Il sistema di giardinaggio verticale che trasforma le pareti urbane sottoutilizzate in orti

greenbelly1Dai viadotti ferroviari ai vicoli tra edifici, ci sono molti spazi sottoutilizzati nelle nostre città che potrebbero essere convertiti in zone più funzionali, come alloggi a prezzi accessibili o spazi comunitari.

Questi spazi urbani vuoti potrebbero anche essere utilizzati per la coltivazione di cibo, come propone il progetto Greenbelly - una collaborazione tra AVL Studio e l'ingegnere dell'agricoltura Camille Lassale.

Attualmente in fase di crowdfunding , Greenbelly è un sistema di giardinaggio verticale che converte gli spazi urbani residui in "centri produttivi" per i quartieri locali, con la speranza di aumentare la sicurezza alimentare, la conoscenza agricola e la creazione di legami tra i membri della comunità. Il progetto spera anche di affrontare problemi come i deserti alimentari, mentre ricollega "l'architettura esistente con la natura". L'architetto Alex Losada di AVL Studio dice:

"Con Greenbelly, proponiamo un progetto sostenibile a una scala gestibile riciclando spazi, materiali e risorse urbane. Possiamo creare una città più verde e più sana, nutrire le persone bisognose o insegnare l'origine del cibo ai bambini."

 

Fonte: https://www.treehugger.com/modular-design/greenbelly-avl-studio-camille-lassale.html

greenbelly2L'idea qui è di utilizzare materiali riciclati come pallet, materiali per impalcature metalliche e per creare moduli che possono coprire le pareti urbane vuote. Il sistema non solo produrrebbe cibo, ma potrebbe anche proteggere queste facciate vuote dall'umidità e dall'inquinamento acustico con uno strato aggiuntivo di materiale impermeabile e isolante.

Le varietà native di verdure potrebbero essere potenzialmente piantate e raccolte sul posto. Anche il compost sarà prodotto sul posto e utilizzato per fertilizzare le piante, chiudendo così il ciclo. Poiché l'iniziativa punta a generare localmente cibo fresco, il cibo può essere distribuito e venduto a un prezzo inferiore, e a coinvolgere i residenti locali nel processo di produzione alimentare, che si tratti di educazione o esperienza pratica.

Da i designer del progetto:

"Questa installazione architettonica mira a ridurre la distanza dalla fattoria alla tavola - con solo 35 metri quadrati di terreno [376 piedi quadrati], un giardino a sei livelli può produrre fino a 6.400 chilogrammi di verdure all'anno e generare 162 metri quadrati di area verde nel centro della città. Inoltre, fornisce uno spazio per la partecipazione della comunità locale, uno spazio in cui i residenti possono condividere esperienze agricole e che può avvantaggiare l'economia locale. La struttura è verticale ma le piattaforme sono orizzontali, il che facilita l'accesso alle colture e la manutenzione del giardino."

È possibile utilizzare questi moduli anche per altre funzioni, se sono chiusi: potrebbero essere strutture ausiliarie per scuole, ristoranti e uffici.

greenbelly3Infatti, zone urbane inutilizzate come facciate vuote, vicoli e tetti potrebbero potenzialmente trasformarsi in qualcosa di bello, inaspettato e nutriente, e progetti come questo dimostrano che è tutto ciò è possibile. Per saperne di più o sostenere il progetto, visita Greenbelly , Kickstarter , Facebook e Twitter .

Vota questo articolo
(0 Voti)