PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

La foresta amazzonica è diventata un soggetto giuridico con gli stessi diritti di un essere umano

  • Ecologia
  • La foresta amazzonica è diventata un soggetto giuridico con gli stessi diritti di un essere umano

Una sentenza della Corte Suprema colombiana ha riconosciuto la foresta amazzonica della Colombia come “entità soggetta a diritti”.

Al “polmone della Terra” in Colombia sono stati concessi quindi gli stessi diritti legali di un essere umano, tra cui quello alla vita.

di Clarissa Valia

La più alta corte colombiana ha dichiarato al governo che deve intervenire con urgenza per proteggere la foresta pluviale amazzonica e arginare la deforestazione.

Secondo gli attivisti questo è un momento storico che dovrebbe aiutare a conservare le foreste e contrastare il cambiamento climatico.

La Colombia ospita una parte della foresta pluviale all’incirca delle dimensioni di Germania e Inghilterra e ha visto aumentare i tassi di deforestazione nella sua regione amazzonica del 44 per cento dal 2015 al 2016.

La sentenza storica della corte suprema colombiana arriva dopo la causa di un gruppo di 25 giovani querelanti, di età compresa tra i 7 e i 26 anni.

I giovani hanno fatto causa al governo a gennaio chiedendo di proteggere il loro diritto di vivere in un ambiente sano.

I querelanti avevano detto che l’incapacità del governo di fermare la distruzione dell’Amazzonia ha messo a repentaglio il loro futuro e violato i loro diritti costituzionali.

Il gruppo per i diritti di Bogotà Dejusticia ha sostenuto il caso dei ragazzi aiutandoli nella causa.

foresta amazzonica mappa

La mappa che mostra la foresta amazzonica e gli Stati che occupa.

“La decisione della Corte Suprema segna un precedente storico in termini di contenzioso sui cambiamenti climatici”, ha detto Camila Bustos, uno dei querelanti e ricercatore di Bogotà Dejusticia.

Nella sua sentenza, la corte ha riconosciuto l’Amazzonia della Colombia come “entità soggetta a diritti”, il che significa che alla foresta pluviale sono stati concessi gli stessi diritti legali di un essere umano.

I giudici supremi hanno ordinato al governo, ai ministeri dell’ambiente e dell’agricoltura e alle autorità ambientali di elaborare piani d’azione entro quattro mesi per combattere la deforestazione in Amazzonia.

La distruzione dell’Amazzonia porta a danni “imminenti e gravi” nei confronti di bambini e adulti per le generazioni presenti e future, hanno detto i giudici.

La deforestazione è una fonte chiave di emissioni di gas serra che guidano il cambiamento climatico, che danneggia gli ecosistemi e le fonti d’acqua e porta al degrado del suolo, ha detto la corte.

“Senza un ambiente sano, i soggetti della legge e gli esseri viventi in generale non saranno in grado di sopravvivere, per non parlare di salvaguardare quei diritti per i nostri figli o per le generazioni future”, ha affermato la sentenza.

La causa segue un’ondata di contenziosi in tutto il mondo che chiedono azioni o richieste di risarcimento per l’impatto dei cambiamenti climatici – dall’innalzamento del livello del mare all’inquinamento.

Fonte: https://www.tpi.it/2018/04/13/foresta-amazzonica-soggetto-giuridico/

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel