PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Isolamento forzato: gli effetti psicologici su bambini, ragazzi e adolescenti

  • Articoli
  • Isolamento forzato: gli effetti psicologici su bambini, ragazzi e adolescenti

«Si è già visto che la chiusura delle scuole e il confinamento entro le mura domestiche di bambini e ragazzi ha effetti negativi sia sul loro piano fisico che mentale»: così interviene il dottor Danilo Toneguzzi, psichiatra e psicoterapeuta, sulla questione dell’isolamento per i più giovani.

Toneguzzi è psichiatra, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto Gestalt di Pordenone. Ed esprime preoccupazione per le ripercussioni dell’isolamento forzato su bambini e ragazzi.

«Le evidenze hanno rilevato che quando i bambini non vanno a scuola, in linea anche con altri studi effettuati per confronto con il periodo del fine settimana o delle vacanze estive, sono fisicamente meno attivi, trascorrono molto più tempo davanti agli schermi televisivi, tablet, smatphone, ecc., alterano gli schemi del sonno, che diventa irregolare, e sono meno favorevoli a un regime alimentare adeguato, con conseguente aumento di peso e perdita della funzionalità cardiorespiratoria» spiega Toneguzzi.

Confinati in casa senza attività all’aperto

«Tali effetti negativi sulla salute peggiorano di molto quando i bambini sono confinati nelle loro case senza attività all’aperto e senza l’interazione diretta con i loro amici o con i loro compagni di giochi. Non meno importante sembra, in ogni caso, l’impatto psicologico su bambini e ragazzi che l’isolamento forzato rischia di creare.

Fattori stressanti come la durata prolungata dell’isolamento, infatti, eventuali paure in relazione alla malattia e al contagio, la frustrazione e la noia, l’informazione spesso inadeguata, la mancanza di movimento fisico all’aperto e delle pratiche sportive, la mancanza di contatto diretto con i compagni di classe, gli amici e gli insegnanti, il cambiamento spesso indotto dall’isolamento dei ritmi, degli spazi e degli equilibri domestici possono generare ulteriori problemi e avere effetti duraturi sui bambini e sugli adolescenti».

Si alzano i valori di stress

«Senza considerare quelle situazioni critiche di per sé, come le famiglie problematiche o disfunzionali, dove i figli vivono già in un clima psicologico negativo, che l’isolamento forzato normalmente amplifica ulteriormente – prosegue lo psicoterapeuta – Più ricerche, ad esempio, hanno rilevato che, nelle situazioni di emergenza, i valori di stress post-traumatico sono quattro volte più alti nei bambini che hanno vissuto un periodo di isolamento forzato rispetto a quelli che, invece, hanno potuto uscire e muoversi liberamente.

Inoltre, si è visto nella recente esperienza della Cina che la combinazione tra i cambiamenti dello stile di vita e lo stress psicosociale indotti dal confinamento in casa aggrava ulteriormente gli effetti dannosi sul fisico del bambino e sulla sua salute mentale, andando a creare un circolo vizioso difficile da interrompere».

Il prezzo può essere molto alto

«Privare le persone della loro libertà per il bene pubblico in generale è spesso controverso e deve essere gestito con cura – aggiunge Toneguzzi – Se un periodo di isolamento forzato è essenziale, i risultati dalle esperienze passate suggeriscono, al tempo stesso, la necessità di ogni misura per garantire che questa esperienza sia più breve e più tollerabile possibile per le persone.

Bambini, ragazzi e adolescenti rischiano di pagare un prezzo molto alto perché l’isolamento li priva di ciò che anche l’Oms raccomanda vivamente per la loro buona salute, ovvero la socializzazione, la corretta e regolare alimentazione, il movimento all’aria aperta e l’attività motoria consistente. Se l’esperienza dell’isolamento forzato, quindi, risulta essere troppo negativa, i risultati dalla letteratura suggeriscono che possono esserci conseguenze a lungo termine che colpiscono non solo le persone che più hanno sofferto, ma anche il sistema sociale nel suo complesso, e di conseguenza il sanitario che ha gestito l’emergenza e le istituzioni che l’hanno incaricata».

Il file pdf con l’intervento integrale del dottor Toneguzzi e la bibliografia

Fonte

Può interessarti anche:

 

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.