PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Pollaio Sociale: in Romagna si adottano le galline curate da ragazzi disabili

  • Articoli
  • Pollaio Sociale: in Romagna si adottano le galline curate da ragazzi disabili

Nasce un nuovo progetto a favore delle galline, libere di scorrazzare e deporre le uova secondo i propri tempi: è il Pollaio Sociale, realtà che offre lavoro ai ragazzi disabili e invita i clienti ad adottare una gallina in cambio delle uova.

di Michela Becchi

Adottare una gallina in cambio di 250 uova l’anno: questa l’iniziativa del Pollaio Sociale di Toscanella di Dozza, lungo la via Emilia, progetto voluto dalla Sea Coop che gestisce circa 70 galline che vivono libere.

Pollaio Sociale: il lavoro dei ragazzi disabili

Il procedimento è semplice: si adotta una gallina al costo di 95 euro l’anno, cifra che sostiene il mantenimento dell’animale e la gestione del progetto, e si ricevono le uova fresche. Ad accudire le galline, ragazzi disabili tra i 20 e i 40 anni, seguiti dal centro occupazionale La Tartaruga, da anni impegnato nella ricerca di un lavoro per le persone affette da disabilità.

 

Pollaio Sociale: la pet therapy con le galline

In questo modo, i ragazzi apprendono un mestiere e superano i propri limiti attraverso lo stretto contatto con gli animali. “C’è chi aveva paura di entrare nel pollaio, poi piano piano ha preso confidenza, e ora le accarezza e le prende sotto braccio”, ha spiegato l’educatrice Letizia Conti a Repubblica Bologna. Insomma, una sorta di pet therapy che aiuta i meno fortunati e fa bene anche all’attività.

 

Le uova del Pollaio Sociale

Trecento metri di pollaio, una struttura in legno con paglia, erba e terra e massima libertà: questi gli elementi che caratterizzano il Pollaio Sociale, una realtà che contribuisce a fare luce sull’importanza degli allevamenti estensivi, aperti, dove gli animali convivono in armonia e depongono le uova senza costrizioni o tempi ristretti.

Il lavoro dei ragazzi

A ogni ragazzo, la sua mansione: fra le persone disabile, c’è chi si occupa della pulizia, chi del mangime e chi della raccolta. Senza dimenticare il confezionamento, in scatole personalizzate dagli stessi ragazzi.

 

I social

A supporto del progetto, una pagina Facebook gestita con cura che spiega giorno dopo giorno gli obiettivi dell’iniziativa, replicata anche alla cooperativa agricola Dulcamara a Ozzano dell’Emilia, in provincia di Bologna.

Gli obiettivi di Pollaio Sociale

Insomma, un pollaio che ha a cuore la salute delle galline (progetti simili e altrettanto nobili sono quelli di Galline Felici e L’uovo perfetto) e di chi le cura, come spiega Franco Zanelli, coordinatore de La Tartaruga: “I benefici del percorso riguardano davvero tante persone: ai privati cittadini, che non hanno tempo e spazio per allevare in proprio, viene offerta la possibilità di avere uova sane da galline felici, mentre le persone che frequentano il Centro si sentono utili perché svolgono una mansione importante”.

Pollaio Sociale – facebook.com/pollaiosociale/

Fonte: https://www.gamberorosso.it/notizie/storie/pollaio-sociale-adottare-galline-curate-da-disabili-in-cambio-di-uova/?fbclid=IwAR3ZEVmEwm6gu5IWCkRCx1DplEekJrmVMRkc34JM6oNi2BXVwoEg6Y5bswE

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.