Politica

Vox clamantis in Concilium

26 Settembre 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

Vox ClamantisUna versione riveduta e...corrotta del più famoso Vox clamantis in deserto ove per Concilium si intende Congresso.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Houston, 25 Settembre 2015 - Standing ovation e lacrime per il discorso di Pope Francis al Congresso degli Stati Uniti.

Discorso pieno di nobili contenuti - dalla preoccupazione per i più deboli al ruolo della famiglia, dai cambiamenti climatici alla condanna della pena di morte, dalla fraternità verso gli immigrati al rispetto per la vita – ma anche di argomenti estremamente indigesti per molti dei presenti.

Vox Clamantis1Persino Boehner, il portavoce della Camera – quello, per intenderci, che ha sempre difeso a spada tratta lo spionaggio indiscriminato della NSA e ha definito senza mezzi termini Edward Snowden un traditore – ha versato qualche lacrimuccia.

Strette di mano, sorrisi e inchini bipartisan.

Questo ieri.

Poi è arrivato il day after, il giorno dopo.

Vox clamantis in Concilium - 3.0 out of 5 based on 2 votes

La sindrome del Colosseo

24 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

ColosseoLa scorsa settimana la notizia princiale sui giornali è stata la chiusura di due ore del Colosseo, per un'assemblea sindacale convocata e regolarmente preannunciata dai lavoratori che reclamavano, tra le altre cose, il pagamento degli straordinari effettuati da circa un anno e non ancora retribuiti. Due ore durante le quali, complice la scarsa organizzazione della direzione che non aveva avvisato per tempo, i turisti sono stati lasciati in coda ai piedi del monumento senza adeguate informazioni.

L'episodio ha suscitato reazioni parossistiche da parte della stampa e della politica. Il ministro Franceschini ha detto che "la misura è colma", il sottosegretario ai Beni culturali ha twittato che l'assemblea sindacale è stata un reato, rettificando poi – bontà sua – che era un "reato in senso lato". Il sindaco di Roma e il capogruppo del Pd alla Camera hanno parlato di "sfregio alla città di Roma"; un parlamentare del Pd ha lamentato che la chiusura non fosse stata notificata al New York Times, l'ex direttore del Corriere della sera, Ferruccio De Bortoli, è arrivato a sostenere che bisognerebbe chiedere i danni ai lavoratori per i mancati introiti. Per due ore di chiusura. L'esito più significativo è stato però un decreto con cui il governo ha inserito i beni culturali tra i servizi pubblici essenziali, come trasporti e sanità, in modo da garantirne la fruibilità anche in caso di assemblee e scioperi.

La sindrome del Colosseo - 4.8 out of 5 based on 5 votes

L'ultima follia dell'Onu: tocca all'Arabia Saudita vigilare sui diritti umani

23 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Novanta condanne a morte solo nei primi cinque mesi del 2015. Basterebbe questo numero a spiegare come i diritti umani in Arabia Saudita siano un concetto rarefatto e poco applicato: dalla battaglia contro le donne che vogliono guidare, fino alla persecuzione delle minoranze.
Arabia decapitazione

L'ultima follia dell'Onu: tocca all'Arabia Saudita vigilare sui diritti umani - 3.7 out of 5 based on 3 votes

Il trionfo della paranoia

22 Settembre 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

paranoiaPer avere un'idea del livello di paranoia e di islamofobia che, opportunamente alimentata, sta montando da questa parte dell'Atlantico – e non solo da questa - vi racconto oggi una storia che sta dilagando sui media americani.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Houston 19 Settembre 2015 - Proprio dalle mie parti, a Irving in Texas, un ragazzetto di quattordici anni, un piccolo genio con l'elettronica e la meccanica, uno che – come dice il padre – ripara tutto "mi ha sistemato il telefono, l'auto, il computer", si costruisce da solo a casa un orologio digitale.

Lunedì scorso lo porta a scuola per mostrarlo, orgoglioso, ai professori e ai compagni di corso.

 

Il trionfo della paranoia - 5.0 out of 5 based on 1 vote

La corte dei miracoli

16 Settembre 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

corte dei miracoliCon l'espressione 'corte dei miracoli' venivano denominate nel medioevo quelle aree degradate delle città dove bivaccavano pezzenti e delinquenti che usavano eleggere un proprio re.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Houston, 15 Settembre 2015 - Quei miserabili erano il popolo di quel 'sovrano' e in quei 'cortili' avevano luogo i 'miracoli'.

In cosa consistevano i 'miracoli'?

Semplice: di notte venivano 'miracolosamente' guarite quelle finte infermità dei mendicanti che erano ostentate di giorno per impietosire i passanti.

La corte dei miracoli - 4.7 out of 5 based on 7 votes

Cadono le maschere: l'occidente tifa ISIS

11 Settembre 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

russiasiriaE' di ieri la presunta notizia che la Russia stia rinforzando gli aiuti che invia a Damasco, in appoggio al governo di Assad impegnato nella guerra contro l'ISIS. E' comparso un video (vedi sotto) in cui apparentemente un carro armato russo spara dei colpi su una postazione dell'ISIS. Ma i russi, a quanto ci risulta, sono in Siria da un bel pezzo, visto che hanno a Tartus la loro unica base nel mediterraneo. E comunque le forze armate siriane usano molte armi russe. Subito però, dissonanti dichiarazioni da tutte le parti coinvolte. I supporter dell'ISIS dicono che Putin sbaglia ad aiutare Assad, che ci saranno gravi conseguenze, e che ciò non farà che prolungare il massacro. I russi e gli iraniani dicono che non è cambiato gran che, tranne l'arrivo di alcuni strateghi dalla Russia, perchè tanto loro la manovalanza ce l'hanno. In effetti la Russia invia aiuti alla Siria dall'inizio della crisi, e non si capisce ancora bene se ci sia effettivamente stato un incremento, in termini umanitari e di materiale bellico, o se sia stato scelto questo momento per dare impatto mediatico ad una notizia che ha almeno 3 anni.

Ecco una breve analisi del senso e dello scopo di questa manfrina.

Cadono le maschere: l'occidente tifa ISIS - 4.3 out of 5 based on 8 votes

Cronache Marziane

10 Settembre 2015 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

cronache marzianeCosì s'intitolava uno dei più bei romanzi fantastici che hanno accompagnato la mia infanzia.

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine)

Il titolo mi ritorna alla mente in questi giorni, allorché, leggendo i giornali e ascoltando un po' di dibattiti internazionali mi sembra proprio di...essere io un marziano.

Un alieno che è stato sbalzato su questo pianeta e, guardandosi intorno, non riesce a comprendere il senso degli avvenimenti umani.

Che non riesce a trovare neppure un filo di logica – di quella terra-terra da scuola elementare – nelle notizie e nei ragionamenti che vengono propinati alle persone, che, a loro volta, li riciclano a pappagallo al loro prossimo.

Ad esempio, mi sembra davvero impossibile che si facciano dibattiti e discussioni talmente irreali sul problema dei migranti, così improbabili che anche un bambino potrebbe intravedere le finte opposizioni create ad arte.

Ancor più incredibile mi appare la totale assenza di discussione – e di eventuale individuazione dei rimedi – sulle cause del fenomeno.

Cronache Marziane - 5.0 out of 5 based on 7 votes

Migranti e guerre: finalmente il capo di stato maggiore USA, ci dice chiaramente a cosa servono.

04 Settembre 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

DempseyL'emergenza umanitaria durerà almeno vent'anni. Gli statunitensi, nella persona del capo di stato maggiore, il generale Martin Dempsey, ci hanno fatto il piacere di dircelo, così ci mettiamo l'anima in pace.

Queste le parole di Dempsey: "dobbiamo affrontare sia unilateralmente che con i nostri partner questa questione come un problema generazionale, e organizzarci e preparare le risorse ad un livello sostenibile per gestire (questa crisi dei migranti) per (i prossimi) 20 anni".

Inquietanti è dire poco.

Ecco perchè.

Migranti e guerre: finalmente il capo di stato maggiore USA, ci dice chiaramente a cosa servono. - 4.5 out of 5 based on 24 votes

MIGRANTI: PERCHE’ QUALCUNO STA SUSCITANDO UN FRONTE DELL’ODIO E UNO DELLA COMPASSIONE

03 Settembre 2015 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

odioamoremorteklimtE' impressionante come sia facile far accettare qualsiasi cosa dopo aver infatuato una massa di persone lanciandola contro qualcuno. In Italia si è creato nel recente passato un nemico “casta”, ma non perchè fosse corrotta. Quello per certi oscuri poteri certo non era il problema... Lo si è fatto solo per bloccare con campagne di odio le libere coscienze e per favorire una “supercasta” che quella casta ormai inutile ai suoi disegni mondialisti voleva eliminare…

I nazisti condizionarono un intero popolo con l'odio per gli ebrei, trasformandolo per qualche anno in una macchina di morte.

Fatta fuori una certa casta loro nemica, sia in Italia e in Europa che in Vaticano, il gruppo vincente gesuita-massonico si è aggiudicato Presidenza del Consiglio, Presidenza della Repubblica, maggioranze parlamentari blindate, buona parte delle finte opposizioni, guida della BCE e della Unione Europea, Presidenza Usa e – last but not the least – il Papato.

Con questi ed altri strumenti come i grandi media e altri strumenti di manovra del tutto inconfessabili, questo potere occulto continua a suonare la sirena dell’odio e dell'emergenza...

 

MIGRANTI: PERCHE’ QUALCUNO STA SUSCITANDO UN FRONTE DELL’ODIO E UNO DELLA COMPASSIONE - 4.5 out of 5 based on 15 votes

Laura Boldrini: analfabeta costituzionale o pericolosa sovversiva?

02 Settembre 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

boldrini tweet1Ancora una volta Laura Boldrini, il Presidente della Camera, ovvero la terza carica dello Stato, riparte all'attacco della sovranità nazionale. Sul Corriere della Sera, rilanciando poi la sua delirante sciocchezza anche su facebook, tuona contro l'Italia e chiede apertamente la fine della nostra Repubblica per sostituirla con gli Stati Uniti d'Europa.

"Tutti hanno preso atto dei limiti di questa Unione e hanno capito che bisogna andare avanti sulla strada dell'integrazione politica", tuona.

Perfetto! La Boldrini confonde la causa della crisi economica con la sua cura. Spaccia quello che stiamo passando per un evento "esterno" e propone gli Stati Uniti d'Europa per superare quei problemi che proprio l'UE ha invece cagionato. Non solo, secondo il Presidente della Camera, anche l'immigrazione va risolta con gli Stati Uniti d'Europa benché, anche su questo aspetto, proprio le politiche dissennate e guerrafondaie dell'Unione, nonché il sistematico sfruttamento economico dei Paesi più poveri, ne rappresentino la prima e più diretta causa. Peraltro non mi stupisce affatto che si invochi più Europa per vincere l'emergenza immigrati. Tale dramma infatti è stato voluto proprio per affermare questo e spingere ulteriormente su un'opinione pubblica sempre più allo sbando per la costante cooptazione dei media.

Laura Boldrini: analfabeta costituzionale o pericolosa sovversiva? - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Spazzano via le ultime briciole, ovvero: e Ultimo chiuda la porta

22 Agosto 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

UltimoLa piramide vincente, quella gesuito-massonica, sta continuando il repulisti di uomini della vecchia guardia. Non parliamo tanto della sostituzione di uomini della piramide avversaria con i propri, perchè quello, dove conta, è già stato fatto da un pezzo. Ci riferiamo piuttosto alla sostituzione di quegli uomini che tenevano i piedi in due scarpe, o per meglio dire, quelli che facevano da garanti o da tramite. Quelli che hanno raggiunto la propria posizione facendo il favore giusto alla persona giusta, al momento giusto. Quelli che magari non hanno nulla contro la piramide vincente, e sono dispostissimi a continuare il proprio lavoro come prima, giurando fedeltà sempiterna ai vincitori.

Spazzano via le ultime briciole, ovvero: e Ultimo chiuda la porta - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Sul piede di guerra

11 Agosto 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

NatoSchifoLa guerra è alle porte. Non arriva con l'avanzata delle bandiere nere dell'Isis ma con quelle della Nato. E si fa largo sul fronte ucraino come su quello mediterraneo. Così le forze di reazione rapida passano da tredici a quarantamila uomini. Si prepara l'"inevitabile" intervento in Libia e s'intensifica l'utilizzo dei droni con la scusa di combattere i trafficanti di esseri umani. A fine settembre, poi, comincia la più grande esercitazione militare dal tempo della caduta del muro di Berlino. Coinvolgerà 35 mila soldati Nato, 200 aerei e 50 navi da guerra. Sarà pilotata dalla nuova base di Lago Patria a Napoli. Giochiamo in casa e giochiamo con il fuoco. Come credente nel Dio della vita, scrive Alex Zanotelli, non posso accettare un sistema di morte pagato da miliardi di persone impoverite. Come seguace di Gesù di Nazareth non posso accettare che il mio paese faccia parte della Nato. A settembre, durante l'esercitazione, dobbiamo farci sentire.

Sul piede di guerra - 3.9 out of 5 based on 9 votes

70 anni da Hiroshima: quei criminali impuniti oggi governano il mondo

06 Agosto 2015 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

hiroshima childOggi settant’anni da Hiroshima. La bomba nucleare sganciata il 6 agosto 1945 da governanti americani al soldo di oscuri poteri anticoscienza ed antiumani.

Dopo tre giorni colpirono anche la città di Nagasaki.

In tutto uccisero circa 280.000 innocenti, per non parlare delle centinaia di migliaia che morirono negli anni successivi per gli effetti delle radiazioni.

Nessuno è stato processato per questo orrendo ed inutile crimine

Dissero che era l’unico modo per fermare la guerra, ma non è vero.

 

 

70 anni da Hiroshima: quei criminali impuniti oggi governano il mondo - 4.3 out of 5 based on 13 votes

LA PRESIDENZA RAI ALLA TRILATERAL DI BRZEZINSKY, BILDERBERG & CO.

05 Agosto 2015 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

MAGGIONIMonica Maggioni nominata Presidente della RAI dal governo Renzi.

Ci dispiace per gli italiani e ci dispiace per lei.

Ci dispiace per gli italiani perché la Rai, che una volta era almeno lottizzata malamente da più partiti, ormai sarà solamente malamente nelle mani del circuito gesuita-massonico. Così come tutte le più alte cariche istituzionali del Paese, così come in modo palese la maggioranza ed in modo nascosto l’opposizione. Così come il papato, la BCE, i vertici europei, la presidenza degli USA, ecc…

Ci dispiace anche per la sig.ra Maggioni, che per far carriera ha dovuto prendere una laurea alla Cattolica, poi inserirsi nel giornalismo di potere, quindi entrare nei circuiti filo-americani, poi fare la corrispondente di guerra “embedded” al seguito delle truppe americane intente a distruggere l’Iraq, quindi entrare nella Fondazione Italia-USA che collabora con la gesuita Loyola University, poi entrare nella famigerata Trilateral di Brzezinsky ed infine partecipare all’ultima riunione del Bilderberg.

LA PRESIDENZA RAI ALLA TRILATERAL DI BRZEZINSKY, BILDERBERG & CO. - 4.6 out of 5 based on 12 votes

Fiumicino, aereo “sconosciuto” atterra su pista chiusa senza essere visto da nessuno

01 Agosto 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

cessna1Il 10 luglio scorso un piccolo Cessna 172 marche D-EGTB era partito da Marina di Campo (Isola d'Elba) e diretto a Salerno. Ad un certo punto a causa di un guasto ha deciso di atterrare nell'aeroporto romano. Nessuna segnalazione dai radar o dai controllori di volo. L'Agenzia per la sicurezza dei voli ha aperto un'inchiesta.

Un aereo "fantasma" ha abbandonato la sua rotta, ha puntato sulle piste di Fiumicino ed è atterrato senza che nessuno lo avesse visto. Oltretutto su una pista sbagliata, la 25 chiusa al traffico. E' accaduto nel pomeriggio del 10 luglio, ma su tutta la faccenda è stata messa la sordina. Perché si tratta di un episodio estremamente imbarazzante per tutti. Se ci fosse stato un terrorista al posto del pilota dell'aereo in questione, un sessantenne terrorizzato perché il suo aereo, un Cessna, era finito in guai seri, quel terrorista avrebbe potuto con la stessa facilità arrivare indisturbato sullo scalo romano e forse anche più in là dove voleva: il Vaticano? Palazzo Chigi? Il Quirinale?

Vado in carcere per non bombardare Gaza

31 Luglio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Udi"Israele può continuare questa occupazione, 'but not in my name', non nel mio nome". Ha le idee chiare Udi Segal, 19 anni, israeliano. Disertore. L'accusa – come scrive il Fatto Quotidiano - è aver rifiutato di arruolarsi nell'esercito. Per questo finirà in carcere, ancora non si sa per quanto.

Udi non è l'unico. Finora sono almeno 50 i soldati dell'Israel Defense Force che si sono rifiutati di partecipare all'operazione militare. Il perché lo hanno scritto in una lettera al Washington Post: "Ci opponiamo – scrivono – all'esercito israeliano e alla legge sulla leva obbligatoria perché ripudiamo questa operazione militare".

A Roma non è questione di degrado e di decoro

30 Luglio 2015 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

DecoroRoma1Nelle ultime settimane il sindaco di Roma Ignazio Marino e la sua amministrazione sono al centro di una campagna giornalistica martellante: non passa giorno che non escano articoli sulla capitale (addirittura sulla stampa internazionale ormai) che mostrano il “degrado della città”, che affermano che “la situazione è insostenibile”, eccetera.

I grandi quotidiani nazionali si sono dotati in pianta stabile di sezioni appositamente dedicate a questo tipo di denuncia – marciapiedi pieni di spazzatura, autobus assaltati da passeggeri rabbiosi, cantieri lasciati nell’abbandono, uomini che pisciano per strada, giardinetti ricettacoli di rottami, palazzine fatiscenti, tombini intasati – che ha praticamente occupato quasi tutto lo spazio della cronaca locale.

Pur d’inseguire acriticamente l’onda di quell’indignazione di pancia che da anni viene cavalcata da piccoli siti di pseudogiornalismo come Romafaschifo e decine di blog simili, ora anche i mezzi d’informazione mainstream rilanciano: invitano i lettori a mandare segnalazioni e foto che documenterebbero lo stato di declino assoluto della città. Ognuno può ritrarre il suo angolo di cartacce e pensare di aver compiuto il suo gesto di mobilitazione civica.

 

 

A Roma non è questione di degrado e di decoro - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Omicidio Fassi: responsabilità di Stato

27 Luglio 2015 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

FollettoMaria Luisa Fassi, uccisa mentre lavora nel suo negozio. Una tragedia inevitabile. Destinata, purtroppo, a ripetersi.

I giornali hanno parlato ampiamente del gesto folle di Pasqualino Folletto. Parlando di discesa in un inferno personale, dovuto alla malattia della figlia e all'illusione di cui è stato preda: quella di poter risolvere i problemi economici giocando ai videopoker. Nonostate uno stipendio molto buono, si era infatti giocato anche gli undicimila Euro che gli erano stati messi a disposizione per l'accompagnamento della bambina. Sui media quindi, si comincia finalmente ad accostare il gioco d'azzardo alla patologia. Ma non si arriva mai alle conseguenze logiche del discorso. Ci si ferma sempre alla responsabilità personale: il problema è del giocatore, che è un debole o un illuso. La realtà però va ben al di là di questo concetto superato: la responsabilità è di chi ha messo in piedi e perpetua un sistema, quello dell'azzardo, che è è un vero e proprio attacco alle coscienze in crescita.

Omicidio Fassi: responsabilità di Stato - 5.0 out of 5 based on 3 votes