PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

C’è un’isola di plastica nel mar Tirreno, tra la Corsica e l’Elba

  • Ecologia
  • C’è un’isola di plastica nel mar Tirreno, tra la Corsica e l’Elba

Nel Tirreno, tra la Corsica e l’Elba c’è una nuova isola, ma è di plastica: una striscia di rifiuti trasportata dalle correnti. Bicchieri, cannucce, cotton fioc che si trasformano in armi letali per la biodiversità.

di Dominella Triunfio

Migliaia e migliaia di plastiche e microplastiche a due passi da noi, zuppe di rifiuti che attanagliano zone vicine all’isola dell’Elba e alla Corsica.

Rifiuti che avvelenano i nostri mari e uccidono pesci e tartarughe, esattamente come succede nella Great Pacific Garbage Patch, la zona del Pacifico completamente piena di spazzatura. Ma a quanto pare l’inquinamento marino è più vicino di quanto pensiamo, a dirlo è Francois Galgani, responsabile dell’Institut français de recherche pour l’exploitation de la mer (Ifremer) di Bastia, che parla di una vera e propria striscia di rifiuti che ciclicamente viene trasportata dalle correnti ed è frutto dell’inciviltà e del non corretto smaltimento rifiuti.

Un fenomeno non nuovo, ma che per adesso sul Tirreno non è permanente, compare dopo pioggia e correnti molto forti.

“Questa è una situazione cronica, quando abbiamo condizioni meteorologiche avverse, ad esempio il vento da nord-est in estate,abbiamo grandi arrivi di rifiuti sulla costa della Corsica”, ha detto Francois Galgani e continua:

“Si tratta di poche decine di chilometri. Ma a differenza delle isole di plastica nel Pacifico o l’Atlantico che sono “correnti permanenti” nel Mediterraneo, questi sono accumuli temporanei e durano alcuni giorni o settimane, un massimo di due o tre mesi, ma mai rimangono in maniera permanente”.

Rifiuti che si trasformano in microplastiche e sono difficili poi da recuperare, spesso finiscono nello stomaco di pesci e tartarughe, perché scambiati come cibo.

“Ci sono posti dove abbiamo una vera zuppa di plastica. Il problema alla fine è che questa plastica si accumula nei tessuti dei pesci, che diventanoi tossici, e alla fine i rifiuti arriveranno nel nostro stomaco”, ha chiosato Océane Couturier, membro dell’associazione Mer et Vivre.

Fonte: https://www.greenme.it/informarsi/ambiente/31742-isola-plastica-tirreno

condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

articoli correlati

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri contenuti settimanali

Apprezziamo e rispettiamo i tuoi dati personali e la privacy. Inviando questo modulo, accetti che possiamo elaborare le tue informazioni in conformità con questi termini. Ti ricordiamo che utilizziamo la nostra Newsletter semplicemente per offrire un servizio in più ai nostri lettori, non cederemo mai il tuo indirizzo a terze parti per nessuna ragione. Leggi la nostra Privacy Policy.

Chiudi il menu
Close Panel