PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

WEB WARS: Anonymous contro Casaleggio

anonymousNon sarà piaciuto lo scherzo a Casaleggio, che si è ritrovato il sito fuori uso ed una serie di frasi che puntano il dito contro il modo di fare suo e di Grillo.

Ma si sa, “Chi di spada ferisce, di spada perisce”, come diceva uno che la sapeva lunga…

A giocare col web facendo finta che sia una cosa trasparente e democratica, prima o poi arriva qualcuno che ti sbugiarda, te le suona e non sai nemmeno chi è. Ma nemmeno noi sappiamo chi è: Bravi ragazzi? Provocatori? Infiltrati? Grillini che non ne possono più del guru? Servizi Segreti? Mafiosi? Casaleggio che fornisce a Grillo il destro per nuove tirate e nuove sfuriate? Semplici perditempo che osano disturbare il grande timoniere?

Proprio non lo sappiamo. Ma una cosa abbiamo notato: quanto è trasparente questo web…

A seguire l’articolo pubblicato oggi dal Fatto Quotidiano sulla vicenda:


L’originale è questo: http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/28/anonymous-attacca-sito-di-casaleggio-siete-cancro-che-volevate-eliminare/640143/

Un attacco in nome della trasparenza. Anonymous rivendica l’azione contro il sito della Casaleggio Associati (www.casaleggio.it). E’ comparso al posto della home page un’immagine di Lulz Sec (hacker americano) e un link ad un comunicato stampa dove si spiegano i motivi dell’iniziativa. Il sito del consulente di comunicazione e braccio destro di Beppe Grillo è stato defacciato (come si dice in termini tecnici) per dimostrare la debolezza del messaggio di trasparenza e uso della rete nella pratica. Nel messaggio, riportato dal Corriere.it si legge: «Sareste estremamente più popolari e benvoluti se la smetteste di dedicarvi unicamente a faide interne e a decidere chi è la persona non grata della settimana. State diventando il cancro che vi eravate ripromessi di eliminare. Ma purtroppo come è noto il potere tende a corrompere e il potere assoluto corrompe assolutamente».

Il sito è al momento inaccessibile, in gergo tecnico “defacciato“. Non è la prima volta che il guru del M5S, il Movimento e lo stesso Grillo ricevono attacchi di questo tipo. Il blog di Grillo è stato più volte attaccato dagli hacker, alcune caselle postali di parlamentari pentastellati violate e le “quirinarie”, elezioni online per scegliere il candidato al Quirinale, erano slittate per una manomissione esterna del sistema. 

E poi il testo continua : “Le votazioni ed elezioni in rete, il megafono per tutti, il medium democratico per eccellenza Quirinarie, Il futuro é la rete…e vi fate pwnare così??? Offrite anche servizi di IT Security…è uno scherzo? It’s very very lulzy». E prendono l’occasione per ribadire la distanza dall’attacco alle mail dei deputati del Movimento 5 Stelle a maggio scorso e puntano il dito contro ex colleghi grillini accusati di aver agito a fini personali.

tags

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel