Politica

Il governo italiano sceglie l'industria bellica come pilastro del "sistema paese"... In evidenza

15 Luglio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Armi sistema PaeseIl mensile «Nigrizia» di giugno fa un quadro puntuale della produzione e commercio internazionale delle armi italiane e del coinvolgimento collaborativo e interessato delle banche, che mettono a disposizione dell’industria bellica servizi di intermediazione ben remunerati e conti correnti. Come recita l’incipit, «l’industria militare è il pilastro del sistema Paese. È ciò che pensa il governo. E i dati lo confermano. Cresce la spesa e l’export di armamenti conosce un vero boom. Soprattutto verso i regimi della penisola arabica. Cala, invece, la vendita verso l’Africa. Le banche sostengono il business seppellendo ogni tentennamento etico».

Il governo italiano sceglie l'industria bellica come pilastro del "sistema paese"... - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Vaccini - BUONE NOTIZIE DI ADESSO, dal presidio permanente di mamme incatenate intorno al Parlamento. In evidenza

13 Luglio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

LA PRIMA PAGINA de "Il Fatto Quotidiano" di ieri!
FQ Prima Pagina

Che almeno una testata nazionale cominci ad indagare sui retroscena di questo ddl osceno, è la prima buona notizia. Sotto ne troverete altre!

Vaccini - BUONE NOTIZIE DI ADESSO, dal presidio permanente di mamme incatenate intorno al Parlamento. - 4.6 out of 5 based on 21 votes

Hanno lasciato bruciare il Sud In evidenza

12 Luglio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

vesuvio incendio e1499860080383L’intera zona vesuviana è circondata dalle fiamme, la stessa città di Napoli, sin sopra le sue colline, è avvolta dal fumo.

Il Vesuvio continua a bruciare, stamattina anche il suo cratere era nascosto dal denso fumo, il suo Parco naturale può dirsi distrutto, danni incalcolabili ai pregiati prodotti agricoli della zona, la stessa salute delle persone è messa a serio rischio, anche grazie alle discariche imposte con la forza ai cittadini ed ora piene zeppe di rifiuti nocivi.

Immensi incendi anche a Messina, spenti solo oggi dopo tre giorni con danni incalcolabili, così come in Sardegna, in Calabria, nel Molise, l’intero Sud brucia nel silenzio delle istituzioni nazionali e nell’incapacità, ed in alcuni casi assenza, di quelle locali.

Dovrebbe essere un’emergenza nazionale, avrebbe dovuto immediatamente essere predisposto un piano per affrontare, nel minor tempo possibile, questo dramma che sta uccidendo il sud del paese, ma il governo Gentiloni è impegnato a salvare le banche, non ha tempo per pensare alla vita dei cittadini.

di Il Pasquino

Hanno lasciato bruciare il Sud - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Vendere armi a un paese che bombarda civili e innocenti si può, se è l'Arabia Saudita. In evidenza

11 Luglio 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Arming Saudis2Ci sono dittatori "infami" che vanno levati di mezzo a tutti i costi perchè ammazzano le persone, e ci sono dittatori infami che ammazzano le persone, ma a cui però vendere le armi è lecito e anche "giusto". Questa è la realtà dei fatti decretata anche ufficialmente dall'Alta Corte britannica, chiamata a decidere sulla legalità delle esportazioni di armi "made in UK" all'Arabia Saudita.  

Vendere armi a un paese che bombarda civili e innocenti si può, se è l'Arabia Saudita. - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Si sono perse le carte di Ustica. Così la desecretazione è diventata una truffa. In evidenza

29 Giugno 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Ustica AereoDagli archivi desecretati è venuta fuori solo carta straccia. Niente che non si conoscesse già e soprattutto nessun documento dei giorni e dei mesi immediatamente successivi a quel 27 giugno 1980 quando “in uno scenario di guerra sul mar Mediterraneo” – come hanno accertato diverse sentenze – un aereo militare di non si sa quale nazione sparò un missile che, sul cielo di Ustica, colpì in pieno il Dc 9 dell’Itavia in volo da Bologna a Palermo.

di Alessandra Ziniti per la Repubblica

Si sono perse le carte di Ustica. Così la desecretazione è diventata una truffa. - 5.0 out of 5 based on 2 votes

Comunali: hanno vinto tutti! In evidenza

26 Giugno 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Si attende a giorni la delegazione del Guinness Book of Records, che esaminerà i dati ufficiali per decidere se certificare o meno il record segnalato involontariamente da molti degli esponenti dei partiti maggiori dell'italico panorama politico: le prime elezioni della storia senza sconfitti.

A sentire loro, effettivamente, sembrerebbe così: ha vinto la destra, ma ha vinto anche il PD e anche il M5S.

CIR Comunali2017 1

Comunali: hanno vinto tutti! - 4.0 out of 5 based on 1 vote

Se la GlaxoSmithKline (GSK) fosse una persona, sarebbe un delinquente abituale! In evidenza

21 Giugno 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR GSK serialiUna delle principali cause subite da GSK è nata a seguito di una lettera di ammonimento della FDA del 2002 relativa alla sussidiaria di GSK in Porto Rico, e quando il team di esperti si recò sul luogo per investigare direttamente, il controllo di qualità dello stabilimento si rivelò essere "un disastro: il sistema idrico era contaminato, il sistema di aerazione rendeva possibili le contaminazioni incrociate tra i prodotti, il magazzino era così affollato che i furgoni noleggiati venivano usati per lo stoccaggio.”

La causa è quindi terminata in un accordo di pagamento da parte di GSK con una multa di 150 milioni di dollari, più 600 milioni di risarcimenti civili, che a quel tempo corrispondeva alla più grande cifra mai pagata come multa da parte di un produttore di farmaci adulterati, ma che va messa in relazione con il fatto che la suddetta sussidiaria di Porto Rico a quel tempo produceva farmaci per 5,5 miliardi di dollari all'anno.
http://www.cbsnews.com/…/glaxo-whistle-blower-lawsuit-bad-…/

di Riccardo Pizzirani

Se la GlaxoSmithKline (GSK) fosse una persona, sarebbe un delinquente abituale! - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Vaccini: Il PD si sta dando la zappa sui piedi? In evidenza

16 Giugno 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR Bea CarreySeppure è vero che comunali e politiche nazionali presentano aspetti anche molto diversi, non ci si può non soffermare sui dati, dai quali emerge chiaramente che il PD è ben lontano da essere partito di maggioranza assoluta, e probabilmente fatica anche ad essere il partito di maggioranza relativa. Se poi togliamo le liste civiche fittizie che hanno dovuto presentare per racimolare voti, Renzi potrebbe rischiare di trovarsi a fare il segretario di un partito che magari va ugualmente al governo, ma con una maggioranza raffazzonata e assai più instabile di quella che si ritrova ora. Dopo tutto, se si contano i voti per singolo partito, si vede che le distanze tra PD e M5S non sono poi così grandi. 

In questa ottica l'accanimento terapeutico della Lorenzin potrebbe costare molto a Renzi&Co. Anzi, potrebbe costare moltissimo, dato che una piccola percentuale di voti potrebbe sconvolgere gli equilibri.

 

Vaccini: Il PD si sta dando la zappa sui piedi? - 4.6 out of 5 based on 7 votes

iNpara la matematica con la BEA! In evidenza

13 Giugno 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Matematica con Bea1In Francia il dibattito sui vaccini è molto serrato e perfettamente legittimo. In Germania i giornali danno le notize pure se scomode per chi governa. E in Italia? In Italia parlare delle controindicazioni dei vaccini, o dei dati che smentiscono la teoria dell’immunità di gregge, o delle prove dell’inquinamento dei vaccini vuol dire esporsi a rappresaglie inaudite. Per capire quanto è sbilanciata la situazione, facciamo un esempio volutamente esagerato: cosa accadrebbe se un personaggio qualunque andasse in televisione, alla televisione nazionale in prima serata, a raccontare una balla clamorosa sui vaccini, tipo che subito dopo il vaccino per il morbillo 200 bambini inglesi sono morti? Partirebbe una denuncia per procurato allarme, una denuncia per uso privato del mezzo televisivo, farebbero indagini a tappeto sulla persona, il dato verrebbe smentito in lungo e in largo.

di Riccardo Pizzirani

iNpara la matematica con la BEA! - 4.7 out of 5 based on 12 votes

Comunali 2017: crollano i 5 stelle, resuscita la destra. In evidenza

12 Giugno 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

elezioni comunali 2017 1In una calda domenica di giugno, affluenze calate di 5 punti praticamente dappertutto. Il dato in risalto è certamente la sconfitta dei 5 stelle, che non sono riusciti ad andare al ballottaggio in nessuna città principale. Il vuoto lasciato dai 5 stelle sembra essere stato riempito in parte dalla destra. Inquietante il risultato di Trapani, dove oltre ad un candidato (ex presidente della provincia) messo sotto obbligo di soggiorno dalla Direzione Investigativa Antimafia e dichiarato socialmente pericoloso dai magistrati, al ballottaggio ci va un altro candidato (ex sindaco) appena uscito dagli arresti domiciliari per corruzione, con divieto di soggiorno a Palermo. Only in Italì...

Comunali 2017: crollano i 5 stelle, resuscita la destra. - 4.7 out of 5 based on 3 votes

La scommessa persa della May, che si ritrova senza maggioranza

09 Giugno 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Elezioni UK 2017Il partito conservatore della premier britannica Theresa May è primo in base allo spoglio parziale del voto, ma ha perso la maggioranza dei seggi in Parlamento: un dato che apre una fase di grande incertezza e solleva pesanti interrogativi su chi guiderà il Paese nei negoziati sulla Brexit e con quale mandato.

La sterlina ha perso terreno nel timore che la leader conservatrice non riesca a formare un governo e sia costretta alle dimissioni, al termine di una campagna turbolenta, funestata da due attacchi terroristici. Dopo la sua rielezione nel collegio di Maidenhead, popolato di pendolari, la May ha detto che la Gran Bretagna "necessita un periodo di stabilità" mentre si prepara al complesso processo di uscita dell'Unione europea. La premier ha aggiunto che pur se il risultato definitivo non è ancora noto, il suo partito sembra aver vinto la maggioranza dei seggi ed "è il nostro compito garantire un periodo di stabilità".

La scommessa persa della May, che si ritrova senza maggioranza - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Manifestazione nazionale per la libertà di scelta vaccinale - Roma - 11 Giugno

08 Giugno 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Il Coordinamento nazionale per la libertà di scelta ha indetto poi una manifestazione nazionale domenica 11 giugno a Roma  e invita i partecipanti a portare anhe le tende per restare. Il ritrovo è alle 13 in piazza della Bocca della Verità.

Manifestazione Liberta Vaccinale

Manifestazione nazionale per la libertà di scelta vaccinale - Roma - 11 Giugno - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Arabia Saudita contro Qatar e attacco terroristico a Teheran: Che succede in medio oriente?

07 Giugno 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR TeheranNegli ultimi giorni stiamo assistendo ad eventi molto significativi in medio oriente. Prima la rottura diplomatica di Arabia Saudita, U.A.E. Bahrein, Yemen ed Egitto con il Qatar, oggi gli attentati multipli a Teheran. Che sta succedendo?

Nonostante la rivendicazione dell'Isis, è ancora presto per comprendere pienamente le cause degli attentati al parlamento iraniano ed al mausoleo di Khomeini: l'Iran è un paese molto complicato ed al momento le informazioni non sono sufficienti per determinare con certezza se l'attacco è stato ordinato da fuori, o se è frutto di una faida interna. Però, visto lo sviluppo degli eventi negli ultimi anni, e l'improvvisa spaccatura politica nella penisola araba, le probabilità che gli attacchi siano eterodiretti sembrano prevalenti.

Arabia Saudita contro Qatar e attacco terroristico a Teheran: Che succede in medio oriente? - 5.0 out of 5 based on 3 votes

Se colpiamo il bersaglio sbagliato...

05 Giugno 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR Isis IranFinalmente qualcuno nei media mainstream comincia a porre alcune domande intelligenti riguardo alla guerra in Siria e all'Isis. Il Sole 24 Ore se ne è uscito con un bell'articolo a firma di Alberto Negri in cui la situazione mediorientale viene presentata con un minimo di criterio, e guarda caso si evidenziano alcune delle incongruenze di cui parliamo da anni, ma che per qualche motivo erano finora sfuggite alle fini penne dei grandi media nazionali ed internazionali. Forse che la recente crisi de "Il Sole" abbia creato inaspettati spazi di libertà di espressione? Chi lo sa. Fatto sta che finalmente su un giornale mainstream compare un articolo in cui ci si chiede come mai, con tutti gli attentati recenti, il problema dell'occidente e degli stati arabi sia l'Iran e non l'Isis. 

Vogliamo rassicurare il bravo giornalista che il perchè non è poi così difficile da inquadrare. Noi lo abbiamo fatto circa un anno e mezzo fa in questo articolo, di cui consigliamo la lettura a chi se l'è perso la prima volta, vista la sua evidente attualità.

Se colpiamo il bersaglio sbagliato... - 4.4 out of 5 based on 8 votes

Stop Ceta. Il 30 maggio tweet ai parlamentari

29 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Stop Ceta. Il 30 maggio tweet ai parlamentari articleimageDomani, 30 maggio, il primo ministro canadese sarà in Italia per "sponsorizzare" il Ceta, l'accordo nel mirino della Campagna Stop Ttip e Ceta sul qualeil Parlamento dovrà decidere. Intanto il Consiglio dei ministri ha dato l'ok nella seduta del 24 maggio.

Stop Ceta. Il 30 maggio tweet ai parlamentari - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Mentre ci sbraniamo per i vaccini, Gentiloni approva il CETA in silenzio stampa...

27 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

paolo gentiloni 01L'ultimo consiglio dei ministri ha approvato ddl di ratifica del trattato di libero scambio con il Canada, un provvedimento dalle nefaste ripercussioni di cui nessuno dei grandi e piccoli media nazionali ha dato notizia.

E’ arrivato il CETA, ma non ditelo in giro. Il governo ha approvato il disegno di legge per la sua ratifica ed attuazione, ossia per l’accordo economico e commerciale tra l’Unione europea e il Canada. Ma piano – per favore! – non strillatelo.Eh già, perché il temuto trattato, firmato lo scorso 30 ottobre a Bruxelles e ratificato dal parlamento europeo questo febbraio sta per arrivare al parlamento italiano. Chi lo dice? Il consiglio dei ministri che si è riunito mercoledì sera in fretta e furia e senza neanche un minuto di preavviso; quel cdm di cui i rappresentanti solitamente si affrettano a propagandare i risultati e per il quale invece non è stata convocata neanche l’ombra di una conferenza stampa. E come mai, c’è da chiedersi, neanche il più ridicolo e scarso dei media (provare per credere? Fatevi un giro su google) ha dato questa notizia di epocale importanza? Perché è meglio farlo passare in sordina, o perché forse questo “gran valore” economico non lo ha? Per entrambi i motivi.

di Guido Rossi

Mentre ci sbraniamo per i vaccini, Gentiloni approva il CETA in silenzio stampa... - 4.3 out of 5 based on 41 votes

Cosa c’è dietro il disastro dell’antiterrorismo a Manchester

26 Maggio 2017 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

Attentatore ManchesterUn articolo interessante sulle connessioni dell'attentatore di Manchester con i servizi inglesi. Noi di CIR non siamo d'accordo caulle conclusioni, ovvero che il risultato di questi attentati dei Takfir sia una conseguenza imprevista. Come diciamo da tempo il terrorismo, in ultima analisi, non è diretto dal medio oriente, ma dall'occidente. Di fatto non beneficia la causa del sedicente stato islamico, nato, cresciuto e mantenuto dall'occidente con i soldi arabi, ma coloro che hanno interesse a mantenere i grandi apparati militari e di controllo, ovvero quelli che possiedono già questi apparati.  Serve solo a tenere alto il livello di paura nelle popolazioni, così che si possano giustificare misure di controllo sempre più restrittive e spese militari sempre più grandi. E poi si sa: la paura offusca la coscienza, e per alcuni tutto è preferibile al risveglio di grandi masse negli stati dell'occidente.

In quest'ottica è interessante vedere come guarda caso, gira gira, si finisce sempre per trovare che questi attentatori sono stati, per così dire, "cresciuti in casa". (E.C.)

Cosa c’è dietro il disastro dell’antiterrorismo a Manchester - 5.0 out of 5 based on 2 votes

‘FalconeeBorsellino’, in Rai nessun cenno alla verità occultata e depistata

25 Maggio 2017 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

falcone borsellino clarus“La legalità è servizio pubblico: maratona Rai con Fazio, Pif e Saviano” titola oggi il Messaggero. Una maratona sì, ma di fatti raccontati mille volte in questi 25 anni, fatti che sappiamo a memoria. Alcuni addirittura patetici come l’intervista di Pif al barbiere di Paolo Borsellino, con in primo piano la poltrona dove era seduto quando apprese della strage di Capaci. Fatti, accuratamente montati come in una fiction interpretata da attori come Montalbano, alias Luca Zingaretti, che seduto alla scrivania (originale, ci spiega Fabio Fazio) recita le profetiche e accorate parole pronunciate da Borsellino la sera del 25 giugno ’92 durante il dibattito organizzato da Micromega nel cortile di Casa Professa, dentro la Biblioteca comunale di Palermo.

di Sandra Amurri

‘FalconeeBorsellino’, in Rai nessun cenno alla verità occultata e depistata - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Pagina 1 di 48