PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

A 12 anni restituisce il cell ai genitori: «È noioso, preferisco suonare»

  • Arte e Cultura
  • A 12 anni restituisce il cell ai genitori: «È noioso, preferisco suonare»

BITONTO – Un ragazzino di 12 anni di Bitonto, in controtendenza con i suoi coetanei, ha messo in una busta lo smartphone che aveva ricevuto nel 2015 consegnandolo segretamente, al padre, facendoglielo trovare nel suo zaino, dove lui conserva i suoi documenti. «Lo trovo noioso, preferisco suonare» si è giustificato il bambino davanti alle facce allibite di mamma e papà: «Così ho più tempo anche per realizzare uno dei miei sogni: diventare batterista».

di Graziana Capurso

L’episodio, singolare in una società dove i bambini sono particolarmente attratti dalla tecnologia, si è verificato due domeniche fa, ma è salito alla cronaca per la sua peculiarità attraverso il tam tam del web. A lanciare la notizia è stato il quotidiano La Stampa che ha intervistato il piccolo prodigio pugliese e i suoi genitori.

«All’inizio non ho dato peso alla cosa – ha dichiarato il papà Alessandro – mi è sembrato strano solo che anche il secondo giorno il telefono è rimasto lì». Quando però ha chiesto spiegazioni al figlio il 12enne ha replicato: «Ti sto dando indietro il cellulare, papà, non ne posso più. Mi sono stancato di esser come tutti gli altri». I genitori hanno assecondato la scelta del piccolo che ora, a suo dire, spende meglio il suo tempo dedicandolo alle sue passioni: niente più social e display illuminati anche di notte. Prima il ritmo del tempo andava a rallentatore, dettato dalla monotonia tecnologica, adesso il giovane suona la batteria, gioca a tennis più tempo e le ore volano.

Le difficoltà non sono certo mancate, disintossicarsi dalla tecnologia non è così semplice, ma dopo i primi 3 giorni di rodaggio la forza di volontà di questo 12enne l’ha portato a distinguersi dalla massa, diventando un piccolo eroe moderno. Chissà se questo non sia il primo passo verso un mondo nuovo in cui ci sono meno facce incollate allo schermo che vivono una realtà virtuale e più “bambini” che ritornano in strada a giocare come si faceva poco meno di 15 anni fa.

Fonte: https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/bari/1184373/bitonto-a-12-anni-restituisce-il-cell-ai-genitori-e-noioso-preferisco-suonare.html

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel