PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Un aborto ogni quattro donne incinte: la città in cui il glifosato uccide chi non è nato

  • Salute
  • Un aborto ogni quattro donne incinte: la città in cui il glifosato uccide chi non è nato

Gravi malformazioni impediscono ai bambini di venire al mondo. Accade in una cittadina del Brasile, Uruçuí dove addirittura una mamma su quattro perde il proprio piccolo. Secondo i media locali, la colpa sarebbe del glifosato utilizzato nelle grandi piantagioni di soia e mais della zona.

di Francesca Mancuso

Una storia su tutte ha commosso e indignato il mondo. Maria Felix, 21 anni, ha perso il proprio piccolo a sei mesi di gravidanza. Il bambino è morto nel grembo materno a 25 settimane. La causa dell’aborto era una grave malformazione: il bambino aveva l’intestino al di fuori dall’addome e anche una serie di problemi cardiaci.

Secondo quanto riportato da The Intercept Brasil, non è raro che le madri della regione perdano presto i loro figli: il glifosato che garantisce la ricchezza degli agricoltori della città nel sud dello stato sta causando una vera e propria intossicazione che ha gravi ripercussioni sulle mamme e i bambini.

“Si stima che una donna su quattro in gravidanza abbia subito un aborto, il 14% dei bambini viene al mondo con basso peso alla nascita (quasi il doppio della media nazionale)” spiega The Intercept Brasil sulla base dei dati di un sondaggio condotto da Inácio Pereira Lima, che ha indagato le intossicazioni a Uruçuí nella sua tesi di laurea sulla salute delle donne per l’Università Federale del Piauí.

Maria non era in grado di parlare, ma a raccontare la sua triste storia è stata la zia, la funzionaria pubblica Graça Barros Guimarães:

“Il pesticida causa problemi respiratori e allergie. Quindi, se la donna è incinta, anche il bambino può essere infettato. “

Graça ha raccontato che la nipote era sempre stata circondata da allevamenti di soia. La casa in cui vive, a Uruçuí (nello Stato del Piauí), dista circa 15 km da una piantagione. Prima viveva nella zona rurale del comune di Mirador, a Maranhão, anche lì nel cuore di piantagioni.

“Tutto questo è una conseguenza del modello di sviluppo economico in cui è focalizzato solo il profitto, indipendentemente dalle conseguenze negative per la popolazione”, ha detto il ricercatore Inácio Pereira Lima, che incolpa l’agrobusiness della malattia della popolazione.

Il glifosato è il pesticida più usato in Brasile. Per via dei suoi effetti sulla salute umana, il paese ne aveva chiesto il divieto di commercializzazione fino a quando le autorità non ne avessero effettuato la rivalutazione tossicologica. Ad agosto, il glifosato è stato bandito ma la sentenza è stata rovesciata in appello poche settimane dopo.

Secondo la dott.ssa Lima, la presenza della sostanza nel latte materno indica potenzialmente due cose: la contaminazione è diretta e le quantità utilizzate nell’attività agricola della regione sono così elevate che l’eccesso non viene degradato dal metabolismo delle piante. Le donne studiate non lavorano nemmeno nei campi. A suo avviso, l’organismo è contaminato dalla pelle e dalle vie respiratorie.

Le donne e i loro bambini, le più grandi vittime

Secondo i registri dell’Ospedale regionale di Uruçuí, gli aborti di solito avvengono nelle donne di età compresa tra i 20 e i 30 anni che arrivano fino alla decima settimana di gestazione. L’elevato numero di casi è citato dall’infermiera Iraídes Maria Saraiva:

“Ci sono molte donne che arrivano con sanguinamento o col feto privo di battito. La maggior parte di questi aborti sono spontanei”.

Nel reparto maternità di Floriano, la coordinatore di ostetricia Luiz Rosendo Alves da Silva ha visto molti casi di aborto e crede che la colpa sia dei pesticidi.

“È una contaminazione lenta, graduale e quotidiana. La principale conseguenza è l’atrofia di alcuni organi, principalmente cuore e polmoni “.

Paura e silenzio

Nella città dove quasi tutti si conoscono, nessuno ha voglia di raccontare cosa accade. Se l’intossicazione è più grave, i lavoratori addirittura ne nascondono la possibile causa ai medici. La gente, qui molto povera, ha paura di perdere il lavoro, complice anche la mancanza di informazione sui rischi dei pesticidi.

“Non credono nemmeno che possa verificarsi qualche problema serio perché i danni appaiono solo a lungo termine” spiega Alanne.

Glifosato, danni anche per più generazioni

Proprio oggi arriva una nuova conferma degli effetti del glifosato sull’uomo. I ricercatori della Washington State University hanno scoperto una varietà di malattie e altri problemi di salute nella prole di seconda e terza generazione di topi esposti al glifosato.

Anche se la ricerca è stata condotta sugli animali, ha dimostrato per la prima volta che anche i discendenti sviluppavano malattie della prostata, dei reni e delle ovaie, obesità e anomalie alla nascita.

I ricercatori hanno rivelato di aver visto “aumenti drammatici” di diverse patologie che colpiscono la seconda e la terza generazione. La seconda generazione ha avuto “aumenti significativi” di malattie dei testicoli, delle ovaie e delle ghiandole mammarie, ma anche obesità. Nei maschi di terza generazione, i ricercatori hanno visto un aumento del 30% di problemi alla prostata, tre volte quella di una popolazione di controllo. La terza generazione di femmine ha avuto un aumento del 40% di malattie renali. Inoltre, più di un terzo delle madri di seconda generazione ha avuto gravidanze non riuscite.

“La capacità del glifosato e di altre sostanze tossiche ambientali di influenzare le nostre generazioni future deve essere presa in considerazione,” hanno detto gli autori dello studio.

A dir poco inquietante…

Fonte: https://www.greenme.it/vivere/salute-e-benessere/31391-glifosato-aborto-seconda-generazione

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel