PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Le Mani sulla Tua Salute 2: Ce lo chiede l’Europa!

Le Mani sulla Tua Salute 2: Ce lo chiede l’Europa!

Dopo aver messo a nudo la sanità italiana in “Le Mani Sulla Tua Salute”, in questa seconda inchiesta sulla sanità Enrico Carotenuto è andato a guardare per noi cosa sta accadendo a livello europeo.

Emergono tre cose sconcertanti:

1) Esiste un documento della Commissione Europea datato 2018, che è direttamente collegato a tante delle direttive insensate che ha preso il nostro governo nell’ultimo anno e mezzo, e a tantissimo di quello che abbiamo visto, sentito e letto sui media, in pratica una sorta di copione che si sta recitando in tutta Europa da un anno e mezzo.

2) I legami fortissimi, anzi gli intrecci tra la Commissione, l’OMS e le case farmaceutiche.

3) Come la Commissione stia cercando di orientare non solo i governi ed i media, ma anche il modo stesso di pensare delle generazioni future, in particolar modo quello della classe medica. Hanno deciso loro coi loro amici cosa è scienza e cosa no, e non si sono neanche vergognati di mettere nero su bianco che le prossime generazioni di medici dovranno vederla come loro, con le buone o con le cattive…

Può interessarti anche:

 

 

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.