PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Studio americano: inquinanti fanno perdere quoziente intellettivo ai bambini

  • Salute
  • Studio americano: inquinanti fanno perdere quoziente intellettivo ai bambini

Ritardanti di fiamma bromurati e pesticidi sono tra gli inquinanti più temibili, e negli Usa hanno fatto perdere in 15 anni oltre 180 milioni di punti di quoziente intellettivo ai bambini che vi sono stati esposti durante la gravidanza. Lo afferma uno studio della New York University pubblicato dalla rivista Molecular and Cellular Endocrinology.

Ritardanti di fiamma bromurati e pesticidi sono tra gli inquinanti più temibili, e negli Usa hanno fatto perdere in 15 anni oltre 180 milioni di punti di quoziente intellettivo ai bambini che vi sono stati esposti durante la gravidanza. Lo afferma uno studio della New York University pubblicato dalla rivista Molecular and Cellular Endocrinology.
I ricercatori hanno stimato partendo dai dati di una ricerca nazionale l’esposizione in utero dei bambini nati tra il 2001 e il 2016 in tutti gli Usa a quattro inquinanti noti per il loro effetto negativo sul tessuto cerebrale, piombo, mercurio, pesticidi e appunto ritardanti di fiamma, che sono usati in diversi prodotti dai tessili ai dispositivi elettronici.
Dall’analisi è emerso che solo quest’ultima categoria ha fatto perdere nel periodo considerato 160 milioni di punti di quoziente intellettivo, a cui si aggiungono 27 milioni persi per i pesticidi, 78 milioni per il piombo e 2,5 per il mercurio.
Partendo dall’assunto che ogni punto di Qi perso vale circa 20mila dollari di produttività futura della persona il costo totale di tutti questi inquinanti ha superato i mille miliardi di dollari. “Il cervello dei bambini è il motore della nostra economia – spiegano gli autori -. Se un bambino perde un punto di Qi i genitori non se ne accorgono, ma se succede a 100mila bambini ne soffre l’intera economia”.

Fonte: ANSA via https://www.terranuova.it/News/Salute-e-benessere/Studio-americano-inquinanti-fanno-perdere-quoziente-intellettivo-ai-bambini

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel