Politica

iNpara la matematica con la BEA!

13 Giugno 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Matematica con Bea1In Francia il dibattito sui vaccini è molto serrato e perfettamente legittimo. In Germania i giornali danno le notize pure se scomode per chi governa. E in Italia? In Italia parlare delle controindicazioni dei vaccini, o dei dati che smentiscono la teoria dell’immunità di gregge, o delle prove dell’inquinamento dei vaccini vuol dire esporsi a rappresaglie inaudite. Per capire quanto è sbilanciata la situazione, facciamo un esempio volutamente esagerato: cosa accadrebbe se un personaggio qualunque andasse in televisione, alla televisione nazionale in prima serata, a raccontare una balla clamorosa sui vaccini, tipo che subito dopo il vaccino per il morbillo 200 bambini inglesi sono morti? Partirebbe una denuncia per procurato allarme, una denuncia per uso privato del mezzo televisivo, farebbero indagini a tappeto sulla persona, il dato verrebbe smentito in lungo e in largo.

di Riccardo Pizzirani

iNpara la matematica con la BEA! - 4.7 out of 5 based on 12 votes

Comunali 2017: crollano i 5 stelle, resuscita la destra.

12 Giugno 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

elezioni comunali 2017 1In una calda domenica di giugno, affluenze calate di 5 punti praticamente dappertutto. Il dato in risalto è certamente la sconfitta dei 5 stelle, che non sono riusciti ad andare al ballottaggio in nessuna città principale. Il vuoto lasciato dai 5 stelle sembra essere stato riempito in parte dalla destra. Inquietante il risultato di Trapani, dove oltre ad un candidato (ex presidente della provincia) messo sotto obbligo di soggiorno dalla Direzione Investigativa Antimafia e dichiarato socialmente pericoloso dai magistrati, al ballottaggio ci va un altro candidato (ex sindaco) appena uscito dagli arresti domiciliari per corruzione, con divieto di soggiorno a Palermo. Only in Italì...

Comunali 2017: crollano i 5 stelle, resuscita la destra. - 4.7 out of 5 based on 3 votes

La scommessa persa della May, che si ritrova senza maggioranza

09 Giugno 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Elezioni UK 2017Il partito conservatore della premier britannica Theresa May è primo in base allo spoglio parziale del voto, ma ha perso la maggioranza dei seggi in Parlamento: un dato che apre una fase di grande incertezza e solleva pesanti interrogativi su chi guiderà il Paese nei negoziati sulla Brexit e con quale mandato.

La sterlina ha perso terreno nel timore che la leader conservatrice non riesca a formare un governo e sia costretta alle dimissioni, al termine di una campagna turbolenta, funestata da due attacchi terroristici. Dopo la sua rielezione nel collegio di Maidenhead, popolato di pendolari, la May ha detto che la Gran Bretagna "necessita un periodo di stabilità" mentre si prepara al complesso processo di uscita dell'Unione europea. La premier ha aggiunto che pur se il risultato definitivo non è ancora noto, il suo partito sembra aver vinto la maggioranza dei seggi ed "è il nostro compito garantire un periodo di stabilità".

La scommessa persa della May, che si ritrova senza maggioranza - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Manifestazione nazionale per la libertà di scelta vaccinale - Roma - 11 Giugno

08 Giugno 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Il Coordinamento nazionale per la libertà di scelta ha indetto poi una manifestazione nazionale domenica 11 giugno a Roma  e invita i partecipanti a portare anhe le tende per restare. Il ritrovo è alle 13 in piazza della Bocca della Verità.

Manifestazione Liberta Vaccinale

Manifestazione nazionale per la libertà di scelta vaccinale - Roma - 11 Giugno - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Arabia Saudita contro Qatar e attacco terroristico a Teheran: Che succede in medio oriente?

07 Giugno 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR TeheranNegli ultimi giorni stiamo assistendo ad eventi molto significativi in medio oriente. Prima la rottura diplomatica di Arabia Saudita, U.A.E. Bahrein, Yemen ed Egitto con il Qatar, oggi gli attentati multipli a Teheran. Che sta succedendo?

Nonostante la rivendicazione dell'Isis, è ancora presto per comprendere pienamente le cause degli attentati al parlamento iraniano ed al mausoleo di Khomeini: l'Iran è un paese molto complicato ed al momento le informazioni non sono sufficienti per determinare con certezza se l'attacco è stato ordinato da fuori, o se è frutto di una faida interna. Però, visto lo sviluppo degli eventi negli ultimi anni, e l'improvvisa spaccatura politica nella penisola araba, le probabilità che gli attacchi siano eterodiretti sembrano prevalenti.

Arabia Saudita contro Qatar e attacco terroristico a Teheran: Che succede in medio oriente? - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Se colpiamo il bersaglio sbagliato...

05 Giugno 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR Isis IranFinalmente qualcuno nei media mainstream comincia a porre alcune domande intelligenti riguardo alla guerra in Siria e all'Isis. Il Sole 24 Ore se ne è uscito con un bell'articolo a firma di Alberto Negri in cui la situazione mediorientale viene presentata con un minimo di criterio, e guarda caso si evidenziano alcune delle incongruenze di cui parliamo da anni, ma che per qualche motivo erano finora sfuggite alle fini penne dei grandi media nazionali ed internazionali. Forse che la recente crisi de "Il Sole" abbia creato inaspettati spazi di libertà di espressione? Chi lo sa. Fatto sta che finalmente su un giornale mainstream compare un articolo in cui ci si chiede come mai, con tutti gli attentati recenti, il problema dell'occidente e degli stati arabi sia l'Iran e non l'Isis. 

Vogliamo rassicurare il bravo giornalista che il perchè non è poi così difficile da inquadrare. Noi lo abbiamo fatto circa un anno e mezzo fa in questo articolo, di cui consigliamo la lettura a chi se l'è perso la prima volta, vista la sua evidente attualità.

Se colpiamo il bersaglio sbagliato... - 4.4 out of 5 based on 8 votes

Stop Ceta. Il 30 maggio tweet ai parlamentari

29 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Stop Ceta. Il 30 maggio tweet ai parlamentari articleimageDomani, 30 maggio, il primo ministro canadese sarà in Italia per "sponsorizzare" il Ceta, l'accordo nel mirino della Campagna Stop Ttip e Ceta sul qualeil Parlamento dovrà decidere. Intanto il Consiglio dei ministri ha dato l'ok nella seduta del 24 maggio.

Stop Ceta. Il 30 maggio tweet ai parlamentari - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Mentre ci sbraniamo per i vaccini, Gentiloni approva il CETA in silenzio stampa...

27 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

paolo gentiloni 01L'ultimo consiglio dei ministri ha approvato ddl di ratifica del trattato di libero scambio con il Canada, un provvedimento dalle nefaste ripercussioni di cui nessuno dei grandi e piccoli media nazionali ha dato notizia.

E’ arrivato il CETA, ma non ditelo in giro. Il governo ha approvato il disegno di legge per la sua ratifica ed attuazione, ossia per l’accordo economico e commerciale tra l’Unione europea e il Canada. Ma piano – per favore! – non strillatelo.Eh già, perché il temuto trattato, firmato lo scorso 30 ottobre a Bruxelles e ratificato dal parlamento europeo questo febbraio sta per arrivare al parlamento italiano. Chi lo dice? Il consiglio dei ministri che si è riunito mercoledì sera in fretta e furia e senza neanche un minuto di preavviso; quel cdm di cui i rappresentanti solitamente si affrettano a propagandare i risultati e per il quale invece non è stata convocata neanche l’ombra di una conferenza stampa. E come mai, c’è da chiedersi, neanche il più ridicolo e scarso dei media (provare per credere? Fatevi un giro su google) ha dato questa notizia di epocale importanza? Perché è meglio farlo passare in sordina, o perché forse questo “gran valore” economico non lo ha? Per entrambi i motivi.

di Guido Rossi

Mentre ci sbraniamo per i vaccini, Gentiloni approva il CETA in silenzio stampa... - 4.3 out of 5 based on 41 votes

Cosa c’è dietro il disastro dell’antiterrorismo a Manchester

26 Maggio 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Attentatore ManchesterUn articolo interessante sulle connessioni dell'attentatore di Manchester con i servizi inglesi. Noi di CIR non siamo d'accordo caulle conclusioni, ovvero che il risultato di questi attentati dei Takfir sia una conseguenza imprevista. Come diciamo da tempo il terrorismo, in ultima analisi, non è diretto dal medio oriente, ma dall'occidente. Di fatto non beneficia la causa del sedicente stato islamico, nato, cresciuto e mantenuto dall'occidente con i soldi arabi, ma coloro che hanno interesse a mantenere i grandi apparati militari e di controllo, ovvero quelli che possiedono già questi apparati.  Serve solo a tenere alto il livello di paura nelle popolazioni, così che si possano giustificare misure di controllo sempre più restrittive e spese militari sempre più grandi. E poi si sa: la paura offusca la coscienza, e per alcuni tutto è preferibile al risveglio di grandi masse negli stati dell'occidente.

In quest'ottica è interessante vedere come guarda caso, gira gira, si finisce sempre per trovare che questi attentatori sono stati, per così dire, "cresciuti in casa". (E.C.)

Cosa c’è dietro il disastro dell’antiterrorismo a Manchester - 5.0 out of 5 based on 2 votes

‘FalconeeBorsellino’, in Rai nessun cenno alla verità occultata e depistata

25 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

falcone borsellino clarus“La legalità è servizio pubblico: maratona Rai con Fazio, Pif e Saviano” titola oggi il Messaggero. Una maratona sì, ma di fatti raccontati mille volte in questi 25 anni, fatti che sappiamo a memoria. Alcuni addirittura patetici come l’intervista di Pif al barbiere di Paolo Borsellino, con in primo piano la poltrona dove era seduto quando apprese della strage di Capaci. Fatti, accuratamente montati come in una fiction interpretata da attori come Montalbano, alias Luca Zingaretti, che seduto alla scrivania (originale, ci spiega Fabio Fazio) recita le profetiche e accorate parole pronunciate da Borsellino la sera del 25 giugno ’92 durante il dibattito organizzato da Micromega nel cortile di Casa Professa, dentro la Biblioteca comunale di Palermo.

di Sandra Amurri

‘FalconeeBorsellino’, in Rai nessun cenno alla verità occultata e depistata - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Degrado e servizio civile

17 Maggio 2017 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

degradoDomenica scorsa sono andato a visitare la Domus Aurea, che non avevo più visto dopo il crollo del 2010.

di Piero Cammerinesi

Prima di accedere alla parte interrata l'ottima guida - una studiosa di storia dell'arte e di archeologia - ci ha introdotto alla straordinaria storia di questa residenza imperiale che si estendeva su una superficie di 30.000 metri quadrati circa.

Le scintillanti immagini evocate dalla nostra guida facevano tuttavia fatica a mantenersi vive nella mia mente, continuamente sollecitata dalla percezione di quanto trasmessomi dai sensi.

Vale a dire una visione pietosa e miserevole delle condizioni in cui versa tutta l'area di Colle Oppio.

 

Degrado e servizio civile - 3.4 out of 5 based on 5 votes

Pieve Torina: ristorante che sfamava soccorritori terremoto rischia chiusura. Lo Stato non paga…

08 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

pieve torina ristoranteMACERATA – Il ristorante di Pieve Torina è sopravvissuto al terremoto del 26 ottobre scorso e da allora ha continuato a sfamare i soccorritori. Per mesi il locale nella provincia di Macerata colpita dal sisma ha preparato pasti per coloro che hanno scavato in mezzo alle rovine, ma ora rischia di chiudere. La famiglia che gestisce il locale ha crediti per circa 150mila euro in sei mesi con lo Stato, che però non paga e senza soldi il ristorante Il Vecchio Mulino è destinato ad andare in fallimento.

Pieve Torina: ristorante che sfamava soccorritori terremoto rischia chiusura. Lo Stato non paga… - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Elezioni francesi: Macron non cambia nulla. Proprio come la Le Pen.

08 Maggio 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR Estiqaatsi1Finalmente è finita anche questa farsa che ha tenuto in ansia i media ed i social. Ha vinto Macron. Ha perso la Le Pen.

E chi se ne frega.

E' un mese che non si parla d'altro, come se importasse qualcosa, come se cambiasse qualcosa, oltre alle apparenze. Ancora troppo pochi si rendono conto del discorso più profondo: tutta questa bagarre, in realtà, è perchè i popoli diano il loro gioioso assenso alla piramide di fantocci che si occuperà esclusivamente di fare quello che gli viene detto di fare da livelli superiori. In barba a desideri e speranze del popolo. Quello che cambia, come diciamo da sempre, è solo il tipo di sentimenti che vengono cavalcati: da una parte gli egoismi, dall'altra le speranze. Questa la differenza tra Trump e Obama, Le Pen e Macron, Berlusconi e Prodi, Renzi e Salvini, ecc. Che in fondo rispecchia semplicemente la differenza tra Ratzinger e Bergoglio, o meglio, tra Gesuiti ed Opus Dei. Da una parte lo sfruttamento degli egoismi, dall'altra la manipolazione dei buoni sentimenti. Questa la sola vera differenza tra le due principali piramidi di potere del mondo.

 

Elezioni francesi: Macron non cambia nulla. Proprio come la Le Pen. - 4.4 out of 5 based on 14 votes

Kill The Children

05 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Kill the childrenL'industria della filantropia compie gesti buoni. Ma è mossa da salotti esclusivi che incrociano le loro strategie con i padroni della geopolitica.

di Pino Cabras

Kill The Children - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Una volta si chiamava carità pelosa: l'umanitario funzionale al potere

24 Aprile 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Carità pelosaTrilateral Commission, giugno 1991. David Rockfeller dice: "Siamo grati al Washington Post, al New York Times, a Time Magazine e ad altre importanti pubblicazioni i cui direttori hanno partecipato alle nostrie riunioni e rispettato la promessa di discrezione per quasi quarant'anni... Sarebbe stato impossibile per noi sviluppare il nostro piano mondiale se fossimo stati esposti alle luci della pubblica opinione in questi anni. Ma il mondo ora è più evoluto e preparato a imcamminarsi verso un governo mondiale. La sovranità sovranazionale di un'élite intellettuale e degli uomini d'affari mondiali è sicuramente preferibile alla sovranità nazionale praticata nei secoli passati".

La Commissione Trilaterale è una di quelle istituzioni sovranazionali con le quali i potentati economici pensano di dominare il mondo: uno strumento di elaborazione e progettazione della dittatura mondiale. Va da sé che i "mezzi di comunicazione di massa" non possono non avere un ruolo fondamentale per chi vuole dominare il mondo.

di Sonia Savioli

Una volta si chiamava carità pelosa: l'umanitario funzionale al potere - 4.4 out of 5 based on 14 votes

NELL’ULTIMO PAESE CHE L’AMERICA HA LIBERATO DA UN “MALVAGIO DITTATORE” OGGI SI COMMERCIANO APERTAMENTE GLI SCHIAVI

20 Aprile 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Gheddafi Siria1Un articolo rilanciato da Zero Hedge ci apre una finestra sull'orrore in cui la Libia è stata gettata dal cosiddetto intervento "umanitario" dei paesi NATO e dalla primavera araba. Nel paese nordafricano, privo di un controllo politico, si fa apertamente compravendita di esseri umani come schiavi, li si detiene per ottenere il riscatto e se non sono utili alla fine li si uccide. Il disordine e le atrocità che seguono la cacciata del dittatore – per quanto odioso possa essere – dovrebbero essere tenuti ben presenti oggi che il cerchio si sta stringendo intorno alla Siria.

di Carey Wedler

NELL’ULTIMO PAESE CHE L’AMERICA HA LIBERATO DA UN “MALVAGIO DITTATORE” OGGI SI COMMERCIANO APERTAMENTE GLI SCHIAVI - 4.7 out of 5 based on 9 votes

I padroni della notizia - Ti fidi?

04 Aprile 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Ecco chi controlla i giornali in Italia. Praticamente sono 9 entità, ma in realtà sono molti di meno se si considerano i legami, le infiltrazioni, le affiliazioni, le "amicizie". I nomi? Li conosciamo tutti, ma non tutti hanno avuto modo di apprezzare come questo dominio sia pervasivo e comprenda anche testate straniere a cui ogni tanto viene dato "stranamente" enorme risalto come fonti "autorevoli" per mettere far circolare determinate idee. Un nome su tutti "The Economist", di proprieta degli Agnelli.

Eccoli qua, i proprietari del pensiero mainstream, in ordine alfabetico: Agnelli, Angelucci, Berlusconi, Cairo, Caltagirone, Conferenza Episcopale Italiana, Confindustria, De Benedetti, Maria Luisa Monti.

Ovviamente a loro va aggiunto Rupert Murdoch, proprietario di Sky, e chiunque gestisca la RAI in qualunque momento (tanto è sempre uno/a che prende ordini dal governo, che a sua volta è stato messo li anche tramite l'informazione mainstream).

CIR Editoria Italiana1

I padroni della notizia - Ti fidi? - 4.8 out of 5 based on 5 votes

Cosa succede nel mondo? Dalla manipolazione unanimista alla manipolazione del Divide et Impera.

31 Marzo 2017 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR CaricatureTrump dichiara una guerra commerciale all’Europa minacciandoci di ritorsione perché non vogliamo le sue bistecche gonfie di ormoni. E nel frattempo lancia una guerra antiecologica di portata mondiale a Madre Terra. Aprendo lo scenario di forti tensioni tra le due sponde dell’Atlantico e all’interno degli Stati Uniti. Enormi dissidi si sviluppano in seno all’Europa sul tema immigrazione e sulle restrizioni di bilancio. La Gran Bretagna esce dall’Unione Europea, mentre la Scozia vuole rimanere. E partono le minacce reciproche tra Londra e Bruxelles. Si fa sentire in modo sempre più accentuato il tema dello scontro Russia-Usa come sfere di influenza contrapposte, che agita la politica americana, con le accuse a Trump e ai suoi principali consiglieri, ed in Italia con le accuse ai Cinque Stelle e a Salvini. Si accentua lo sviluppo di strategie diverse e contrapposte in Medio Oriente: Usa con Arabia Saudita e Qatar contro Russia e ora Turchia, sunniti contro sciiti. In vari grandi partiti europei e non solo si accentuano gli scontri interni e le divisioni, come nel PD italiano. O i grandi conflitti in aumento all’interno della Chiesa Cattolica, tra tradizionalisti e fronte gesuita, dai quali è recentemente affiorata la vicenda della defenestrazione del Gran Maestro dell’Ordine dei Cavalieri di Malta.

Ma cosa succede?

 

Cosa succede nel mondo? Dalla manipolazione unanimista alla manipolazione del Divide et Impera. - 5.0 out of 5 based on 4 votes