PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Le trivellazioni e le reiniezioni di gas tra le cause scatenanti del terremoto?

  • Ecologia
  • Le trivellazioni e le reiniezioni di gas tra le cause scatenanti del terremoto?

fracking1 – Pecoraro Scanio aveva nel 2007 bloccato il progetto di fracking. La zona era già conosciuta come pericolosamente sismica!

2 – Uno studio interessantissimo…

 alfonso1 – Pecoraro Scanio aveva nel 2007 bloccato il progetto di fracking. La zona era già conosciuta come pericolosamente sismica!

Pecoraro Scanio, quando era Ministro dell’Ambiente, bloccò il progetto di stoccaggio sotterraneo del gas in Emilia. Proprio dove ora c’è stato il terremoto. Attirandosi le ire dei servi dei poteri industrialisti. Per un ovvio e salutare principio di precauzione.

In una interrogazione parlamentare dei verdi dell’epoca si diceva. “il 30 giugno 2004, la Direzione Generale Energia e Risorse Minerarie produce una relazione in cui si afferma, erroneamente, che il pro- getto «RIVARA» si colloca in una zona «a scarsa densita` abitativa» e a «bassa sismicita` naturale», mentre si tratta di un’area densamente abitata (50.000 abitanti – 5 Comuni), caratterizzata da una forte presenza di attivita` agricole e industriali, nonche ́ sismogenetica, come dimostrato dal sus- seguirsi di eventi sismici, l’ultimo dei quali risale al 9 maggio 2007 (terremoto di magnitudo 4)…”

Sulla base di queste ed altre indicazione contrarie, Pecoraro Scanio bloccò il progetto.

Ma allora si sapeva che l’area era sismica e che quel progetto non era affatto consigliabile!

La sismicità dell’area e la pericolosità del progetto era stata in precedenza sottostimata, o volutamente sottaciuta, e lo sarebbe stata nuovamente dopo, una volta “tolto di mezzo il disturbo” di avere un Ministro dell’Ambiente veramente ambientalista.

Il progetto di fracking non è poi andato in porto, anche se la decisione definitiva di bloccarlo per sempre è venuta solo dopo il terremoto! Ma di trivellazioni per reinjection ne sono state fatte a quanto pare centinaia, nonostante si sapesse che la zona era pericolosamente sismica e densamente abitata. Un possibile terremoto è stato considerato un “danno collaterale” accettabile dei progetti di ingrassamento di certi poteri industrialisti?

Quello che la gente non sa è che dopo qualche mese Pecoraro Scanio è stato attaccato in tutti i modi da magistrati e nemici politici, con false accuse, per sporcarne il nome. E per ridurre allo stato larvale un ecologismo politico veramente indipendente, come era allora quello dei Verdi.

I suoi demeriti agli occhi dei poteri oscuri?

Aver dato un peso politico all’ecologia. Aver bloccato le manovre di Bertolaso per le discariche napoletane. Aver voluto con tutte le forze la raccolta differenziata al posto degli inceneritori. Aver tolto gli ingentissimi contributi CIP6 che ingrassavano ingiustamente i petrolieri. Aver creato parchi ed aree protette. Aver reso reato penale gli incendi boschivi. Aver dato vita alle leggi di finanziamento delle energie alternative. Aver consentito agli agricoltori di vendere direttamente i propri prodotti e di aprire attività complementari come gli agriturismi, ecc.

Ecco i “demeriti” per i quali nel 2008 una campagna mediatica dei poteri oscuri, sostenuta da magistrati privi di prove – come dimostrato dall’archiviazione delle inchieste – lo attaccò ferocemente. Tolti di mezzo i paladini, è più facile fare quello che si vuole… Come è poi successo.

Ma abbiamo ancora bisogno di questi paladini competenti e coraggiosi. E per il futuro dobbiamo imparare a non farci gabbare dalle manovre dei poteri di manipolazione

Sul tema vedi anche: http://www.ecoblog.it/post/15993/terremoto-emilia-confermato-no-al-deposito-stoccaggio-gas-rivara

 

injectionwell2 – Uno studio interessantissimo

 …era uno studio commissionato dai petrolieri della Sclumberger ed eseguito da scienziati russi che affermavano che trivellare aveva portato a terremoti di grado anche 7 della scala Richter in zone desertiche dell’Uzbekistan…

Leggi tutto: http://www.facebook.com/notes/ecoresistenza/terremoto-in-emilia-ci-sono-514-pozzi-perforati/411310165580077

 

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.