredibile. E infarciscono le loro proposte di ministri con personaggi solo apparentemente nuovi, ma sempre comunque appartenenti al vecchio circuito di potere.
Come Savona, uomo di Confindustria, del sistema bancario internazionale, ministro dell'orrido e nefasto governo Ciampi, da sempre splendidamente inserito nei circuiti internazionali oscuri. O come i finti nuovi professori "scoperti" dal cinque stelle, provenienti da universitá ed ambienti di stampo tra il piduista ed il gesuitico-massonico.
Insomma un gran chiasso, perché la gente che si sta risvegliando, che è sempre di più, non si organizzi autonomamente in partiti e movimenti veramente liberi, ma venga presa dal tifo per una finta lotta di potere tra falsi buoni e veri cattivi.
Quelli che sembrano "buoni" lo sono veramente? Sono dalla parte del popolo, delle coscienze, o servono solo ad imbambolarci in un teatrino fasullo di accese tifoserie?
Questi giorni dopo le elezioni lo hanno dimostrato. Questo schema di danza macabra sulla pelle degli italiani è stato ora rafforzato non casualmente da un uomo del potere come Mattarella.
Cosa fare, subire? No, attivarsi, ma non nella direzione della delega a false scelte che alla fine derivano sempre dagli stessi poteri schiavizzanti.
Non farsi prendere in giro, mantenersi interiormente liberi, non fidarsi di chi promette e non mantiene veramente. Non delegare a chi non si conosce, non fidarsi dei media. Non rinunciare ai propri ideali ed alla propria voglia di bene, ed organizzarsi per interagire orizzontalmente e positivamente con i nostri territori e le comunitá locali. Lá dove possiamo operare con la nostra voglia di bene e controllare direttamente con la nostra coscienza. Dal basso, nell'orizzontale, sorgerá la societá etica ed amorosa del futuro. Non da questi fantasmi, spettri del potere. Dalla nostra coscenza direttamente operativa il futuro luminoso della societá umana, non dalla fiducia e dalla delega al Gatto ed alla Volpe, che fanno da sempre gli amici - cambiando maschere - solo per rubarci l'anima.

Vota questo articolo
(63 Voti)
IL "GOLPE STUPIDO" DI MATTARELLA E LA DANZA MACABRA - 4.4 out of 5 based on 63 votes