PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Studentessa di 14 anni trova un modo per risolvere il problema dei punti ciechi nelle auto (VIDEO)

  • Salute
  • Studentessa di 14 anni trova un modo per risolvere il problema dei punti ciechi nelle auto (VIDEO)

U.S.A.: secondo la National Highway Traffic Safety Administration, oltre 840.000 incidenti automobilistici l’anno accadono per via dei punti ciechi. Mentre i conducenti possono prendere precauzioni come regolare correttamente il loro sedile e gli specchietti laterali, fino ad ora non è stato possibile eliminare completamente i punti invisibili.

Pochi giorni fa in Pennsylvania, Alaina Gassler, una studentessa di 14 anni di West Grove, ha vinto un premio di 25 mila dollari per aver progettato una soluzione al difficile problema dei punti ciechi delle automobili.

Alaina ha avuto un’idea semplice, quanto efficace: montare delle telecamere all’esterno del montante del parabrezza per riprendere la zona occupata dai punti ciechi, così da proiettare le immagini in tempo reale all’interno dell’abitacolo, annullando del tutto il punto cieco dell’automobile.

La giovane ha progettato e stampato in 3D alcuni componenti, mentre i restanti materiali sono stati tutti facilmente reperibili nei negozi di elettronica.

Maya Ajmera, Presidente e CEO della Society for Science & The Public ed Publisher of Science News, dopo aver premiato la ragazza per l’idea migliore del Broadcom Master competition (una competizione per gli studenti delle medie sull’innovazione) ha detto:

“Congratulazioni ad Alaina, il cui progetto ha il potenziale per ridurre il numero di incidenti automobilistici riducendo i punti ciechi. Con così tante sfide nel nostro mondo, Alaina e i suoi colleghi finalisti di Broadcom MASTERS mi rendono ottimista. Sono orgogliosa di guidare un’organizzazione che sta ispirando così tanti giovani, in particolare le ragazze, a continuare a innovare.”

Ecco il video del progetto:

 

Fonte: CNN

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel