Politica

LA STORIA SEGRETA DI COME LE SUORE ABBIANO NASCOSTO LA VENDITA DI MIGLIAIA DI BAMBINI IN SPAGNA In evidenza

18 Ottobre 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Bimbi vandutiÈ il 1982, in Texas. Randy Ryder, dopo un’infanzia passata con la madre affetta da alcolismo e problemi psichiatrici, scopre di non essere suo figlio. Lei gli confessa di averlo comprato in un ospedale a Malaga, in Spagna, nel 1971. 

È il 2009. In un ospedale di Madrid, Jean Luis Moreno ascolta suo padre sul letto di morte confessare di averlo comprato nel 1969 da un prete a Saragozza per 150.000 pesetas, poco meno di 50.000 euro. Sconvolto, Jean Luis va a vedere i registri dell’ospedale dove crede di essere nato. Non ci sono né il suo nome né quello di sua madre. Usando investigatori privati risale alla suora che aveva reso possibile l’adozione. Lei prima nega di aver preso denaro, poi ammette con tono gelido di ricordare i compratori. Jean Luis presenta denuncia al tribunale civile, poi all’ordine provinciale di Saragozza e infine alla corte suprema. Il caso viene sempre archiviato.

È il 2010. Ines Madrigal scopre in un cassetto il suo certificato di nascita e qualcosa non torna. Date e luogo non coincidono con la sua carta d’identità. Affronta sua madre, e viene a sapere di essere stata data “in regalo” da un ginecologo famoso, che non disse mai da dove proveniva la bambina. Le aveva dato istruzioni di fingere la gravidanza.

Questi non sono casi isolati. Sono 300.000.

di Nicolò Zuliani

LA STORIA SEGRETA DI COME LE SUORE ABBIANO NASCOSTO LA VENDITA DI MIGLIAIA DI BAMBINI IN SPAGNA - 5.0 out of 5 based on 1 vote

A Vienna la fanno profumata In evidenza

17 Ottobre 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

 

Austria Profumata2Si ritorna a parlare della classifica Transparency International sulla corruzione nel mondo, dove l'Italia si collocherebbe terza in Europa dopo Bulgaria e Grecia. Trattandosi come è noto di corruzione percepita, lo strumento è semmai utile per misurare l'autostima dei popoli più che la diffusione del reato: sicché è già tanto se non ci troviamo in prima posizione. In attesa che escano le nuove pagelle mi piace offrire un contributo pedante al dibattito, di cui propongo nel seguito una prima puntata sulla situazione - quella vera - di un Paese a me molto caro: l'Austria.

di Il Pedante

Di Maio e i vaccini: da mesi era chiaro per chi lavora questo signore In evidenza

16 Ottobre 2017 Scritto da Fausto Carotenuto
Pubblicato in Politica

luigi di maioDurante una visita all’Università di Harvard, una delle università dove oramai i candidati premier vanno a prendere la benedizione, lo scorso maggio, Di Maio ha dichiarato che i vaccini “in Italia sono obbligatori per legge, e noi non abbiamo intenzione di eliminarla”…

E lo dice quello che poi verrà “unto” con un plebiscito di finta “democrazia diretta” come capo politico del 5 Stelle e candidato alla Presidenza del Consiglio.

Una domanda sorge spontanea: “Per chi lavora questo signore? Per chi lavorano i vertici manifesti ed occulti del 5 Stelle?” Non certo per la gente e per la nostra libertà.

E' chiaro che chi è contro l'obbligatorietà dei vaccini non potrà mai votare per questo signore al servizio di chi vuole vaccinare obbligatoriamente i nostri bambini.

 

Di Maio e i vaccini: da mesi era chiaro per chi lavora questo signore - 3.9 out of 5 based on 14 votes

Il Rosatellum-2 è peggio dell’Italicum, che era peggio del Porcellum In evidenza

12 Ottobre 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Rosatellum2Ettore Rosato è il padre putativo che si è accollato nella tarda primavera di quest’anno la grave responsabilità di prestare il proprio nome all’ennesima porcata legislativa che ha preso il nome di “Rosatellum”. Questo “nomignolo” prosegue, purtroppo non solo nella desinenza, il pessimo andazzo del “Porcellum” e del “capolavoro renziano” denominato pomposamente “Italicum, fortunatamente abortito prima di entrare in funzione.

Senza il “Rosatellum” andremmo a votare col “Mattarellum” la legge elettorale che prende nome dal nostro attuale Capo dello Stato, scritta e operata ai tempi della prima repubblica quando svolse anche incarichi ministeriali.

La principale differenza tra le due leggi elettorali è che il Mattarellum è di tipo “proporzionale” mentre il “Rosatellum” è un garbuglio-miscuglio tra le due due forme al solo scopo di accontentare quasi tutti (meno gli elettori).

di Roberto Marchesi

Il Rosatellum-2 è peggio dell’Italicum, che era peggio del Porcellum - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Dati personali su web e telefono, il governo dà il via alla sorveglianza di massa In evidenza

04 Ottobre 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Sorveglianza Di MassaUn’amara sorpresa attende gli italiani nei prossimi giorni. Il Senato, infatti, entro questo fine settimana darà il via definitivo a una norma che all’apparenza richiama l’esigenza di rispettare le norme europee. Si tratta delle Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2017Il disegno di legge, che reca come primo firmatario il nome del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, è uno di quegli atti adottati in termini brevissimi, per via scadenze di legge che ne giustificano l’adozione senza un’approfondita discussione parlamentare che ne rallenterebbe l’iter.

Per questo motivo, insieme ad atti dello stesso tipo, come il decreto Milleproroghe, e le stesse norme che compongono la legge di Bilancio (quando ad esempio si diffonde la notizia che il governo porrà la fiducia) sono esposti all’inserimento di emendamenti last minute che non sono discussi se non per pochi minuti e che poi vengono approvati anche dall’altra Camera (in questo caso il Senato), senza poter essere modificati.

di Fulvio Sarzana

Dati personali su web e telefono, il governo dà il via alla sorveglianza di massa - 5.0 out of 5 based on 6 votes

Ha vinto Lascienza In evidenza

19 Agosto 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR LascienzaVenerdì 28 lugio è stato approvato alla Camera il «decreto vaccini» che porta il nome del ministro Lorenzin. Come previsto su questo blog, il testo convertito in legge si è ammorbidito nel passaggio parlamentare con la riduzione del numero delle vaccinazioni obbligatorie e delle pene per gli inadempienti. E, come previsto, la sua applicazione si sta già scontrando con difficoltà di diverso ordine che lasciano presagire una situazione di incertezza del diritto ormai tipica di ogni riforma contemporanea: dalla carenza di organici delle aziende sanitarie che non riusciranno a vaccinare tutti gli obbligati nei tempi previsti, agli oneri burocratici a carico delle scuole, nelle cui aule non si raggiungerà comunque l'«immunità di gregge» non essendo vaccinati i docenti e il personale, né potendoli vaccinare per mancanza di fondi.

di Il Pedante

Ha vinto Lascienza - 4.0 out of 5 based on 1 vote

CODACONS: PARTE IL MEGA RICORSO CONTRO LA LEGGE LORENZIN - Istruzioni per partecipare

18 Settembre 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Vaccini Ricorso CodaconsSì ai vaccini ma solo se necessari, singoli e testati. No alla legge che viola il diritto all’istruzione e la libertà di scelta delle famiglie

Per partecipare a questa iniziativa è indispensabile inviare la documentazione entro il 30/9/2017

La faticosa battaglia intrapresa per difendere la libertà di scelta in materia di vaccinazione è arrivata a un punto decisivo. Lo Staff legale dell’Associazione è pronto ad avviare uno storico ricorso collettivo al TAR Lazio contro la legge Lorenzin. Ma prima di entrare nel dettaglio della nuova iniziativa, meglio fare un passo indietro.

CODACONS: PARTE IL MEGA RICORSO CONTRO LA LEGGE LORENZIN - Istruzioni per partecipare - 2.3 out of 5 based on 3 votes

QUANDO LA SENILITA' E' PERICOLOSA…

13 Settembre 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Camon«Quando l’amore è dannoso» è il titolo dell’ultimo articolo a firma di Ferdinando Camon. Titolo provocatorio che fa nascere molte domande, anche sulla salute dell’autore…
La spiegazione però di questo ossimoro (amore=danno) arriva, purtroppo per i lettori, poche righe dopo…

di Marcello Pamio

«C’è una norma, va rispettata e fatta rispettare. Specialmente se riguarda i bambini: i bambini devono capire che quel che vuole lo stato vale di più di quel che vuole il papà o la mamma».
Quindi per Camon siccome c’è una legge, va assolutamente rispettata. Poco importa se questa legge è stata dettata da un governo illegittimo perché eletto con legge elettorale incostituzionale (sentenza 1/2014 della Corte Costituzionale). Poco importa se tale legge (unica al mondo) impone obbligatoriamente 10 + 4 vaccini (senza nessuno studio che ne garantisca la loro sicurezza) e in assenza di qualsivoglia epidemia o emergenza sanitaria.

Non solo, i bambini devono ficcarselo in testa fin da piccolini che lo stato-padrone è superiore a qualsiasi volontà, anche quella dei propri genitori. Chiaro? Ma scusate, pensavate di essere in democrazia? Se la scienza non è democratica figuriamoci lo stato!
Scusate, ma giuridicamente parlando cosa contano i genitori? Soprattutto cosa vogliono e cosa pretendono questi scriteriati che mettono al mondo dei figli? 
Alla salute dei piccoli e alla loro istruzione ci pensano da una parte Beatrice Lorenzin e dall’altra Valeria Fedeli. Potete dormire sonni tranquilli.

QUANDO LA SENILITA' E' PERICOLOSA… - 4.0 out of 5 based on 8 votes

Reductio ad pueros

24 Agosto 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Propaganda pedante0Dicembre 2016. A Port Said (Egitto) una pattuglia di polizia avvista una bambina coperta di stracci insanguinati che corre tra le macerie di un edificio abusivo in demolizione. Avvicinatisi, gli ufficiali vi trovano altre persone: un regista, due cameraman, un ragazzino e la famiglia della piccola, il cui sangue si rivela poi essere vernice rossa. Il gruppo finisce in commissariato. Lì il regista confessa ai poliziotti l'intenzione di realizzare e distribuire un finto reportage sulla crisi umanitaria di Aleppo, la città siriana a lungo assediata dall'esercito governativo di Bashar al-Assad.

Nello stesso mese gli oppositori del regime siriano diffondono sui social network la fotografia virale di un'altra bambina in corsa tra i cadaveri. Propaganda pedante1Nonostante la maccheronica didascalia che la accompagna («It's not in Hollywood This real in syria»), l'immagine è in realtà tratta da un videoclip della cantante libanese Hiba Tawaji. Due anni prima, il 10 novembre 2014, il tema era stato declinato anche da una troupe cinematografica norvegese con un cortometraggio intitolato «Eroico ragazzo siriano salva la sorella da una sparatoria». Prima di ammettere che il film era un falso girato a Malta con attori professionisti e fondi inspiegabilmente pubblici, gli autori avevano incassato più di 5 milioni di visualizzazioni e scatenato l'indignazione di pubblico ed esperti per l'«uso di cecchini contro i bambini piccoli» da parte dell'esercito siriano.

di Il Pedante

Reductio ad pueros - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Armi italiane ai regimi autoritari

23 Agosto 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

esportazione armi italiane 1Più di 9,2 miliardi di euro. Per la precisione 9.240.403.172, 97 euro. È il valore delle esportazioni di sistemi militari autorizzate nel 2016 dal ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale (Maeci) ai paesi che non fanno parte dell’Ue e della Nato. Rappresentano il 63,1% di tutte le esportazioni autorizzate che l’anno scorso hanno superato i 14,6 miliardi di euro (14.637.777.758 euro). Un record storico dal dopoguerra sul quale ci si sarebbe aspettati qualche commento da parte della sottosegretaria di stato alla Presidenza del consiglio dei ministri, Maria Elena Boschi, che ha inviato alle Camere la “Relazione sulle operazioni autorizzate e svolte per il controllo dell’esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento”,riferita all’anno 2016.

di Giorgio Beretta

Armi italiane ai regimi autoritari - 4.8 out of 5 based on 4 votes

I due bulli e l'eclissi americana

12 Agosto 2017 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

2 BulliOltre agli incendi, alle esecuzioni mafiose (quelle non mancano mai nel Belpaese, vivaddio) e alle diatribe pro e contro i vaccini di casa nostra...

di Piero Cammerinesi

...questa torrida estate 2017 ci sta tenendo con il fiato sospeso per le intemperanze dei due bulli da strapazzo che si minacciano quotidianamente a suon di proclami e di ringhiose dichiarazioni.
Già, se non sapessimo di avere a che fare con due Capi di Stato dotati di armi nucleari potremmo liquidare la questione con una alzata di spalle e un ben miserevole giudizio sulla loro sanità mentale.
Ma così non è e purtroppo Kim Jong-un e The Donald hanno la capacità di far piombare il mondo in una catastrofe spaventosa dagli esiti imprevedibili.

Tuttavia qualcosa non torna in tutta la faccenda, non credete?

Intendo dire: come è possibile che un minuscolo Paese - per quanto governato da un dittatore megalomane - possa sfidare l'unica superpotenza mondiale, in grado di cancellarlo dalla faccia della terra in pochi minuti?
Chi di voi in una lite stradale scenderebbe dalla macchina disarmato per insultare una banda di picchiatori con spranghe e coltelli?
Se c'è qualcuno alzi la mano.

2 Bulli 1Non solo; quale stratega militare che vuole sfidare - novello Davide contro Golia - la più grande potenza militare mondiale rivelerebbe in anticipo le sue mosse?
È di oggi la notizia che il generale Kim Rak-gyom, a capo dell'unità balistica speciale di Pyongyang dichiara di apprestarsi a lanciare quattro missili balistici a raggio intermedio in direzione della base americana di Guam.
Non vi pare strano?

No, i conti non tornano.

 

I due bulli e l'eclissi americana - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Lotta alle fake news o censura del pensiero critico?

10 Agosto 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Fake News CensuraÈ arrivato all'esame delle Commissioni Affari Costituzionale e Giustizia del Senato il disegno di legge che prende il nome dalla sua prima firmataria, Adele Gambaro. Obiettivo dichiarato? Lotta alle fake news. Ma è proprio così? Giuristi ed esperti: «Alto rischio di deriva liberticida».

È stato assegnato all'esame delle Commissioni Affari Costituzionale e Giustizia del Senato il disegno di legge che prende il nome dalla sua prima firmataria, Adele Gambaro. Obiettivo dichiarato: lotta alle fake news. Ma è proprio così?

Lotta alle fake news o censura del pensiero critico? - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Fatta la la legge....cambiato il bugiardino

08 Agosto 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

HexyonDopo l'approvazione della legge sull'obbligo vaccinale venerdi 28 luglio alla Camera, l'Agenzia italiana del Farmaco (AIFA) ha modificato il bugiardino del vaccino esavalente Hexyon. 
«E allora?» direte voi? 
Vediamo di capire.

Fatta la la legge....cambiato il bugiardino - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Le strane alleanze delle multinazionali farmaceutiche

05 Agosto 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

GAVIEsiste, in questo nostro mondo globalizzato, anche una “alleanza globale per i vaccini”, di nome GAVI. Essendo globale ha un nome inglese “Global Alliance for Vaccines and Immunisation”.

Tale organizzazione transnazionale che, come è d’uso per questo tipo di… come possiamo chiamarle?, istituzioni, aziende del terziario, compagnie di ventura?, è fuori da ogni controllo pubblico e popolare, è stata fondata nel 2000 dalla famigerata Bill and Melinda Gates Foundation per ”incrementare l’accesso a vaccini nuovi e sottoutilizzati” per i bambini che vivono nei paesi poveri. I vaccini “nuovi” ormai compaiono a un ritmo sempre più incalzante, e che siano sottoutilizzati lo decidono loro. Loro chi?

di Sonia Savioli

Le strane alleanze delle multinazionali farmaceutiche - 5.0 out of 5 based on 8 votes

Il governo italiano sceglie l'industria bellica come pilastro del "sistema paese"...

15 Luglio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Armi sistema PaeseIl mensile «Nigrizia» di giugno fa un quadro puntuale della produzione e commercio internazionale delle armi italiane e del coinvolgimento collaborativo e interessato delle banche, che mettono a disposizione dell’industria bellica servizi di intermediazione ben remunerati e conti correnti. Come recita l’incipit, «l’industria militare è il pilastro del sistema Paese. È ciò che pensa il governo. E i dati lo confermano. Cresce la spesa e l’export di armamenti conosce un vero boom. Soprattutto verso i regimi della penisola arabica. Cala, invece, la vendita verso l’Africa. Le banche sostengono il business seppellendo ogni tentennamento etico».

Il governo italiano sceglie l'industria bellica come pilastro del "sistema paese"... - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Vaccini - BUONE NOTIZIE DI ADESSO, dal presidio permanente di mamme incatenate intorno al Parlamento.

13 Luglio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

LA PRIMA PAGINA de "Il Fatto Quotidiano" di ieri!
FQ Prima Pagina

Che almeno una testata nazionale cominci ad indagare sui retroscena di questo ddl osceno, è la prima buona notizia. Sotto ne troverete altre!

Vaccini - BUONE NOTIZIE DI ADESSO, dal presidio permanente di mamme incatenate intorno al Parlamento. - 4.6 out of 5 based on 22 votes

Hanno lasciato bruciare il Sud

12 Luglio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

vesuvio incendio e1499860080383L’intera zona vesuviana è circondata dalle fiamme, la stessa città di Napoli, sin sopra le sue colline, è avvolta dal fumo.

Il Vesuvio continua a bruciare, stamattina anche il suo cratere era nascosto dal denso fumo, il suo Parco naturale può dirsi distrutto, danni incalcolabili ai pregiati prodotti agricoli della zona, la stessa salute delle persone è messa a serio rischio, anche grazie alle discariche imposte con la forza ai cittadini ed ora piene zeppe di rifiuti nocivi.

Immensi incendi anche a Messina, spenti solo oggi dopo tre giorni con danni incalcolabili, così come in Sardegna, in Calabria, nel Molise, l’intero Sud brucia nel silenzio delle istituzioni nazionali e nell’incapacità, ed in alcuni casi assenza, di quelle locali.

Dovrebbe essere un’emergenza nazionale, avrebbe dovuto immediatamente essere predisposto un piano per affrontare, nel minor tempo possibile, questo dramma che sta uccidendo il sud del paese, ma il governo Gentiloni è impegnato a salvare le banche, non ha tempo per pensare alla vita dei cittadini.

di Il Pasquino

Hanno lasciato bruciare il Sud - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Vendere armi a un paese che bombarda civili e innocenti si può, se è l'Arabia Saudita.

11 Luglio 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Arming Saudis2Ci sono dittatori "infami" che vanno levati di mezzo a tutti i costi perchè ammazzano le persone, e ci sono dittatori infami che ammazzano le persone, ma a cui però vendere le armi è lecito e anche "giusto". Questa è la realtà dei fatti decretata anche ufficialmente dall'Alta Corte britannica, chiamata a decidere sulla legalità delle esportazioni di armi "made in UK" all'Arabia Saudita.  

Vendere armi a un paese che bombarda civili e innocenti si può, se è l'Arabia Saudita. - 5.0 out of 5 based on 3 votes
Pagina 1 di 49