Arte e Cultura

Muro della gentilezza: l’idea che potrebbe salvare la vita ai meno fortunati In evidenza

15 Gennaio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

È apparso in Svezia recentemente Il muro della gentilezza: “The wall of kindness”. L’iniziativa benefica che ha commosso il web.

Si chiama The wall of kindness, ed è stato allestito in strada a Uppsala in Svezia da un’agenzia immobiliare.

il muro della gentilezza svezia

Muro della gentilezza: l’idea che potrebbe salvare la vita ai meno fortunati - 5.0 out of 5 based on 4 votes

La muffa melmosa che crea sistemi ferroviari In evidenza

09 Gennaio 2019 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

Ingegneri talentuosi e dedicati hanno trascorso innumerevoli ore a progettare il sistema ferroviario giapponese per renderlo uno dei più efficienti al mondo. Avrebbero fatto prima a farlo fare ad una muffa melmosa.

Ricercatori giapponesi e inglesi hanno trovato che, messi di fronte a fiocchi di avena disposti secondo lo schema delle città giapponesi intorno a Tokyo, gli stampi di melma monocellulari senza cervello costruiscono reti di tubi di canalizzazione dei nutrienti che sono sorprendentemente simili al layout del sistema ferroviario giapponese. Un nuovo modello basato sulle semplici regole del comportamento della muffa melmosa potrebbe portare alla progettazione di reti più efficienti e adattabili, sostiene il team.

Muffa Melmosa

Prof. Galimberti: “I Docenti Dovrebbero Essere Assunti in Base all’Intelligenza Emotiva, Senza di Essa Non si Può Insegnare” In evidenza

08 Gennaio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Dall’incontro che si è tenuto alla fiera Didacta a Firenze è emerso che la scuola italiana si occupa poco dell’intelligenza emotiva, nonostante questa sia ormai universalmente riconosciuta come componente fondamentale nello sviluppo della psiche umana. A parlare di questo argomento sono intervenuti la dottoressa Laura Artusio e il professor Umberto Galimberti.

Il professor Galimberti ha sottolineato quanto i genitori, oberati dal lavoro o da altre occupazioni, spesso trascurano questo tipo di apprendimento: “Oggi troppo spesso l’apporto genitoriale è fallimentare, i genitori non hanno più tempo di rispondere alle domande filosofiche dei bambini, ai loro mille perché, e spesso le parole mancate vengono sostituite da montagne di giocattoli”.

didacta 2018 6

Prof. Galimberti: “I Docenti Dovrebbero Essere Assunti in Base all’Intelligenza Emotiva, Senza di Essa Non si Può Insegnare” - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Il Cane delle Fiandre In evidenza

08 Gennaio 2019 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Arte e Cultura

La statua è stata svelata il 10 dicembre 2016 davanti alla cattedrale di Anversa, e raffigura un giovane ragazzo e il suo cane, in omaggio ai protagonisti di un racconto inglese del 19° secolo che ha trovato fama in Giappone ben prima che nelle Fiandre, dove la trama è ambientata.

NelloPatrache

Il Cane delle Fiandre - 4.5 out of 5 based on 2 votes

AI BAMBINI REGALIAMO UNO STRUMENTO: IMPARERANNO AD AMARE IL BELLO In evidenza

05 Gennaio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

CIR sTRUMENTO bELLEZZACome possiamo insegnare ai bambini ad amare e a ricercare la bellezza? Come possiamo insegnare loro il valore dell’impegno? Una risposta c’è, ed è la musica. Gli psicologi hanno studiato a lungo i benefici che la musica apporta a chi la suona e a chi la ascolta. Dall’effetto Mozart allo sviluppo delle intelligenze multiple, è indubbio che la musica faccia bene a grandi e bambini.

AI BAMBINI REGALIAMO UNO STRUMENTO: IMPARERANNO AD AMARE IL BELLO - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Emiliano Toso, il biologo molecolare che scopre il potere della sua musica In evidenza

28 Dicembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Un biologo molecolare diventa un musicista famoso in tutto il mondo per la sua Translational Music, una musica vicina alla biologia utilizzata in moltissimi contesti diversi in virtù dei suoi effetti benefici. Così scienza e arte si incontrano per studiare e fare esperienza del potere della musica sulla salute e nei momenti di trasformazione della vita.

Toso1

Emiliano Toso, il biologo molecolare che scopre il potere della sua musica - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Con il suo approccio educativo etico e sociale, Giuseppe Paschetto è in Corsa per il Nobel dell’Insegnamento. In evidenza

18 Dicembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Di youreduaction.it

Giuseppe PaschettoGiuseppe Paschetto, 63 anni, docente di matematica e scienze, è entrato nella rosa dei 50 migliori prof del mondo, in gara per il Global Teacher Prize 2019 della Varkey Foundation. Il suo segreto? Insegna “Scienzattiva” e “MathEmotion”, per le lezioni di Astronomia sale in collina con gli studenti a osservare le stelle, ha eliminato la cattedra in classe, e i compiti a casa, convinto i colleghi a misurare il FIL (la Felicità Interna Lorda) della scuola e per le pagelle di fine anno ha inventato la “valutazione condivisa”.


Inoltre scrive libri e produce film insieme ai suoi alunni della scuola secondaria di primo grado di Mosso, un comune di Biella, dove insegna da 35 anni in maniera non convenzionale ed entusiastica.

Al prestigioso premio Giuseppe Paschetto è l’unico italiano finalista tra più di 10mila candidati arrivati da 170 Paesi. I suoi alunni sono “ragazzi bravi”, le famiglie “collaborative”, la sua scuola “splendidamente diversa” e le sue lezioni hanno una forte dimensione sociale. I progetti realizzati finora sono molteplici: si va dalla fontanella a energia solare per le aree verdi alla “biblioteca del parco”.

Con il suo approccio educativo etico e sociale, Giuseppe Paschetto è in Corsa per il Nobel dell’Insegnamento. - 4.0 out of 5 based on 4 votes

Il negozio di Londra che vende regali di Natale per i rifugiati

28 Novembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

choose love 1Si chiama Choose Love: il negozio in cui i clienti possono spendere anche centinaia di sterline, andare via senza niente e sentirsi bene per questo.
Con sede a Soho, a Londra, questa attività è una collaborazione tra l'ente benefico britannico Help Refugees e il collettivo creativo Glimpse. Deriva dalla domanda: invece di acquistare gadget o vestiti per noi stessi, cosa accadrebbe se gli oggetti che abbiamo comprato potessero fare davvero la differenza nella vita di qualcuno?

Il negozio porta le persone attraverso tre fasi dell'esperienza di un rifugiato: arrivo, alloggio temporaneo e futuro. Ogni tavolo contiene una selezione di articoli che rappresentano questi stadi, dai guanti caldi ai materiali artistici per bambini. Il negozio offre anche cappelli, coperte e schede telefoniche.

Il negozio di Londra che vende regali di Natale per i rifugiati - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Temari: le sfere giapponesi fatte a mano che imitano forme e colori della natura

23 Novembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

temariokDal guscio di una lumaca, alla conchiglie, fino ai fiocchi di neve. La natura segue degli schemi specifici per dare forma alle proprie creature. Da secoli l'uomo si impegna per imitarle. Pensiamo, ad esempio, alla casa sull'albero progettata seguendo il modello della spirale di Fibonacci e alle meravigliose sfere giapponesi Temari.

Le forme ripetute in modo ritmico sono uno dei segreti della natura e uno dei modi visibili con cui essa si manifesta. Possiamo essere tanto bravi da ricrearle? Un'artista giapponese si è messa all'opera per dare vita a delle sfere perfette. Si tratta di sfere ricamate a mano da una signora giapponese di 92 anni.

 

Fonti:

https://www.greenme.it/vivere/arte-e-cultura/12353-temari-sfere-giapponesi

https://www.treehugger.com/culture/embroidered-temari-balls-tatiana-vigdorova.html

Temari: le sfere giapponesi fatte a mano che imitano forme e colori della natura - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Mitzvah Day: 3.240 volontari ebrei e musulmani si uniscono per servire la zuppa ai senzatetto

22 Novembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

zuppeGrandi quantità del tradizionale piatto ebraico sono state preparate nella moschea di East London per essere ditribuite ai senzatetto.
La zuppa di pollo è un piatto ebraico amato, servito nelle cene dello Shabbat a parenti e amici e noto per avere potenti proprietà medicinali. Normalmente non viene cucinato o servito in una moschea.

Ma domenica scorsa, enormi quantità di zuppa di pollo - spesso nota come "penicillina ebraica" - sono state preparate nella moschea di East London da volontari ebrei e musulmani per la distribuzione nei centri per senzatetto.

"Il Mitzvah Day riguarda i valori comuni che sono alla base di entrambe le religioni: l'impegno per l'azione sociale e la giustizia sociale", ha detto Laura Marks (fondatrice e presidente del Mitzvah Day) "entrambe le fedi ci chiedono di fare buone azioni e contribuire alla società. La maggior parte degli ebrei qui oggi non sarebbero mai stati in una moschea e magari molti musulmani non avranno amici ebrei. Ma eccoci qui, a tagliare le verdure insieme. "

 

Mitzvah Day: 3.240 volontari ebrei e musulmani si uniscono per servire la zuppa ai senzatetto - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Ricerca Informazioni con il Tablet ma Annota su Carta, Schemi e Appunti Presi a Mano Sono Molti Più Efficaci

15 Novembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Una ricerca di Pam A. Muller dell'università di Princeton e Daniel M. Oppenheimer dell'università della california ha rilevato che copiare esattamente un’informazione, sia essa dettata o copia/incollata, rende l’elaborazione e l’apprendimento più difficoltosi. Ed ecco allora che, parlando di appunti, ha anche dimostrato che gli appunti presi a mano sono decisamente più efficaci di quelli generati tramite dispositivi elettronici.

Appunti Presi a Mano

Ricerca Informazioni con il Tablet ma Annota su Carta, Schemi e Appunti Presi a Mano Sono Molti Più Efficaci - 4.0 out of 5 based on 3 votes

L'angelo che canta

05 Novembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Alfina FrestaAlfina Fresta è una giovane cantante lirica di Catania, con tetraparesi spastica. Si muove sulla sua sedia a rotelle anche se riesce a camminare per piccoli tratti, a patto che ad accompagnarla siano i suoi amici o i suoi genitori. Quando canta esprime il suo sopraffino talento, dono di natura, di tante ore di studio e di applicazione. Era ai più sconosciuta sino a pochi giorni fa, quando una sua breve esibizione, pubblicata su Facebook, ha ottenuto più di sessanta milioni di visualizzazioni nel volgere di pochi giorni. Da artista nota entro i confini dell’isola, ma che se la vedi e la ascolti non la dimentichi più sia per il timbro della sua voce potente cristallina che per la sua condizione fisica, a webstar di prima grandezza. E, come succede in questi casi, il fenomeno è diventato incontrollabile, con messaggi, proposte di esibizione o di riconoscimenti da tutto il mondo, non ultima la richiesta di una tournée, per lei e la sua compagnia, in Russia.

A Centocelle le campane per la raccolta del vetro diventano opere d’arte

03 Novembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

A chi passeggia per Centocelle, a Roma, può capitare in questi giorni di notare qualcosa di strano, un tocco di colore in più per le strade del quartiere. A partire dallo scorso weekend, infatti, numerosi artisti si stanno dando da fare per decorare le campane per la raccolta del vetro della zona, trasformandole in vere e proprie opere d’arte. Si tratta della seconda edizione di GAU – Gallerie Urbane, il progetto di arte urbana che già lo scorso anno aveva modificato il volto del quartiere, decorando ben quaranta campane.

di Camilla Ferrario

Campane Centocelle7

Scuola, addio allo studio della storia e dell’arte: ecco perché siamo un Paese senza futuro

22 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Raffaello Scuola AteneDalla riforma che ha investito lo studio della storia dell’arte nei licei e negli istituti tecnici e professionali alla recente decisione di eliminare la traccia di storia dalle tipologie del tema dell’esame di maturità, il nostro è un Paese che attraverso la scuola sta dicendo addio al proprio futuro.

 

Scuola, addio allo studio della storia e dell’arte: ecco perché siamo un Paese senza futuro - 4.2 out of 5 based on 5 votes

Questa star del cinema vive una vita semplice - ed ora sta donando 714 milioni di dollari in beneficenza

16 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

chow1Chow Yun-Fat, l'amata star del cinema di Hong Kong, ha recentemente annunciato che darà il suo intero patrimonio in beneficenza.

A 63 anni, la celebrità ha recitato in film come La Tigre e il Dragone, A Better Tomorrow e I Pirati dei Caraibi.

Sebbene abbia accumulato la cifra sbalorditiva di 714 milioni di dollari nel corso della sua carriera, a quanto pare non ha bisogno di tale ricchezza...

Questa star del cinema vive una vita semplice - ed ora sta donando 714 milioni di dollari in beneficenza - 5.0 out of 5 based on 5 votes

L'importanza dell'educazione musicale: ecco come una scuola elementare ha nettamente migliorato i risultati dei propri alunni!

15 Ottobre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Bradford2Sette anni fa, a Feversham (Inghilterra) la scuola elementare di Bradford era a rischio chiusura e faceva notizia per tutte le ragioni sbagliate. 
Il preside Naveed Idrees decise così di prendere provvedimenti adottando un metodo insolito: incorporò musica, arte drammatica e arte in ogni parte del programma scolastico, introducendo fino a sei ore di musica alla settimana per ogni bambino.

Oggi i risultati sono notevoli: nel 2011, la scuola era di 3,2 punti percentuali sotto alla media nazionale inglese. Quest'anno il 74% dei suoi allievi ha raggiunto lo standard previsto in lettura, scrittura e matematica, contro una media nazionale del 53% e la scuola è considerata tra le migliori per i progressi di apprendimento da parte dei suoi studenti.

L'importanza dell'educazione musicale: ecco come una scuola elementare ha nettamente migliorato i risultati dei propri alunni! - 3.7 out of 5 based on 3 votes

L'enorme habitat Maya trovato nella giungla grazie al laser

29 Settembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Nascosto sotto la lussureggiante foresta pluviale di Petén, in Guatemala, si trova un antico habitat scomparso da più di 1.000 anni, ma al massimo del suo splendore fu la dimora di milioni di mesoamericani che costruirono un impero sofisticato e vasto. Per la prima volta, un team di archeologi internazionali ha scoperto e mappato decine di migliaia di strutture antiche utilizzando la tecnologia di rilevamento LIDAR (Laser imaging detection and ranging) su oltre 2.100 chilometri quadrati della pianura guatemalteca.

Lidar Guatemala

L'enorme habitat Maya trovato nella giungla grazie al laser - 4.0 out of 5 based on 1 vote

ITALIA: SCUOLA A PERDERE!

17 Settembre 2018 Scritto da Redazione
Pubblicato in Arte e Cultura

Scuola CrollataUna ricerca dell’associazione Tuttoscuola rivela che nel belpaese dal 1995 ad oggi hanno abbandonato la scuola 3 milioni e mezzo di studenti. Senza contare la continua (in aumento) fuga all’estero di giovani cervelli. Inoltre, un dossier della fondazione Agnelli (aprile 2018) segnala che nei prossimi 10 anni ci saranno un milione di studenti in meno.

di Gianni Lannes

ITALIA: SCUOLA A PERDERE! - 4.0 out of 5 based on 2 votes
Pagina 1 di 13