PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Muro della gentilezza: l’idea che potrebbe salvare la vita ai meno fortunati

  • Arte e Cultura
  • Muro della gentilezza: l’idea che potrebbe salvare la vita ai meno fortunati

È apparso in Svezia recentemente Il muro della gentilezza: “The wall of kindness”. L’iniziativa benefica che ha commosso il web.

Si chiama The wall of kindness, ed è stato allestito in strada a Uppsala in Svezia da un’agenzia immobiliare.

Poco prima di Natale è apparso un maxi cubo in strada decorato con lucine colorate dove sono presenti dei ganci e degli attaccapanni.

Sopra una barra rosa con scritto: Prendi un cappotto se hai freddo. Lascia un cappotto se non lo usi più”.

Ma cos’è “Il muro della gentilezza”? È un vero e proprio fenomeno di carità, un’iniziativa di beneficienza in aiuto delle persone in difficoltà.

Sul luogo tutti possono lasciare abiti caldi, cappotti, indumenti di vario tipo, coperte che potranno essere presi da chi ne ha bisogno.

Il muro della gentilezza incoraggia le persone a donare gli indumenti che non usano più per aiutare le persone meno fortunate che le possono usare per difendersi dal gelo.

Il muro della gentilezza: Iran pioniere

Il primo “muro della gentilezza” non è però quello svedese, infatti è stato già stato proposto in Iran da un anonimo.

il muro della gentilezza Iran

Ma piano piano il fenomeno del “Lascia se non ne hai bisogno” si è diffuso in tutto il paese.

L’iniziativa era nata per aiutare i senzatetto nella stagione invernale e proteggerli dalle temperature gelide, ma l’iniziativa non si è fermata qui.

Infatti si sono allargati gli orizzonti di questa bella iniziativa e in altre città sono nati muri per donare libri ai bambini che non avevano possibilità di acquistarli.

Molti sono gli scatti che hanno iniziato a circolare nel web commuovendo tutti e la speranza e di vederne sempre più.

Fonte: https://www.informarexresistere.fr/il-muro-della-gentilezza-svezia/?fbclid=IwAR1syjYGTmzk1gkKaGev2urnMJfjEQb4Hsky4oP1hSo1WTeoOf8788ND3ys

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel