Rapporto del WWF: dal 1970 l'umanità ha spazzato via il 60% delle popolazioni animali.

cerradoDal 1970, l'umanità ha spazzato via il 60% delle popolazioni di mammiferi, uccelli, pesci e rettili. Questo è quanto dice un rapporto prodotto dal WWF a seguito di uno studio che ha coinvolto 59 scienziatidi tutto il mondo, collegando il "massacro" al vasto e crescente consumo di cibo e risorse da parte della popolazione globale.

"Se ci fosse un calo del 60% nella popolazione umana, sarebbe equivalente allo svuotamento del Nord America, Sud America, Africa, Europa, Cina e Oceania. Questa è la scala di ciò che abbiamo fatto ", ha detto Mike Barrett, direttore esecutivo della ricerca.

"Questo non significa solo perdere le meraviglie della natura, per quanto già questo sia disperatamente triste", ha detto. "in realtà significa anche che stiamo mettendo a repentaglio il nostro futuro. La natura non è solo "bella da vedere" - è il nostro sistema di supporto vitale "...

"Stiamo rapidamente esaurendo il tempo a disposizione", ha affermato il prof. Johan Rockström, esperto di sostenibilità globale presso l'Istituto  tedesco di Potsdam per la ricerca sull'impatto climatico. "Solo affrontando le problematiche che abbiamo creat sia per gli ecosistemi che per il clima abbiamo una possibilità di salvaguardare un pianeta stabile per il futuro dell'umanità sulla Terra".


Molti scienziati credono che si stia avviando una sesta estinzione di massa , la prima a essere causata da una specie - l'Homo sapiens . Altre analisi recenti hanno rivelato che, sin dagli albori della civiltà, l'umanità ha causato l'estinzione dell'83% di tutti i mammiferi e la metà delle piante e che, anche se la distruzione dovesse finire adesso, ci vorrebbero 5-7 milioni di anni perché il mondo naturale si riprenda .

Il "Living Planet Index" (Indice del Pianeta Vivente), prodotto per il WWF dalla Società Zoologica di Londra, utilizza dati su 16.704 popolazioni di mammiferi, uccelli, pesci, rettili e anfibi, che rappresentano oltre 4.000 specie, per monitorare il declino della fauna selvatica. Tra il 1970 e il 2014, gli ultimi dati disponibili, le popolazioni sono diminuite in media del 60%. Quattro anni fa, il calo era del 52%. La "verità scioccante", ha detto Barrett, è che il disastro della fauna selvatica sta continuando senza sosta.

"La fauna selvatica e gli ecosistemi sono vitali per la vita umana", ha affermato il professor Bob Watson, uno dei più eminenti scienziati ambientali del mondo e attualmente presidente di un gruppo intergovernativo che studia la biodiversità.

"La natura contribuisce al benessere umano culturalmente e spiritualmente, così come attraverso la produzione di cibo, acqua pulita ed energia, alla regolazione del clima, dell'inquinamento, dell'impollinazione e delle inondazioni della Terra", ha detto. "Il rapporto Living Planet dimostra chiaramente che le attività umane stanno distruggendo la natura a un tasso inaccettabile, minacciando il benessere delle generazioni attuali e future".

La più grande causa di perdite di fauna selvatica è la distruzione di habitat naturali, in gran parte per creare terreni agricoli. Tre quarti di tutta le terre del pianeta sono ora significativamente influenzate dalle attività umane. Uccidere per il cibo è la causa più grande - 300 specie di mammiferi stanno venendo consumate verso l'estinzione - mentre gli oceani sono sovrasfruttati, con più della metà di questi attualmente sottoposti alla pesca industriale.

Anche l'inquinamento chimico è significativo: metà della popolazione mondiale di orche assassine è destinata a morire di contaminazione da PCB. Il commercio globale introduce specie e malattie invasive, con anfibi decimati da una malattia fungina che si pensa sia diffusa dal commercio di animali domestici.

La regione più colpita è l'America centrale e meridionale, che ha visto un calo dell'89% nella popolazione di vertebrati, in gran parte determinata dall'abbattimento di vaste aree forestali ricche di fauna selvatica. Nella savana tropicale chiamata cerrado, un'area di dimensioni pari a quella di tutta Londra viene distrutta ogni due mesi, ha detto Barrett.

"È un classico esempio in cui la scomparsa è il risultato del nostro consumo, perché la deforestazione è guidata da una produzione di soia in continua espansione, soia che viene poi esportata in paesi come il Regno Unito per nutrire suini e polli", ha detto. Lo stesso Regno Unito ha perso gran parte della sua fauna selvatica, classificandosi nel 2016 al 189° posto per la perdita di biodiversità su 218 nazioni.

Gli habitat che subiscono il maggior danno sono fiumi e laghi, dove le popolazioni di animali selvatici sono diminuite dell'83%, a causa dell'enorme sete di agricoltura e del gran numero di dighe. "Ancora una volta c'è questo legame diretto tra il sistema alimentare e l'esaurimento della fauna selvatica", ha detto Barrett. Mangiare meno carne è una parte essenziale della soluzione, ha detto.

Gli sforzi di conservazione possono funzionare, ad esempio il numero di tigri in India è aumentato del 20% a seguito della creazione di un habitat protetto. Anche i panda giganti in Cina e le lontre nel Regno Unito stanno vedendo miglioramenti.

Ma Marco Lambertini, direttore generale del WWF International, ha affermato che la questione fondamentale è il consumo: "Non possiamo più ignorare l'impatto degli attuali modelli di produzione insostenibili e degli stili di vita dispendiosi".

Le nazioni del mondo stanno lavorando per la riunione della Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica nel 2020, quando saranno presi nuovi impegni per la protezione della natura. "Abbiamo bisogno di un nuovo accordo globale per la natura e le persone e abbiamo meno di due anni per ottenerlo", ha detto Barrett. "Questa è davvero l'ultima possibilità. Dobbiamo farlo bene questa volta. "

Va considerato che il WWF come al solito spinge per creare soluzioni centralizzate globali (come indicato nel nostro Dossier sui Club Mondialisti), mentre la soluzione vera è quella di un cambio di coscienza da parte di ogni persona, che ognuno di noi faccia ogni giorno uno sforzo in più per aiutare il proprio ambiente (anche sociale). Solo questo porterà un vero cambiamento di produzioni e di leggi. Creare accordi climatici che poi naufragano per colpa di questo o quel paese serve solo a creare il "bisogno" per una governance globale.

Vota questo articolo
(3 Voti)
Rapporto del WWF: dal 1970 l'umanità ha spazzato via il 60% delle popolazioni animali. - 5.0 out of 5 based on 3 votes