PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

La Commissione Europea. Chi sono? Perchè stanno li? Impariamo a conoscerli

Jose-Manuel-Barroso-001

La Commissione Europea è l’organo dell’Unione Europea che ha in mano il potere esecutivo e che promuove il processo legislativo, ovvero decide su cosa si debba legiferare. E’ composta da 27 delegati (uno per stato membro) a cui è richiesta la  “massima indipendenza” dagli stati membri dell’Unione.

I suoi poteri, un tempo pressochè assoluti, sono stati in parte modificati dal trattato di Lisbona, ed ora anch’essa è sottoposta all’azione del Consiglio Europeo (Van Rompuy, per intenderci), il quale stabilisce “gli orientamenti politici e le priorità generali” sulle quali poi agisce la commissione.

Resta comunque un organismo potentissimo di personaggi “scelti in base alla loro competenza generale” (Trattato Comunità Europea, art. 157 par.1).

Si, ma scelti da chi?

Dal Consiglio Europeo, naturalmente (sempre Van Rompuy), che propone il candidato presidente della commissione, il quale, una volta in carica, sceglie, sempre in accordo col Consiglio, tutti gli altri ventisei commissari. Dopo la scelta, il parlamento europeo esprime il suo favore o meno, ma è successo una sola volta in tutta la storia della comunità, che un commissario fosse rifiutato (Rocco Buttiglione). Dopo che il parlamento, normalmente appecoronato, da il suo parere positivo, chi è che nomina definitivamente la commissione?

Indovinato! E’ sempre il Consiglio Europeo. Ma di questo fantomatico Consiglio, ce ne occuperemo in articoli successivi.

Per cominciare concentriamoci oggi sul presidente della corrente Commissione. La commissione Barroso.

Negli articoli che pubblicheremo successivamente troverete riportati alcuni tratti salienti delle storie dei commissari, che vi faranno riflettere sui loro effettivi “meriti”.

Se volete divertirvi ancora di più, potete fare un parallelo tra i dati sui membri della commissione, e quelli dei membri dei Club Mondialisti che abbiamo riportato nel nostro dossier

Josè Manuel Barroso – Presidente della Commissione Europea:

gesuitiEx primo ministro portoghese. Laureato presso l’università di Lisbona (con forti origini da e legami con i gesuiti) e di Ginevra (Gesuiti? Oh Yes!). Ha studiato anche alla Columbia University ed a Georgetown, la scuola gesuita per eccellenza in america, da cui provengono un po’ tutti quelli che contano: da Kissinger al Cardinal Martini. (Volete sapere chi altro ha fatto percorsi simili? Li trovate, in buona parte, nel nostro dossier.)

Originariamente “comunista”, ha effettuato un progressivo spostamento a destra fino a diventare vice presidente del Partito Popolare Europeo (lo stesso di cui fanno parte tutte le DC, Forza Italia, ecc.) Negli anni 80 la sua carriera politica ricevette grande impulso da Anibal Cavaco Silva, l’allora presidente portoghese, nonchè super professore per 40 anni nell’università Cattolica del Portogallo (toh!) e influente direttore nella Banca del Portogallo.

Si noti che sotto la presidenza di Cavaco Silva, il Portogallo entrò nella UE. Il prof. Cavaco Silva è un membro del Club di Madrid (che coincidenza!).

Barroso ha fatto parte di un numero imprecisato di gruppi consultivi “informali” del Segretario Generale dell’ONU, ed è stato un convinto supporter delle iniziative di Bush e Blair, infatti ospitò lui il vertice a quattro con Bush, Blair ed Aznar dove vennero definiti i piani per l’invasione dell’Iraq. Chissà se le ha poi trovate, le armi di distruzione di massa…

Tra i riconoscimenti a Barroso, interessante la nomina a “Global Leader for Tomorrow” datagli dal World Economic Forum (WEC) nel 1993. Si noti che il WEC è un’altra branca dei movimenti mondialisti collegati ai vari Club oggetto del dossier. Bisogna ammettere che ci hanno proprio visto giusto, questi del WEC, quasi dei maghi: hanno fatto una previsione azzeccata, su un singolo individuo, con 11 anni d’anticipo rispetto alla sua prima elezione come presidente della Commissione, nel 2004. Chissà se sono in grado di dirmi dove andrò in vacanza io fra 11 anni!

WEC

Tra gli altri riconoscimenti troviamo poi la pletora di lauree honoris causa ricevute dopo la sua nomina a presidente della Commissione Europea. Questo è normalissimo “lecchinaggio”, e quindi lo consideriamo di scarsa importanza. Sembra che le università italiane primeggino in questo ruolo, infatti Barroso ha ricevuto lauree honoris causa da ben 3 università italiane (La Sapienza, la LUISS, e l’Università di Genova).

I legami di Barroso, ovvero i suoi reali meriti, escono fuori guardando la lista di onoreficenze che gli sono state concesse da ben 17 tra “ordini” cavallereschi e stati. Per la lista completa, cliccate qui.

In questo ambito fanno bella mostra di se le nomine:

1. “CAVALIERE DI GRAN CROCE DELL’ORDINE DI CRISTO” (Portogallo, 1996). Ma non era un comunista senza Dio?

2. “GRAN CROCE PRO MERITO MELITENSI” (Cavalieri di Malta, 1989). I cavalieri di Malta…dal Vaticano, uno dei gruppi più oscuri dal medio evo in qua.

Massoni3. “CAVALIERE DI GRAN CROCE DELL’ORDINE DELLA CASATA D’ORANGE”. La casata dei reali d’Olanda è una potenza massonica, proprietaria di cosucce quali la Shell, è infilata dappertutto nei club mondialisti, dal club di Roma al Bilderberg. 

4. “CAVALIERE COMANDANTE ONORARIO DELL’ORDINE DEI SANTI MICHELE E GIORGIO”. Questa onoreficenza viene data a ricompensa della difesa degli interessi britannici nel mediterraneo, o per altri favori fatti alla corona inglese in ambito diplomatico o di politica estera. La Corona Inglese: la potenza massonica per eccellenza.

Queste quattro onoreficenze mettono perfettamente in luce il ruolo di Barroso quale trait d’union dei poteri forti mondialisti. Di chiara provenienza gesuita, ma graditissimo alle potenze massoniche (Orange e Windsor). Insomma, questo Barroso piace proprio a tutti. 

Questi sono i reali meriti di quest’uomo. Aver detto sempre si alle persone giuste, non essersi mai tirato indietro quando si “doveva” fare una guerra, o quando si “doveva” mettere le briglie economiche agli stati europei. Aver messo d’accordo gli interessi della massoneria e del vaticano.

Siamo convinti che questi interessi coincidano con i nostri? Siete ancora convinti di vivere in una democrazia?

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

Corsi Online
Una nuova sezione in costante aggiornamento dalla quale è possibile seguire alcuni dei nostri corsì online.
Maggiori informazioni
Corso Online: "I Rapporti Con Gli Altri"
Grandi sfide e grandi opportunità. Un esame approfondito del più difficile ambito della nostra vita:
la rete delle nostre
relazioni umane.
Con Fausto Carotenuto
Maggiori informazioni
Corso Online: "Angeli - La Loro Presenza
Nella Nostra Vita"
Chi sono e cosa fanno,​
come riconoscerli e comunicare con loro.​
Con Fausto Carotenuto
Maggiori informazioni
Corso di Sviluppo dei Talenti Spirituali
Un importante percorso di approfondimento e di sviluppo dei talenti speciali che ognuno di noi porta con se per contribuire al benessere ed alla crescita della rete umana.
A cura di Fausto Carotenuto
Maggiori informazioni
Seminari e Conferenze
Consulta il nostro calendario aggiornato per vedere gli eventi in programma in Italia.
Maggiori informazioni
Corsi Avanzati
A seguito del percorso biennale “Sviluppare i Propri Talenti Spirituali” è possibile accedere ad un terzo anno con due possibili specializzazioni annuali:
Master dell’Accademia dell’Arte e Master dell’Accademia della Salute.
Maggiori informazioni
Libri di Fausto Carotenuto
La nostra collana offre una serie di approfondimenti di facile accesso alle diverse tematiche spirituali affrontate nei nostri corsi e seminari.
Maggiori informazioni
Precedente
Successivo

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.