Politica

Migranti - Quanti Charlie Hebdò? Quante torri gemelle?

20 Aprile 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

migrantsTragedie su tragedie su tragedie. Morti a migliaia. Scappano dalla guerra, dai soprusi, dalla fame. E noi li guardiamo morire.

Le condizioni che costringono queste persone a scappare dalle loro terre sono create sempre dagli stessi poteri oscuri che dirigono la nostra economia.

Alimentate dagli stessi odi, dalle stesse volontà predatorie, e create con soldi che partono da occidente e dalla penisola arabica per foraggiare signori della guerra, Isis e quant'altro.

Migranti - Quanti Charlie Hebdò? Quante torri gemelle? - 5.0 out of 5 based on 3 votes

IL SIGILLO DEI GESUITI SULLA VISITA DI RENZI NEGLI USA

17 Aprile 2015 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR Renzi georgetownNon si nascondono più ormai. Ogni occasione serve a dire a tutti: questo è un uomo nostro, ora comandiamo noi: abbiamo il Papato, la Presidenza degli Stati Uniti, la BCE, la Presidenza della Repubblica italiana, le principali istituzioni europee, il controllo della finanza mondiale che conta, ecc...
Sì, parliamo proprio dei gesuiti, che hanno ormai piegato ai loro voleri una parte importante della massoneria internazionale e per il momento sbaragliato le piramidi conservatrici della destra americana, europea e vaticana.

La loro creatura Renzi è il frutto di una lunga educazione cominciata nei ambienti cattolici giovanili e poi proseguita perfino con gli esercizi spirituali annuali di Loyola, e quindi di una carriera politica fulminante costruita interamente sulla rete di influenze gesuitico-massoniche. Sfoderata in pochi anni con una tale potenza di fuoco da saltare qualsiasi processo democratico e da annichilire qualsiasi altra forza politica. Fuori o dentro al PD.

IL SIGILLO DEI GESUITI SULLA VISITA DI RENZI NEGLI USA - 2.3 out of 5 based on 4 votes

Sicuri che siamo in democrazia? L'Italia e il totalitarismo

13 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Solange videoL'Italia è ancora una Repubblica democratica?

La risposta è no.

Nel nostro paese vige una nuova forma di potere: il totalitarismo rovesciato

Cosa significa rovesciato? Cosa ha a che vedere ciò, con l'analfabetismo politico? Perchè crediamo di essere in democrazia? Cosa ha a vedere tutto ciò con le privatizzazioni e con le sentenze della corte costituzionale sul segreto di stato e sul porcellum? 

Una nuova serie di video, di cui questo è il primo, in  cui Solange Manfredi, giurista, autrice di numerosi saggi tra cui PSYOPS, e docente dell'accademia di politica di Coscienzeinrete, ci mostra di cosa consiste questa nuova forma di potere; come, quando e perché si è imposta; come opera, quali sono i suoi strumenti, cosa vuole raggiungere e, sopratutto, come poterla contrastare. Buona visione

Sicuri che siamo in democrazia? L'Italia e il totalitarismo - 4.4 out of 5 based on 7 votes

Eurodeputato spagnolo nella stanza segreta del TTIP: "Mi hanno tolto carta e penna. Trattato come un criminale"

08 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

TTIP deputato

Cecilia Malmström, commissaria Ue al commercio, ha un solo obiettivo in questo "mandato" Juncker: la conclusione del famigerato accordo di libero commercio con gli Stati Uniti, il TTIP, che la Commissione, nel nome di tutti i popoli europei, negozia segretamente con Washington.

L'anno scorso, Cecilia Malmström ha annunciato a sorpresa che ciascuno dei 751 eurodeputati avrebbe potuto accedere alla reading room, la stanza di sei metri quadri in cui si trovano i documenti classificati del TTIP. "Per maggiore trasparenza", aveva detto.

Ebbene martedì scorso, riporta eldiario.es, l'euro-deputato Ernest Urtasun, iscritto al Gruppo dei Verdi, ha fatto accesso alla famosa reading room. "L'esperienza è stata molto negativa", ha dichiarato. "Mi hanno tolto la penna, mi hanno tolto la carta dove avrei potuto scrivere e mi hanno rimosso il telefono. Si firma un documento riservato di 14 pagine, il tempo massimo è di due ore e durante quel periodo c'è un funzionario che controlla in modo permanente".

Eurodeputato spagnolo nella stanza segreta del TTIP: "Mi hanno tolto carta e penna. Trattato come un criminale" - 4.4 out of 5 based on 7 votes

L’afasia degli intellettuali europei.

04 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Afasia1In Kenya 147 vittime - quasi tutti studenti - dell'attacco terroristico compiuto nel college universitario nella città di Garissa.
L'attentato e la strage non hanno suscitato lo stesso scalpore di quelli di Charlie Hebdo a Parigi e del Museo del Bardo a Tunisi. Nessuna durissima presa di posizione contro il terrorismo da parte dei leader mondiali, nessuna marcia di solidarietà in programma.

Perchè è così? Una spiegazione ce la fornisce Aldo Giannuli, in questo suo articolo.

L’afasia degli intellettuali europei. - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Pessimo l'accordo nucleare con l'Iran: una volta tanto ha ragione Israele.

03 Aprile 2015 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR NetanyahuChi non conosce le sottigliezze e le doppiezze della politica iraniana e occidentale, può anche pensare che quello raggiunto ieri sul nucleare iraniano sia un buon accordo. Secondo il quale controlli internazionali strettissimi impediranno all'Iran di sviluppare la bomba atomica.
Per la Mogherini, la renziana "lady PESC" ministro degli esteri europeo," dopo questo accordo il Medio Oriente sarà più sicuro".
Ma non è affatto così, anzi proprio il contrario. Prima di tutto l'accordo non è stato ancora firmato e dovrebbe esserlo entro il 30 giugno. Conoscendo Teheran, non è affatto escluso che faccia ulteriori pressioni prima della firma.

Pessimo l'accordo nucleare con l'Iran: una volta tanto ha ragione Israele. - 4.3 out of 5 based on 6 votes

D’Alema: il conto a Satanasso prima o poi si paga.

03 Aprile 2015 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

dalemaTangentopoli fu un colpo di stato che servì a togliere di mezzo il sistema dei partiti che era uscito dalla Seconda Guerra Mondiale e dalla Resistenza. Era un sistema parzialmente corrotto, ma ben funzionante e tutto sommato democratico. Il territorio e i cittadini, con i loro stessi difetti, erano rappresentati in Parlamento. I governanti, fossero DC o PSI o PSDI o PRI, rappresentavano un difficile ma tutto sommato equilibrio tra Vaticano e Massoneria internazionale. L'Italia era cresciuta enormemente dal punto di vista economico e democratico.
Troppo libera era diventata, dal punto di vista del potere. E questa libertà poteva essere un grande supporto al movimento del risveglio delle coscienze dell' ultimo scorcio del secolo.

D’Alema: il conto a Satanasso prima o poi si paga. - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Muos, sequestrato l'impianto Usa: "Il colpo dei cittadini al gigante"

02 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Muos sequestroLa procura di Caltagirone ha ordinato il sequestro dell'impianto satellitare Usa Muos nella riserva di Niscemi in provincia di Caltanissetta. Il provvedimento arriva dopo la decisione del Tar di Palermo, che ha accolto i ricorsi dei comitati No-Muos contro la prosecuzione dei lavori di realizzazione dell'impianto satellitare nella base americana. Il sequestro è stato disposto dal procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, per violazione del vincolo paesaggistico di inedificabilità assoluta presente in una riserva naturale, al quale sono sottoposte anche le costruzioni di carattere militare. La zona dove l'antenna è stata installata si trova nella contrada Ulmo, la stessa della riserva naturale della Sughereta.

Muos, sequestrato l'impianto Usa: "Il colpo dei cittadini al gigante" - 5.0 out of 5 based on 3 votes

WikiLeaks diffonde il capitolo segreto del TPP, fratello del TTIP, che dà potere a multinazionali a scapito dei cittadini

02 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

ttip 6

Grazie a WikiLeaks è di dominio pubblico il capitolo sugli investimenti del TPP, l'accordo transpacifico di libero scambio fratello del TTIP. Contiene clausole che mettono in pericolo il processo democratico e la vita dei cittadini, e saranno inserite anche nell'accordo transatlantico.

WikiLeaks diffonde il capitolo segreto del TPP, fratello del TTIP, che dà potere a multinazionali a scapito dei cittadini - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Ma quale riduzione delle vacanze scolastiche...perchè non aumentiamo quelle degli adulti?

02 Aprile 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

polettiLa dichiarazione del ministro Giuliano Poletti in merito al tema delle vacanze scolastiche da ridurre per permettere dei corsi di formazione al lavoro è passata quasi inosservata, il commento più pertinente può essere segnalato in quello che ha detto il comico Maurizio Crozza, alcune sere fa, durante la trasmissione Ballarò, e il che è tutto dire. Eppure le parole del ministro bastano, da sole, anche a comprendere in che razza di mondo ci siamo ficcati e come, proprio il governo Renzi del quale Poletti fa parte, intende indirizzare la società italiana.

Ma quale riduzione delle vacanze scolastiche...perchè non aumentiamo quelle degli adulti? - 5.0 out of 5 based on 8 votes

La guerra in Ucraina deve peggiorare. Così parlò il congresso USA. Ma questa guerra non serve solo a loro...

25 Marzo 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Ucraina guerraGli USA premono sull'acceleratore per ingigantire il conflitto Ucraino. Un conflitto che ha molteplici funzioni: da una parte la volontà USA di erodere le risorse della Russia, eliminando la loro influenza in un paese che storicamente fa da granaio ed è logisticamente importantissimo per le esportazioni di gas, oltre, naturalmente alla possibilit di mettere, magari una bella base aerea all'interno del territorio ex-sovietico. Questo, a nostro parere è l'obiettivo di livello più basso, quello che viene utilizzato per abbindolare il congresso americano verso certe scelte. Ma ci sono altri motivi per questo conflitto: ad un livello superiore, le forze che utilizzano i vari stati, USA compresi, per creare i grandi superstati vedono una guerra in Europa come un ottimo collante per accelerare la formazione del superstato europeo: il pericolo alla porta di casa (in Ucraina ed in Nord Africa) aumenta le spinte verso la creazione di un esercito europeo, altro passo fondamentale verso il definitivo superamento degli stati nazionali.  Infine, il motivo principal, quello di livello più alto, il motivo fondamentale per cui si fanno tutte le gerre: la creazione di vortici di odio che rallentino la crescita delle coscienze da Berlino a Kiev, da Roma a Mosca. Sta alle coscienze libere vedere ciò che acade e non esserne parte. 

Non paga il canone perchè la BBC non ha raccontato la verità sull'undici settembre. Il giudice non lo condanna.

24 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Tony RookeUna notizia d'importanza storica per un paese dove vige il sistema della Common Law, il che vuol dire che qualunque sentenza proferita da un giudice crea un precedente giuridico che ha forza di legge da quel momento in poi.
Una notizia che può essere l'inizio di un grande cambiamento e di un coinvolgimento di un maggior numero di persone in una revisione  dei fatti di quel giorno, perchè la "verità" ufficiale fa acqua da tutte le parti.
Tony Rooke si è rifiutato rifiutato di pagare il canone TV perché la BBC ha intenzionalmente travisato i fatti sugli attacchi dell'11/9

Non paga il canone perchè la BBC non ha raccontato la verità sull'undici settembre. Il giudice non lo condanna. - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Ti ammazzo per sport

24 Marzo 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

Ammazzo per SportDelle atrocità dei 'barbari' terroristi dell'ISIS, che massacrano impunemente turisti innocenti, sono pieni i giornali, mentre non una parola viene spesa per le atrocità che i 'civilissimi' esportatori di democrazia compiono, ancor più impunemente, da anni, nell'assordante silenzio dei media.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscenzeinrete Magazine)

Ti ammazzo per sport - 5.0 out of 5 based on 6 votes

Lettera aperta a Renzi dal Comandante Regionale Umbria del Corpo Forestale

23 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

forestali4Pubblichiamo questa lettera scritta dal Comandante Guido Conti, pubblicata sulla sua bacheca Facebook.

Una lettera importante, perchè non solo mette a nudo delle criticità importanti nella scelta del governo di sopprimere il Corpo Forestale dello Stato, ma evidenzia anche il disaccordo tra i "fratelli" d'Italia. Chi ha orecchie per intendere...

Evidentemente c'è una buona parte di questi "fratelli", che non si rispecchia nella cessione di sovranità e nella svendita o soppressione delle cose che fanno, di un territorio, uno stato. Forse, magari, c'è un po' di resistenza anche nella fazione vincente. Chissà che non sia così?

La lettera fa comunque onore al Comandante. Pubblichiamo anche un articolo in cui le questioni evidenziate dal Comandante Conti, possono essere approfondite, e inseriamo anche il link dove potrete firmare la petizione contro la sciagurata soppressione del Corpo Forestale, corpo che, come ci ricorda il Comandante, è in pareggio di bilancio, ovvero, non costa una lira allo Stato.

Lettera aperta a Renzi dal Comandante Regionale Umbria del Corpo Forestale - 4.4 out of 5 based on 37 votes

Dagli amici mi guardi Iddio...

23 Marzo 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

Amici Iddio"Se darete asilo a Edward Snowden non condivideremo più con voi nessuna notizia di intelligence, lasciandovi del tutto indifesi davanti al terrorismo". Questa la minaccia – che emerge solo oggi - fatta dal governo Usa ad un Paese amico - la Germania - per impedire che la Merkel accogliesse la richiesta di asilo politico di Snowden.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Dagli amici mi guardi Iddio... - 4.0 out of 5 based on 4 votes

Pecoraro Scanio, vittima di un complotto contro di noi, la nostra rappresentatività, il nostro ambiente.

20 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

alfonso pecoraro scanioForse sarà il caso di ristabilire la verità su Alfonso Pecoraro Scanio, vittima di una congiura giudiziaria basata su elementi dimostratisi completamente falsi e pretestuosi.

L'attacco a Pecoraro Scanio nel 2008 segnò l'avvio della distruzione dell'ecologismo in Italia e della campagna per eliminare i piccoli partiti dalla scena politica. Per lasciare solamente in piedi i grandi partiti controllati – sia come maggioranza che come opposizione – dai poteri oscuri trasnazionali. C'era bisogno di eliminare gli ostacoli anche per far passare tutte le porcate poi inserite nello Sblocca Italia. Ascoltate questo breve ed interessante intervento di Alfonso Pecoraro Scanio. Uno dei pochissimi Ministri dell'Ambiente che hanno difeso l'ambiente invece di coprirne la devastazione. (CIR)

Pecoraro Scanio, vittima di un complotto contro di noi, la nostra rappresentatività, il nostro ambiente. - 4.8 out of 5 based on 6 votes

C’erano esitazioni per l’intervento militare in Libia? Ci pensa l’ISIS a Tunisi

20 Marzo 2015 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

mattarella sergioE il silente Presidente della Repubblica Mattarella sceglie proprio questo tema per una intervista di grande risalto internazionale. Rilasciata a Christiane Amanpour, giornalista di punta della CNN.

Da anni scriviamo che la deriva islamista è stata organizzata da poteri oscuri trasnazionali che sono gli stessi che controllano gli Stati Occidentali. Allo scopo di creare un conflitto mondiale da sfruttare per ostacolare e deprimere le nostre coscienza con l’odio, la paura e la rabbia, per drenare le nostre riscorse economiche e per mantenere enormi apparati militari e di sicurezza che servono a controllare noi. Le cui libertà vengono vieppiù limitate con la scusa dell’emergenza.

Ed ecco oggi su tutti i media italiani ed internazionali che Mattarella afferma:

 

C’erano esitazioni per l’intervento militare in Libia? Ci pensa l’ISIS a Tunisi - 4.5 out of 5 based on 6 votes

ECCO LE 7 AZIONI DEGLI STATI UNITI PER ROVESCIARE IL GOVERNO VENEZUELANO

19 Marzo 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Venezuela1La recente dichiarazione del presidente Barak Obama che ha parlato del Venezuela come di una minaccia estrema ed eccezionale ha due argomenti che a stento permettono una analisi razionale data la stranezza delle affermazioni. E' invece possibile capirla  tenendo conto delle reazioni emotive (comunque preoccupanti), al di là del quadro normativo della diplomazia e delle pratiche di rispetto in campo sociale, umano e politico.