PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Qual’è la multinazionale peggiore? Vota anche tu!

CIR MultinazionaleOgni anno l’associazione Corporate Accountability International (CAI), chiede al pubblico di votare per la multinazionale che ritiene essere il “peggio del peggio”. La “vincitrice” viene ammessa alla “hall of shame”, un’ ideale “sala della vergogna”. Dopodichè la CAI si occupa di diffondere l’informazione a vari gruppi di pressione, in modo da spingere queste compagnie a cambiare il loro modus operandi, oppure per spingere governi o autorità locali ad introdurre regolamentazioni per ridurre gli scempi. 

Nel mirino non c’è solo l’inquinamento ambientale. La distorsione del sistema politico (corruzione, ecc), l’abuso di diritti umani ed il danneggiamento della salute pubblica sono gli altri fattori che, secondo l’associazione, vanno presi in considerazione quando si deve giudicare la nefandezza di una società piuttosto che un’altra. Comunque il giudice finale restano i votanti.

 

Se vuoi, vota anche tu!

 

Nella pagina dedicata al voto si può scegliere tra varie aziende proposte da loro (dalla Philip Morris, a Veolia, da Monsanto a Credit Suisse, da McDonalds alla Bayer), ma c’è anche un bottone per inserire e votare una società di vostra scelta che non compare sull’elenco.

Un’idea niente male, questa dell’assegnazione del voto di peggior azienda dell’anno. Un’etichetta scomoda, che se pubblicizzata e condivisa dalla rete nella giusta misura, può contribuire a modificare l’atteggiamento dell’azienda vincitrice, e forse a limitarne i danni.

In fondo tentar non nuoce, e un clic non costa niente.

tags

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.