Politica

COSÌ È LA GUERRA. In evidenza

09 Agosto 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Oggi un editoriale di Repubblica, titolato “Il ritratto di un paese cattivo”, iniziava ponendosi una domanda: “Ma come è potuto succedere così velocemente?"

La risposta è semplice: siamo stati, e siamo, l’obiettivo di una guerra: la guerra psicologica.

di Solange Manfredi

guerra psicologica

Val d’Enza: bimba sottratta ai genitori, nessuno sa dove sia In evidenza

03 Agosto 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

bimba valigiaBimba sottratta ai genitori, nessuno sa dove sia – Ad occuparsi del suo caso è stata l’assistente sociale che ha ammesso: “Falsificavo le relazioni”.

Val d’Enza: bimba sottratta ai genitori, nessuno sa dove sia - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Il governo mette a rischio il lago di Bolsena In evidenza

01 Agosto 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Governo Lago 8 19Riceviamo e pubblichiamo la nota di: Castel Giorgio Comitato di Difesa della Salute e del Territorio

Il pericoloso progetto geotermico di Castel Giorgio è stato ieri approvato dalla Presidenza del Consiglio.
Abbiamo lottato fino all’ultimo secondo perché questo non avvenisse, attraverso pressioni politiche di ogni genere, comunicati, ricorsi, il coinvolgimento positivo di tutti i comuni di una vasta area, di quasi tutte le forze politiche, sia a livello locale che regionale che nazionale. Fino al parlamento europeo. E siamo comunque riusciti a ritardare di anni l’avvio del progetto.
Ma nonostante questo sforzo a tutto campo durato oltre sette anni non abbiamo potuto evitare la nefasta decisione del 31 luglio, che favorisce una potente lobby di affari con puri interessi speculativi.

Il governo mette a rischio il lago di Bolsena - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Foti il guru di Bibbiano, non ha neanche la laurea in Psicologia In evidenza

25 Luglio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

foti 7 19Claudio Foti, il “guru” indagato per gli affidi da incubo dei bambini di Bibbiano, non ha nemmeno la laurea in Psicologia, tanto meno in Psichiatria (specializzazione di Medicina).

E’ laureato in Lettere all’Università di Torino nel 1978, dopo otto anni di studio. Nessuna laurea nelle materie della psiche.

Dietro al caso Bibbiano vi è anche questo singolare tratto del profilo professionale di uno dei principali attori in causa.

di Antonio Amorosi

 

Foti il guru di Bibbiano, non ha neanche la laurea in Psicologia - 2.0 out of 5 based on 1 vote

Violenza di genere, ora Codice rosso è legge. Ma c’è poco da festeggiare In evidenza

19 Luglio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Codice RossoLo scorso 17 luglio in Senato è stato approvato il disegno di legge sul Codice Rosso con 197 voti favorevoli e 47 astenuti, tutti dei gruppi parlamentari di Pd e LeU. I quotidiani titolano trionfalmente “giustizia più rapida per le donne” riportando le parole dei politici che hanno sostenuto il testo di legge. Ma a parte la propaganda, sarà davvero così? Per la rete D.i.Re c’è poco da festeggiare. In Senato il testo è stato blindato ed è arrivato in aula come era stato ricevuto dalla Camera. Non sono state accolte le critiche fatte in audizione dalle esperte, nemmeno le osservazioni della Commissione del Csm sul termine troppo rigido dei tre giorni, un automatismo che “rischia di creare un inutile disagio psicologico alla vittima e un appesantimento difficilmente gestibile per gli uffici giudiziari e le forze di polizia”.

di Nadia Somma

Violenza di genere, ora Codice rosso è legge. Ma c’è poco da festeggiare - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Vaccini: aumenta la copertura, ma diminuisce la fiducia In evidenza

15 Luglio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Vaccini Sfiducia1

Sono trascorsi poco più di due anni dall’entrata in vigore del decreto Lorenzin sull’obbligo vaccinale per l’infanzia. Mentre le forze del governo gialloblù annunciano di volerlo sostituire con una nuova legge dai contorni ancora incerti, alcuni (pochi, in verità) cercano di tirare un bilancio del provvedimento e delle sue conseguenze, non solo normative. Con la più che duplicazione delle vaccinazioni obbligatorie e l’introduzione di sanzioni economiche e sospensioni scolastiche per i piccoli inadempienti, il decreto ha innescato dibattiti e scatenato conflitti sia tra cittadini e istituzioni (specialmente quelle sanitarie, costrette al ruolo di «gendarmi» della salute) sia all’interno di un’opinione pubblica divisa tra i sostenitori di una omnicomprensiva «scienza» e i cosiddetti «novax» destinatari di anatemi e censure. Le sospensioni scolastiche dalle scuole d’infanzia, in certi casi di dubbia legittimità, hanno prodotto emarginazione e disagio nelle famiglie renitenti, il cui numero sembra essere tutt’altro che marginale. Proiettando i dati diffusi da alcune regioni, i minori tra zero e sedici anni non in regola con il calendario vaccinale potrebbero infatti ammontare a 1,2 milioni di unità: il 13% delle coorti interessate. Diventa perciò urgente capire se ne sia valsa la pena e riflettere su quanto sia opportuno insistere nella direzione tracciata.

di Il Pedante

Vaccini: aumenta la copertura, ma diminuisce la fiducia - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Christine Lagarde e il "problema" longevità: come ti smantello lo stato sociale

03 Luglio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Christine Lagarde 7 19Christine Lagarde sarà il nuovo presidente della BCE. Dalla padella alla brace. Riportiamo qui sotto un articolo del 2012, che potrebbe essere stato scritto oggi, tanto è attuale. La Lagarde, infatti, è una di quelle persone che pensano che il cittadino debba essere al servizio dell'economia. In particolare, dell'economia in mano ai di lei padroni. Alla faccia di chi pensa che l'economia serva a far vivere meglio i cittadini, specialmente gli anziani...

Per la Lagarde, invece, gli anziani non sono una ricchezza, ma un costo. (E.C.)

Sembra un paradosso, ma persino la longevità è diventata un nemico, se non da combattere, almeno da rendere inoffensivo: troppe spese per lo stato in pensioni e assistenza sanitaria. L'allarme lo ha lanciato Christine Lagarde. La soluzione proposta dalla direttrice dell'Fmi, nel classico stile neoliberista, sta nello smantellamento del sistema previdenziale.

Christine Lagarde e il "problema" longevità: come ti smantello lo stato sociale - 5.0 out of 5 based on 5 votes

Istruzione, tagli per 4 miliardi: meno soldi per gli insegnanti di sostegno. Finanzieranno quota 100

01 Luglio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Tagli scuola 7 19Si tratta dell’allegato al disegno di legge di bilancio che presenta alcune voci di taglio alla spesa, tra cui quello dell’istruzione.

Secondo quanto riporta il Corriere, la spesa per l’istruzione si riduce, a legislazione vigente, di 4 miliardi nel triennio, cioè di circa il 10%. Si passa da 48,3 a 44,4 miliardi nel giro di tre anni, con una riduzione delle risorse sia per l’istruzione primaria (da 29,4 a 27,1 miliardi di euro) che per quella secondaria (da 15,3 a 14,1 miliardi).

Istruzione, tagli per 4 miliardi: meno soldi per gli insegnanti di sostegno. Finanzieranno quota 100 - 5.0 out of 5 based on 2 votes

L’acqua del Sud Italia rischia di finire nelle mani delle multinazionali

16 Giugno 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Paolo Maddalena 6 19Nell’occhio del ciclone è finito l’articolo 24 del ‘decreto crescita’. Il giudice costituzionale Paolo Maddalena lancia un appello al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Si mobilitano i movimenti per la difesa dell’acqua, tantissimi militanti pentastellati, dell’associazioni per la tutela dell’ambiente contro alcune normative del “decreto crescita” che potrebbero aprire la strada alla privatizzazione delle grandi fonti del cosiddetto “oro blu” di molte regioni meridionali d’Italia. L’articolo 24, infatti,  completerebbe il processo di liquidazione dell’Eipli, L’Ente per lo sviluppo dell’irrigazione e la trasformazione fondiaria in Puglia, Lucania e Irpinia e legittimerebbe la costituzione di una società per azioni.

L’acqua del Sud Italia rischia di finire nelle mani delle multinazionali - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Via libera del governo agli F35: "28 aerei consegnati entro il 2022"

02 Giugno 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

f35Via libera dal governo all'acquisto di nuovi caccia F35. "Al momento il ministero ha autorizzato a procedere al completamento della prima fase del progetto, che vedrà la realizzazione e la consegna di 28 velivoli entro il 2022.

Via libera del governo agli F35: "28 aerei consegnati entro il 2022" - 5.0 out of 5 based on 1 vote

La Sberla

27 Maggio 2019 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR Sberla 5 19Avete presente il suono onomatopeico degli schiaffoni di Bud Spencer? E' il suono che da stamani rintrona le orecchie dei parlamentari del Movimento 5 Stelle. Alle politiche dello scorso 4 marzo, praticamente un anno fa, il movimento raccoglieva circa il 32,4 dei consensi. Dopo un anno di governo sono al 17,07, praticamente la metà. Solo Harvey Weinstein è riuscito a fare di peggio in termini di popolarità in un arco di tempo così breve. In un certo senso i casi sono simili, perchè si può dire tranquillamente che i 5 stelle abbiano abusato della buona fede di elettori, attivisti e persino loro deputati, tradendo in modo clamoroso quasi tutte le loro promesse elettorali, e rendendo farsa quelle poche mantenute, come il reddito di cittadinanza.

 

La Sberla - 4.3 out of 5 based on 30 votes

Vaccini a 5 stelle: cronaca di un tradimento

21 Maggio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Vaccini 5stelle clicca 5 19Il seguente dossier di Riccardo Pizzirani è dettagliato e completo di fonti. Illustra il percorso del Movimento 5 Stelle su un argomento scottante e di fondamentale importanza per il bene degli italiani. Lo pubblichiamo volentieri, non perchè ci piaccia questa o quella parte politica, ma perchè è un chiaro corroborante della chiave interpretativa della politica che forniamo sin dall'apertura di questo sito. Come ad esempio in questo articolo del 2014. Per via dell'inversione dei ruoli (da oppositori a governanti) e del cambiamento di posizioni e di teatranti, forse il teatrino che denunciavamo già allora, è oggi più chiaro agli occhi di molti. (E.C.)

Non praevalebunt.

Vaccini a 5 stelle: cronaca di un tradimento - 4.4 out of 5 based on 7 votes

Brasile, il presidente Bolsonaro autorizza 152 nuovi pesticidi pericolosi - nel 2015 erano 139 ora sono 1.300

09 Maggio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

bolsonaroCon l'approvazione di 152 nuovi pesticidi da parte del presidente brasiliano, il numero di questi prodotti agricoli nocivi in ​​circolazione nel paese ora supera di gran lunga il migliaio.

In cento giorni di dominio sul suo paese, il nuovo presidente del Brasile Jair Bolsonaro ha già attuato una delle misure precedentemente annunciate a favore delle grandi aziende agricole: l'approvazione di 152 pesticidi precedentemente vietati.Il Brasile è già considerato il "campione del mondo" dell'uso di questi prodotti, provocando ogni anno circa 100.000 casi di avvelenamento più o meno gravi nelle popolazioni rurali - e anche cittadine, quando gli spazi coltivati ​​sono vicini alle città.

La maggior parte delle approvazioni è concessa a società americane, tedesche o cinesi. La maggior parte dei prodotti accettati dal Brasile sono vietati nei paesi da cui provengono: ad esempio il clorpirifos, che gli agricoltori americani non sono più autorizzati a utilizzare dal 2018 perché è stato dimostrato che può causare malformazioni nei bambini.

Questa prima lunga lista include anche un famoso killer delle api, il fungicida mancozeb, bandito in Canada già da molti anni.

Brasile, il presidente Bolsonaro autorizza 152 nuovi pesticidi pericolosi - nel 2015 erano 139 ora sono 1.300 - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Ceta, via libera all’arbitrato: una multinazionale potrà far causa a uno Stato

03 Maggio 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

La Corte di giustizia europea ha dato il via libera al sistema stragiudiziale Isds uno dei più controversi aspetti del Ceta, l’accordo di libero scambio tra Ue e Canada: in caso di controversia una multinazionale potrà chiamare in causa uno Stato membro non presso un tribunale ordinario ma dinanzi a un abritrato, una sorta di “corte” privata prevista dallo stesso Ceta.

di Enrico Cinotti

ISDS

Ceta, via libera all’arbitrato: una multinazionale potrà far causa a uno Stato - 4.5 out of 5 based on 2 votes

Gatekeeping

29 Aprile 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Gatekeeping 4 19Per gli scienziati della comunicazione il termine gatekeeping indica l'omissione selettiva delle notizie da parte di un organo di stampa o di un'autorità politica, per influenzare l'opinione pubblica.

di Il Pedante

Gatekeeping - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Vaccini, Zingaretti: Codacons pronto a ricorso alla Corte Costituzionale

12 Aprile 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

La risposta dell’Associazione Nazionale Consumatori sulla proposta di Legge Zingaretti :  “Il problema, semmai, è lo strumento con cui Zingaretti pensa di risolvere questioni così delicate, e che non possono essere affrontate con leggi di stampo fascista e contrarie alla normativa nazionale”

zinga Vax

Vaccini, Zingaretti: Codacons pronto a ricorso alla Corte Costituzionale - 3.0 out of 5 based on 2 votes

Le mamme di Venafro lottano per l'ambiente e i loro figli

30 Marzo 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

VenafroVenafro è un Comune del Molise, in provincia di Isernia, con una storia di inquinamento contro cui si battono tante mamme della cittadina. Sono, appunto, le mamme di Venafro, solide e coraggiose, che il 6 e 7 aprile organizzano anche una raccolta fondi emblematica per finanziare le loro battaglie.

Le mamme di Venafro lottano per l'ambiente e i loro figli - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Internet è ufficialmente morto in Europa

27 Marzo 2019 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Il Parlamento Europeo ha approvato in pieno la direttiva sul copyright, articoli 11 e 13 compresi. "È un giorno buio per la libertà di internet."

di Riccardo Coluccini

copyright keyhole eu wide

Internet è ufficialmente morto in Europa - 3.3 out of 5 based on 3 votes
Pagina 1 di 53