Arte e Cultura

Cosa racconta Blackstar? Border Nights intervista Fausto ed Enrico Carotenuto

14 Gennaio 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR Stella neraIn seguito all'articolo in cui abbiamo esposto una prima analisi esoterica dei messaggi "nascosti" veicolati da Blackstar, il video di Bowie, molti ci hanno chiesto di descrivere meglio alcuni meccanismi che possono risultare poco chiari ai non addetti.

Anche gli amici della trasmissione Border Nights ce lo hanno chiesto, in un'intervista di Stefania Nicoletti andata in onda lo scorso martedi sera. Intervista che potete ascoltare usando il player qui sotto.

Nella chiacchierata con Stefania, parliamo del motivo che ci ha spinto a pubblicare l'articolo, del meccanismo di trasmissione degli archetipi attraverso la risonanza, del significato profondo della simbologia veicolata dal video, della figura di Lazzaro, e proponiamo un piccolo esperimento pratico perchè ognuno possa fare la propria esperienza.

Buon ascolto!

 

 

Cosa racconta Blackstar? Border Nights intervista Fausto ed Enrico Carotenuto - 4.4 out of 5 based on 10 votes

LA MORTE DI DAVID BOWIE: COMPASSIONE, INQUIETUDINE E CONSAPEVOLEZZA

11 Gennaio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Blackstar0Compassione per un essere umano che fino all’ultimo ha lavorato con il suo talento per diffondere messaggi e modelli che lui riteneva utile diffondere.

di Fausto ed Enrico Carotenuto

Compassione per un essere umano che ha oscillato molto tra la luce ed il buio, e che forse non sapendolo, si è fatto portatore di un modello e di un messaggio, soprattutto in questo ultimissimo scorcio di vita, letteralmente devastante. Un peccato, per un talento che invece a sprazzi è stato anche un portatore di messaggi evolutivi, forse altrettanto inconsapevolmente.

Proprio di questi giorni, incredibilmente, il lancio di Blackstar, il suo ultimo album, accompagnato dai video di Blackstar e di Lazarus.

Da settimane stavamo studiando questi video, queste musiche e questi testi, ed eravamo molto inquieti per il messaggio fin troppo “scoperto” che il lancio di questi giorni avrebbe portato nel mondo. E' ora improrogabile un approfondimento di questo tema...

LA MORTE DI DAVID BOWIE: COMPASSIONE, INQUIETUDINE E CONSAPEVOLEZZA - 4.2 out of 5 based on 36 votes

Le magnifiche foto di Alexey, fatte con una normalissima Canon

11 Dicembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

NeveLa macro fotografia è molto affascinante, e in molti pensano che sia una cosa complicata che richiede apparecchiature specialistiche. Il fotografo russo Alexey Kljatov invece dimostra, con queste splendide foto di fiocchi di neve, che si possono fare con una normale macchina fotografica, montando al contrario una normale lente con un po' di fai-da-te. Grazie alla sua ingegnosità Alexey è diventato l'ispirazione per molti fotografi amatoriali.

I fiocchi di neve sono sempre unici per via delle sottili differenze di temperatura e umidità che occorrono al momento del congelamento, durante la caduta. L'equipaggiamento di Kljatov permette di fare foto  che altrimenti richiederebbero lenti ed altro materiale specialistico per centinaia di migliaia di Euro.

Alexey fornisce tutte le informazioni necessarie per poter ri-creare il suo equipaggiamento. Se siete interessati, potete trovare le informazioni qui .

 

 

Le magnifiche foto di Alexey, fatte con una normalissima Canon - 4.4 out of 5 based on 9 votes

Il fotografo che rimuove i telefonini dalle sue foto per mostrare la nostra terribile dipendenza

15 Ottobre 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Il fotografo americano Eric Pickersgill ha fatto una serie di "ritratti di vita quotidiana" da cui ha rimosso gli smartphone e tablet. Il progetto, dche ha chiamato "Removed" ha come obiettivo quello di mostrare la nostra dipendenza dalla tecnologia e dalla iper-connettività. 
portraits holding devices removed eric pickersgill 2

Il fotografo che rimuove i telefonini dalle sue foto per mostrare la nostra terribile dipendenza - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Chi legge sul bus viaggia gratis!

09 Ottobre 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

bus libroVictor Miron un ragazzo rumeno di Cluj, ha convinto le autorità cittadine ad incoraggiare la lettura di libri permettendo a chi legge un libro sugli autobus, di viaggiare gratis. Ecco il resoconto di Victor.

"Ho proposto al sindaco Emil Boc di far viaggiare gratis chi legge sugli autobus. C'è voluto più di un anno per far si che la proposta divenisse realtà. Ma per farla breve, tutti quelli che hanno viaggiato in autobus a Cluj tra il 4 ed il 7 giugno 2015, hanno viaggiato gratis.

Abbiamo fatto anche altre campagne, insieme ai miei amici, per promuovere la lettura. Per esempio quella che chiamiamo "Bookface": le persone che mettono la foto di un libro come foto del loro profilo Facebook, hanno diritto a a sconti in un sacco di posti, dalle librerie ai parrucchieri, e perfino dal dentista! Un'altra campagna che portiamo avanti è quella del 23 di aprile, la giornata mondiale del libro: quel giorno, le persone che hanno un libro con se, possono visitare il giardino botanico gratuitamente. Al momento stiamo tentando di convincere Mark Zuckerberg a mettere anche lui un libro sulla foto del suo profilo. Credo sia molto meglio ricompensare chi legge, piuttosto che criticare chi non lo fa."

Chi legge sul bus viaggia gratis! - 5.0 out of 5 based on 3 votes

L'autunno visto da Janek Sedlar

08 Ottobre 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Janek Sedlar è un giovane fotografo della Repubblica Caca che è specializzato in paesaggi veri, ma che hanno quasi dell'irreale. E' diventato un fotografo professionista solo nel 2011 e la maggior parte delle sue spettacolari immagini sono state scattate nella sua regione d'origine, la Moravia, e intorno alla riserva naturale dei Carpazi bianchi.
janek1

 

L'autunno visto da Janek Sedlar - 5.0 out of 5 based on 8 votes

Scuola: i ragazzi che usano troppo il computer rendono meno

30 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

computer a scuola1Jill Barshay la fondatrice di Education By The Numbers, il blog del The Hechinger Report che si occupa di educazione. Ed è proprio lei che porta alla luce uno studio che conferma le preoccupazioni di genitori, educatori e insegnanti. La Organization for Economic Cooperation and Development (OECD) ha analizzato l'uso del computer tra i quindicenni di 31 nazioni e ha riscontrato che gli studenti che usano maggiormente il computer a scuola hanno minori abilità di lettura e più bassi rendimenti in matematica. Lo studio è stato pubblicato il 15 settembre 2015 benchè sia stato condotto nel 2012, quando gli studenti utilizzavano ancora meno di oggi internet e computer nelle scuole.

Scuola: i ragazzi che usano troppo il computer rendono meno - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Ecco la scuola del futuro: nel bosco, senza banchi, e a insegnare è la natura

17 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Scuola boscoA Ostia Antica prende il via la Scuola nel Bosco, un progetto sperimentale dedicato all'educazione primaria e basato sull'insegnamento all'aria aperta, esperienziale e impartito dalla natura. "Si impara facendo!" e lo si fa in un luogo da fiaba, immerso nel verde, circondato dalla Storia e a due passi dal mare.

Ecco la scuola del futuro: nel bosco, senza banchi, e a insegnare è la natura - 5.0 out of 5 based on 6 votes

Love Kitchen, la cucina dell’amore

10 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Love KitchenColazione e pranzo gratis, due volte a settimana, per migliaia di persone bisognose. Dopo essere andate in pensione Helen Ashe e Ellen Turner, sorelle gemelle residenti a Knoxville, hanno dedicato il loro tempo ad aiutare in questo modo i meno fortunati. Lo hanno fatto per 29 anni,  e l'eco della loro generosità ha superato non solo i confini del Tennessee, ma anche quello degli Stati Uniti.

Love Kitchen, la cucina dell’amore - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Avere non è essere. Caro Feltri, l’essere umano non è merce

08 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

feltriLeggo su Il Fatto Quotidiano alcuni interventi di Stefano Feltri secondo cui "Studiare cose belle e interessanti ma inutili per il mercato del lavoro, condanna migliaia e migliaia di ragazzi alla disoccupazione o alla sottoccupazione". Caro Feltri, l'essere umano e la vita non sono merci, anche se vogliono convincerci che sia così.

Avere non è essere. Caro Feltri, l’essere umano non è merce - 4.5 out of 5 based on 10 votes

La Gabbia

30 Luglio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR BalassoGabbiaLa gabbia era enorme. Grande quanto una città, grande quanto un pianeta, non so dire, ma era enorme. E non era una gabbia, dico gabbia ma non era una gabbia, era più che altro un sistema di gabbie. E l'efficienza di questo meccanismo era dato dal fatto che i confini della gabbia non si vedevano, non c'erano sbarre, non c'erano serrature, ma erano le cose che le persone potevano comprare, erano i cibi, erano le persone stesse a fungere da sbarre, da serrature, da limiti invalicabili. Ovviamente c'era il rischio che molta gente capisse il meccanismo, si accorgesse di rappresentare gli ingranaggi del meccanismo, perciò qualcuno cominciò a pensare agli oblò.

La Gabbia - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Ipsos: italiani, ignoranza e pregiudizio

24 Luglio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

IgnoranzaQuanti sono i disoccupati in Italia? Qual è la percentuale di musulmani nel nostro paese? Gli omicidi in Italia stanno aumentando? La società di ricerca Ipsos Mori ha fatto queste domande in 14 paesi l'anno scorso e gli italiani sono risultati il popolo più ignorante.

Alla pubblicazione del report del 2014 noi italiani ci siamo un po' offesi. A nessuno piace sentirsi dare dell'ignorante ma questo non cambia il fatto che molto spesso la nostra percezione del mondo sia piuttosto lontana dalla realtà. Siamo 'ignoranti' nel senso che spesso ignoriamo dati e fatti fondamentali su temi che tanto ci fanno infervorare.
In maniera meno spiccata, questo succede anche nei Paesi che secondo lo studio sono i meglio informati. I tedeschi e gli svedesi, ad esempio, sovrastimano, e di molto, il numero di emigrati e il numero di madri minorenni nei loro Paesi.

Ipsos: italiani, ignoranza e pregiudizio - 1.0 out of 5 based on 1 vote

Il buon manager si vede nel momento della pausa

18 Luglio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

StaccoC'è un brano musicale che dovrebbe avere all'incirca 60 anni, scritto da John Cage, musicista eclettico e per certi versi poco disposto a farsi costringere nei canoni della musica tradizionale, che si chiama 4'33". Il brano, scritto per qualsiasi strumento, costringe il musicista a non suonare e dunque a prestare attenzione a tutti i suoni circostanti.

Io lo interpreto come una forma di allontanamento da sé e di richiamo all'attenzione verso l'esterno: rumori, fruscii, risatine, bacchette, calpestii. Un foglio che cade, un colpo di tosse. C'erano anche prima, ma adesso li ascolti.

John Cage usa la pausa per fermare il momento. Per concedere meno attenzione a se stesso e a ciò che si sta facendo (che nel caso di un direttore d'orchestra si tratta di interrompere l'attività più importante: l'esecuzione di una sinfonia), per prestarla altrove.

Il buon manager si vede nel momento della pausa - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Musica a 432 hz - Frequenze che fanno bene?

18 Giugno 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

432Perché i 432 Hz in un mondo di musica a 440?
La standardizzazione dell'accordatura degli strumenti con il LA a 440 hertz è stata imposta da un manipolo di persone nel 1953 a Londra per un non dichiarato scopo e contro il volere di 25 mila musicisti che si erano dichiarati in un referendum a favore dell'accordatura a 432 Hz.

Il La a 440 hertz fu introdotto in Germania da Goebbels, il ministro della propaganda nazista, che ne impose l'adozione, sembra che gli scienziati tedeschi avessero scoperto che la musica suonata con questa accordatura avesse l'effetto di indurre ansia ed aggressività nel pubblico, fattore che la propaganda nazista utilizzava per stimolare l'odio contro i nemici della Germania.

Musica a 432 hz - Frequenze che fanno bene? - 4.5 out of 5 based on 8 votes

L’arte come ponte per la felicità

04 Giugno 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Christophe André ibsIl libro di Christophe AndréDell'Arte della Felicità edito da Corbaccio, è un viaggio essenziale tra venticinque opere che rappresentano altrettanti stati d'animo. Dal Geografo di Vermeer a La riva del mare a Palavas di Courbet il lettore gode di una vista privilegiata con l'opportunità di entrare in un quadro per immergersi nelle rispettive atmosfere.

Ogni pagina, è caratterizzata da riflessioni e citazioni sull'attrazione della pittura e gli effetti sulla nostra anima. Significativa la divisione temporale con le rispettive situazioni emozionali: il "preludio", il "mattino", il "mezzogiorno", la "sera", la "notte" e l'"alba" a rappresentare il ciclo della felicità. 

Da Woodstock ad oggi: Nick e Bobbi, 46 anni insieme

25 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR WoodstockDi tutte le immagini scattate durante il week-end di Woodstock, una spicca su tutte: una giovane coppia, rannicchiati insieme dentro una coperta, in piedi, da soli in un mare di gente sdraiata sul terreno bagnato.

È un'immagine duratura dell'amore, di cura e protezione diventata iconica perchè scelta come copertina dell'album originale "Woodstock" nel 1970, e come poster del film.

Quarantasei anni dopo, la coppia nella foto - Nick e Bobbi Ercoline, entrambi 66enni, sono ancora insieme. Si sono sposati due estati dopo quel favoloso fine settimana, e vivono ancora a meno di un'ora d'auto dal sito de concerto a Bethel, NY, a un tiro di schioppo da dove sono cresciuti entrambi.

Da Woodstock ad oggi: Nick e Bobbi, 46 anni insieme - 5.0 out of 5 based on 2 votes

The Monsanto Years, il nuovo disco di Neil Young contro la multinazionale americana

18 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

neil youngIn uscita il 16 giugno, l'album del cantautore canadese è dedicato alla multinazionale di biotecnologie agrarie, da anni al centro di critiche e cause legali per l'uso indiscriminato di pesticidi e sementi ogm. «I pesticidi della Monsanto avvelenano i nostri cibi, uccidono le api e tutte le altre forme di vita fondamentali per l'ecosistema», scrive Young dalla sua pagina facebook. E la protesta si allarga anche alla Starbucks, grande catena internazionale di caffetterie.

The Monsanto Years, il nuovo disco di Neil Young contro la multinazionale americana - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Non si sfugge alla pubblicità

14 Maggio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

pubblicità2Lo sapevate che a Seul tutte le volte che un autobus passa davanti a un Caffè Dunkin' Donuts parte un aromatizzatore che spruzza profumo di ciambelle tra i passeggeri? E l'uomo che l'ha inventato ha anche preso un premio. È uno degli esempi di indottrinamento e manipolazione pubblicitaria descritti nel libro di Matthew Crawford, The World Beyond Your Head.

Crawford, nel suo libro The World Beyond Your Head, alla fine arriva a concludere che si tratta di un problema politico. Non c'è in ballo soltanto il dover imparare ad auto-disciplinarsi nell'uso di una tecnologia che ci offre miliardi di stimoli contemporeaneamente; il fatto è che dai produttori di smartphone ai creatori di social network, dai media alle multinazionali, tutti approfittano della nostra sempre più limitata capacità di difenderci da tutti questi stimoli e lo fanno per ammaliarci e trarne profitto da questo.

Non si sfugge alla pubblicità - 4.8 out of 5 based on 4 votes