Sei in guerra, e non lo sai.

BrainwashingFin dall'inizio del secolo scorso, con l'avvento e la diffusione capillare dei mass-media, lo strumento principale per il mantenimento e l'uso del potere é la "guerra psicologica". Un termine spesso usato, ma poco compreso. Si fatica infatti a comprendere la reale portata delle attivitá intraprese dai poteri di controllo e condizionamento delle societá. Fin dall'infanzia, tutti i messaggi che ci arrivano, tendono a farci credere di essere liberi, di vivere in societá democratiche, che le nostre libere scelte contano. Ma quanto sono libere queste scelte? Quanti pensieri che noi diamo per scontato come nostri, ci sono stati in realtá "impiantati" attraverso la scuola, la manipolazione delle cariche istituzionali, i libri, il cinema e la tv? Pensiamo invece che il web sia libero, ma é cosí? 

 

 

La stragrande maggioranza delle persone non riesce a concepire la vastitá delle risorse umane e materiali impiegate giornalmente per disinformarci. In realtá gli enormi costi per gli interventi militari classici, quelli con le armi ed i morti, costi che scandalizzano quando divengono di pubblico dominio, sono cosa veramente piccola, se paragonati a quelli per la guerra alle nostre menti. Una guerra in cui siamo tutti in prima linea, ma quasi nessuno sa di esserlo. Certo, moltissimi di noi sanno che l'informazione dei mass-media é pilotata, o per lo meno accomodante in favore dei potenti di turno. In moltissimi sono a conoscenza del fatto che i governi utilizzino la propaganda, ma spesso si cade nella trappola di credere che basti guardare l'orientamento politico ufficiale di un giornale o di una tv, per poter capire dove sta la distorsione, oppure si pensa che la propaganda era una cosa che usavano i nazisti, o i comunisti, ai tempi che furono. Ma non è così. la propaganda parte da molto più lontano nel tempo ed è molto più ampia nei modi, di quanto siamo abituati a pensare, ed influenza alla radice i nostri comportamenti.

In realtá la piú grande dose di propaganda ce la beviamo quotidianamente noi cittadini degli stati "democratici". Questo, appunto, perché ci mancano informazioni fondamentali a capire quanto sia realmente profonda la tana del coniglio, ma soprattutto perché sono stati creati in noi, fin da piccoli, dei "binari" del pensiero. Binari che siamo cosí abituati ad utilizzare, da non sapere neanche che esistono. Pensiamo di andare dove ci pare con le nostre gambe, e invece siamo passeggeri di un treno la cui destinazione e le cui fermate, sono state stabilite da altri.

psyopsPer chi voglia comprendere il concetto in maniera approfondita, consigliamo vivamente il libro "Psyops" di Solange Manfredi. (http://www.lulu.com/shop/solange-manfredi/psyops/paperback/product-21676812.html) Un libro dettagliatissimo, da cui attraverso un enorme lavoro di collage di atti desecretati dagli archivi di vari servizi segreti (dalla CIA all' OVRA) fatto dall'autrice, emerge l'incredibile quadro della disinformazione attuata in Italia negli ultimi 70 anni, attraverso i protocolli delle "Psychological Operations". Chi pensa di sapere come è andata la storia del nostro paese negli ultimi 70 anni, farebbe bene a leggere questo libro. Quello che hanno creduto i nostri nonni ed i nostri padri? Balle. Quello che crediamo noi, generalmente parlando? Pure.

Per cominciare a capire che la tana del coniglio c'é, e che é di gran lunga piú profonda di quanto pensiamo normalmente, dobbiamo prima guardare i principi fondamentali della guerra psicologica che si articolano in:

1) Propaganda

2) Operazioni psicologiche

3) Personale straniero di rinforzo

Brainwashing1"We'll know our disinformation program is complete when everything the American public believes is false" (Sapremo che il nostro programma di disinformazione sarà completato quando tutto quello che il pubblico americano crede, è falso) - William J. Casey, Direttore della CIA dal 1981 al 1987.

Ecco come il manuale d'intelligence per la propaganda occulta del 1946 (Meno male che gli americani fanno manuali di questo genere, altrimenti ne sapremmo molto di meno!) definisce la propaganda: "qualsiasi genere di persuasione organizzata...che tenta di manipolare i comportamenti, le idee e le azioni di una persona...Tutti i mezzi di comunicazione di massa sono usati come veicolo per la propaganda. E possono essere divisi in due categorie, quelli parlati e quelli scritti...La propaganda occulta parlata comprende voci false, i contatti personali, le agitazioni e le dimostrazioni, l'uso dell'istruzione, della cultura e della religione, la radio, il teatro e il cinema. La propaganda occulta scritta comprende i volantini, i manifesti, i libri ed i saggi, i quotidiani e le agenzie di stampa, i documenti contraffatti, le lettere e le petizioni..." (fonte S.Manfredi - Psyops, pag.2)

Sembra non abbiano dimenticato nulla, no? Ah, il "manual" è del 1946, e non c'era il web. E sappiamo tutti come sul web sia ancora più facile far circolare balle...

Ecco, è ora di cominciare a realizzare che tutti i mezzi sopraelencati non vengono utilizzati sporadicamente, per dirigere l'opinione pubblica di tanto in tanto. Al contrario, vengono usati COSTANTEMENTE, sia per operazioni tattiche (argomenti o situazioni specifiche), che per quelle strategiche (la circolazione costante di disinformazione è un'arma fondamentale per mantenere la popolazione fondamentalmente disunita e diffidente). Ne deriva che che tutto quello che sappiamo, fin dalla più tenera età, che viene dai mass-media o dalle autorità o dalla scuola è talmente pieno di balle che per noi diventa praticamente impossibile, se non con un grande lavoro di coscienza, pensare al di fuori dei binari che ci hanno imposto. Binari, appunto, fatti di menzogna. Cosa dice ciò sui nostri processi mentali? Cosa ci dice dei nostri gusti, delle nostre necessità, dei nostri orientamenti politici, degli odi, degli squadrismi, delle appartenenze? Cosa è realmente nostro? 

- fine prima parte - Nei prossimo articoli, il secondo in uscita il 15/7/2014, approfondiremo il concetto di propaganda e parleremo delle altre due branche della guerra psicologica.

PARTE 2

PARTE 3

Leggi anche: http://coscienzeinrete.net/politica/item/1980-psyops-un-importante-libro-rivelatore-di-solange-manfredi-da-leggere

Vota questo articolo
(7 Voti)
Sei in guerra, e non lo sai. - 3.4 out of 5 based on 7 votes