PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Autunno che non ti aspetti: piove

CIR Alluvione 2016Ogni autunno-inverno la stessa storia: piove.

Toh! Incredibile, no?

E ogni anno buttiamo miliardi per via dei danni delle alluvioni. Una perdita di vera ricchezza, spesso le persone perdono gli averi di una vita, le case che non hanno ancora finito di pagare, auto, frigoriferi, letti. Insomma, di tutto. Poi c’è la vera perdita: quella di vite.

Chi le compensa queste persone? Nessuno, dato che anche quelli che assicurano i propri averi, quasi mai vedono un assegno: le compagnie d’assicurazioni sono geniali nel creare postille scappatoia. Quindi spesso chi è assicurato, oltre al danno, si becca pure la beffa.

Ogni anno la stessa storia: piove, e ci si ritrova a parlare della mancanza di investimenti in prevenzione, dei mancati fondi per il dissesto idrogeologico, del governo ladro.

Ogni anno morti e distruzione, ma evidentemente non ci basta, ne vogliamo di più. Eh si, perchè invece di spendere 1 per migliorare le cose, l’Italia spende 10 per fare più morti (f35) e più distruzione (TAV).

Quest’anno poi, ci si concentra sullo smantellamento della costituzione, che è ovviamente la priorità assoluta no?  

E poi ci sono i geni di turno, quelli che dicono che se non compriamo gli aeroplani, i cinesi avranno vita facile ad invaderci, o che non conteremo sullo scacchiere internazionale. Come se contassimo qualcosa. O come se la Svizzera non contasse. Quelli che “questi NoTav sono dei cretini, violenti, parassiti e drogati. Fanno bene a picchiarli, il paese deve andare avanti”. Quelli che “che mi frega? Io voto pinco pallino perchè mi ha promesso che assume mio figlio/che mi fa il condono edilizio/che mette una buona parola”.

CIR Che ci frega1Secondo le stime l’Italia spende, secondo i dati forniti dal Tesoro, dai 50 agli 80 milioni di Euro AL GIORNO (calcolando le spese extra-budget per aerei/navi, ecc.) sulle forze armate. 

Ogni anno l’Italia subisce danni da alluvione per circa 6 miliardi di Euro, oltre che vari morti. Quest’anno ci sono stati pure i terremoti, che purtroppo di morti ne hanno fatti parecchi, ed hanno raso al suolo un paio di cittadine. Ulteriori miliardi.

Però, se vince il si, spenderemo 50 milioni di meno ALL’ANNO.

Forse.

Queste si che sono soddisfazioni…

Forse è il caso di cominciare a pensare che per avere un governo decente occorra essere migliori noi.

Chi certe cose le afferra, deve impegnarsi a diffondere dei concetti e dei comportamenti migliori. Con le proprie scelte e con le parole, senza cadere nella rabbia e nell’antagonismo, senza cadere nelle stantie divisioni che ci hanno propinato, mantenendo la mente ed il cuore ben aperti. Ma non solo con le parole, anche con la coerenza dei comportamenti. Non si può protestare contro il mal governo, e poi andare ad elemosinare un favore dal viceusciere del ministero.

E’ ora di prenderci le nostre responsabilità. Gli altri, in fondo, non sono che il nostro specchio.

tags

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel