PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

La Monsanto ha finanziato segretamente studi per levare il divieto sul glifosato della UE

  • Agricoltura
  • La Monsanto ha finanziato segretamente studi per levare il divieto sul glifosato della UE

La Monsanto ha finanziato segretamente studi accademici

che indicano “impatti molto gravi” sull’agricoltura e sull’ambiente se il suo controverso diserbante a base di glifosato fosse vietato. È quanto rivela the Guardian che ha scoperto i retroscena della ricerca utilizzata dall’Unione nazionale degli agricoltori (NFU) e da altri organismi per fare pressione con successo contro un divieto europeo nel 2017. A seguito delle rivelazioni, la NFU ha ora modificato le sue informazioni sul glifosato per dichiarare la fonte della ricerca.

La Monsanto è stata acquistata dalla multinazionale agrochimica Bayer nel 2018 e Bayer ha affermato che l’incapacità degli studi di rivelare il loro finanziamento ha violato i suoi principi. Da parte loro, gli autori degli studi hanno affermato che il finanziamento non ha influenzato il loro lavoro.

Le rivelazioni del Guardian si basano sugli studi pubblicati nel 2010 e nel 2014 dai ricercatori dell’ADAS, una società di consulenza agricola e ambientale nel Regno Unito. Le analisi hanno concluso che “la perdita di glifosato avrebbe avuto un impatto molto grave sull’agricoltura e sull’ambiente del Regno Unito”. Hanno suggerito un calo del 20% nella produzione di grano e colza. Tuttavia, altri ricercatori di un’altra società di consulenza, l’Andersons Center, hanno dichiarato esagerate queste stime.

La ricerca ADAS aveva anche paventato un aumento del 25% delle emissioni di gas a effetto serra a seguito dei un eventuale divieto, dato che il diserbante a base di glifosato consente di piantare senza arare, il che aiuta a bloccare il rilascio di carbonio nell’atmosfera.

La ricerca ADAS è stata utilizzata dall’NFU per fare pressioni contro un divieto dell’UE nel 2017, quando si stava prendendo in considerazione il rinnovo della licenza per glifosato. Anche il gruppo di lobby industriale, la Glyphosate Task Force (ora ribattezzata Glyphosate Renewal Group), ha usato la ricerca, così come la Crop Protection Association.

Nonostante una petizione di 1,2 milioni di cittadini – tra questi molti dei nostri lettori – che avevano chiesto il divieto, la licenza per i pesticidi è stata rinnovata per cinque anni.

Il finanziamento segreto degli studi ADAS pubblicato da the Guardian è stato scoperto da un gruppo di campagna per la trasparenza tedesco, la LobbyControl. A dicembre, LobbyControl ha rivelato due studi tedeschi pro-glifosato parzialmente finanziati dalla Monsanto e pubblicati nel 2011 e 2015 senza che il finanziamento fosse dichiarato.

“Questa è una forma inaccettabile di lobby opaca”, ha dichiarato Ulrich Müller a LobbyControl. “I cittadini, i media e i decisori dovrebbero sapere chi paga per gli studi su argomenti di pubblico interesse. Gli studi hanno anche utilizzato cifre molto elevate per i benefici del glifosato e per possibili perdite in caso di divieto. Queste cifre estreme sono state quindi utilizzate per orientare il dibattito. ”

La tendenza dei risultati degli studi scientifici a favorire i loro finanziatori, chiamati distorsioni del finanziamento, è ampiamente riconosciuta nella ricerca sulla tossicità chimica, il tabacco e i farmaci, scrive efficacemente Damian Carrington su the Guardian.

Un portavoce di Bayer ha dichiarato che la società ha sempre rivelato il proprio finanziamento di pubblicazioni scientifiche di terze parti. “La mancanza di riferimento al finanziamento di questi studi non soddisfa i principi di Bayer”, ha affermato.

E ha aggiunto: “Gli erbicidi a base di glifosato sono stati utilizzati in modo sicuro e con successo per oltre 40 anni. Sono uno dei prodotti più studiati nel loro genere. Non abbiamo motivo di dubitare dei metodi, dei contenuti o dei risultati degli studi condotti da ADAS. ”

Sarah Wynn, dell’ADAS e una delle autrici degli studi, ha dichiarato: “Come per altre società del nostro settore, è del tutto normale che le organizzazioni esterne finanzino studi di ricerca. Tuttavia, è sempre stato il nostro principio fondamentale che la nostra ricerca non sia mai stata influenzata in alcun modo da coloro che ci finanziano “. ADAS sta ora conducendo un altro progetto sul glifosato che è stato parzialmente finanziato dalla Monsanto.

Fonte

Può interessarti anche:

 

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel