PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

La BBC e Kerry usano foto falsa per demonizzare Assad!

  • Politica
  • La BBC e Kerry usano foto falsa per demonizzare Assad!

foto falsa bbc“La propaganda anti-Assad si serve di grandi nomi, tv potenti, accreditate e giornalisti di lustro.

E quando i giornali accreditati sono molto seguiti non occorre nemmeno il sensazionalismo tanto demonizzato dai lettori e se una notizia di propaganda è nutrita di sensazionalismo, non importa. L’uomo medio la filtra e la riconosce come “notizia certa”.

E’ quello che è accaduto alla BBC, tv inglese seguita in tutto il mondo.

Organo di informazione principale per la propaganda anti-Assad. Per la BBC quell’immagine è stata scattata nella città siriana di Hula e testimonia il massacro che Assad avrebbe attuato nel suo stesso popolo per sedare le rivolte affamate di “democrazia”. Questa foto-shock sarebbe stata inviata, secondo la BBC, da alcuni attivisti in Siria.

Incredibilmente però, il fotografo autore di questo bellissimo scatto, emerge su facebook con un’accusa che mina alla buona fede della BBC e soprattutto della propaganda anti-Assad. E’ un Italiano e si chiama Marco Di Lauro. Quando ha scattato la foto era il 27 marzo 2003 a Al Musayyib, una città iraqena a 40 km a sud di Baghdad.

In quella zona infatti erano sparite dalle 10 mila alle 15 mila persone. Successivamente fu trovata una fossa comune con dei corpi sotterrati. Questi corpi furono portati in superficie, avvolti in teli di stoffa e allineati in una grande scuola della città per essere conteggiati. A quel punto i bambini cominciarono a correre tra i corpi diventando il soggetto ideale per i fotografi di guerra.

Qualcuno sta usando illegalmente una delle mie immagini per la propaganda anti-siriana in prima pagina del sito web della BBC”, con queste parole Marco di Lauro esprime il proprio sdegno su facebook. La famosa tv inglese infatti ha pubblicato alle ore 7,00 sul sito web la foto del massacro, gridando al mondo i crimini di Assad.” (Fonte: http://www.ecplanet.com/node/3977)

La stessa cosa ha fatto John Kerry, il segretario di stato USA, l’anima pia che sta cercando di convincere il congresso ad autorizzare l’attacco alla Siria, come si può leggere da questo comunicato dello stesso Marco di Lauro, preso dalla sua pagina Facebook:  

“It has come to my attention, that my image, taken in Iraq in 2003, has been inadvertently misused by news organisations around the world, reportedly including Secretary of State, John Kerry, as being in relation to the uprising in Syria – I wish to assure you that this is not the case. As a photojournalist it is my duty to document events as and how they unfold, reflecting neither political disposition nor judgment. This is a responsibility I hold to the highest importance and I am concerned to learn my work has been misrepresented in this way without the proper due diligence.

To clarify, I took the image in 2003, when working on a story titled Iraq, the aftermath of Saddam, which can be viewed on my website.

I don’t desire to comment any further therefore if you have any more questions feel free to contact Getty Images the agency from which I am represented.

Thanks and best regards.

Marco Di Lauro”

tags

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel