PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

La coppia che ha condiviso il pranzo di nozze con 4000 rifugiati siriani

  • Spiritualità
  • La coppia che ha condiviso il pranzo di nozze con 4000 rifugiati siriani

sposiUna coppia di sposi turchi, Fethullah Üzümcüoğlu ed Esra Polahan, hanno deciso di condividere la loro gioia nel giorno del loro matrimonio invitando 4.000 rifugiati siriani a mangiare con loro e a festeggiare, nella città meridionale di Kilis.
I due si sono sposati nella provincia vicino al confine siriano la scorsa settimana, e hanno invitato alcuni di quei profughi rifugiati dalla guerra civile (ora guerra contro l’ISIS, ndr) iniziata quattro anni fa.

La Turchia ha accolto quasi 2 milioni di rifugiati siriani e a Kilis ci sono 4.000 rifugiati che vengono sfamati principalmente da Kimse Yok Mu, un ente di beneficenza turca che fornisce aiuto a milioni di persone in tutto il mondo.
In totale ci sono 4 milioni i rifugiati siriani, scappati da quello che l’ONU descrive come la peggiore crisi del suo genere in una generazione. Quasi 8 milioni di persone sono sfollate all’interno del paese, l’ONU ha detto il mese scorso.
L’idea di condividere il loro giorno speciale con i rifugiati è stata del padre dello sposo, Ali Üzümcüoğlu. In un’intervista al giornale Serhat Kilis, ha detto che spera che altri sposi facciano altrettanto.

sposi1

“Abbiamo pensato che in un giorno così felice, avremmo condiviso la festa di nozze con i nostri fratelli siriani. Ci siamo appoggiati a Kimse Yok Mu, che ci ha fornito i camion. Dio piacendo, questo porterà altri a fare lo stesso e a dare cibo ai nostri fratelli siriani. Per noi, è stato un pranzo di nozze unico“.
Il padre ha detto che è contento che la coppia abbia iniziato una nuova vita “con una tale azione disinteressata“. Il cibo è stato distribuito ai rifugiati con dei camion, e gli sposi lo hanno servito insieme ad altri addetti.

sposi2

Hatice Avci, un portavoce di Kimse Yok Mu, ha detto a 100.co.uk, che la coppia ha utilizzato i soldi che avevano ricevuto dai loro parenti.

Kimse Yok Mu è affiliato al movimento Gülen, noto anche come il movimento di Hizmet (servizio), che è ispirato dagli insegnamenti di Fethullah Gülen, un predicatore islamico turco in esilio auto-imposto in Pennsylvania.

La sposa, Mrs Polat, ha detto a i100.co.uk: “Sono rimasta scioccata quando Fethullah mi ha detto la sua idea, ma in seguito mi ha conquistata. E stata un’esperienza meravigliosa. Sono contenta che abbiamo avuto l’opportunità di condividere il nostro pasto di nozze con le persone che ne hanno davvero bisogno“.

Lo sposo, il signor Üzümcüoğlu, ha detto: “Vedere la felicità negli occhi dei bambini rifugiati siriani è stato semplicemente impagabile. Abbiamo iniziato il nostro cammino verso la felicità rendendo felici gli altri, ed è una sensazione fantastica!”

Inoltre il desiderio di suo padre potrebbe essersi avverato: suo figlio ha detto che i suoi amici sono stati così ispirati dal gesto, che contano di fare la stessa cosa durante le loro nozze.

Fonte: http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/turkey/11783353/Meet-the-Turkish-couple-who-spent-their-wedding-day-feeding-4000-Syrian-refugees.html

Traduzione Enrico Carotenuto per Coscienzeinrete Magazine

tags

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel