Politica

Paradisi fiscali, perchè vogliono levarli di mezzo

04 Aprile 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR PanamaleakImpazza lo scandalo Panama Papers sui media di tutto l'occidente. Si fanno i nomi di centinaia di personaggi accusati di avere soldi imboscati in un paradiso fiscale. Per altro tutti nomi che sarebbe strano se NON avessero delle società offshore, vista la normalità della cosa: i paradisi fiscali esistono per e servono a questo, e ne fa uso chiunque si possa permettere di farlo. Da decine e decine di anni. Un segreto di Pulcinella.

Perchè, ci siamo chiesti, tanto clamore per la "scoperta" che i ricchi tengono i soldi nei paradisi fiscali?

Subito dopo ci siamo chiesti: CHI ha fatto questa "straordinaria" scoperta?

Paradisi fiscali, perchè vogliono levarli di mezzo - 5.0 out of 5 based on 11 votes

Referendum, che fastidio i cittadini. Intervista a Stefano Rodotà

02 Aprile 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Rodotà«Il tradimento della consultazione sull'acqua. L'appello all'astensione sulle trivelle. Due indizi della stessa indifferenza. Parla il giurista dei beni comuni

intervista a Stefano Rodotà di Luca Sappino, da L'Espresso

Qui siamo oltre l'esibito fastidio per qualche gufo o professorone». Stefano Rodotà parla con un tono tra il dispiaciuto e il preoccupato: «Quello era folclore, se vogliamo, mentre oggi assistiamo a qualcosa di molto più grave. Il fastidio di Matteo Renzi questa volta non è per qualche singolo oppositore ma è direttamente per uno strumento costituzionale. Renzi ce l'ha con i referendum, e dice che sono inutili, perché sa che oltre agli effetti concreti sulle norme, quando sono promossi dal basso verso l'alto, dai cittadini o dalle regioni, e non sono plebiscitari come quello che avremo sulla riforma costituzionale, i referendum producono ricomposizione sociale. Ed è invece sulla disgregazione della società che il presidente del Consiglio ha impostato la sua strategia di governo, come dimostra la politica dei bonus, che dà qualcosa a ognuno - il bonus ai giovani, il bonus ai poliziotti, il bonus ai professori - e non a tutti». E «con l'attacco frontale ai referendum, cercando ogni modo per non attuarli, come nel caso dell'acqua pubblica, o dicendo che non bisogna andare a votare, come sulle trivellazioni, Renzi prosegue sulla strada della passivizzazione dei cittadini. Che è una strada che percorriamo da anni. Si diceva che i cittadini sono ormai carne da sondaggio, ma è un'espressione vecchia. Ora sono carne da tweet o da slide».

 

Referendum, che fastidio i cittadini. Intervista a Stefano Rodotà - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Dimissioni Guidi: l'unica cosa di cui ci si stupisce sono le dimissioni

01 Aprile 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

GuidiLa Guidi si dimette al volo, beccata in un'intercettazione a fare un favorino del valore di due o tre milioni al fidanzato.

Bene. Giusto che si dimetta.

Tra l'altro, per via di un'assurdità nostrana, la Guidi ci fa pure una certa bella figura dimettendosi: cosa normalissima quando un ministro di un paese "civile" viene coinvolto in uno scandalo, ma quasi unica quando si parla di ministri della Repubblica Italiana, avvezzi a spalmarsi le terga di Attak nel momento in cui si insediano.

E tutti a dire che questo governo è troppo filo-petrolieri.

Ma va?

Sul serio?

 

Dimissioni Guidi: l'unica cosa di cui ci si stupisce sono le dimissioni - 4.7 out of 5 based on 12 votes

Bruxelles, altro giro, altra corsa.

22 Marzo 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR Bruxelles attentatoOggi é toccato a Bruxelles. Per gli stessi motivi che abbiamo raccontato commentando tutti gli attentati precedenti, da Parigi ad Ottawa, da Sidney a Beirut. Ci é difficile commentare nuovamente la stessa storia in un posto nuovo. Le stesse modalità, lo stesso dolore per gli innocenti sacrificati in nome di una guerra fittizia ed infinita, che serve a tenerci sempre piú schiavi

Bruxelles, altro giro, altra corsa. - 4.5 out of 5 based on 17 votes

Maledetti voi, mercanti d'acqua!

22 Marzo 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR MALEDETTILe decisioni prese in questi giorni , sia dal governo Renzi che dal Parlamento, sulla gestione pubblica dell'acqua, sono di una estrema gravità perché un governo democratico rifiuta quello che il popolo aveva già deciso con il Referendum del 2011.
E' stato ora diffuso il Testo unico sui servizi pubblici locali, decreto attuativo della Legge Madia n. 124/2015, che si prefigge gli obiettivi di "ridurre la gestione pubblica dei servizi ai soli casi di stretta necessità" e di "garantire la razionalizzazione delle modalità di gestione dei servizi pubblici locali in un'ottica di rafforzamento del ruolo dei soggetti privati."

Di Alex Zanotelli

Maledetti voi, mercanti d'acqua! - 4.8 out of 5 based on 9 votes

Il parroco combatte gli inquinatori, e il vescovo lo vuole togliere di mezzo.

14 Marzo 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

prisutto cancroIl parroco si batte contro i livelli d'inquinamento che uccidono i suoi parrocchiani a centinaia. La risposta del vescovo? "Dimettiti o ti rimuovo".

Complimenti vivissimi. (E.C.)

Don Palmiro Prisutto, sacerdote di Augusta (SR) che da 30 anni combatte contro l'inquinamento ambientale nel "triangolo della morte" di Augusta-Priolo-Melilli, potrebbe essere revocato dall'incarico: a chiedere le dimissioni è stato il vescovo della città.

 

Il parroco combatte gli inquinatori, e il vescovo lo vuole togliere di mezzo. - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Toh! Il capo di Al Jazeera è un jihadista salafita.

14 Marzo 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Al Jazeera terroristiIn questo articolo di Tunisie Secret, riportato in Italia da AuroraSito, emergono chiaramente i legami tra la propaganda occidentale (al_Jazeera è la tv di riferimento dei network occidentali per gli avvenimenti mediorientali), I soldi del Qatar e lo spauracchio ISIS. Ad ulteriore conferma della reale dinamica e delle reali motivazioni della destabilizzazione e dei conflitti creati appositamente in un'area enorme.  (E.C.)

La rivelazione esplosiva sul CEO islamo-terrorista della TV del Qatar. Si tratta di una indagine sulla vita parallela di Yasir Abu Hilala, prima di prendere l'autostrada Doha-Stato islamico! Volevamo sapere cosa una ex-produttrice di al-Jazeera intendesse per "il nostro nuovo direttore dell'ISIS" e abbiamo capito!

Toh! Il capo di Al Jazeera è un jihadista salafita. - 4.5 out of 5 based on 4 votes

Brava Sophie!

11 Marzo 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR SophieSophie Marceau, la famosa attrice francese, ha fatto un gesto meraviglioso e pieno di coraggio: ha rifiutato la Legion d'Onore, la più alta onoreficenza dello stato francese. Perchè quale valore può avere un'onoreficenza che viene data anche a tiranni ed assassini?

Brava Sophie! - 4.5 out of 5 based on 8 votes

Hanno acceso il MUOS per provarlo sulla pelle dei siciliani

10 Marzo 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

MUOS AccesoVa in scena l'ennesimo atto di alto tradimento perpetrato dai rappresentanti politici italiani nei confronti dei cittadini. C'è poco da girarci attorno, gli "scarsi" uomini e donne eletti dai cittadini a rappresentarli nei tavoli istituzionali hanno perpetrato un danno incalcolabile. L'ex governatore della Sicilia Raffaele Lombardo, l'ex Ministro Ignazio La Russa, l'ex assessore regionale originaria proprio di Niscemi Rossana Interlandi. Tutti responsabili in concorso di quella che oggi è una vicenda che si arricchisce di un capitolo ancora più agghiacciante.

di Ignazio Corrao

 

 

Hanno acceso il MUOS per provarlo sulla pelle dei siciliani - 5.0 out of 5 based on 7 votes

La guerra in Libia ed il regno delle idee. Troppe teste tenute ad acqua e Panebianco.

03 Marzo 2016 Scritto da Enrico Carotenuto
Pubblicato in Politica

CIR PanebiancoOra faremo la guerra in Libia. Il centro di comando di questa guerra sarà a Roma. In fondo ce lo dicono da tempo i professori, e avevamo sottolineato il significato dell'arrivo del messo imperiale Kerry. Dopo la sua partenza infatti si è prima fatto in modo che i droni americani possano fare ciò che vogliono quando vogliono in completa segretezza, dopodichè si è stabilito che il centro delle operazioni belliche in Libia sarà Roma.

Ovviamente in barba alla costituzione, al diritto internazionale, insomma, alla faccia nostra. Di tutti noi. 

Per favore, ricordatemi quando siamo stati attaccati dal governo libico. Eppure devono averci attaccati, altrimenti i nostri soldati non potrebbero andare a fare la guerra.

 

La guerra in Libia ed il regno delle idee. Troppe teste tenute ad acqua e Panebianco. - 5.0 out of 5 based on 4 votes

Italicum, il Tribunale di Messina rinvia la legge alla Corte Costituzionale

25 Febbraio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Italicum porcellumIl Tribunale di Messina, primo tra tutti in Italia, rinvia l'Italicum alla Consulta, accogliendo ben 8 dei 13 punti presentati dal pool messinese del Coordinamento democrazia Costituzionale, guidati dal senatore Enzo Palumbo. Lapidario il commento del ministro Alfano: "Siamo in Italia....." (poverino, a lui piace tanto... NDR).

di Rosaria Brancato

Italicum, il Tribunale di Messina rinvia la legge alla Corte Costituzionale - 5.0 out of 5 based on 1 vote

LETTERA AI ROMANI DA L’AQUILA: BERTOLASO NON TI VERGOGNI?

24 Febbraio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

Bertolaso romaAlcune associazioni di cittadini aquilani, che hanno visto all'opera Bertolaso prima, durante e dopo il terremoto che ha distrutto la loro città, hanno scritto questa lettera ai romani, per raccontare la loro esperienza e chiarire cosa pensano del candidato sindaco di Roma. Possibile che il centrodestra non sia in grado di esprimere un nome più fresco e meno discutibile dell'ex capo della protezione civile? Alla luce di tutti gli scandali che hanno scosso la capitale, era veramente il caso di proporre una figura che può far venire in mente di tutto, tranne che un cambio di rotta? A meno che questa candidatura non sia semplicemente espressione di un legame con una certa ala del potere che prende schiaffoni da qualche anno, ma che non si dà mai per vinta, e che deve comunque cercare di mettere rimedio ai problemi causati dagli scandali romani. (E.C.)

LETTERA AI ROMANI DA L’AQUILA: BERTOLASO NON TI VERGOGNI? - 5.0 out of 5 based on 6 votes

Ad armi pari

19 Febbraio 2016 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

ArmipariQuesta è una di quelle notizie che - da sole - danno il senso della distanza abissale tra vecchio e nuovo mondo.

di Piero Cammerinesi

Si tratta di qualcosa che in Europa – e nella maggior parte del mondo civile – sarebbe assolutamente impensabile, mentre oltreoceano non solo è pensabile, ma diviene addirittura legge dello Stato.

Mi riferisco alla legge del Texas, denominata "campus carry", che entrerà in vigore il 1 agosto 2016 - che gli atenei statali sono obbligati ad applicare - secondo cui è consentito a studenti, genitori in visita e professori portare con sé armi da fuoco nelle aule scolastiche.

Ad armi pari - 5.0 out of 5 based on 3 votes

E’ il potere a fabbricare il terrore, ma il 30% non ci casca più

16 Febbraio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

faustocrop1La Terza Guerra Mondiale? Ci siamo già dentro: ed è cominciata l'11 settembre del 2001, con l'attacco alle Torri Gemelle e quindi le invasioni dell'Afghanistan e dell'Iraq. Da allora, solo guerra. Non c'è davvero altro modo per definire lo scenario di inarrestabile e devastante destabilizzazione globale, con milioni di morti e popoli in fuga, in un'aera vastissima: dall'Asia Centrale al Medio Oriente, all'Africa, fino al terrorismo finto-islamista che minaccia l'Europa. La buona notizia – l'unica – è che un 20-30% dell'umanità di sta "risvegliando", e ha capito che non si può più fidare del sistema mainstream, politico e finanziario, economico e mediatico. E', in sintesi, la visione fornita in questi giorni da Fausto Carotenuto, già analista strategico dei servizi italiani, ora animatore del network "Coscienze in Rete", che diffonde contro-informazione con particolare attenzione al profilo invisibile, anche "spirituale", degli avvenimenti. La tesi: una piramide "nera" di potere fomenta la paura e l'odio, in ogni parte del mondo, per generare altra paura e altro odio, in una spirale senza fine. (La tesi, in realtà, è che le piramidi sono più di una, NDR)

 

E’ il potere a fabbricare il terrore, ma il 30% non ci casca più - 4.6 out of 5 based on 9 votes

Grecia: il sindacato di polizia chiede l’arresto dei membri della Troika.

13 Febbraio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

PoliziaTroikaSempre più tesa la situazione in Grecia, oltre la violenta recessione, anche uno sciopero generale lanciato dagli agricoltori, ma rapidamente esteso alle altre categorie, sta paralizzando il Paese.

Ma la notizia più importante, rilanciata dalle agenzie di stampa, seppur con poca convinzione, è certamente questa. I vertici del POASY, uno dei sindacati di polizia greco, hanno affermato che la troika starebbe tentando con le sue richieste di ribaltare l'ordine democratico, di scalfire la sovranità nazionale e di depredare il popolo greco di importanti beni. Tali affermazioni sono state rese in una lettera diffusa pubblicamente ed inoltrata anche alla Procura di Atene, quale informativa di reato. Nella comunicazione il sindacato fa sapere che, per tali ragioni, richiederà i mandati per procedere all'arresto immediato dei membri della Troika sul territorio nazionale.

di Avv. Marco Mori

Intervista a Fausto Carotenuto - ospite di Forme d'Onda 04.02.2016

05 Febbraio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR Fausto Intervista Feb2016La terza guerra mondiale è in corso. Te ne sei accorto? Lo scenario mediorientale e gli attentati in Europa, le forze in gioco, la motivazione reale dietro tutte queste manovre. Arabia, Iran, Siria. Il bombardamento mediatico che subiamo quotidianamente. Come se ne esce. La prospettiva spirituale. Questo e molto di più in questa intervista di New Life Radio a Fausto Carotenuto, fondatore di Coscienze In Rete.

Per ascoltare, cliccare il triangolino sul player qui sotto.

Intervista a Fausto Carotenuto - ospite di Forme d'Onda 04.02.2016 - 4.0 out of 5 based on 5 votes

Temo gli Achei anche quando portano doni

05 Febbraio 2016 Scritto da Piero Cammerinesi
Pubblicato in Politica

acheiO meglio, direi, specialmente quando li portano.
O quando si sperticano in complimenti e in lodi.

di Piero Cammerinesi

La famosa frase timeo Danaos et dona ferentes che nell'Eneide viene messa in bocca a Laocoonte per convincere i Troiani a non portare dentro le mura della città il nefasto cavallo che ne avrebbe causato la rovina, mi sembra particolarmente adatta per commentare i recenti complimenti di Kerry – vero e proprio piazzista d'armi e di guerre – nei confronti del nostro Paese.

Temo gli Achei anche quando portano doni - 4.3 out of 5 based on 7 votes

Gli eurokiller del Parlamento Europeo al servizio delle lobby

04 Febbraio 2016 Scritto da Redazione
Pubblicato in Politica

CIR LimitiSi scopre che le case automobilistiche barano da anni, e che le loro auto inquinano il doppio dei limiti. La UE gliela fa pagare per aver truffato stati e cittadini per anni? 

Scherziamo?

Si raddoppiano i limiti delle emissioni...et voilà: tutto a norma!

Non vorrai mica lamentarti perchè ti hanno venduto come Euro 6 una macchina che nella migliore delle ipotesi inquina come una Euro 4? (A proposito, ora come la mettiamo con le disposizioni per la circolazione?)

Una manovra che ci si sarebbe potuti aspettare dal parlamento italiano, da un Razzi, o da un Verdini, che invece viene fuori dalla Commissione Euopea. Ma se l'Europa è in mano alle lobby nè più nè meno dell'Italia, perchè abbiamo ceduto la sovranità a questi buffoni? Non potevamo tenerci i nostri? In effetti, chi ha dato un'occhiata al funzionamento della UE, sa che la Commissione (che ha poteri dittatoriali) altro non è che l'espressione diretta delle lobbies, e che è proprio per questo che vogliono modificare e far scomparire queste noiosissime costituzioni nazionali, specialmente quelle scritte decentemente, come la nostra, che offrono un minimo di protezione ai cittadini. (E.C.)

Gli eurokiller del Parlamento Europeo al servizio delle lobby - 5.0 out of 5 based on 2 votes